Sorbo Serpico

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Sorbo Serpico
comune
Sorbo Serpico – Stemma Sorbo Serpico – Bandiera
Sorbo Serpico – Veduta
Torre campanaria e parrocchiale
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneRegione-Campania-Stemma.svg Campania
ProvinciaProvincia di Avellino-Stemma.svg Avellino
Amministrazione
SindacoMaria Teresa Fontanella (lista civica) dal giugno 2015
Territorio
Coordinate40°55′N 14°53′E / 40.916667°N 14.883333°E40.916667; 14.883333 (Sorbo Serpico)Coordinate: 40°55′N 14°53′E / 40.916667°N 14.883333°E40.916667; 14.883333 (Sorbo Serpico)
Altitudine480 m s.l.m.
Superficie8,1 km²
Abitanti544[1] (30-11-2020)
Densità67,16 ab./km²
Comuni confinantiAtripalda, Salza Irpina, San Potito Ultra, Santo Stefano del Sole, Volturara Irpina
Altre informazioni
Cod. postale83050
Prefisso0825
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT064102
Cod. catastaleI843
TargaAV
Cl. sismicazona 2 (sismicità media)[2]
Cl. climaticazona D, 1 894 GG[3]
Nome abitantisorbesi
Patronosan Martino
Giorno festivo11 novembre
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Sorbo Serpico
Sorbo Serpico
Sorbo Serpico – Mappa
Il comune di Sorbo Serpico all'interno della provincia di Avellino
Sito istituzionale

Sorbo Serpico è un comune italiano di 544 abitanti della provincia di Avellino in Campania.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Centro agricolo della conca avellinese, situato nella valle del torrente Salzola, tributario di destra del Sabato, ai piedi delle estreme propaggini settentrionali dei Monti Picentini (Monte Serpico, 807 m).

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il primo nucleo fu edificato sul Monte Serpico, sul perimetro difensivo della colonia romana di Avellino, e, pare, abbia assunto questo nome da un tempio dedicato alla divinità Serapide. Da un documento del 901 Serpico risulta casale appartenente al centro longobardo di Conza. Al tempo dei Normanni era un dominio dei conti di Avellino. Successivamente risulta come feudo delle famiglie Gesualdo, Galeota e Della Marra. La peste del 1656 ne decimò la popolazione così che sorse, più in basso dell'antico nucleo, Sorbo per opera dei superstiti. Il centro di Serpico quindi andò sempre più spopolandosi a favore di Sorbo. La famiglia Brancaccio detenne poi il feudo di Sorbo Serpico fino all'eversione della feudalità.

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Sul Monte Serpico, tra una rigogliosa vegetazione, sono ancora visibili i resti dell'antico castello. La chiesa parrocchiale dei SS. Nomi di Gesù e Maria, edificata nel XVII secolo, situata al centro dell'abitato, conserva affreschi attribuiti a Francesco Solimena e a Michele Ricciardi, un altare barocco attribuito a Cosimo Fanzago, un Cristo ligneo attribuito al Venuti e un soffitto ligneo cassettonato.[4] Nel centro dell'abitato è inoltre presente il palazzo seicentesco appartenuto alla famiglia Brancaccio, a cui è annessa la settecentesca cappella della SS. Annunziata. Su una collina prospiciente l'abitato è situata la settecentesca cappella della Madonna della Neve.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Medaglia d'oro al Merito Civile - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia d'oro al Merito Civile
«In occasione di un disastroso terremoto, con grande dignità, spirito di sacrificio ed impegno civile, affrontava la difficile opera di ricostruzione del proprio tessuto abitativo, nonché della rinascita del proprio futuro sociale, economico e produttivo. Mirabile esempio di valore civico ed altissimo senso di abnegazione.»
— 23 novembre 1980

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[5]

Lingue e dialetti[modifica | modifica wikitesto]

Accanto alla lingua italiana, nel territorio comunale di Sorbo Serpico è in uso il dialetto irpino.

Economia[modifica | modifica wikitesto]

L'agricoltura dà ortaggi e frutta. La parte montagnosa è ricca di castagni e boschi cedui, quella collinare di peri, olivi e viti. Il comune di Sorbo Serpico rientra nell'area di produzione dei vini Fiano di Avellino DOCG, Irpinia DOC e della castagna di Serino IGP. Sul territorio sono presenti importanti aziende operanti nel settore vitivinicolo.[4]

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica wikitesto]

Strade[modifica | modifica wikitesto]

Mobilità extraurbana[modifica | modifica wikitesto]

La mobilità è affidata, per quanto riguarda i trasporti extraurbani, alla società A.IR. che collega il comune con Avellino.

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Altre informazioni amministrative[modifica | modifica wikitesto]

Il comune fa parte della comunità montana Terminio Cervialto e del parco regionale Monti Picentini.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione al 30 novembre 2020 (dato provvisorio).
  2. ^ Classificazione sismica (XLS), su protezionecivile.gov.it.
  3. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF), in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l'energia e lo sviluppo economico sostenibile, 1º marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012 (archiviato dall'url originale il 1º gennaio 2017).
  4. ^ a b Luciano Pignataro, L'Atlante dei Picentini. Edizioni dell'Ippogrifo
  5. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN245907897
Provincia di Avellino Portale Provincia di Avellino: accedi alle voci di Wikipedia che parlano della Provincia di Avellino