Gazzelle (cantante)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Gazzelle
Gazzelle (47268598692).png
Gazzelle in concerto al PalaEur di Roma a marzo 2019
NazionalitàItalia Italia
GenereIndie pop
Indietronica
Synth pop
Periodo di attività musicale2012 – in attività
Strumentovoce, chitarra, tastiera
EtichettaMaciste Dischi, Artist First
Album pubblicati2
Studio2

Gazzelle, pseudonimo di Flavio Bruno Pardini (Roma, 7 dicembre 1989[1]), è un cantautore italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Cresciuto nel rione Prati, frequenta l'ultimo anno di superiori presso il Liceo ginnasio statale Virgilio insieme a Umberto Violo (Dark Wayne) e Nicolò Rapisarda (Tony Effe), futuri componenti del collettivo trap Dark Polo Gang[2].

Inizia a suonare a livello amatoriale all'età di 22 anni in alcuni locali della capitale usando il proprio nome. A partire dal 2016 utilizza lo pseudonimo di Gazzelle, storpiatura del modello di scarpe Gazelle prodotte da Adidas, come egli stesso ha dichiarato.[1]

Superbattito (2016-2018)[modifica | modifica wikitesto]

Il 9 dicembre 2016 pubblica il singolo Quella te, che attira l'attenzione della critica e dell'ambiente della musica indipendente.[3] Il brano anticipa il suo primo album intitolato Superbattito, uscito sotto l'etichetta Maciste Dischi il 3 marzo 2017 e da cui verranno estratti anche i singoli Zucchero filato e Nmrpm[4]. Prima della pubblicazione dell'album, il cantautore non aveva rivelato il proprio volto, pubblicando in rete solo alcune foto sfocate.[5]

Successivamente pubblica i singoli Sayonara e Stelle filanti, inseriti nell'EP Plastica, uscito il 1º agosto 2017 in formato vinile.[6] Segue la pubblicazione di Nero, Meglio così e Martelli, che, insieme ai due singoli precedentemente citati, verranno inclusi nella versione deluxe dell'album d'esordio, intitolata Megasuperbattito e pubblicata il 2 marzo 2018.[7]

Il 1º maggio 2018 si esibisce nel tradizionale concerto che si tiene annualmente a Roma a piazza San Giovanni in Laterano.[8]

L'8 giugno 2018 pubblica in collaborazione con Lorenzo Fragola il brano Super Martina, contenuto nell'album Bengala del cantante catanese,[9] con il quale partecipa ai Wind Music Awards 2018.[10]

Collabora inoltre con Luca Carboni nella stesura del brano L'alba, presente nell'album Sputnik del cantautore bolognese, pubblicato l'8 giugno 2018.[11]

Nel luglio 2018 è tra gli artisti che, attraverso le pagine di Rolling Stone, aderiscono all'articolo che dissente nei confronti delle politiche sull'immigrazione attuate dall'ex ministro dell'interno Matteo Salvini.[12]

Punk (2018)[modifica | modifica wikitesto]

Il 30 novembre 2018 pubblica, con le etichette Maciste Dischi e Artist First, il suo secondo disco, intitolato Punk,[13] anticipato dai singoli Tutta la vita, Sopra e Scintille. Con l'uscita del secondo album annuncia anche il tour nazionale, dal nome Punk tour.[14]

2019[modifica | modifica wikitesto]

Il 26 aprile 2019 esce l'album Faber nostrum, disco tributo a Fabrizio De André in cui vari esponenti della musica italiana reinterpretano un brano del cantautore genovese. Gazzelle partecipa realizzando la cover di Sally, brano del 1978 pubblicato nell'album Rimini.[15]

Il 1º maggio 2019 si esibisce per la seconda volta consecutiva nel tradizionale concerto a piazza San Giovanni in Laterano.[16]

Il 2 luglio 2019 esce il suo libro di poesie, Limbo.

Come per il primo album Superbattito, al quale ne è uscita successivamente una versione deluxe chiamata Megasuperbattito, anche per Punk viene deciso di farne uscire una seconda versione, chiamata Post Punk, che ha al suo interno i quattro nuovi inediti Polynesia, Settembre, Una canzone che non so e Vita paranoia. Con l'uscita di questa seconda versione, il cantautore annuncia anche alcune date nei palazzetti per il 2020.

2020[modifica | modifica wikitesto]

Il 15 aprile 2020, esce Ora che ti guardo bene, canzone a detta di Gazzelle, scritta a casa propria durante il periodo di lockdown, da cui poi, tutti i proventi del brano, vanno a favore dell'Ospedale Spallanzani di Roma, proprio per aiutare gli ammalati di COVID-19.

Il 25 settembre 2020, pubblica il singolo Destri, che in 3 settimane, raggiunge i 7 milioni di ascolti su Spotify, affiancato dal videoclip uscito il 29 settembre su Youtube, che in 2 settimane raggiunge le 2 milioni di visualizzazioni.

Il 10 novembre 2020, esce il singolo Lacri-ma, pubblicato su Youtube e sulle piattaforme streaming.

Il 12 novembre 2020, esce il singolo Scusa su Youtube, poi pubblicato sulle piattaforme di streaming il 13 novembre.

Stile e influenze musicali[modifica | modifica wikitesto]

Personalità introversa[2] e malinconica[4][17], esponente dell'indie pop italiano, tratta tematiche come amore, solitudine, uso di droghe, alcolismo e depressione, usando spesso basi melodiche e articolate, in antitesi ai temi trattati.[18][19]

Ha affermato di essere stato influenzato da I Cani[4][20], Thegiornalisti[4], Rino Gaetano[20], Cesare Cremonini[20], Vasco Rossi[20], Tame Impala[20], Oasis[20], Nirvana[20].

Ha definito il suo stile musicale "Sexy pop"[20], affermando che si tratta di "una definizione nata così, un po’ per ridere... come una battuta, come un modo ironico e leggero di definire qualcosa."[20]

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Album in studio[modifica | modifica wikitesto]

45 giri[modifica | modifica wikitesto]

Singoli[modifica | modifica wikitesto]

Collaborazioni[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Gazzelle, Genius. URL consultato il 4 dicembre 2018.
  2. ^ a b Gazzelle, il fenomeno introverso, su rollingstone.it. URL consultato il 29 ottobre 2018.
  3. ^ “Quella Te”, il nuovo video del misterioso Gazzelle, Rolling Stone. URL consultato il 22 novembre 2018.
  4. ^ a b c d Gazzelle: intervista a Flavio Pardini, unacasasullalbero.com. URL consultato il 29 ottobre 2018.
  5. ^ Gazzelle esce allo scoperto con “Superbattito”, zetaemme.it. URL consultato il 22 novembre 2018.
  6. ^ Gazzelle - Plastica, discogs.com. URL consultato il 2 dicembre 2018.
  7. ^ Gazzelle: l’edizione deluxe “Megasuperbattito” esce il 2 marzo, rockol.it. URL consultato il 29 ottobre 2018.
  8. ^ Chi è Gazzelle, sul palco del Concerto del Primo Maggio 2018 a Roma, rockol.it.
  9. ^ Chi è Gazzelle, il cantante che ha esordito da hype, sky.it. URL consultato il 22 novembre 2018.
  10. ^ Wind Summer Festival 2018, tutti i cantanti, in Today. URL consultato il 30 novembre 2018.
  11. ^ Luca Carboni - Sputnik, rockol.it. URL consultato il 24 dicembre 2018.
  12. ^ Noi non stiamo con Salvini. Da adesso chi tace è complice., Rolling Stone. URL consultato il 22 dicembre 2018.
  13. ^ Rockol.com s.r.l., √ Gazzelle fa le cose sul serio: la recensione di 'Punk', in Rockol. URL consultato il 30 novembre 2018.
  14. ^ Concerti, Gazzelle: da marzo 2019 il 'Punk tour' nei club, Rockol.it. URL consultato il 1º dicembre 2018.
  15. ^ Faber Nostrum, la musica italiana canta De André, Talassa Magazine, 11 aprile 2019. URL consultato l'11 aprile 2019.
  16. ^ Rockol com s.r.l, √ Concerto del Primo Maggio 2019 a Roma: il resoconto completo, su Rockol. URL consultato l'8 maggio 2019.
  17. ^ Intervista a Gazzelle: «La mia vita sembra un disastro, ma non è così», TV Sorrisi e Canzoni. URL consultato il 1º dicembre 2018.
  18. ^ Gazzelle: la recensione di “Punk”, End of a Century, 30 vovembre 2018. URL consultato il 30 novembre 2018.
  19. ^ Antonio Lamorte, Gazzelle - Punk, Sentireascoltare, 30 novembre 2018. URL consultato il 30 novembre 2018.
  20. ^ a b c d e f g h i Gazzelle: "Vi presento il mio Sexy Pop", repubblica.it. URL consultato il 29 ottobre 2018.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]