Ken Houston

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ken Houston
Dati biografici
Nazionalità Stati Uniti Stati Uniti
Altezza 191 cm
Peso 89 kg
Football americano American football pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Safety
Squadra Ritirato
Ritirato 1980
Hall of Fame Pro Football Hall of Fame (1986)
Carriera
Giovanili
Prairie View A&M
Squadre di club
1967 - 1972 Stemma Houston Oilers Houston Oilers
1973 - 1980 Stemma Washington Redskins Wash. Redskins
Statistiche aggiornate al 01/11/2012

Kenneth Ray Houston (Lufkin, 12 novembre 1944) è un ex giocatore di football americano statunitense che ha giocato nel ruolo di defensive back per quattordici stagioni nella American Football League (AFL) e nella National Football League (NFL) con gli Houston Oilers e i Washington Redskins. È stato indotto nella Pro Football Hall of Fame nel 1986.

Carriera professionistica[modifica | modifica sorgente]

Houston Oilers[modifica | modifica sorgente]

Houston fu scelto nel corso del nono giro del Draft AFL del 1967 dagli Houston Oilers della American Football League[1], divenendo titolare nella terza gara della sua stagione da rookie. Due settimane dopo, in una gara contro i New York Jets, Ken segnò due touchdown: uno su un tentativo di field goal bloccato ritornato per 71 yard e un altro su un ritorno da intercetto di 43 yard.

Nel 1971, Houston stabilì un record NFL con cinque touchdown segnati su ritorno (quattro da intercetti e uno da fumble). Questo primato resistette fino al 2006 quando Devin Hester segnò 6 touchdown su ritorni[2].

Washington Redskins[modifica | modifica sorgente]

Dopo sei stagioni con gli Oilers, Houston fu scambiato coi Washington Redskins per cinque giocatori veterani: l'offensive lineman Jim Snowden, il tight end Mack Alston, il wide receiver Clifton McNeil, il defensive end Mike Fanucci e il defensive back Jeff Severson. Coi Redskins, Houston fu convocato per sette Pro Bowl consecutivi.

Houston fu selezionato tra i migliori giocatori per 12 anni consecutivi: fu American Football League All-Star nel 1968 e 1969 e in seguito fu sempre convocato per il Pro Bowl tra il 1970 e il 1979. Inoltre fu inserito tre volte nella formazione ideale della stagione All-Pro. Nel 1999, fu classificato da The Sporting News al 61º posto nella classifica dei 100 migliori giocatori di tutti i tempi[3]. Nel 1986 è stato indotto nella Pro Football Hall of Fame.

Vittorie e premi[modifica | modifica sorgente]

Statistiche[modifica | modifica sorgente]

Partite totali 196
Intercetti fatti 49
Fumble recuperati 21

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) 1967 National Football League/American Football League Draft, Pro Football Hall of Fame. URL consultato l'8 marzo 2013.
  2. ^ (EN) Addai, Hester step lightly, make impact, USA Today, 1 febbraio 2007. URL consultato il 1 novembre 2012.
  3. ^ (EN) Football's 100 Greatest Players, The Sporting News, 1999. URL consultato il 1 novembre 2012.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]