Fenway Park

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Coordinate: 42°20′46.86″N 71°05′51.4″W / 42.34635°N 71.097611°W42.34635; -71.097611

Fenway Park
America's Most Beloved Ballpark
Fenway from Legend's Box.jpg
Informazioni
Stato Stati Uniti Stati Uniti
Ubicazione 4 Yawkey Way
Boston, Massachusetts 02215
Inizio lavori 25 settembre 1911
Inaugurazione 20 aprile 1912
Copertura Parziale
Pista d'atletica no
Costo 650.000 $ (16.42 milioni di $ col cambio attuale)
Ristrutturazione 1988, 2002-2011
Mat. del terreno Erba
Dim. del terreno Left Field - 310 ft (94.5 m)
Deep Left-Center - 379 ft (115.5 m)
Center Field - 389 ft 9 in (118.8 m)
Deep Right-Center - 420 ft (128 m)
Right Field - 380 ft (115.8 m)
Right Field - 302 ft (92 m)
Backstop - 60 ft (18 m)
Proprietario Fenway Sports Group
Progetto Osborn Engineering Corp. (1912)
Uso e beneficiari
Baseball Boston Red Sox (MLB) (1912-oggi)
Boston Braves (MLB) (1914-1915)
Football americano Boston Redskins (NFL) (1933-1936)
Boston Yanks (NFL) (1944-1948)
Boston Patriots (AFL) (1963-1967)
Calcio Boston Soccer Club (ASL) (1929)
Boston Beacons (NASL) (1968)
Capienza
Posti a sedere 38.805
 

Fenway Park è lo stadio dei Boston Red Sox.

La casa dei Boston Red Sox risuona dell'eco delle grida di grandi giocatori di baseball, tra cui possiamo citare: Cy Young, Babe Ruth, Jimmy Collins, Duffy Lewis, Tris Speaker, Harry Hooper, Joe Cronin, Bobby Doerr, Johnny Pesky, Ted Williams, Jimmie Foxx, Carlton Fisk, Jim Rice e Carl Yastrzemski.

Fenway Park è la seconda casa dei Red Sox. Nel 1901, i Boston Americans diventarono una delle squadre fondatrici dell'American League. Gli Americans giocarono nel campo di Huntington Avenue, adesso parte del campus della Northeastern University.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il proprietario del Boston Globe, il generale Charles Henry Taylor, un veterano della guerra civile, comprò la squadra per suo figlio John I. Taylor nel 1904. Per diversi periodi cambiarono nome passando per Puritans, Pilgrims e Plymouth Roks. Nel 1907, Taylor cambiò definitivamente il nome da Pilgrims a Red Sox. Nel 1910 stufo del contratto di affitto del Huntington Avenue Ground, Taylor annunciò che avrebbe costruito un nuovo stadio per i Red Sox. Il proprietario chiamo il nuovo stadio Fenway Park per la sua locazione nella così detta zona Fenway di Boston.

Il primo gennaio 2010 è stato sede dell'NHL Winter Classic tra i Philadelphia Flyers ed i Boston Bruins, vinta da quest'ultimi 2 a 1 all'over time.

Il 7 marzo 2012, in concomitanza con il centesimo anniversario della fondazione, è stato aggiunto al National Register of Historic Places. [1]

Luoghi Celebri[modifica | modifica wikitesto]

The Green Monster[modifica | modifica wikitesto]

Il Green Moster

The Green Monster ovvero il mostro verde è il soprannome dato al muro sinistro dello stadio. Il muro è alto 11.329 m ed è posizionato a 94 e 96 m dalle basi, questa piccola distanza spesso aiuto i battitori destrorsi.

Il muro fa parte dello stadio fin dalla sua costruzione nel 1912, è fatto di legno ma dal 1934 è rivestito di cemento e stagno a seguito dell'installazione del segnapunti. Nel 1976 il rivestimento in cemento e stagno è stato sostituito con uno in plastica. Malgrado il nome, il Green Monster non è stato verniciato di verde fino al 1947, prima di allora esso era coperto da manifesti pubblicitari.


The Lone Red Seat[modifica | modifica wikitesto]

The Lone Red Seat

The Lone Red Seat è il nome attribuito al posto 21, fila 37, settore 42 in cui è atterrato il più lungo fuoricampo mai realizzato nello stadio. Il fuoricampo battuto da Ted Williams il 9 giugno 1946 raggiunse i 153 m ben oltre la tribuna "Williamsburg". Secondo alcuni opinionisti di ESPN, la palla se non fosse stata ostacolata avrebbe potuto arrivare anche a 158-163 m. [2]

Capienza[modifica | modifica wikitesto]

  • 35,000 (1912–1946)
  • 35,500 (1947–1948)
  • 35,200 (1949–1952)
  • 34,824 (1953–1957)
  • 34,819 (1958–1959)
  • 33,368 (1960)
  • 33,357 (1961–1964)
  • 33,524 (1965–1967)
  • 33,375 (1968–1970)
  • 33,379 (1971–1975)
  • 33,437 (1976)
  • 33,513 (1977–1978)
  • 33,538 (1979–1980)
  • 33,536 (1981–1982)
  • 33,465 (1983–1984)
  • 33,583 (1985–1988)
  • 34,182 (1989–1990)
  • 34,171 (1991)
  • 33,925 (1992)
  • 34,218 (1993–1994)
  • 33,455 (diurna, 1995–2000); 33,871 (notturna, 1995–2000)
  • 33,577 (diurna, 2001–2002); 33,993 (notturna, 2001–2002)
  • 34,482 (diurna, 2003); 34,898 (notturna, 2003)
  • 34,679 (diurna, 2004–2005); 35,095 (notturna, 2004–2005)
  • 35,692 (diurna, 2006); 36,108 (notturna, 2006)
  • 36,109 (diurna, 2007); 36,525 (notturna, 2007)
  • 36,945 (diurna, 2008); 37,373 (notturna, 2008
  • 36,984 (diurna, 2009); 37,400 (notturna, 2009)
  • 36,986 (diurna, 2010); 37,402 (notturna, 2010)
  • 37,065 (diurna, 2011); 37,493 (notturna, 2011)
  • 37,067 (diurna, 2012); 37,495 (notturna, 2012)
  • 37,071 (diurna, 2013–oggi); 37,499 (notturna, 2013–oggi) [3]

Numeri Ritirati[modifica | modifica wikitesto]

Numeri Ritirati[4]
Numero Giocatore Posizione Anni con i Red Sox Data Ritiro del Numero Note
1 Bobby Doerr 2B 1937–44, 46–51 21 maggio 1988 US Army, 1945
4 Joe Cronin SS 1935–45 29 maggio 1984 Player-Manager
6 Johnny Pesky SS, 3B, 2B 1942, 46–52 28 settembre 2008 US Navy, 1943–45
8 Carl Yastrzemski LF, 3B, 3B 1961–83 6 agosto 1989
9 Ted Williams LF 1939–42, 46–60 29 maggio 1984 US Marines, 1943–45, 52–53
14 Jim Rice LF 1974–89 28 luglio 2009
27 Carlton Fisk C 1969, 71–80 4 settembre 2000
42 Jackie Robinson Brooklyn Dodgers 1947-1956, ritirato dalla Major League Baseball il 15 aprile 1997
I numeri ritirati, fuori dallo stadio

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Fenway Park is listed in the National Register of Historic Places - Business Updates - Boston.com
  2. ^ ESPN Home Run Tracker :: Hit Tracker Highlight Home Runs
  3. ^ Baseball Prospectus | Bizball: 2013 American League Attendance Projections
  4. ^ Retired Uniform Numbers in the American League, Baseball Almanac. URL consultato il 26 settembre 2008.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]