Velodromo Paolo Borsellino

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Velodromo Paolo Borsellino
La gradinata del Velodromo Paolo Borsellino.jpg
Informazioni
StatoItalia Italia
UbicazioneVia Giuseppe Lanza di Scalea
Palermo
Inizio lavori1989
Inaugurazione2 febbraio 1991
Strutturapianta ovale
Coperturalignea sulla sola tribuna
Mat. del terrenoErba
Dim. del terreno100x65 m
ProprietarioComune di Palermo
ProgettoRocco Abbate
Prog. strutturaleMaurizio Arici
Uso e beneficiari
Football americanoSharks Palermo
Cardinals Palermo
RugbyPalermo (2005-2012)
CalcioPalermo (giovanili)
Fincantieri Palermo (2003-2004)
Capienza
Posti a sedere12000
Mappa di localizzazione

Coordinate: 38°10′23.52″N 13°18′48.24″E / 38.1732°N 13.3134°E38.1732; 13.3134

Il velodromo Paolo Borsellino è un impianto sportivo multifunzionale di Palermo.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La costruzione del velodromo venne avviata nel 1989, grazie ai fondi disponibili per i mondiali di calcio del 1990.[1] La costruzione fu completata in due anni ed ebbe un costo complessivo di 17 miliardi di lire.[2] Il primo nome dell'impianto fu "San Gabriele", dal nome del terreno su cui venne costruito, appartenente ad un fondo confiscato a una famiglia mafiosa. L'impianto fu inaugurato il 2 febbraio 1991, con una sfida evento tra il velocista tedesco Michael Hübner e quello italiano Claudio Golinelli.[2]

Nei successivi due anni il velodromo fu abbandonato prima di essere recuperato in previsione del campionato del mondo di ciclismo su pista del 1994, disputatisi fra il 15 e il 20 agosto. Poco prima dell'inizio dei Mondiali, il 30 maggio dello stesso anno, la struttura fu intitolata a Paolo Borsellino, il quale oltre che giudice impegnato nella lotta alla mafia era un cicloamatore.[3] Dopo la kermesse iridata del 1994, l'impianto tornò ad ospitare un evento internazionale in occasione della XIX Universiade del 1997, venendo utilizzato per disputare le partite dei gironi di qualificazione del torneo di calcio.

Negli anni che seguirono l'impianto ha ospitato le squadre cittadine di rugby, football americano e calcio minore oltre a partite benefiche, spettacoli, concerti e i tornei della rassegna "Mediterraneo antirazzista". Da quando Maurizio Zamparini è diventato presidente del Palermo calcio, ha espresso più volte l'intenzione di costruire il nuovo impianto della società rosanero proprio sull'area oggi occupata dal velodromo.[4]

Attualmente l'impianto, visti gli atti di vandalismo e la scarsa manutenzione, si trova in condizioni di degrado.[5]

Caratteristiche e ubicazione[modifica | modifica wikitesto]

Il velodromo occupa una superficie di circa 30.000 metri quadri. La pista scoperta in cemento è lunga 400 metri e il terreno da gioco è in erba.[6] Gli spalti, che contano circa 12.000 posti a sedere, si sviluppano sui due lati lunghi del campo.[7] La tribuna principale, dove si trovano le postazioni per la stampa, è dotata di una copertura lignea ad arco. Alle spalle della tribuna principale si trova un edificio basso, dove sono ubicati alcuni uffici dell'assessorato allo sport del comune di Palermo. Sul lato opposto alla tribuna coperta, si trova la gradinata scoperta, dietro la quale ha sede il parcheggio e la biglietteria. Dal 2006 è parzialmente alimentato da un impianto fotovoltaico da 20 kWp, costruito sul tetto della palazzina che ospita gli uffici.

La struttura sorge sull'ex Fondo San Gabriele nelle vicinanze del quartiere San Filippo Neri, più noto come ZEN. Si trova a circa 6 km dalla località palermitana balneare di Mondello e a 1,5 km dal viale Strasburgo. È facilmente raggiungibile dalle autostrade tramite l'uscita "Tommaso Natale-Mondello".

Utilizzo sportivo[modifica | modifica wikitesto]

L'impianto, ideato per un utilizzo polifunzionale, dispone anche di una sala attrezzi utilizzata da associazioni sportive e di uffici. Pur disponendo di una pista ciclabile per eventi internazionali, non è stato molto utilizzato per l'attività ciclistica di alto livello. La Federazione Ciclistica vi ha svolto progetti giovanili, fino al recente abbandono dell'attività causato dal perpetuarsi di furti e atti vandalici.[8]

Rugby a 15[modifica | modifica wikitesto]

Sin dai suoi primi anni di vita ha ospitato le squadre di rugby cittadine e le rispettive giovanili (Italpress Fiamma Panormus, Palermo Rugby Club, Iron Team Rugby, Amatori Palermo Rugby). L'impianto è stato inoltre teatro di altri eventi internazionali quali l'incontro tra le nazionali giovanili di Italia e Galles e il torneo di Rugby a 7 dell'edizione 2011 dei Giochi delle isole.

Football americano e flag football[modifica | modifica wikitesto]

Nel corso degli anni hanno calcato il prato del velodromo anche le squadre di football americano di Palermo (Sharks, Corsari, Cardinals, Vipers). Il Velodromo Paolo Borsellino ha ospitato il primo campionato mondiale di football americano, svoltosi dal 24 giugno al 4 luglio 1999 e vinto dalla nazionale giapponese. Inoltre si sono giocate le finali di campionato di diverse categorie, come il I Elevenbowl, vinto dagli Sharks Palermo sugli Elephants Catania per 18 a 14 il 12 luglio 2003 e l'XI Ninebowl, vinto dai Crusaders Cagliari sugli Islanders Venezia per 24 a 14 il 19 giugno 2010.

Calcio[modifica | modifica wikitesto]

Alcune squadre minori di calcio della città maschili e femminili, tra le quali il Fincantieri Calcio nella stagione 2003-2004, hanno utilizzato l'impianto. La formazione primavera del Palermo lo ha utilizzato fino alla stagione 2006-2007, in alcune particolari occasioni, quando lo Stadio Renzo Barbera era indisponibile, è stato utilizzato anche dalla prima squadra.

Manifestazioni multisportive[modifica | modifica wikitesto]

Dal 2008 vi si svolge "Mediterraneo antirazzista", un evento sportivo pluridisciplinare che promuove l'integrazione sociale attraverso lo sport. Con i tornei di pallavolo, basket 3 vs 3, calcetto, cricket, rugby che hanno luogo presso l'impianto, vengono coinvolti centinaia di giovani e adulti di differenti nazionalità. Inoltre il Velodromo viene anche utilizzato come sede d'allenamento della squadra di baseball di Palermo.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Palermo, la procura indaga sulle opere del mondiale, repubblica.it, 2 settembre 1990. URL consultato il 13 ottobre 2012.
  2. ^ a b Lucio Luca, Velodromo out, Palermo senza mondiali?, repubblica.it, 19 giugno 1993. URL consultato il 13 ottobre 2012.
  3. ^ Velodromo intitolato a Borsellino, repubblica.it, 31 maggio 1994. URL consultato il 13 ottobre 2012.
  4. ^ Dario Prestigiacomo, Il velodromo fra rugby e primavera, l'impianto da demolire fa ancora gola, repubblica.it, 30 maggio 2010. URL consultato il 13 ottobre 2012.
  5. ^ Sport antirazzista dentro il velodromo degradato, repubblica.it. URL consultato il 14 giugno 2015.
  6. ^ Il velodromo Paolo Borsellino, Mediterraneo Antirazzista. URL consultato il 13 ottobre 2012.
  7. ^ Velodromo, sport.comune.palermo.it. URL consultato l'11 luglio 2019.
  8. ^ Palermo, rubate le bici: chiude la scuola del Velodromo, su Giornale di Sicilia. URL consultato il 13 marzo 2016.