Chiesa di San Nicomede

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

1leftarrow blue.svgVoce principale: Corte di Giarola.

Chiesa di San Nicomede
Chiesa di San Nicomede (Giarola, Collecchio) - lato nord 2019-06-12.jpg
Lato nord d'ingresso
StatoItalia Italia
RegioneEmilia-Romagna
LocalitàGiarola di Pontescodogna, frazione di Collecchio
Religionecristiana cattolica di rito romano
Titolaresan Nicomede
Diocesi Parma
Stile architettonicoromanico e neoromanico
Completamento1950

Coordinate: 44°44′25.1″N 10°10′25.7″E / 44.740306°N 10.173806°E44.740306; 10.173806

La chiesa di San Nicomede è un luogo di culto cattolico dalle forme romaniche e neoromaniche situato all'interno della Corte di Giarola nell'omonima località dipendente dalla frazione collecchiese di Pontescodogna, di cui costituisce la sede parrocchiale.[1]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il luogo di culto, posto lungo un ramo della via Francigena,[2] fu costruito originariamente entro il XII secolo all'interno della Corte di Giarola,[3] appartenente dal 1034 al monastero di San Paolo di Parma.[4]

La prima testimonianza della sua esistenza risale al 1187, quando il papa Gregorio VIII emanò una bolla confermando alla badessa i diritti sulla corte e sulla chiesa romanica interna dedicata a san Nicomede; l'edificio fu menzionato anche in un documento[5] del 1230, quale cappella dipendente dalla pieve di San Prospero di Collecchio.[3]

Nel 1760 la chiesa fu modificata in stile neoclassico.[6]

Durante la seconda guerra mondiale, il 17 aprile del 1945 la chiesa fu profondamente danneggiata dai bombardamenti degli aerei alleati, che risparmiarono soltanto alcune porzioni delle murature esterne.[6] Nel dopoguerra furono subito avviati i lavori di ricostruzione del luogo di culto e dell'adiacente campanile nelle originarie forme romaniche; il tempio fu riaperto al culto nel 1950.[7]

Nel 2014 fu completamente ricostruito il tetto della chiesa.[7]

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Abside e campanile

La chiesa, preceduta da uno stretto sagrato, si sviluppa su un impianto a navata unica, con facciata a ovest e presbiterio absidato a est.

La simmetrica facciata a capanna, interamente rivestita in laterizio, è caratterizzata dalla semplicità delle linee; al centro è collocato il portale d'ingresso principale ad arco a tutto sesto in pietra; in sommità si apre nel mezzo una piccola bifora ad arco a tutto sesto, con colonnina centrale.[7]

Il lato nord, affacciato sulla corte, è decorato superiormente da una fascia ad archetti pensili in cotto, in parte risalenti all'edificio romanico originario;[6] nel mezzo è collocato il portale d'ingresso laterale sormontato da una lunetta in pietra, mentre più in alto si aprono tre piccole monofore ad arco a tutto sesto.[7]

Sul fianco opposto, accanto al presbiterio si innalza il campanile neoromanico,[1] con cella campanaria affacciata sui quattro lati attraverso aperture ad arco a tutto sesto.

All'interno la navata intonacata, coperta da soffitto a capanna in travetti lignei retti da arcate a sesto ribassato, è scandita lateralmente da paraste; il piccolo presbiterio absidato, preceduto da un arco a tutto sesto, è coperto da una volta a vela; vi si trovano alcune opere di pregio, tra cui i dipinti raffiguranti l'Annunciazione, realizzato agli inizi del XVII secolo forse da Francesco Lucchi, e la Sacra Famiglia coi Santi Gioacchino e Anna, risalente alla seconda metà del XVIII secolo, oltre a un paliotto settecentesco in cuoio dipinto.[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b GuidaPiù, p. 9.
  2. ^ a b Ubaldo Del Sante, Un antico centro di trasformazione agro-alimentare - Breve storia della Corte di Giarola, del suo caseificio e della sua fabbrica di conserve (DOC), su storage.aicod.it. URL consultato il 29 gennaio 2017 (archiviato dall'url originale il 2 febbraio 2017).
  3. ^ a b Marcheselli, p. 11.
  4. ^ Pontescodogna, su www.comune.collecchio.pr.it. URL consultato il 29 gennaio 2017.
  5. ^ Capitulum seu Rotulus Decimarum della diocesi di Parma
  6. ^ a b c La Storia della Corte di Giarola di Collecchio, su webcache.googleusercontent.com. URL consultato il 29 gennaio 2017.
  7. ^ a b c d Chiesa di San Nicomede "Giarola, Collecchio", su www.chieseitaliane.chiesacattolica.it. URL consultato il 29 gennaio 2017.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Infoturismo, in GuidaPiù, Collecchio, Reggio Emilia, Gruppo GuidaPiù srl, 2007.
  • Tiziano Marcheselli, Collecchio di una volta, Parma, Gazzetta di Parma Editore, 2008.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]