Sick Luke

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Sick Luke
Sick Luke.jpg
Sick Luke nel 2018
NazionalitàItalia Italia
GenereHip hop
Trap
Periodo di attività musicale2010 – in attività
Album pubblicati1
Studio1
Logo ufficiale
Sito ufficiale

Sick Luke, pseudonimo di Luca Antonio Barker (Londra, 17 agosto 1994), è un beatmaker, produttore discografico e rapper italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Sick Luke si avvicina al mondo della musica grazie al padre, il rapper Duke Montana, ex-membro del TruceKlan.[1] Inizia a comporre basi a tredici anni mediante FL Studio. La prima produzione ufficiale si vede con Making Moves, nell'album Grindz Musik I del padre.[1] Insieme al padre gira l'Italia in occasione dei tour, aprendo concerti a gruppi del calibro dei Wu-Tang Clan.[2]

Nel 2013 è entrato a far parte dell'etichetta Honiro Label, con la quale pubblica il suo primo mixtape: Instrumentals, contenente delle basi prodotte da lui.[3] Con il passare degli anni, Sick Luke pubblica i capitoli successivi di Instrumentals: Instrumentals 2,[4] Instrumentals 3[5] e Instrumentals 4.[6] Contemporaneamente produce basi per artisti come Sfera Ebbasta,[7] Luchè,[8] Jamil,[9] Machete Crew,[10] Izi,[11] Gué Pequeno,[12] Emis Killa[1] e Ghali.[13]

Nel 2015 Sick Luke conosce il collettivo romano Dark Polo Gang, e li porta a pubblicare il mixtape Full Metal Dark. Fanno seguito tre mixtape individuali, da lui prodotti: Crack Musica, Succo di zenzero e The Dark Album. Due anni dopo viene pubblicato Twins, il primo album in studio del collettivo, certificato disco di platino dalla FIMI.[14] L'anno successivo arriva l'accordo con Universal Music,[15][16] che porta la pubblicazione di due album in studio: Sick Side e Trap Lovers, quest'ultimo prodotto al fianco di Michele Canova Iorfida.[17][18]

Nel 2019 pubblica, in collaborazione con Mecna, l'album Neverland.[19]

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Album in studio[modifica | modifica wikitesto]

Mixtape[modifica | modifica wikitesto]

  • 2013 – Instrumentals
  • 2013 – 808 Nostalgia
  • 2014 – Instrumentals 2
  • 2016 – Instrumentals 3
  • 2019 – Instrumentals 4

Produzioni[modifica | modifica wikitesto]

Album[modifica | modifica wikitesto]

Singoli[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Matteo Contigliozzi, Duke Montana e Sick Luke: due generazioni di rap italiano, su Vice, 17 febbraio 2016. URL consultato il 3 gennaio 2020.
  2. ^ Tommaso Naccari, Dal Wu-Tang Clan a Speranza: la storia di Propaganda, su Rolling Stone, 13 settembre 2019. URL consultato il 3 gennaio 2020.
  3. ^ Instrumentals, su honiro.it, 28 gennaio 2013. URL consultato il 3 gennaio 2020.
  4. ^ Tommaso Naccari, All You Can Eat 2014 – Tutti i dischi freedownload italiani dell’anno, su rapburger.com, 31 dicembre 2014. URL consultato il 3 gennaio 2020.
  5. ^ Carlo Piantoni, C&T: “Sick Luke - Instrumentals 3”, su lacasadelrap.com, 27 agosto 2016. URL consultato il 3 gennaio 2020.
  6. ^ Francesco Giuntoli, Sick Luke pubblica Instrumentals 4, una raccolta delle sue strumentali migliori, su rapologia.it, 9 agosto 2019. URL consultato il 3 gennaio 2020.
  7. ^ Sfera Ebbasta debutta tra i singoli più scaricati con "Dexter" e si prepara al suo primo tour europeo, su allmusicitalia.it, All Music Italia, 18 marzo 2017. URL consultato il 3 gennaio 2020.
  8. ^ Fuori oggi “Stamm Fort”, il nuovo singolo di Luché feat Sfera Ebbasta, su Radio 105, 18 gennaio 2019. URL consultato il 3 gennaio 2020.
  9. ^ Michele Galderisi, Jamil ha pubblicato “Most Hated Deluxe Edition”, su rapburger.com, 21 giugno 2019. URL consultato il 3 gennaio 2020.
  10. ^ Salmo annuncia l'uscita di Machete Mixtape 4. Ecco tracklist e artisti coinvolti, su allmusicitalia.it, All Music Italia, 24 giugno 2019. URL consultato il 5 luglio 2019.
  11. ^ Matteo Politanò, Il nuovo album di IZI: «Superficialità e apparenza mi hanno pizzicato», su Panorama, 7 luglio 2017. URL consultato il 3 gennaio 2020.
  12. ^ Guè Pequeno feat Tony Effe & Il Profeta “Scarafaggio”, fuori il video, su hiphopstarztour.com, 6 febbraio 2018. URL consultato il 3 gennaio 2020.
  13. ^ Ghali, il nuovo singolo è ‘Zingarello’, su Rolling Stone, 25 maggio 2018. URL consultato il 3 gennaio 2020.
  14. ^ Twins (certificazione), su FIMI. URL consultato il 3 gennaio 2020.
  15. ^ Dark Polo Gang, con 'British' si svolta, su ANSA, 11 maggio 2018. URL consultato il 3 gennaio 2020.
  16. ^ Matteo Zampollo, Dark Polo Gang: «Siamo un collettivo, aspettando Side», su Rolling Stone. URL consultato il 3 gennaio 2020.
  17. ^ Dark Polo Gang: ecco il racconto di “Trap Lovers” track by track, su AllMusic, 29 settembre 2018. URL consultato il 3 gennaio 2020.
  18. ^ Elia Alovisi, Mezz'ora a cuore aperto con la Dark Polo Gang, su Vice, 26 settembre 2018. URL consultato il 3 gennaio 2020.
  19. ^ Martina Lodi, Ma che c'entra Mecna con Sick Luke?, su vice.com, 14 ottobre 2019. URL consultato il 3 gennaio 2020.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]