Givanildo Vieira de Souza

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Hulk
Bayer-04 - Zenit (14).jpg
Hulk con la maglia dello Zenit S. Pietroburgo nel 2014.
Nome Givanildo Vieira de Souza
Nazionalità Brasile Brasile
Altezza 180 cm
Peso 85 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Attaccante, Ala
Squadra Zenit S. Pietroburgo
Carriera
Giovanili
Vilanovense
San Paolo
Squadre di club1
2004 Vitória 2 (0)
2005 Kawasaki Frontale 9 (1)
2006 Consadole 38 (25)
2007 Tokyo Verdy 42 (37)
2008 Kawasaki Frontale 2 (0)
2008 Tokyo Verdy 11 (7)
2008-2012 Porto 99 (54)
2012- Zenit S. Pietroburgo 91 (49)
Nazionale
2012 Brasile Brasile olimpica 7 (1)
2009- Brasile Brasile 45 (11)
Palmarès
Transparent.png Confederations Cup
Oro Brasile 2013
Olympic flag.svg Olimpiadi
Argento Londra 2012
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 22 aprile 2016

Givanildo Vieira de Souza, noto come Hulk (Campina Grande, 25 luglio 1986), è un calciatore brasiliano, attaccante o ala dello Zenit San Pietroburgo.

Il suo soprannome è dovuto alla somiglianza con l'attore Lou Ferrigno, che negli anni settanta interpretò il personaggio di Hulk nell'omonima serie TV.[1][2]

È stato insignito del premio di calciatore dell'anno della Primeira Liga nel 2011[3] e nel 2012.

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore forte fisicamente, dotato di un tiro con il piede sinistro molto potente. Ha uno scatto veloce[4] ed è un abile assist-man.[4]

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Esordi[modifica | modifica wikitesto]

Cresciuto nel Vilanovense ed in seguito trasferitosi al San Paolo, Hulk inizia la sua avventura nel calcio professionistico nel Vitória di Salvador, occupando la posizione di terzino sinistro. Riesce a collezionare 9 presenze, e alla fine della stagione decide di trasferirsi in Giappone, al Kawasaki Frontale.

Hulk nel 2010 al Porto

Dopo una stagione con 11 presenze ed un gol, all'inizio del 2006 la società decide di cederlo in prestito ad un'altra squadra nipponica, il Consadole Sapporo. Al termine della stagione avrà segnato 25 reti in 38 presenze, aiutato anche dal ruolo di attaccante propostogli dall'allenatore Masaaki Yanagishita. Alla fine dell'anno torna al Kawasaki Frontale, che decide nuovamente di cederlo in prestito, questa volta al Tokyo Verdy.

Agli ordini dell'allenatore Ruy Ramos mette a segno 37 gol in 42 partite, guadagnandosi la conferma nella società della capitale che ne acquista il cartellino nel 2008. In quest'anno disputa 11 presenze segnando 7 reti con la squadra, ed in seguito viene acquistato dalla squadra portoghese del Porto.

Porto[modifica | modifica wikitesto]

Viene acquistato al 50% dal club portoghese per 5.5 milioni di euro. Esordisce con il Porto il 16 agosto 2008, nella partita di campionato persa in casa per 2-0 con lo Sporting Lisbona. Nella sua prima stagione colleziona 25 presenze e 8 gol in campionato e in quella successiva 19 presenze e 5 gol, ma sarà la stagione 2010-2011 a consacrarlo: vince la Primeira Liga 2010-2011 con cinque giornate d'anticipo, trascinando i "Dragoes" da capocannoniere della competizione con 23 gol in 25 partite. Trionfa anche in UEFA Europa League 2010-2011 il 18 maggio a Dublino in finale 1-0 contro lo Sporting Braga. In stagione effettua molti assist (24), realizza in tutto 36 gol e con il compagno di reparto Radamel Falcao forma una coppia da 74 gol stagionali[4].

Zenit[modifica | modifica wikitesto]

2012-2013[modifica | modifica wikitesto]

Il 3 settembre 2012 viene acquistato a titolo definitivo dallo Zenit.[5] per una cifra di circa 55 milioni di euro che verrà pagata in tre anni. Esordisce con la maglia numero 29 nella partita persa 2-0 in casa contro il Terek Grozny. Il primo gol con la maglia russa lo trova alla seconda presenza in campionato nel pareggio per 2-2 in casa del KS Samara. Esordisce con la nuova maglia in Champions League il 18 settembre 2012 nella gara persa 3-0 in casa del Malaga. Nella giornata successiva segna il primo gol in europa con la maglia russa e regala anche il primo assist nella sconfitta casalinga per 3-2 contro il Milan. Nonostante tutto la sua squadra non riesce ad arrivare agli ottavi di Champions League arrivando terza nel girone. Viene quindi declassata in Europa League dove ai sedicesimi incontra il Liverpool dove va a segna sia all'andata, nella vittoria per 2-0 in casa, che ala ritorno nella sconfitta per 3-1 ad Anfield Road. Il 25 settembre 2012 esordisce nella coppa nazionale russa nella vittoria per 2-1 in casa del Baltika dove regala anche un assist. Conclude la prima stagione in Russia con 30 presenze 11 gol e 7 assist.

2013-2014[modifica | modifica wikitesto]

Ad inizio stagione cambia il suo numero di maglia: passa dal 29 al 7. Per via della Confederations Cup non riesce a giocare con continuità le prime partite della stagione. Trova i primi minuti nella seconda giornata di campionato, per poi stare fermo un'altra partita, nella sconfitta in trasferta per 2-1 sul campo del Rubin Kazan. In campionato è autore di parecchi e gol e assist e tra l'altro mette a segno 4 doppiette che contribuiscono ai 14 gol stagionali in campionato. In Champions League va a segno alla prima giornata nella sconfitta per 3-1 in casa dell'Atletico Madrid. Nel girone c'è anche la sua ex squadra, il Porto. Contro quest'ultima mette regala un assist al compagno Kerzakov per l'1-0 finale e al ritorno segna il gol del definitivo 1-1. Va a segno anche agli ottavi di finale contro il Borussia Dortmund in entrambe le gare: all'andata nella sconfitta casalinga per 4-2 e al ritorno nella vittoria per 2-1 al Borussia Park.

2014-2015[modifica | modifica wikitesto]

Inizia la sua terza stagione andando in gol nelle prime due giornate di campionato nelle partite Arsenal Tula-Zenit finita 0-4 e Zenit-Torpedo Mosca finita 8-1 dove segna una doppietta e in entrambe regala un assist. Il 19 settembre 2014 va in gol nella prima giornata di Champions League nella vittoria per 2-0 in trasferta contro il Benfica. Il 5 aprile 2015 con una doppietta decide il big match contro il CSKA Mosca nella vittoria per 2-1. Alla fine della stagione con 45 presenze, 21 gol e 15 assist da un grande contributo alla vittoria del campionato russo, che tra l'altro è il primo trofeo con la squadra russa.

2015-2016[modifica | modifica wikitesto]

Inizia la nuova stagione con la vittoria della Supercoppa russa ai danni della Lokomotiv Mosca ai calci di rigore dopo che i tempi supplementari e quelli regolamentari si sono conclusi sull'1-1. Il primo gol stagionale lo trova alla prima giornata di campionato vinta 2-1 in casa contro la Dinamo Mosca, dove regala anche un assist. Nella prima giornata del girone di Champions League contribuisce con una doppietta alla vittoria in Spagna contro il Valencia. Nella prima parte di stagione è un'autentica bandiera della squadra con 11 gol e 18 assist.

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Hulk in azione con la maglia del Brasile durante la Confederations Cup 2013

Hulk viene convocato per la prima volta in Nazionale nell'ottobre 2009: debutta con la Seleção il 14 novembre successivo, giocando nell'incontro Brasile-Inghilterra (finito 1-0 per i verdeoro). Non convocato per i Mondiali 2010 e per la Copa América 2011, le sue prestazioni con il Porto gli permettono di ritornare nel giro della Nazionale: il 26 maggio 2012, alla nona presenza, segna le sue prime reti realizzando una doppietta nell'amichevole contro la Danimarca.

Hulk contro Vidal durante l'ottavo di finale Brasile-Cile al Mondiale 2014

Nello stesso anno, viene convocato per prendere parte alle Olimpiadi di Londra[6][7]: il 20 luglio gioca per la prima volta con la nazionale olimpica, in una gara amichevole contro la selezione del Regno Unito[8][9]. I verdeoro superano la fase a gironi con una giornata di anticipo, grazie alle vittorie contro Egitto[10][11] e Bielorussia[12][13] ma Hulk non va mai a segno. L'unico gol nel torneo lo realizza nella finale contro il Messico, che vede la sua squadra sconfitta: Hulk segna al 91' la rete del definitivo 2-1[14][15].

Il 12 ottobre torna a giocare con la Nazionale maggiore, segnando un gol nella partita vinta 6-0 contro l'Iraq[16][17]. Nel maggio 2013 viene convocato da Scolari per la Confederations Cup casalinga[18]: nel corso del torneo Hulk non segna nessuna rete, ma il 30 giugno conquista il primo trofeo con la Nazionale dopo la vittoria sulla Spagna per 3-0.[19]

Convocato per la Coppa del mondo 2014, Hulk non riesce neanche stavolta a segnare alcuna rete. Il 12 luglio 2014 conclude il Mondiale perdendo anche il terzo posto, poiché il Brasile viene battuto per 3-0 dai Paesi Bassi.[20]

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Presenze e reti nei club[modifica | modifica wikitesto]

Statistiche aggiornate al 9 marzo 2016.

Stagione Squadra Campionato Coppe nazionali Coppe continentali Altre coppe Totale
Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Pres Reti
2004 Brasile Vitória A 2 0 - - - - - - - - - 2 0
2005 Giappone Kawasaki Frontale JL1 9 1 CG 2 2 - - - YN 1 0 12 3
2006 Giappone Consadole Sapporo JL2 38 25 CG 3 1 - - - YN 0 0 41 26
2007 Giappone Tokyo Verdy JL2 42 37 CG 0 0 - - - YN 0 0 42 37
2008 Giappone Kawasaki Frontale JL1 2 0 CG 0 0 - - - - - - 2 0
Totale Kawasaki Frontale 11 1 2 2 1 0 14 3
2008 Giappone Tokyo Verdy JL2 11 7 CG 0 0 - - - YN 3 1 14 8
Totale Tokyo Verdi 53 44 0 0 3 1 56 45
2008-2009 Portogallo Porto PL 25 8 CP+CdL 6+1 1+0 UCL 10 0 SP 1 0 43 9
2009-2010 PL 19 5 CP+CdL 3+0 2+0 UCL 8 3 SP 1 0 31 10
2010-2011 PL 26 23 CP+CdL 7+3 4+1 UEL 16 8 SP 1 0 53 36
2011-2012 PL 26 16 CP+CdL 1+2 0+1 UCL+UEL 6+2 4+0 SP+SU 1+1 0 39 21
ago.-set. 2012 PL 3 2 CP+CdL - - UCL - - SP 0 0 3 2
Totale Porto 99 54 23 9 42 15 5 0 169 78
set. 2012-2013 Russia Zenit PL 18 7 KR 3 1 UCL+UEL 5+4 1+2 SR - - 30 11
2013-2014 PL 23 14 KR 0 0 UCL 10[21] 5[22] SR 0 0 33 19
2014-2015 PL 28 15 KR 2 0 UCL+UEL 10[23]+5 3[24]+3 - - - 45 21
2015-2016 PL 17 8 KR 1 0 UCL 7 4 SR 1 0 26 12
Totale Zenit 86 44 6 1 40 18 1 0 133 62
Totale carriera 289 168 34 13 82 33 10 1 415 216

Cronologia presenze e reti in Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Cronologia completa delle presenze e delle reti in Nazionale - Brasile Brasile
Data Città In casa Risultato Ospiti Competizione Reti Note
14-11-2009 Doha Brasile Brasile 1 – 0 Inghilterra Inghilterra Amichevole -
17-11-2009 Mascate Oman Oman 0 – 2 Brasile Brasile Amichevole -
9-2-2011 Saint-Denis Francia Francia 1 – 0 Brasile Brasile Amichevole -
5-9-2011 Londra Brasile Brasile 1 – 0 Ghana Ghana Amichevole -
8-10-2011 San José Costa Rica Costa Rica 0 – 1 Brasile Brasile Amichevole -
12-10-2011 Torreón Messico Messico 1 – 2 Brasile Brasile Amichevole -
10-11-2011 Libreville Gabon Gabon 0 – 2 Brasile Brasile Amichevole -
14-11-2011 Ar Rayyan Egitto Egitto 0 – 2 Brasile Brasile Amichevole -
28-2-2012 San Gallo Brasile Brasile 2 – 1 Bosnia ed Erzegovina Bosnia ed Erzegovina Amichevole -
26-5-2012 Amburgo Danimarca Danimarca 1 – 3 Brasile Brasile Amichevole 2
30-5-2012 East Rutherford Stati Uniti Stati Uniti 1 – 4 Brasile Brasile Amichevole -
3-6-2012 Arlington Brasile Brasile 0 – 2 Messico Messico Amichevole -
9-6-2012 East Rutherford Argentina Argentina 4 – 3 Brasile Brasile Amichevole 1
15-8-2012 Solna Svezia Svezia 0 – 3 Brasile Brasile Amichevole -
7-9-2012 San Paolo Brasile Brasile 1 – 0 Sudafrica Sudafrica Amichevole 1
10-9-2012 Recife Brasile Brasile 8 – 0 Cina Cina Amichevole 1
11-10-2012 Malmö Brasile Brasile 6 – 0 Iraq Iraq Amichevole 1
16-10-2012 Breslavia Brasile Brasile 4 – 0 Giappone Giappone Amichevole -
15-6-2013 Brasilia Brasile Brasile 3 – 0 Giappone Giappone Conf. Cup 2013 - 1º turno -
19-6-2013 Fortaleza Brasile Brasile 2 – 0 Messico Messico Conf. Cup 2013 - 1º turno -
22-6-2013 Salvador Italia Italia 2 – 4 Brasile Brasile Conf. Cup 2013 - 1º turno -
26-6-2013 Belo Horizonte Brasile Brasile 2 – 1 Uruguay Uruguay Conf. Cup 2013 - Semifinali -
30-6-2013 Rio de Janeiro Brasile Brasile 3 – 0 Spagna Spagna Conf. Cup 2013 - Finale -
14-8-2013 Basilea Svizzera Svizzera 1 – 0 Brasile Brasile Amichevole -
12-10-2013 Seul Corea del Sud Corea del Sud 0 – 2 Brasile Brasile Amichevole -
15-10-2013 Pechino Brasile Brasile 2 – 0 Zambia Zambia Amichevole -
17-11-2013 Miami Honduras Honduras 0 – 5 Brasile Brasile Amichevole 1
20-11-2013 Toronto Brasile Brasile 2 – 1 Cile Cile Amichevole 1
5-3-2014 Johannesburg Sudafrica Sudafrica 0 – 5 Brasile Brasile Amichevole -
3-6-2014 Goiana Brasile Brasile 4 – 0 Panamá Panamá Amichevole 1
6-6-2014 San Paolo Brasile Brasile 1 – 0 Serbia Serbia Amichevole -
12-6-2014 San Paolo Brasile Brasile 3 – 1 Croazia Croazia Mondiali 2014 - 1º turno -
23-6-2014 Brasilia Camerun Camerun 1 – 4 Brasile Brasile Mondiali 2014 - 1º turno -
28-6-2014 Belo Horizonte Brasile Brasile 1 – 1 dts
(3 – 2 dcr)
Cile Cile Mondiali 2014 - Ottavi -
4-7-2014 Fortaleza Brasile Brasile 2 – 1 Colombia Colombia Mondiali 2014 - Quarti -
8-7-2014 Belo Horizonte Brasile Brasile 1 – 7 Germania Germania Mondiali 2014 - Semifinali -
12-7-2014 Brasilia Brasile Brasile 0 – 3 Paesi Bassi Paesi Bassi Mondiali 2014 - 3º posto - Ingresso al 73’ 73’
Totale Presenze 41 Reti 9
Cronologia completa delle presenze e delle reti in Nazionale - Brasile Brasile olimpica
Data Città In casa Risultato Ospiti Competizione Reti Note
20-7-2012 Middlesbrough Regno Unito olimpica Regno Unito 0 – 2 Brasile Brasile olimpica Amichevole -
26-7-2012 Cardiff Egitto olimpica Egitto 2 – 3 Brasile Brasile olimpica Olimpiadi 2012 - 1º turno -
29-7-2012 Manchester Brasile olimpica Brasile 3 – 1 Bielorussia Bielorussia olimpica Olimpiadi 2012 - 1º turno -
1-8-2012 Newcastle Brasile olimpica Brasile 3 – 0 Nuova Zelanda Nuova Zelanda olimpica Olimpiadi 2012 - 1º turno -
4-8-2012 Newcastle Brasile olimpica Brasile 3 – 2 Honduras Honduras olimpica Olimpiadi 2012 - Quarti -
7-8-2012 Manchester Corea del Sud olimpica Corea del Sud 0 – 3 Brasile Brasile olimpica Olimpiadi 2012 - Semifinali -
11-8-2012 Londra Brasile olimpica Brasile 1 – 2 Messico Messico olimpica Olimpiadi 2012 - Finale 1
Totale Presenze 7 Reti 1

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

Porto: 2008-2009, 2010-2011, 2011-2012
Porto: 2008-2009, 2009-2010, 2010-2011
Porto: 2009, 2010, 2012
Zenit San Pietroburgo: 2014-2015
Zenit San Pietroburgo: 2015

Competizioni internazionali[modifica | modifica wikitesto]

Porto: 2010-2011

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) David Hytner, Career of Chelsea target Hulk is more incredible than how he was named (London), The Guardian, 1º giugno 2012. URL consultato il 28 dicembre 2013.
  2. ^ (EN) Hulk: Porto's Andre Villas Boas is destined to be the greatest and I am flattered by AC Milan's interest, Goal.com, 11 maggio 2011. URL consultato il 7 settembre 2012.
  3. ^ Nuno Tavares, Hulk prende di petto il Barcellona, uefa.com, 25 agosto 2011.
  4. ^ a b c Hulk, Falcao, Fernando: ecco gli affari da mandare in Porto, Sky.it.
  5. ^ (EN) Hulk is a Zenit player, Zenit. URL consultato il 4 settembre 2012.
  6. ^ Olimpiadi di calcio 2012: le convocazioni della nazionale brasiliana, super-calcio.it, 06-07-12. URL consultato il 12-07-12.
  7. ^ Olimpiadi, Brasile: i convocati di Menezes, golmania.it, 06-07-12. URL consultato il 12-07-12.
  8. ^ Il Brasile e Neymar convincono. Facile 2-0 alla Gran Bretagna, gazzetta.it, 20-07-12. URL consultato il 21-07-12.
  9. ^ E' già super-Brasile: Gran Bretagna regolata, eurosport.com, 20-07-12. URL consultato il 21-07-12.
  10. ^ Brasile e Uruguay col brivido. Sorpresa Giappone, Spagna ko, sky.iy, 26-07-12. URL consultato il 26-07-12.
  11. ^ Brasile 3 - 2 Egitto, london2012-com, 26-07-12. URL consultato il 26-07-12.
  12. ^ Neymar-Pato show: il Brasile è già ai quarti., sky.it, 29-07-12. URL consultato il 30-07-12.
  13. ^ Calcio: Brasile ai quarti, Spagna gia' fuori, ansa.it, 29-07-12. URL consultato il 30-07-12.
  14. ^ (EN) Peralta nets match-winning brace for Mexico, london2012.com. URL consultato il 13 agosto 2012.
  15. ^ Messico oro, battuto 2-1 il Brasile in finale, tuttosport.com, 11-08-12. URL consultato il 13-08-12.
  16. ^ Brasile-Iraq 6-0: a segno anche Kakà, tuttomercatoweb.com, 12-10-12. URL consultato il 12-10-12.
  17. ^ Amichevoli: Brasile-Iraq 6-0, ansa.it, 12-10-12. URL consultato il 12-10-12.
  18. ^ Mauricio Cannone, Brasile, Kakà e Ronaldinho non convocati. Non giocheranno la Confederations Cup, in La Gazzetta dello Sport, 14 maggio 2013. URL consultato il 28 dicembre 2013.
  19. ^ Il Brasile umilia 3-0 la Spagna: sua la Confederations Cup, Mediaset, 1º luglio 2013. URL consultato il 5 luglio 2014.
  20. ^ Incubo Brasile, 3 gol anche dall’Olanda Il Mondiale di casa finisce tra i fischi, lastampa.it, 12 luglio 2014. URL consultato il 21 luglio 2014.
  21. ^ 2 presenze nel Terzo turno preliminare.
  22. ^ 1 rete nel Terzo turno preliminare.
  23. ^ 4 presenze nei turni preliminari.
  24. ^ 2 reti nei turni preliminari.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]