John Elway

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
John Elway
Uso-show-john-elway-defenselink-mil.jpg
Dati biografici
Nazionalità Stati Uniti Stati Uniti
Altezza 191 cm
Peso 98 kg
Football americano American football pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Quarterback
Ritirato 1998
Hall of Fame Pro Football Hall of Fame (2004)
Carriera
Giovanili
1979-1982 Stemma Stanford Cardinal Stanford Cardinal
Squadre di club
1983-1998 Stemma Denver Broncos Denver Broncos
Palmarès
Super Bowl 2
MVP del Super Bowl 1
MVP della NFL 1
Selezioni al Pro Bowl 9
All-Pro 3
Per maggiori dettagli vedi qui
 

John Albert Elway (Port Angeles, 28 giugno 1960) è un ex giocatore di football americano statunitense.

Leggenda dei Denver Broncos, con loro ha giocato per tutta la sua carriera professionistica e con essi ha vinto due Super Bowl nel 1997 (31-24 contro i Green Bay Packers) e nel 1998 (34-19 sugli Atlanta Falcons). Fu scelto come primo assoluto nel Draft NFL 1983 dai Baltimore Colts e subito girato ai Broncos[1]
È il primo Quarterback ad aver giocato come titolare in 5 Super Bowl (prima delle 2 vittorie, aveva perso le finali del 1986, 1987 e 1989). La maglia con il suo numero, il 7, è stata ritirata.
Nel 1987 ha vinto il Premio NFL miglior giocatore dell'anno. Nel 1998 è stato eletto Super Bowl MVP nella vittoria contro gli Atlanta Falcons, nel corso della quale ha completato 18 passaggi su 29, per 336 yards e un touchdown, ha inoltre segnato un touchdown su corsa, stabilendo il primato di giocatore della NFL più vecchio a correre un touchdown durante il Super Bowl. Dopo la conquista del secondo anello, Elway decise per il ritiro dall'attività agonistica.

Il 31 gennaio 2004 è stato inserito nella Pro Football Hall of Fame[2].

Dal 2011 ricopre per i Broncos il ruolo di Vicepresidente Esecutivo per le operazioni di football.

Elway è stato anche un eccellente giocatore di baseball. Selezionato dai Kansas City Royals nel 1979 durante il draft della Major League Baseball, Elway preferì iscriversi alla Stanford University dove praticò entrambi gli sport (curiosamente i Royals selezionarono inutilmente anche un altro futuro grande quarteback: Dan Marino). Nel 1981 furono i New York Yankees a chiamarlo senza successo nella MLB.

Carriera professionistica[modifica | modifica wikitesto]

Draft NFL 1983[modifica | modifica wikitesto]

Nel Draft NFL 1983, Elway fu scelto come primo assoluto dai Baltimore Colts, uno dei tre soli quarterback della storia ad essere stati scelti come primi assoluti ad essere stati indotti nella Pro Football Hall of Fame: gli altri due sono Terry Bradshaw e Troy Aikman. Elway non era convinto di giocare per i Colts, allora tra le peggiori squadre della lega e suo padre lo mise in guardia dal giocare per l'allenatore Frank Kush, che aveva la reputazione di avere un carattere autoritario. Mentre Elway avrebbe preferito giocare a football, il suo agente Marvin Demoff affermò in seguito che il baseball era per lui "una vera opzione" all'epoca. Cosa più importante, questa ventilata possibilita diede Elway maggior potere nei negoziati coi Colts[3].

Dopo avere tentato senza successo di negoziare un accordo privato coi Colts in cui Elway espresse il suo desiderio di rimanere nella West coast come spiegazione della sua richiesta di essere ceduto, Elway minacciò pubblicamente di unirsi a tempo pieno ai New York Yankees se i Colts non l'avessero scambiato; Demoff scrisse nel suo diario, pubblicato tre decenni dopo, che "sarebbe diventato uno spazzino piuttosto di giocare per Baltimore". Il rifiuto di Elway di unirsi ai Colts generò delle controversie: Bradshaw lo denunciò, affermando "dovresti giocare a baseball ... non è il tipo di ragazzo con cui puoi vincere dei titoli ". Molte altre squadre della NFL però iniziarono i negoziati coi Colts per il quarterback. Una possibilità fu di scambiare Elway per Joe Montana dei San Francisco 49ers, la cui squadra aveva giocato una stagione 1982 negativa. Un'altra opzione fu uno scambio coi San Diego Chargers, che stavano negoziando un nuovo contratto con la loro stella, il quarterback Dan Fouts. Anche i New England Patriots si dimostrarono interessati, ma i Colts non intendevano scambiare Elway con una squadra della propria division.

Il general manager Ernie Accorsi voleva trattenere Elway a tutti i costi dal momento che, come egli stesso disse in seguito, non prevedeva (correttamente) che nel Draft NFL 1984 ci sarebbe stato un quarterback degno di essere scelto nel primo giro. Accorsi annunciò il nome di Elway immediatamente nei 15 minuti a disposizione per dichiarare la propria scelta il giorno del draft, sorprendendo gli osservatori. Elway quello stesso giorno ribadì la sua decisione di non giocare per i Colts in una conferenza stampa, affermando "In questo momento, sono un giocatore di baseball". Quando un cronista gli fece notare che gli Yankees non hanno sede nella West coast, Elway replicò "Giocano a baseball in estate". I Colts, ad ogni modo, erano interessati all'offensive lineman Chris Hinton, che i Denver Broncos avevano scelto come quarto assoluto. Il 2 maggio, il proprietario dei Colts Robert Irsay e Accorsi acconsentirono a scambiare Elway per Hinton, il quarterback di riserva Mark Herrmann e una scelta del primo giro del Draft 1984.

Denver Broncos[modifica | modifica wikitesto]

Elway si unì a Denver diventando uno degli atleti più attesi della storia della NFL. I giornali locali pubblicarono una rubrica chiamata "The Elway Watch"[4]. Elway debuttò coi Broncos nella prima gara della stagione contro i Pittsburgh Steelers al Three Rivers Stadium. Subì quattro sack nella sua prima partita per mano del linebacker e futuro Hall of Famer Jack Lambert. Anche se i Broncos erano una squadra da playoff nei suoi primi anni, Elway incontrò le tipiche difficoltà per un giovane quarterback ad adattarsi al football professionistico.

Nella stagione 1986, Elway guidò i Broncos al Super Bowl XXI, dopo avere sconfitto i Cleveland Browns con la famosa serie di giocate soprannominate "The Drive". Nell'arco di 5 minuti e due secondi, Elway guidò la sua squadra percorrere 98 yard di campo, pareggiando la partita a 37 secondi dal termine. Denver vinse poi la partita ai supplementari. Elway e i Broncos iniziarono bene il Super Bowl contro i New York Giants, portandosi in vantaggio 10–7 e poi arrivando sino a una yard dalla end zone dei Giants nel secondo quarto. Tuttavia, i Broncos persero cinque yard nelle successive tre giocate e terminarono l'azione a mani vuote quando il kicker Rich Karlis sbagliò il tentativo di field goal. Da quel momento in avanti, le cose si misero al peggio per i Broncos. Elway subì un sack nella end zone che diede luogo a una safety nel possesso successivo, accorciando il vantaggio a 10–9. Nel secondo tempo, i Giants segnarono 30 punti e vinsero la partita 39–20. Ad ogni modo, Elway disputò una prova notevole, passando 304 yard e un touchdown e segnandone un altro su corsa.

Nella stagione successiva, dopo aver conquistato il miglior record della AFC, Elway, MVP della stagione della NFL, sfidò nuovamente i Browns nella finale di conference. In vantaggio per 21-3 all'intervallo, i Broncos si fecero raggiungere sul 31-31 salvo poi salvarsi quando a 1'12" dal termine Earnest Byner, running back di Cleveland, perse la palla a 2 yard dalla end zone, nell'azione ricordata come The Fumble. Con la vittoria per 38-33 nella finale della AFC, Denver si trovò di fronte nel Super Bowl i Washington Redskins. La sfida partì bene, con Denver che si portò sul 10-0 nel primo quarto. All'epoca nessuna squadra aveva mai rimontato uno svantaggio di 10-0 nel Super Bowl. Nel secondo quarto però, i Redskins segnarono un record di 35 punti, finendo per vincere il Super Bowl XXII per 42–10. Da ricordare, nella prestazione di Elway, il suo passaggio da touchdown da 56 yard per Ricky Nattiel a solo un minuto e 57 secondi dall'inizio della gara, all'epoca il più veloce touchdown nella storia del Super Bowl. Divenne anche il primo quarterback della storia dell'evento a ricevere un passaggio, quando fece registrare una ricezione da 23 yard su passaggio dell'halfback Steve Sewell. Con una difesa incapace di fermare l'attacco dei Redskins offense, Elway fu costretto a prendersi più rischi sul fronte offensivo. Come risultato, la sua prestazione fu abbastanza deludente: solamente 14 passaggi completati su 38 per 257 yard e un touchdown, con tre intercetti.

John Elway.

Dopo la stagione incolore del 1988, Elway portò nuovamente i Broncos ai playoff con il miglior record di conference. Dopo una sofferta vittoria contro i Pittsburgh Steelers (24-23 in rimonta, con TD vincente a 2'23" dalla fine), John Elway realizzò una grandissima prestazione nell'ennesima vittoria (37-21) contro i Browns nella finale AFC, con 385 yards e 3 touchdown passati senza intercetti e 39 yards corse. Tuttavia, per la terza volta, per il quarterback di Port Angeles il Super Bowl si dimostrò stregato: 10-55 contro i San Francisco 49ers, con Elway capace di segnare in corsa l'unico TD per Denver, ma con solo 108 yards lanciate e 2 intercetti al passivo).

Quando ormai la sua carriera pareva al termine, il trentasettenne Elway ritrovò nella stagione 1997 lo smalto degli anni migliori. I Broncos, notevolmente rafforzati dall'innesto del giovane running back Terrell Davis, finalmente si dotarono di un gioco equilibrato ed Elway concluse la stagione con 3.635 yards lanciate. Nei playoff, dopo la facile vittoria (42-17) contro i Jacksonville Jaguars, Denver andò a conquistare le vittorie in trasferta contro i Kansas City Chiefs (14-10 in rimonta) e contro i Pittsburgh Steelers (24-21). Nel Super Bowl, i Broncos riuscirono nell'impresa di superare 31-24 i favoritissimi campioni in carica dei Green Bay Packers. Nonostante statistiche non eccezionali sui lanci (12 completi su 22 per 123 yards e 1 intercetto), Elway mise il suo sigillo sulla partita, segnando un TD su corsa e compiendo l'Elicottero: nel III quarto, sul 17-17, in una situazione di III down e 6 yards, Elway, non trovando un ricevitore libero, si lanciò contro la difesa di Green Bay, venne colpito ma compiendo una piroetta in aria (in un movimento simile al rotore di un elicottero), Elway atterrò sulla linea delle 4 yards conquistando il primo down e, due giochi dopo, Denver segnò un TD decisivo.

Il 1998, l'ultimo della carriera di Elway, fu una stagione trionfale. I campioni in carica vinsero le prime 13 partite, chiudendo al primo posto della AFC (14-2 il record finale). Per il quarterback una stagione da 3.808 yards lanciate. Nei playoff Elway sconfisse 38-3 l'eterno rivale Dan Marino dei Miami Dolphins e, nella finale di conference, i New York Jets per 23-10 nella sua ultima partita al Mile High Stadium. Nel Super Bowl il trentottenne John Elway condusse i Broncos al trionfo per 34-19, venendo eletto MVP della partita: 18 passaggi completi su 29, 336 yards lanciate, un TD lanciato ed uno corso.

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Franchigia[modifica | modifica wikitesto]

Denver Broncos: XXXII, XXXIII

American Football Conference logo.svg American Football Conference Championship: 5

Denver Broncos: 1986, 1987, 1989, 1997, 1998

Individuale[modifica | modifica wikitesto]

1998
1987
1987, 1988, 1990, 1992, 1994, 1995, 1997, 1998, 1999
1987, 1993, 1996

Statistiche e record[modifica | modifica wikitesto]

Stagione regolare[modifica | modifica wikitesto]

¹Primo nella lega ²Secondo posto ³Terzo posto Pari
Anno Passaggi Corse
Ten Comp Yard TD Int Ten Yard Media TD
1983 259 123 1,663 7 14 28 146 5.2 1
1984 380 214 2,598 18 15 56 237 4.2 1
1985 605¹ 327² 3,891² 22 23 51 253 5.0 0
1986 504 280 3,485 19 13 52 257 4.9 1
1987 410 224 3,198 19 12 66 304 4.6 4
1988 496 274 3,309 17 19 54 234 4.3 1
1989 416 223 3,051 18 18 48 244 5.1 3
1990 502 294 3,526 15 14 50 258 5.2 3
1991 451 242 3,253 13 12 55 255 4.6 6
1992 316 174 2,242 10 17 34 94 2.8 2
1993 551¹ 348¹ 4,030¹ 25² 10 44 153 3.5 0
1994 494 307 3,490 16 10 58 235 4.1 4
1995 542 316 3,970 26 14 41 176 4.3 1
1996 466 287 3,328 26 14 50 249 5.0 4
1997 502 280 3,635 27 11 50 218 4.4 1
1998 356 210 2,806 22 10 37 94 2.5 1
Totale
(all-time)
7,250
(4°)
4,123
(4°)
51,475
(4°)
300
(5°)
226 774 3,407 4.4 33

Playoff[modifica | modifica wikitesto]

*compresi i Super Bowl
Anno Passaggi Corse
Ten Comp Yard TD Int Ten Yard Media TD
1983 15 10 123 0 1 3 16 5.3 0
1984 37 19 184 2 2 4 16 4.0 0
1986* 107 57 805 3 4 15 101 6.7 2
1987* 89 42 797 6 5 18 76 4.2 1
1989* 82 42 732 4 3 16 91 5.7 1
1991 54 30 378 1 2 10 49 4.9 0
1993 47 29 302 3 1 5 23 4.6 0
1996 38 25 226 2 0 5 30 6.0 0
1997* 96 56 726 3 2 9 25 2.8 1
1998* 86 45 691 3 1 9 34 3.8 1
Totale 651 355 4,964 27 21 94 461 4.9 6
  • 47 rimonte vincenti nell’ultimo quarto (record NFL);
  • unico giocatore ad aver lanciato oltre 3.000 yards e corso oltre 200 nella stessa stagione per 7 anni consecutivi (1985-1991);
  • è il più vecchio giocatore ad aver segnato un TD nel Super Bowl (a 38 anni);
  • è uno dei 4 QB ad aver lanciato almeno 3.000 yards per 12 stagioni.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) 1983 National Football League Draft, Pro Football Hall of Fame. URL consultato il 19 ottobre 2012.
  2. ^ http://www.profootballhof.com/hof/member.aspx?PLAYER_ID=64
  3. ^ Elway to Marino". 30 for 30. Stagione 2. 23 aprile 2013. ESPN.
  4. ^ (EN) In Denver, Delirium Is Spelled E-l-w-a-y, Sports Illustrated, 15 agosto 1983. URL consultato il 19 luglio 2014.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 8908493