Super Bowl XXII

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Super Bowl XXII
1 2 3 4 Totale
WAS 0 35 0 7 42
DEN 10 0 0 0 10
Edizione XXII
Data 31 gennaio 1988
Stadio Jack Murphy Stadium
Città San Diego
MVP Doug Williams
Inno nazionale Herb Alpert
Arbitro Bob McElwee
Halftime show Chubby Checker e le Rockettes
Spettatori 73.302
TV negli Stati Uniti
Network ABC
Telecronaca Al Michaels, Dan Dierdorf e Frank Gifford
Left arrow.svg XXI XXIII Right arrow.svg

Il Super Bowl XXII è stata una partita di football americano tra i campioni della National Football Conference (NFC), i Washington Redskins, e i campioni della American Football Conference (AFC), i Denver Broncos, per decidere il campione della National Football League (NFL) della stagione 1987. I Redskins batterono i Broncos con un punteggio di 42–10, vincendo il loro secondo Super Bowl. La gara si tenne il 31 gennaio 1988 al Jack Murphy Stadium di San Diego, California, la prima volta che il Super Bowl fu disputato in quella città.

Questa edizione del Super Bowl giunse alla fine di una stagione accorciata per uno sciopero dei giocatori. Ogni squadra saltò una partita della stagione regolare per tale disputa e tre partite furono disputate da giocatori di riserva. I Broncos giunsero a disputare il loro secondo Super Bowl consecutivo, il terzo in assoluto, dopo avere terminato la stagione regolare con un record di 10–4–1, grazie in particolare alle giocate del loro quarterback, John Elway. Questa fu l'ultima volta che una squadra che aveva pareggiato una partita nella stagione regolare raggiunse il Super Bowl fino a quando i San Francisco 49ers del 2012 giocarono il Super Bowl XLVII dopo un record di 11–4–1.

I Redskins, alla loro quarta presenza al Super Bowl, conclusero la stagione regolare con un bilancio di 11–4, guidati dal quarterback Doug Williams. Questa aveva iniziato la stagione come riserva ma fu promosso titolare a metà stagione, portando la squadra a due vittorie nei playoff.

Dopo avere terminato il primo quarto in svantaggio per 10-0, i Redskins segnarono 42 punti consecutivi, incluso un record di 35 punti nel secondo quarto, stabilendo diversi altri primati del Super Bowl. Williams, che fu nominato MVP, completò 18 passaggi su 29 passes per l'allora record dell'evento di 340 yard, con quattro touchdown e un intercetto. Divenne il primo giocatore nella storia del Super Bowl a passare quattro touchdown in un quarto e in un tempo. Williams divenne il primo quarterback afroamericano a guidare la sua squadra alla vittoria del Super Bowl[1] e al 2014 rimane uno degli unici due, assieme a Russell Wilson. Lo svantaggio di 10 punti recuperati rimane il massimo per una squadra vincitrice del Super Bowl.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Doug Williams embraces history, ESPN, 29 gennaio 2013. URL consultato il 6 settembre 2014.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]