Oliveto Citra

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Oliveto Citra
comune
Oliveto Citra – Stemma Oliveto Citra – Bandiera
Oliveto Citra – Veduta
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneRegione-Campania-Stemma.svg Campania
ProvinciaProvincia di Salerno-Stemma.png Salerno
Amministrazione
SindacoCarmine Pignata (lista civica Uniti per Oliveto e per il progresso) dal 25/05/2014
Territorio
Coordinate40°41′22″N 15°13′52″E / 40.689444°N 15.231111°E40.689444; 15.231111 (Oliveto Citra)Coordinate: 40°41′22″N 15°13′52″E / 40.689444°N 15.231111°E40.689444; 15.231111 (Oliveto Citra)
Altitudine300 m s.l.m.
Superficie31,62 km²
Abitanti3 972[1] (31-12-2010)
Densità125,62 ab./km²
FrazioniCasale, Dogana, Ponte Oliveto, Serroni
Comuni confinantiSenerchia (AV), Campagna, Colliano, Contursi Terme, Valva
Altre informazioni
Cod. postale84020
Prefisso0828
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT065083
Cod. catastaleG039
TargaSA
Cl. sismicazona 2 (sismicità media)
Nome abitantiolivetani
PatronoSan Macario Abate
Giorno festivo24 maggio
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Oliveto Citra
Oliveto Citra
Oliveto Citra – Mappa
Posizione del comune di Oliveto Citra all'interno della provincia di Salerno
Sito istituzionale

Oliveto Citra ('U Lvìt' in dialetto locale) è un comune italiano di 3.832 abitanti della provincia di Salerno in Campania nell'Alta Valle del Sele.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Territorio[modifica | modifica wikitesto]

Il territorio comunale è in gran parte montuoso e collinare, occupato dalle propaggini sud-orientali dei monti Picentini.

Clima[modifica | modifica wikitesto]

La stazione meteorologica più vicina è quella di Contursi Terme. In base alla media trentennale di riferimento 1961-1990, la temperatura media del mese più freddo, gennaio, si attesta a +6,9 °C; quella del mese più caldo, luglio, è di +24,5 °C[2]

Le mofete[modifica | modifica wikitesto]

Le mofete di Oliveto Citra rappresentano uno dei geositi presenti in Italia e sono dovute al naturale degassamento del suolo[3]. La più grande è la mofeta Varchera che è anche visibile da satellite. Le mofete che non sorgono all' interno di stagni si presentano sterili e brulle a causa dei gas velenosi che poche specie sopportano.[senza fonte]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Tracce dei primi insediamenti appartengono alla cultura di Oliveto-Cairano, come si evince dalle numerose tombe rinvenute nelle località Turni, Aia Sophia, Fontana Volpacchio, Piceglia, Cava dell'Arena, Vazze, Isca, Casale. Si tratta generalmente di necropoli datate fra il VIII e il IV secolo a.C.

Il primo abitato è stato identificato nella località Civita. Abbandonato, gli abitanti si spostarono nell'attuale sito dove sorge il paese. I primi documenti storici che citano dell'esistenza del paese sono datati 1114, dove si parla della chiesa di Santa Maria de Faris e un documento del 1300 dove Carlo III chiede sostegno al feudatario Johannucius de Oliveto, per la guerra contro gli aragonesi. Si susseguirono numerosi feudatari nel tempo e il borgo seguì le vicende storico-politiche del Principato di Salerno.

Durante il Regno di Napoli e il Regno delle Due Sicilie fu un casale amministrato dal comune di Contursi ed appartenente al distretto di Campagna. Con l'unità d'Italia il paese divenne autonomo e prese l'appellativo Citra per distinguerlo da altri comuni. A seguito del terremoto dell'Irpinia del 1980 Oliveto ha subito una radicale trasformazione urbana.

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

  • Castello Guerritore (XI-XVI secolo).
  • Chiesa di Santa Maria della Misericordia (1712-1775): con portone scolpito e a tre navate con cupola all'incrocio del transetto, ornata all'interno con immagini a rilievo degli Evangelesti; nell'abside si trova una tela raffigurante Santa Maria della Misericordia e due affreschi sui lati; nella navata centrale è presente una copia dell'Assunta di Tiziano.
  • Chiesa Madonna delle Grazie (1497)
  • Santuario Madonna della Consolazione (XVII secolo)
  • Campanile e torre dell'orologio (XII secolo)
  • Area naturalistica "Piano di Canale"

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[4]

Immigrazione straniera[modifica | modifica wikitesto]

Al 31 dicembre 2007 a Oliveto Citra risultano residenti 54 cittadini stranieri. Le nazionalità principali sono:[5]

Paese di nascita Popolazione (2007)
Romania 16
Bulgaria 11
Albania 8
Ucraina 5
Marocco 5

Istituzioni, enti e associazioni[modifica | modifica wikitesto]

Nel comune di Oliveto Citra ha sede l'ospedale San Francesco D'Assisi, dell' A.S.L. Salerno[6]. La sua posizione, ai confini con la provincia di Avellino, favorisce l'accesso ai servizi sanitari anche alla popolazione dell'Alta Irpinia.

Religione[modifica | modifica wikitesto]

La maggioranza della popolazione[7] è di religione cristiana di rito cattolico; il comune appartiene alla forania di Colliano dell'Arcidiocesi di Salerno-Campagna-Acerno, con una parrocchia:

  • S. Maria della Misericordia

L'altra confessione cristiana presente è quella Protestante[8] con una comunità:

  • Chiesa Pentecostale CCEVAS, presente dal 1950 circa[9]

Geografia antropica[modifica | modifica wikitesto]

Frazioni[modifica | modifica wikitesto]

Lo statuto comunale di Oliveto Citra non menziona alcuna frazione. In base al 14º Censimento Generale della Popolazione e delle Abitazioni[10], le località abitate sono:

  • Casale, 92 abitanti, 267 m s.l.m., abitato situato lungo la SP 225;
  • Dogana, 40 abitanti, 205 m s.l.m., abitato situato lungo la SP 147 e la SP 225;
  • Ponte Oliveto, 8 abitanti, 150 m s.l.m., abitato contiguo alla loc. Bagni del comune di Colliano, situato lungo la SP 9 e la SP 429 ex SS91;
  • Serroni, 85 abitanti, 425 m s.l.m..

Economia[modifica | modifica wikitesto]

Oggi il paese basa la sua economia sull'agricoltura (oliveti, vigneti, prodotti ortofrutticoli); sull'allevamento di bestiame (bovini, ovini) con relativa produzione di latte e trasformazione in prodotti caseari e sul commercio.

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica wikitesto]

Strade[modifica | modifica wikitesto]

  • Strada Statale 691 Italia.svg Strada statale 691 Contursi-Lioni: Uscita Contursi Terme Est-Oliveto Citra;
  • Strada Provinciale 9 Italia.jpg Strada Provinciale 9/a Innesto SS 91 a Valle Cupa-Cimitero di Oliveto Citra, collegamento fra Oliveto Citra e Campagna;
  • Strada Provinciale 9 Italia.jpg Strada Provinciale 9/b Cimitero di Oliveto Citra-Ponte Oliveto-Valva-Ponte Temete I;
  • Strada Provinciale 147 Italia.svg Strada Provinciale 147, Innesto SP 9-Oliveto Citra-Ausiana Puceglie-Innesto SS 91;
  • Strada Provinciale 225 Italia.jpg Strada Provinciale 225 Dogana Casale-Murzo di Oliveto Citra, collegamento fra Oliveto Citra e Senerchia;
  • Strada Provinciale 291 Italia.svg Strada Provinciale 291, Innesto SP 9-Montagna verso Senerchia;
  • Strada Provinciale 429 Italia.jpg Strada Provinciale 429 Innesto SS 91-Confine provincia di Avellino (SR91).

Mobilità urbana[modifica | modifica wikitesto]

La mobilità è affidata, per quanto riguarda i trasporti extraurbani, alla società Sita Sud.

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Gemellaggi[modifica | modifica wikitesto]

Altre informazioni amministrative[modifica | modifica wikitesto]

Il comune fa parte della Comunità montana Tanagro - Alto e Medio Sele.

Le competenze in materia di difesa del suolo sono delegate dalla Campania all'Autorità di bacino interregionale del fiume Sele.

Sport[modifica | modifica wikitesto]

Impianti sportivi[modifica | modifica wikitesto]

  • Centro sportivo "Albino Coglianese"[11].
  • Campo di Calcio "Sacramento"

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • C. Corvino, Guida insolita ai misteri, ai segreti, alle leggende e alle curiosità della Campania, Newton & Compton editori, Roma 2002 ISBN 88-8289-640-4
  • M. Ulino, Oliveto Citra, in AA.VV. La Campania paese per paese, Firenze, 1990. ISBN 88-476-0000-6

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN239172777
Campania Portale Campania: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di campania