Cesinali

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Cesinali
comune
Cesinali – Stemma Cesinali – Bandiera
Cesinali – Veduta
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneRegione-Campania-Stemma.svg Campania
ProvinciaProvincia di Avellino-Stemma.svg Avellino
Amministrazione
SindacoDario Fiore (lista civica Lo stemma pro Cesinali) dal 27-5-2019
Territorio
Coordinate40°53′53″N 14°49′43″E / 40.898056°N 14.828611°E40.898056; 14.828611 (Cesinali)
Altitudine380 m s.l.m.
Superficie3,73 km²
Abitanti2 561[1] (31-3-2022)
Densità686,6 ab./km²
FrazioniVilla San Nicola
Comuni confinantiAiello del Sabato, Atripalda, San Michele di Serino, Santo Stefano del Sole
Altre informazioni
Cod. postale83020
Prefisso0825
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT064026
Cod. catastaleC576
TargaAV
Cl. sismicazona 2 (sismicità media)[2]
Cl. climaticazona D, 1 821 GG[3]
Nome abitanticesinalesi
Patronosan Silvestro Papa e san Rocco da Montpellier
Giorno festivo31 dicembre
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Cesinali
Cesinali
Cesinali – Mappa
Posizione del comune di Cesinali all'interno della provincia di Avellino
Sito istituzionale

Cesinali (Ggisinàli in dialetto irpino, [/dʤizi'nali/]) è un comune italiano di 2 561 abitanti della provincia di Avellino in Campania.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il nome "Cesinali" sembra derivare dal germanico cesine, equivalente di "selva cedua, terra dissodata per fare spazio all'insediamento urbano e all'agro coltivato". L'origine del centro sarebbe longobarda, e collegata allo sviluppo della più estesa Atripalda, con la quale Cesinali condivise per lungo tempo le vicende politiche e amministrative (entrambe le località furono rette da alcune delle più blasonate famiglie nobili del Sud Italia, quali, ad esempio, quelle dei Filangieri, dei Carafa e dei Caracciolo). Pure avendo acquisito, nel corso degli anni, una certa autonomia, il villaggio si vide accorpato, nel 1927, al limitrofo comune di Aiello del Sabato, per poi tornare indipendente nel 1950. Il comune di Cesinali ha anche una piccola frazione, Villa San Nicola, di circa 400 abitanti.[4][5]

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[6]

Etnie e minoranze straniere[modifica | modifica wikitesto]

Al 1º gennaio 2010 nel territorio di Cesinali risultano residenti 79 cittadini stranieri. I gruppi più numerosi sono quelli di:

fonte Istat

Lingue e dialetti[modifica | modifica wikitesto]

Accanto alla lingua italiana, nel territorio di Cesinali è in uso il dialetto irpino.

Cultura[modifica | modifica wikitesto]

A Cesinali è presente l'ente "Teatro d'Europa" nato come cooperativa nel 1997 e dal 2001 attivo con stagioni teatrali e corsi di recitazione [1]. Inoltre, particolarmente conosciuta nota a livello locale è la rievocazione della Passione di Gesù, portata in scena annualmente il Venerdì santo, fin dagli anni '60, da una compagnia di attori amatoriali e ispirata al testo dello scrittore Carmine Fernando Venezia [2]. Come altre realtà locali, la cultura Cesinalese include la rappresentazione della Zeza nel periodo di Carnevale e la tradizione della Rosammarina, ovvero la consegna, accompagnata da canti tradizionali, di un ramo di conifera addobbato con agrumi alle famiglie del paese nel giorno del Sabato santo, come segno di augurio in vista dell'imminente Pasqua.

Economia[modifica | modifica wikitesto]

Fra le attività economiche va segnalata una fiorente agricoltura, soprattutto legata alla viticoltura e alla coltivazione di nocciole.

Cesinali ha anche visto nascere l'emittente radiofonica Radio Punto Nuovo, una delle più ascoltate a livello regionale, e ne ospita ancora alcune sedi.

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

L'attuale sindaco è Dario Fiore, eletto nel 2019 a capo di una lista civica di centro-sinistra.

Galleria d'immagini[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Bilancio demografico anno 2022 (dati provvisori), su demo.istat.it, ISTAT.
  2. ^ Classificazione sismica (XLS), su rischi.protezionecivile.gov.it.
  3. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF), in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l'energia e lo sviluppo economico sostenibile, 1º marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012 (archiviato dall'url originale il 1º gennaio 2017).
  4. ^ Comune di Cesinali, su made in Irpinia, 18 luglio 2013. URL consultato il 27 aprile 2021 (archiviato dall'url originale il 18 luglio 2013).
  5. ^ www.irpinia.info.
  6. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Comune di Cesinali

  Portale Provincia di Avellino: accedi alle voci di Wikipedia che parlano della Provincia di Avellino