Mercato San Severino

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Mercato San Severino
comune
Mercato San Severino – Stemma Mercato San Severino – Bandiera
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Regione-Campania-Stemma.svg Campania
Provincia Provincia di Salerno-Stemma.png Salerno
Amministrazione
Sindaco Fulvia Zinno (commissario prefettizio) dall'8-7-2016
Territorio
Coordinate 40°47′N 14°46′E / 40.783333°N 14.766667°E40.783333; 14.766667 (Mercato San Severino)Coordinate: 40°47′N 14°46′E / 40.783333°N 14.766667°E40.783333; 14.766667 (Mercato San Severino)
Altitudine 146 m s.l.m.
Superficie 30,33 km²
Abitanti 22 322[1] (31-12-2015)
Densità 735,97 ab./km²
Frazioni vedi elenco
Comuni confinanti Baronissi, Bracigliano, Castel San Giorgio, Cava de' Tirreni, Fisciano, Montoro (AV), Roccapiemonte, Siano
Altre informazioni
Cod. postale 84085
Prefisso 089
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 065067
Cod. catastale F138
Targa SA
Cl. sismica zona 2 (sismicità media)
Cl. climatica zona C, 1 171 GG[2]
Nome abitanti sanseverinesi o sanseverinati
Patrono San Rocco
Giorno festivo 16 agosto
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Mercato San Severino
Mercato San Severino
Mercato San Severino – Mappa
Posizione del comune di Mercato San Severino all'interno della provincia di Salerno
Sito istituzionale

Mercato San Severino (Sanzuverin' in dialetto sanseverinese) è un comune italiano di 22 322 abitanti della provincia di Salerno in Campania.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Il territorio comunale, alla confluenza dei torrenti Solofrana (l'antica Saltera) e Calvagnola (Rio Secco o "Resicco", nel Medio Evo), occupa una superficie di 30  km² circa (2/3 collina e pianura, 1/3 insediamento abitativo, tra il capoluogo e le frazioni), nell'alta valle del Sarno, ai piedi dei monti Picentini, a nord della provincia di Salerno ed al confine con quella di Avellino. Altitudine media, 140 metri circa s.l.m., con zone (Acquarola e Ciorani) tra i 200/300 metri. Ripartito in frazioni, casali e località, presenta zone pianeggianti e zone collinari, con produzioni di grano, mais, patate, vino, olio, pomodori, ortaggi.

Confina a nord - nord est con Bracigliano e, in provincia di Avellino, con Montoro; a est con Fisciano; a sud - sud est con Roccapiemonte, Cava dei Tirreni e Baronissi; a ovest con Castel San Giorgio e Siano.

Il capoluogo, Mercato, si estende sulle due rive del torrente Solofrana, addossandosi alle pendici della collina Parco, sovrastata dalle rovine del castello medievale. Alla parte medievale - il centro storico, con piazza Dante (Mercatello), via degli Orefici, Piazza Garibaldi (Mercato Nuovo) - si affianca un vasto ampliamento moderno, che si sviluppa alla destra del torrente, ai lati di corso Diaz (l'antico Decumano.

Negli anni settanta - novanta, un nuovo ampliamento si ha nella parte bassa del Corso e nella zona di via Rimembranza - via Licinella.

Nel 2000 - 2010, nella zona di via S. Vincenzo, al confine con la frazione S. Vincenzo, e di via Campo Sportivo, al confine con la zona industriale.

Le frazioni e località, quelle più numerose, si trovano a valle, lungo le vie di comunicazione. Acquarola e Spiano sono più a monte. Torello, Carifi e Ciorani sorgono nella zona laterale destra, solcata dal rio Lavinaro.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Storia di Mercato San Severino.

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Aree naturali[modifica | modifica wikitesto]

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[4]

Religione[modifica | modifica wikitesto]

La maggioranza della popolazione è di religione cristiana di rito cattolico[5]. La forania di Mercato San Severino appartiene all'arcidiocesi di Salerno-Campagna-Acerno.

L'altra confessione cristiana è quella evangelica.

  • Chiesa Evangelica Pentecostale ADI[6].

Cultura[modifica | modifica wikitesto]

Media[modifica | modifica wikitesto]

  • R.D.I. - Radio Diffusione Irno
  • Telespazio 1 (Montoro)

Persone legate a Mercato San Severino[modifica | modifica wikitesto]

Geografia antropica[modifica | modifica wikitesto]

Quartieri[modifica | modifica wikitesto]

Il capoluogo Mercato[11] è diviso in due quartieri, Sant'Antonio e San Giovanni, corrispondenti alle parrocchie di Sant'Antonio e di Santa Maria delle Grazie in San Giovanni in Parco.

Frazioni[modifica | modifica wikitesto]

In base allo statuto comunale di Mercato San Severino le frazioni sono 21[12].

Acigliano, Acquarola, Capocasale, Carifi,[13] Ciorani,[14] Corticelle[15], Costa,[16] Curteri,[17], Galdo di Carifi, Lombardi, Monticelli di Sopra, Monticelli di Sotto,[18] Oscato,[19] Ospizio, Pandola, Piazza del Galdo,[20], Priscoli[21], Sant'Angelo in Macerata[22], Sant'Eustachio,[23] San Vincenzo, Spiano, Torello, Valle - Marigliano.

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica wikitesto]

Principali arterie stradali[modifica | modifica wikitesto]

  • Strada Regionale 88 ex SS 88 primo tratto-Innesto SP 222-Bivio SP 222-Bivio SP 219-Baronissi-Bivio SP 26.
  • Strada Regionale 266/b ex SS266 Nocerina.
  • Strada Provinciale 4 Innesto SS 18(Camerelle)-Roccapiemonte-Mercato San Severino.
  • Strada Provinciale 23 Pandola(Innesto SS 88)-Piazza di Pandola-Provincia di Avellino.
  • Strada Provinciale 24/dir Innesto SP 24a-Innesto SP 23(ex consortile)-confine provincia Avellino.
  • Strada Provinciale 97 Innesto SP 4-Stazione di Valle di Mercato San Severino-Innesto SS 266.
  • Strada Provinciale 98 Innesto ex SS 266-Ciorani-Bracigliano.
  • Strada Provinciale 122 Curteri-Oscato-Spiano-Innesto SS 88.
  • Strada Provinciale 222 Innesto SS 88-Monticelli-Oscato.
  • Strada Provinciale 309 Innesto SP 4-Acquarola-Carratù-Curteri-Innesto SP 4-S.Angelo-Acquarola.
  • Strada Provinciale 337 S.Maria a Favore-Piazza del Galdo.
  • Strada Provinciale 347 Variante di Mercato San Severino: Innesto SP 222-Innesto SP 4.
  • Strada Provinciale 449 Variante all'abitato di Piazza del Galdo (M.S.Severino): Innesto SP 4-Innesto SP 309.
  • Strada Provinciale 452/a Innesto SP 98 (Ciorani)-Innesto SP 98.

Ferrovie[modifica | modifica wikitesto]

La stazione ferroviaria centrale.

Il comune di Mercato San Severino è servito dalla stazione di Mercato San Severino - posta sulla ferrovia Cancello-Avellino e capolinea della ferrovia Salerno-Mercato San Severino e della Ferrovia Nocera Inferiore-Mercato San Severino - e dalla stazione di Valle di Mercato San Severino.

Mobilità urbana[modifica | modifica wikitesto]

Il comune di Mercato San Severino è servito da diverse società di trasporto su gomma.

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Altre informazioni amministrative[modifica | modifica wikitesto]

Il comune fa parte dell'Unione dei Comuni dell'Irno.

La gestione del ciclo dell'acqua è affidata all'Ambito Territoriale Ottimale ATO 3 Sarnese-Vesuviano.

Gemellaggi[modifica | modifica wikitesto]

Sport[modifica | modifica wikitesto]

A Mercato di San Severino è presente la squadra di pallavolo Associazione Sportiva Rota Volley[24].[25]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2015.
  2. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF), in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Ente per le Nuove Tecnologie, l'Energia e l'Ambiente, 1 marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012.
  3. ^ Comuni ricicloni 2010 e risultati
  4. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  5. ^ Arcidiocesi di Salerno - Campagna - Acerno
  6. ^ Evangelici.net - Indirizzi utili
  7. ^ Garibaldino della Spedizione dei Mille
  8. ^ Cittadino onorario di Mercato San Severino.
  9. ^ Cittadino onorario di Mercato San Severino
  10. ^ Originario di Mercato S. Severino dove, fino ad alcuni anni fa,la famiglia Chierchia gestiva il negozio di coloniali “La casa del caffè” .
  11. ^ Con le località Faraldo, il Pizzone, la Colombaia, la Licinella,il Macello - la Fontana
  12. ^ Statuto comunale di Mercato S. Severino
  13. ^ Con la località Casa Crescenzo.
  14. ^ Con la località Piemonte
  15. ^ Con la località Camporotunno
  16. ^ Con la località Pendino
  17. ^ Con la località Sibelluccua e l'area di Santa Maria a Rota
  18. ^ Con la località Granfone
  19. ^ Con la località San Girolamo
  20. ^ Con il casale Piro
  21. ^ Con la località San Martino
  22. ^ Con i casali Carratù , Marcella ( Torrione-Marcello) e le località Bagnorosoli e Abbadessa
  23. ^ Con il casale San Felice e le località Tosta e Rosto
  24. ^ S.S.D.R.L. Rota Volley: Home
  25. ^ Presieduta dall'imprenditore Giuseppe Maiellaro, dopo una lunga militanza nei campionati minori, è riuscita nell'impresa di approdare in Serie A2, grazie ad un ripescaggio, voluto dalla dirigenza e dalla Lega. L'impianto - sede, per le gare casalinghe, è il PalaRota, con una capienza di 500 posti a sedere. A causa di problemi logistico-finanziari, nella stagione 2012–2013, la squadra ha militato nel girone D della Serie B1.

Bibliografia essenziale[modifica | modifica wikitesto]

  • G.Portanova,Il Castello di S. Severino nel XIII secolo e S. Tommaso d'Aquino, Badia di Cava, 1924.
  • P.Natella - P.Peduto, Il Castello di Mercato S.Severino, Napoli, 1965
  • G.Portanova, I Sanseverino e l'Abbazia cavense ( 1061-1324), Badia di Cava, 1977
  • P. Natella, I Sanseverino di Marsico. Una terra un regno, Mercato S.Severino, 1980
  • G.Rescigno, Fiere e mercati a San Severino, Mercato S.Severino. 1981
  • M. Del Regno, Tavola sinottica dei principali avvenimenti storici e culturali comparata con le vicende legate alla famiglia dei Sanseverino di Marsico, Mercato S.Severino, 1983
  • G. Rescigno, Le pietre della storia. Guida ad un itinerario tra le mura del Castello dei Sanseverino, Mercato S.Severino, 1983
  • G.Rescigno, L'espansione urbana di un comune del Mezzogiorno: Mercato S.Severino, Mercato S.Severino, 1984
  • V. Aversano, J. Raspi Serra, M. Themelly (a cura di), La trasformazione delle strutture elementari in un comune meridionale. Mercato S. Severino nei secoli XVIII - XX, Milano, 1990
  • M. Del Regno, I Sanseverino nella storia d'Italia. Cronologia storica comparata (secc. XI - XVI), Mercato S.Severino, 1991
  • G.Portanova, Il Castello di S.Severino nel XIII secolo e S.Tommaso d'Aquino, - (Introduzione e cura di M. Del Regno) -, Mercato S.Severino, 1998 (2ª ed.)
  • A.Musi, Mercato San Severino. L'Età moderna, Salerno, 2004
  • L.Rossi, Mercato San Severino. L'Età contemporanea, Salerno, 2004
  • P.Peduto (a cura di), Mercato S.Severino nel Medioevo. Il Castello e il suo territorio, Firenze, 2008
  • G.Izzo - L.Noia - P.Trotta, La Terra di San Severino nel XVI secolo. Momenti di vita sociale ed economica, Fisciano, 2008
  • P. Natella, I Sanseverino di Marsico. Una terra un regno(I Il Gastaldato di Rota), Salerno, 2008
  • G. Rescigno, Guida al Castello di Mercato S.Severino, Fisciano, 2013 (4ª ed.)
  • M. Cerrato, Il Castello di Mercato S. Severino. Storia Archeologia Ricostruzioni, Salerno, 2013

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN133672201 · GND: (DE4461136-5 · BNF: (FRcb11958890t (data)