Matteo Biffoni

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Matteo Biffoni
Matteo Biffoni.jpg

Sindaco di Prato
In carica
Inizio mandato 26 maggio 2014
Predecessore Roberto Cenni

Presidente della Provincia di Prato
In carica
Inizio mandato 13 ottobre 2014
Predecessore Lamberto Nazzareno Gestri

Deputato della Repubblica Italiana
Legislature XVII
Gruppo
parlamentare
PD
Circoscrizione XII Toscana
Sito istituzionale

Dati generali
Partito politico Partito Democratico
Titolo di studio laurea in giurisprudenza
Professione avvocato

Matteo Biffoni (Prato, 19 maggio 1974) è un politico e avvocato italiano, sindaco di Prato dal 26 maggio 2014.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

È stato consigliere comunale di Prato dal 2004 a marzo 2013, ricoprendo il ruolo di presidente della commissione controllo e garanzia dal 2009 e facendo parte della commissione urbanistica e ambiente.

Tra i fondatori del Partito Democratico pratese e membro dell'Assemblea e della Direzione provinciale, durante le elezioni primarie di "Italia. Bene Comune" del 2012 sostiene la candidatura di Matteo Renzi e successivamente vince quelle per la scelta dei candidati parlamentari.

Alle elezioni politiche del 2013 viene eletto deputato della XVII legislatura della Repubblica Italiana nella circoscrizione XII Toscana per il Partito Democratico.

Candidato sindaco di Prato per le elezioni amministrative del 25 maggio 2014 appoggiato dalla coalizione del centrosinistra. Dal 26 maggio 2014, è il nuovo sindaco di Prato. Il 12 ottobre 2014 viene eletto presidente della Provincia di Prato.

A dicembre 2014 entra nella presidenza di Anci (Associazione nazionale Comuni italiani) come delegato all'Immigrazione. Il 15 settembre 2015 viene eletto Presidente Anci Toscana.

Attività legislativa[modifica | modifica wikitesto]

Proposte di legge presentate come primo firmatario[modifica | modifica wikitesto]

  • Introduzione dell'articolo 21-bis della Costituzione, in materia di riconoscimento del diritto universale di accesso alla rete internet [1] (presentata il 20 giugno 2013, annunziata il 21 giugno 2013)

Note[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]