Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Hokkaido Consadole Sapporo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Hokkaido Consadole Sapporo
北海道コンサドーレ札幌
Calcio Football pictogram.svg
Consa コンサ
Segni distintivi
Uniformi di gara
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
Casa
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
Trasferta
Colori sociali Rosso e Nero (Strisce).png rosso-nero
Dati societari
Città Sapporo, Hokkaido
Nazione Giappone Giappone
Confederazione AFC
Federazione Flag of Japan.svg JFF
Campionato J. League 1
Fondazione 1935
Presidente Yoshikazu Nonomura
Allenatore Shūhei Yomoda
Stadio Sapporo Dome
(42.831 posti)
Sito web www.consadole-sapporo.jp
Palmarès
Si invita a seguire il modello di voce

Il Hokkaido Consadole Sapporo (北海道コンサドーレ札幌 Hokkaidō Konsadōre Sapporo?) è una società calcistica giapponese con sede a Sapporo (per la precisione sull'isola di Hokkaidō) e che milita nella J. League.

Il nome del club nasce dall'unione di consado (è l'anagramma della parola giapponese dosanko, che significa gente di Hokkaidō) con ole. Questo nome simboleggia l'amore per la squadra da parte di tutti gli abitanti di Hokkaidō.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Toshiba S.C. (1935-1995)[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1935, l'importante compagnia Toshiba fondò la propria squadra calcistica, il Toshiba S.C., con sede a Kawasaki. Nel 1978, il Toshiba venne promosso nella seconda divisione dell'oggi defunta Japan Soccer League (JSL). Nel 1980, la dirigenza del club decise di adottare un nuovo nome - Toshiba Soccer Club - e nel 1989 la squadra ottenne la promozione nella prima divisione della JSL. La compagine di Kawasaki prese parte alla Japan Football League nel 1992, e vi militò fino al 1997.

La compagnia Toshiba decise di trasformare la squadra in un club professionistico, ma non riteneva Kawasaki la base ideale per sviluppare tale progetto, poiché in questa città aveva già sede il Verdy Kawasaki, all'epoca una delle società più importanti del calcio giapponese. Decisero così di spostarsi a Sapporo, dove tra l'altro nel 2001 sarebbe stato completato il nuovo stadio cittadino, il Sapporo Dome. Il trasferimento nella nuova sede avvenne prima dell'inizio della stagione 1996.

La Toshiba oggi non ha più alcun legame con il Consadole, che però continua a utilizzare per le proprie divise il rosso e il nero, i colori ufficiali della compagnia fondatrice.

Consadole Sapporo (1996-oggi)[modifica | modifica wikitesto]

Il Consadole Sapporo ereditò il posto in JFL dal Toshiba S.C. La sua stagione di debutto, nel 1996, non fu un successo, in quanto finì quinto in campionato, mancando la promozione. Ad ogni modo, il Consadole vinse la JFL l'anno successivo, conquistando così il diritto a partecipare alla J League.

Nel 1998 il team di Sapporo esordì nella J. League, chiudendo il campionato al 14º posto su diciotto partecipanti. Questo risultato però non lo salvò dal dover disputare i play-out: infatti, per decidere le cinque squadre (le ultime quattro classificate della J League e la vincitrice della JFL) che si dovevano contendere la salvezza/promozione, non si tenne conto solo del campionato 1998-1999 (in cui il Consadole era giunto quintultimo), ma anche del campionato 1997-1998, nel quale il club di Sapporo non militava ancora nella J League. Aggregando le classifiche delle due stagioni, il Consadole risultò classificato al 16º posto e dovette quindi disputare i play out; il risultato fu un disastro, in quanto i rossoneri persero tutte le gare contro il Vissel Kobe e l'Avispa Fukuoka, finendo così per retrocedere.

Nel 1999 il Consadole ingaggiò come allenatore Takeshi Okada, l'ex commissario tecnico della nazionale giapponese. Oltre che sull'allenatore, la dirigenza fece anche enormi investimenti su nuovi giocatori, che portarono il debito della società fino a 330 milioni di dollari.

Nel 2000, per evitare la bancarotta, la dirigenza tagliò drasticamente i costi, finendo con l'avere in rosa ben otto giocatori in prestito (molti dei quali titolari fissi della squadra). Questa strategia diede degli ottimi frutti: infatti il Consadole vinse il campionato e tornò in J League 1.

Nel 2001 la squadra di Sapporo arrivò undicesima in campionato, ma Okada si rifiutò di prolungare il contratto per l'anno successivo e insieme a lui molti giocatori importanti lasciarono il club. Il risultato fu un 2002 disastroso: il Consadole arrivò ultimo in campionato e retrocesse in J League 2.

Nel 2003 la società investì nuovamente grandi capitali per tornare subito nel massimo campionato ma tutto ciò, oltre ad aggravare ulteriormente la situazione economica del club, non servì per conquistare la promozione. A quel punto divenne necessaria una completa ristrutturazione della squadra: ancora una volta si lasciarono partire i giocatori con gli stipendi più onerosi e si puntò su giovani di belle speranze. Questa strategia permise di ridurre i debiti societari, ma a livello sportivo il contraccolpo fu duro: il Consadole, nel 2004, arrivò ultimo in classifica nella J League 2.

Il team di Sapporo trascorse altri due anni nella seconda divisione, poi nel 2007 vinse il campionato e tornò così nella J League 1.

Rosa 2017[modifica | modifica wikitesto]

Rosa aggiornata al 3 ottobre 2017

N. Ruolo Giocatore
1 Giappone P Junki Kanayama
2 Giappone C Tomonobu Yokoyama
3 Giappone D Yūdai Tanaka
4 Giappone C Ryūji Kawai
5 Giappone D Takahiro Masukawa
6 Giappone C Shingo Hyodo
7 Brasile C Julinho
8 Giappone C Kazuki Fukai
9 Giappone A Ken Tokura
10 Giappone C Hiroki Miyazawa
11 Brasile A Jonathan Reis
13 Giappone A Yoshihiro Uchimura
14 Giappone D Shinya Uehara
15 Giappone C Naoya Kikuchi
16 Giappone C Hiroyuki Mae
17 Giappone C Junichi Inamoto
N. Ruolo Giocatore
18 Thailandia C Chanathip Songkrasin
19 Giappone C Kengo Ishii
20 Corea del Sud C Kim Min-Tae
22 Giappone A Hidetaka Kanazono
23 Brasile C Diego Macedo
24 Giappone D Akito Fukumori
25 Corea del Sud P Gu Sung-Yun
26 Giappone C Ryōta Hayasaka
27 Giappone C Takuma Arano
30 Giappone P Tetsu Sugiyama
32 Giappone D Naoki Ishikawa
35 Giappone D Ryosuke Shindo
37 Giappone D Taiyo Hama
38 Giappone A Daiki Suga
44 Giappone C Shinji Ono
48 Inghilterra A Jay Bothroyd

Risultati anno per anno e allenatori[modifica | modifica wikitesto]

Anno League G Pt V P P Posizione Allenatore Presidente
1992 JFL Div. 1 18 23 6 7 5 GiapponeTakeo Takahashi
1993 18 11 7
1994 JFL 30 11 19 11
1995 30 46 15 15
1996 30 62 20 10
1997 30 76 26 4 Campione UruguayHugo Fernández
1998 J.1st 17 11 4 13 16°
J.2nd 17 24 8 9 10th UruguayHugo Fernandez/GiapponeHajime Ishii
1999 J2 36 55 17 13 6 GiapponeTakeshi Okada
2000 40 94 31 4 5 Campione
2001 J1.1st 15 21 6 6 3
J1.2nd 15 13 4 9 2 14°
2002 J1.1st 15 6 2 13 0 16° GiapponeTetsuji Hashiratani/JugoslaviaRadmilo Ivancevic
J1.2nd 15 9 3 11 1 16° JugoslaviaRadmilo Ivancevic/Corea del SudChang Woe-Ryong
2003 J2 44 52 13 18 13 BrasileJoão Carlos/Corea del SudChang Woe-Ryong
2004 J2 44 30 5 24 15 12° GiapponeMasaaki Yanagishita
2005 J2 44 63 17 15 12
2006 J2 48 72 20 16 12
2007 J2 48 91 27 11 10 Campione GiapponeToshiya Miura
2008 J1 34 18 4 6 24 18°
2009 J2 51 79 21 16 14 GiapponeNobuhiro Ishizaki
2010 J2 36 46 11 13 12 13°

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF: (EN252079137
Calcio Portale Calcio: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di calcio