Campora

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Campora (disambigua).
Campora
comune
Campora – Stemma
Campora – Veduta
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Regione-Campania-Stemma.svg Campania
Provincia Provincia di Salerno-Stemma.png Salerno
Amministrazione
Sindaco Giuseppe Vitale (lista civica) dal 14/06/2004
Territorio
Coordinate 40°18′N 15°18′E / 40.3°N 15.3°E40.3; 15.3 (Campora)Coordinate: 40°18′N 15°18′E / 40.3°N 15.3°E40.3; 15.3 (Campora)
Altitudine 525 m s.l.m.
Superficie 29,15 km²
Abitanti 479[1] (31-12-2010)
Densità 16,43 ab./km²
Comuni confinanti Cannalonga, Gioi, Laurino, Moio della Civitella, Novi Velia, Stio
Altre informazioni
Cod. postale 84040
Prefisso 0974
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 065023
Cod. catastale B555
Targa SA
Cl. sismica zona 2 (sismicità media)
Nome abitanti camporesi
Patrono san Nicola
Giorno festivo 6 dicembre
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Campora
Campora
Posizione del comune di Campora all'interno della provincia di Salerno
Posizione del comune di Campora all'interno della provincia di Salerno
Sito istituzionale

Càmpora è un comune italiano di 491 abitanti della provincia di Salerno in Campania.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Territorio[modifica | modifica wikitesto]

Il comune è situato nella parte centrale del Cilento, a circa 15 km nord da Vallo della Lucania, ed è parte del suo parco nazionale. La parte orientale del territorio comunale è compresa nell'area forestale di Pruno, ed è collegata ai villaggi tramite una strada provinciale di montagna, la via di Carmignano, che si congiunge con la strada provinciale Pruno-Laurino e successivamente con la Piaggine-Pruno-Rofrano.

Clima[modifica | modifica wikitesto]

La stazione meteorologica più vicina è quella di Casal Velino. In base alla media trentennale di riferimento 1961-1990, la temperatura media del mese più freddo, gennaio, si attesta a +8,7 °C; quella del mese più caldo, agosto, è di +25,7 °C[2].

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Le origini del nome

Il nome Campora deriverebbe dal latino campus, nella duplice accezione di "luogo piano" e di "superficie agraria"[3].

Le prime notizie di un feudo e un probabile castello risalgono al periodo normanno (1077-1194), probabilmente al 1170, quando Turgisio de Campora, camerario di Terra di Lavoro[4], ne divenne il proprietario.

Dal 1811 al 1860 ha fatto parte del circondario di Gioi, appartenente al Distretto di Vallo del Regno delle Due Sicilie. Nell'immediato periodo postunitario (1862-1863) numerosi cittadini, capeggiati dall'avvocato Giuseppe Tardio, si riunirono in banda armata per contrastare le attività degli invasori piemontesi.

Dal 1860 al 1927, durante il Regno d'Italia ha fatto parte del mandamento di Gioi, appartenente al Circondario di Vallo della Lucania.

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

  • Chiesa di San Nicola
  • Cappella della Madonna della Neve

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[5]


Etnie e minoranze straniere[modifica | modifica wikitesto]

Al 31 dicembre 2007 a Campora risultano residenti 3 cittadini stranieri. Le nazionalità sono:[6]

Paese di nascita Popolazione (2007)
Ucraina 2
Polonia 1

Religione[modifica | modifica wikitesto]

La maggioranza della popolazione[7] è di religione cristiana di rito cattolico; il comune appartiene alla Diocesi di Vallo della Lucania, con una parrocchia:

  • S. Nicola di Bari

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica wikitesto]

Strade[modifica | modifica wikitesto]

  • Strada Regionale 488 Italia.svg Strada Regionale 488/c Felitto-Ponte Rotto-Bivio Magliano-Stio(Innesto SP 47).
  • Strada Provinciale 142 Italia.svg Strada Provinciale 142 Innesto SR 488(Ponte Rotto)-Campora-Innesto SR 488(Retara).
  • Strada Provinciale 371 Italia.svg Strada Provinciale 371 Ostaglie-Scalelle-Vesolo.

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Altre informazioni amministrative[modifica | modifica wikitesto]

Il comune fa parte della Comunità montana Calore Salernitano e dell'Unione dei comuni Alto Calore.

Le competenze in materia di difesa del suolo sono delegate dalla Campania all'Autorità di bacino interregionale del fiume Sele.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2010.
  2. ^ Tabella climatica mensile e annuale (TXT), in Archivio climatico DBT, ENEA.
  3. ^ AA. VV., La Campania paese per paese, Firenze, Bonechi, 1997.
  4. ^ [1]
  5. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  6. ^ Dati Istat
  7. ^ Diocesi di Vallo della Lucania - HOME

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • AA. VV. La Campania paese per paese, 1997, Bonechi, Firenze.
  • C. Corvino, Guida insolita ai misteri, ai segreti, alle leggende e alle curiosità della Campania, Roma, Newton & Compton editori, 2002.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]