Stadio Lungobisenzio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Lungobisenzio
Stadio Lungobisenzio.jpg
Informazioni
StatoItalia Italia
UbicazioneVia Firenze, 5
Prato
Inizio lavori1938
Inaugurazione1941
StrutturaPianta ellittica
CoperturaTribuna Centrale
Pista d'atleticaRimossa a seguito di una ristrutturazione
Ristrutturazione2017
Mat. del terrenoerba
Dim. del terreno105 x 67 m
ProprietarioComune di Prato
Uso e beneficiari
CalcioPrato
RugbyI Cavalieri[1]
Capienza
Posti a sedere2,000 (in attesa dei lavori di completamento)
Mappa di localizzazione

Coordinate: 43°52′32.62″N 11°06′34.41″E / 43.875727°N 11.109559°E43.875727; 11.109559

Lo stadio comunale Lungobisenzio è uno stadio polisportivo ubicato nella città italiana di Prato.

Costruito tra il 1938 e il 1941 e più volte ristrutturato nei decenni successivi, è principalmente adibito alla pratica del calcio: storicamente ospita infatti le gare interne del maggior sodalizio cittadini dedito a tale disciplina, il Prato.

Ha inoltre ospitato alcune partite del locale club di rugby a 15, I Cavalieri.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il primo impianto[modifica | modifica wikitesto]

Inaugurato il 7 settembre 1941 con la disputa di un'amichevole tra Prato e Genoa, lo stadio sorge nei pressi del fiume Bisenzio (da cui poi trasse il nome ufficiale). Originariamente capace di 10.000 posti (suddivisi tra la tribuna centrale sul lato del fiume e una gradinata in legno sul lato opposto), lo stadio mostrava una vocazione marcatamente polisportiva, giacché attorno al campo erboso si sviluppava una pista d'atletica leggera. Oltre al campo da gioco principale, esso disponeva di un campo accessorio (c.d. antistadio) sul lato settentrionale.

Pur se gravemente danneggiato dai bombardamenti durante la seconda guerra mondiale (terminata la quale venne ristrutturato), lo stadio pratese mantenne siffatte caratteristiche.

Alla metà degli anni 1960 l'impianto iniziò a palesare i propri limiti strutturali, rivelandosi troppo piccolo e poco funzionale ad ospitare le partite del maggior club calcistico cittadino. La dirigenza di quest'ultimo richiese di poter realizzare un nuovo stadio da 30.000 posti e demolire il Lungobisenzio, ma l'amministrazione comunale non concesse il nullaosta.

Dovendo comunque far fronte al pubblico sempre più numeroso che assisteva alle partite di calcio, lo stadio dovette comunque essere ampliato, pur se in maniera posticcia: accanto e sotto alla tribuna centrale furono aggiunte due tribune laterali e un parterre in legno, che portarono la capienza totale a 15.000 posti. Di queste, la tribuna sinistra venne dedicata alle tifoserie ospiti.

Neppure la crisi che nei decenni successivi investì il Prato (tale da farlo retrocedere dalla Serie B fino all'Interregionale) intaccò l'affluenza allo stadio, che finanche negli anni di militanza del club tra i dilettanti registrò più volte il tutto esaurito.

Prime ristrutturazioni (1980-1983)[modifica | modifica wikitesto]

L'arrivo di Andrea Toccafondi alla presidenza del Prato consentì l'avvio dei lavori di ricostruzione del Lungobisenzio. Nel corso degli anni '80 vennero demolite le tribune in legno a lato ferrovia, sostituite da tre nuove gradinate: a nord la "curva ferrovia", al centro la "maratona scoperta" (prive di tettoia) e a sud la "maratona coperta" (dotata di tettoia). Il settore "maratona scoperta" venne riservato ai tifosi ospiti (onde sommarsi alla preesistente tribuna laterale sinistra), mentre la "curva ferrovia" divenne la sede dei tifosi organizzati pratesi. A fronte di tale ammodernamento la capienza venne ridotta a 10.000 posti e conferì allo stadio un aspetto peculiare: mentre le tribune si presentavano tutte perfettamente allineate al terreno di gioco, gli spalti a lato ferrovia erano ben meno armonii, essendo la curva e la "maratona scoperta" inclinate verso gli angoli del campo.

A fine anni '90 furono abbattute la tribuna parterre (ubicata al di sotto della tribuna centrale) e la tribuna laterale destra, ormai vetuste e pericolanti con la loro struttura lignea. Non venne interessata dall'intervento la tribuna laterale sinistra, pur se coeva della destra. Nel 2003 fu implementato un nuovo impianto di videosorveglianza sull'area dello stadio e si provvide a smantellare la pista di atletica caduta ormai in disuso, nonché ad aprire una nuova entrata agli spalti a beneficio dei tifosi locali. La capienza calò ulteriormente da 10.000 a 5.000 posti.

Terzo millennio[modifica | modifica wikitesto]

Con l'avvento degli anni 2000 i problemi del Lungobisenzio si acuirono: il Prato dovette spesso ricorrere a deroghe per mantenere l'agibilità dello stadio, le cui strutture (complice la carente manutenzione) s'erano vieppiù fatte obsolescenti e limitate.

Nel 2004 la società Valore, interessatasi all'acquisto dell'A.C. Prato, presentò un progetto denominato Prato Plaza Stadium: esso prevedeva l'edificazione di un nuovo stadio da 20.000 posti (con annessi centro commerciale, palestra e piscine) in un'altra zona di Prato. Ciò avrebbe permesso la demolizione del Lungobisenzio, sul cui terreno sarebbero dovute sorgere palazzine residenziali. Tutto ciò rimase lettera morta.

Col passare degli anni l'impianto pratese continuò ad essere fonte di problemi. Nel febbraio 2012, poco prima dell'inizio della partita Prato-Andria, il forte vento fece staccare un riflettore da una delle torri faro: la lampada cadde sulle tribune, senza però creare danni a persone o cose. Nello stesso anno la scadenza della deroga d'agibilità al settore ospiti obbligò il Prato a giocare una giornata di campionato ad Agliana.

Nell'estate del 2012 il perdurante stato di degrado dello stadio portò il Prato vicino all'estromissione dal campionato di Lega Pro Prima Divisione 2012-2013: l'ipotesi fu scongiurata solo previa messa a norma dell'impianto d'illuminazione

Nuovo Lungobisenzio e i lavori di restyling (2014-2017)[modifica | modifica wikitesto]

Un primo intervento di ristrutturazione venne intrapreso nell'estate 2014, con la demolizione della vecchia tribuna laterale sinistra, destinata alla tifoseria ospite, e la chiusura al pubblico della Tribuna Maratona scoperta e della Curva Ferrovia. La nuova tribuna ospiti, ricollocata al posto della precedente, venne inaugurata il 7 settembre 2014 in vista della partita Prato-Tuttocuoio, terminata 1-4 per i ponteaegolesi.

Contestualmente venne formulato ed approvato il progetto del "nuovo Lungobisenzio", volto a conseguire la totale ristrutturazione dell'arena.

L'attuazione del progetto vero e proprio prese il via nel 2015, allorché si provvide a costruire una vera e propria "curva" dietro la porta settentrionale (a beneficio dei tifosi organizzati locali) e a demolire le ormai inagibili Curva Ferrovia e Tribuna Maratona scoperta. La nuova curva, costruita in prefabbricato metallo, venne inaugurata ufficialmente il 16 gennaio 2016 nel match Prato-Pisa terminata 0-1 per i nerazzurri. La capienza venne così transitoriamente attestata a 4.000 posti a sedere.

Nel giugno 2017 sono ufficialmente cominciati i lavori di completo restyling e di ristrutturazione dello stadio, che prevedevano l'abbattimento finanche dell'ultimo settore rimasto della Maratona (la tribunetta coperta) e la sua sostituzione con un'unica lunga gradinata in acciaio, da adibirsi parzialmente anche a settore ospiti. Nei mesi successivi si decise tuttavia di rivedere il progetto, disponendo anche lo spostamento del terreno di gioco di 15 m in direzione ovest, onde avvicinarlo alla tribuna centrale Biancalani: ciò impose un'intera ridefinizione della planimetria degli spalti. Nella circostanza si decise inoltre di realizzare il campo di gioco ancora in erba naturale, anziché (come inizialmente pianificato) in erba sintetica.

Tra i mesi di luglio e agosto 2017 il cantiere venne inoltre posto sotto sequestro dalla Procura cittadina su segnalazione dell'ASL, che aveva ravvisato alcune carenze nella documentazione inerente i lavori di abbattimento di parte degli spalti.

Tutte le circostanze in questione fecero slittare la data di consegna del cantiere alla fine del mese di agosto ed in virtù di ciò, il Prato dovette giocare più di metà della stagione in campo neutro, presso lo stadio Ettore Mannucci di Pontedera.

Settori[modifica | modifica wikitesto]

A seguito degli ultimi lavori di ristrutturazione (avviati nel 2014), lo stadio Lungobisenzio presenta una struttura a pianta rettangolare. Gli spalti si suddividono nei seguenti quattro settori indipendenti che sono:

  • Tribuna centrale Marcello Biancalani: struttura permanente dotata di copertura, ospita i posti d'onore e le postazioni dedicate a giornalisti e radiotelecronisti. Al suo interno si collocano i locali tecnici principali dell'impianto. Dal 2014 è intitolata alla memoria di un dirigente in forza al Prato dal 1975 al 2013 (anno della sua scomparsa).
  • Tribuna laterale nord: costruita a latere della centrale, a seguito della demolizione della tribuna laterale sud e della maratona scoperta, assolve la funzione di settore riservato ai tifosi ospiti. La struttura originale lignea, impiantata negli anni 1960, è stata sostituita negli anni 1990 da un'impalcatura metallica.
  • Curva Ferrovia Matteo Ventisette: costruita in tubolari metallici lungo il lato corto settentrionale del campo, è priva di copertura. Ospita i gruppi della tifoseria organizzata locale. Dal 2009 è intitolata alla memoria di un ultras pratese scomparso in giovane età a seguito di un malore.

I settori dismessi nel 2014 e demoliti entro il 2017 sono invece i seguenti:

  • Curva Ferrovia, Maratona coperta e Maratona scoperta: opposte alla tribuna centrale, erano costruite con una struttura mista in ferro e cemento. Erano destinate ad accogliere rispettivamente le tifoserie organizzate interne, il generico pubblico di casa e (dopo l'abbattimento della tribuna laterale sud) i supporters ospiti.
  • Tribuna laterale sud: costruita negli anni '60 con struttura lignea, era dedicata ai tifosi ospiti.

Incontri di selezioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

L'8 dicembre 2004, il Lungobisenzio ha ospitato un'amichevole tra le selezioni under-21 di Italia e Germania.

Eventi extracalcistici ospitati[modifica | modifica wikitesto]

Rugby[modifica | modifica wikitesto]

Pur se dedicato principalmente al calcio, lo stadio Lungobisenzio ha anche ospitato partite di rugby a 15.

La nazionale maggiore italiana vi ha disputato due amichevoli: nel marzo 2005 contro la Francia e nel novembre 2005 contro Tonga.

Il club cittadino I Cavalieri (generalmente basato al più piccolo stadio Enrico Chersoni) ha invece utilizzato il Lungobisenzio il 17 dicembre 2011 per affrontare il Perpignan in una partita valida per la Amlin Challenge Cup.

Concerti e spettacoli[modifica | modifica wikitesto]

Tra gli eventi non sportivi svoltisi al Lungobisenzio si annoverano i seguenti:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Occasionalmente