Siamo solo noi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Siamo Solo Noi
ArtistaVasco Rossi
Tipo albumStudio
Pubblicazione9 aprile 1981
Durata33:52
Tracce8
GenerePop rock
Hard rock
EtichettaTarga, TAL 1004
ProduttoreMario Rapallo e Guido Elmi
ArrangiamentiVasco Rossi
Note(Vendite: 40.000+)
Vasco Rossi - cronologia
Album precedente
(1980)
Album successivo
(1982)
Singoli

Siamo solo noi è il quarto album del cantautore italiano Vasco Rossi, pubblicato il 9 aprile 1981

Il disco[modifica | modifica wikitesto]

Il disco si apre col brano Siamo solo noi, che verrà presto definito un "inno generazionale". Sarà definita la Canzone Rock del Secolo dalla rivista Rolling Stone dopo un sondaggio nazionale.

Il giro di basso all'inizio fu ideato su precisa richiesta di Vasco Rossi e con l'aiuto di Massimo Riva da Claudio Golinelli (all'epoca bassista di Gianna Nannini: durante un concerto della cantante senese al Picchio Rosso di Formigine, lo stesso Vasco e Massimo Riva decisero insieme al manager Guido elmi di proporgli di entrare nella band di Vasco, di fatto "soffiandolo" alla Nannini.

Dal disco viene estratto anche il singolo Voglio andare al mare, scritto mentre Massimo Riva improvvisava un giro di chitarra in un afoso pomeriggio d'estate a Bologna nel 1980, seguendo la musicalità del reggae che tanto andava di moda in quel periodo.

Vasco fu escluso dal Festivalbar 1981: il brano che doveva portare era Siamo solo noi, ma all'ultimo momento venne mandato per i juke box Voglio andare al mare.

Il videoclip di Dimentichiamoci questa città (il cui principale riff è ricalcato da Living After Midnight dei Judas Priest, grande successo britannico dell'anno precedente) è il primo di Vasco.

La canzone Ieri ho sgozzato mio figlio è stata riportata sulla copertina dell'album come Ieri ho sg. mio figlio. Il titolo è stato giudicato dalla casa discografica troppo immorale per essere scritto interamente sulla copertina del disco.[1]

La canzone Valium contiene varie citazioni de La gatta di Gino Paoli ed è un inno ai sedativi ed ai tranquillanti che tanto andavano di moda a quei tempi.

La canzone Brava è dedicata a una ragazza che gli spezzò il cuore a vent'anni. Non poteva quindi essere dedicata a Barbara D'Urso (come sostiene una leggenda metropolitana) che lo ha frequentato per un periodo, quando lui ne aveva già circa trenta.

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

Testi e musiche di Rossi.

Edizione originale
Lato 1
  1. Siamo solo noi - 5:55
  2. Incredibile romantica - 4:20
  3. Dimentichiamoci questa città - 4:20
  4. Voglio andare al mare - 3:40
Lato 2
  1. Brava - 4:38
  2. Ieri ho sgozzato mio figlio - 3:22
  3. Che ironia - 3:49
  4. Valium - 3:36
  5. Voglio andare al mare (ripresa) - 0:52
Ristampe successive
Lato 1
  1. Siamo solo noi - 5:55
  2. Ieri ho sgozzato mio figlio - 3:22
  3. Che ironia - 3:49
  4. Voglio andare al mare - 3:40
Lato 2
  1. Brava - 4:38
  2. Dimentichiamoci questa città - 4:28
  3. Incredibile romantica - 4:20
  4. Valium - 3:36
  5. Voglio andare al mare (ripresa) - 0:52

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Singoli[modifica | modifica wikitesto]

Da quest'album venne estratto il 45 giri Voglio andare al mare/Brava (Targa, TAS 150)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Canzoni censurate Hitparadeitalia.it

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Rock Portale Rock: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Rock