Peyton Manning

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Peyton Manning
Peyton Manning (cropped).jpg
Manning nel 2012.
Dati biografici
Nazionalità Stati Uniti Stati Uniti
Altezza 196 cm
Peso 104 kg
Football americano American football pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Quarterback
Squadra Stemma Denver Broncos Denver Broncos
Carriera
Giovanili
1994-1997 Stemma Tennessee Volunteers Tennessee Volunteers
Squadre di club
1998-2011 Stemma Indianapolis Colts Indianapolis Colts
2012- Stemma Denver Broncos Denver Broncos
Palmarès
Super Bowl 1
MVP del Super Bowl 1
MVP della NFL 5
Selezioni al Pro Bowl 13
All-Pro 10
Per maggiori dettagli vedi qui
Statistiche aggiornate all'11 maggio 2014

Peyton Williams Manning (New Orleans, 24 marzo 1976) è un giocatore di football americano statunitense che gioca nel ruolo di quarterback per i Denver Broncos, dopo aver giocato per 14 anni consecutivi negli Indianapolis Colts della National Football League (NFL). Manning detiene il record per il maggior numero di titoli di MVP della NFL con cinque[1]. Fu scelto dai Colts come prima scelta assoluta nel Draft del 1998[2] dopo una carriera d'alto livello nel college football con i Tennessee Volunteers. È figlio dell'ex quarterback della NFL Archie Manning e fratello maggiore dell'attuale quarterback dei New York Giants, Eli Manning.

Manning detiene il record NFL per il maggior numero di stagioni consecutive con più di 4.000 yard passate (6) e il maggior numero di stagioni totali da più di 4.000 yard in carriera (13)[3]. Manning detiene inoltre il sesto passer rating della storia della NFL in carriera (94,9) ed è il leader di tutti i tempi tra i Colts in vittorie in carriera, yard passate in carriera, passaggi tentati, passaggi completati e touchdown su passaggio[4]. Nel 2009, fu messo al primo posto nella classifica di The Sporting News dei giocatori della NFL[5]. Lo stesso anno, Fox Sports lo nominò giocatore del decennio. Dalla sua scelta da parte dei Colts nel draft del 1998, la squadra ha avuto il più alto tasso di conversione di terzi down (44,6%) e quarti down (61,1%) della NFL. Mentre stava guidando i Colts alla vittoria del Super Bowl XLI nel 2007, Manning aiutò la squadra col record NFL record del 56,1% sulle conversioni dei terzi down[6].

Essendo un personaggio dall'elevato valore commerciale fuori dal campo di football, Manning è apparso in numerose pubblicità, è apparso sulle copertine dei videogiochi NFL Fever per Xbox, ha condotto un episodio di Saturday Night Live ed ha prestato la propria voce in un episodio dei Simpson, in compagnia dei suoi fratelli, Eli e Cooper.[7][8][9]

L'abitudine di Manning prima degli snap è diventata una delle immagini più famose nella NFL[10]. Prima di ogni giocata, la squadra offensiva generalmente si ammucchia; invece, Manning e i Colts evitavano quasi sempre l'ammucchiata, preferendo un attacco in tutta velocità dalla linea di scrimmage[11].

Nel 2010, Manning fu nominato ottavo miglior giocatore della storia dell'NFL, secondo la top 100 della stessa NFL, unico giocatore in attività tra i primi dieci[12]

Carriera universitaria[modifica | modifica wikitesto]

Il numero 16 di Manning è stato ritirato dai Volunteers nel 2005.

Manning giocò con i Tennessee Volunteers, squadra rappresentativa dell'Università del Tennessee. Divenne il leader di tutti i tempi di Tennessee con 11.201 yard passate e 89 touchdown, vincendo 39 gare su 45 da titolare, superando il record della Southeastern Conference (SEC) per vittorie in carriera[13][14].

Carriera professionistica[modifica | modifica wikitesto]

(EN)
« "To me, he's the greatest of all time. He's a friend of mine, and someone that I always watch and admire, because he always wants to improve, he always wants to get better, and he doesn't settle for anything less than the best. So, when you watch the best and you're able to learn from the best, hopefully that helps me get better." »
(IT)
« "Per me, è il migliore di tutti i tempi. È un mio amico e qualcuno che ho sempre guardato e ammirato perché vuole sempre migliorarsi, lui vuole sempre fare meglio e non si accontenta di niente di meno che del meglio. Perciò, quando guardi il migliore e impari dal migliore, la speranza è di migliorare anche personalmente." »
(Tom Brady su Peyton Manning[15])

Indianapolis Colts[modifica | modifica wikitesto]

Manning nel Draft NFL 1998 è stato selezionato come 1ª scelta assoluta dai Colts[16]. Ha debuttato nella NFL il 6 settembre 1998 contro i Miami Dolphins. Dal suo esordio alla stagione 2010 Manning non ha saltato una partita da titolare. 13 anni di grandissime prestazioni con un Super Bowl vinto nella stagione 2007, prima di un grave infortunio al collo che lo ha tenuto fuori per tutta la stagione 2011.

Il 15 febbraio 2011 i Colts hanno usato la franchise tag su di lui, togliendolo così immediatamente dal mercato dei free agent. Il 30 luglio ha rifirmato un contratto di 5 anni.

1998: stagione da rookie[modifica | modifica wikitesto]

Nella sua stagione da debuttante, Manning passò per 3.739 yard con 26 touchdown, stabilendo cinque diversi record per un rookie nella NFL, compreso il maggior numero di passaggi da touchdown in una stagione e fu introdotto nell'NFL All-Rookie First Team[17]. La prima vittoria di Manning giunse con un altro quarterback rookie, l'amico Ryan Leaf, 17–12 sui Chargers. Settimane dopo, Manning se la dovette vedere con Steve Young; lì lanciò per 3 touchdown, pareggiando il record per un rookie dei Colts ma i 49ers calciarono il field goal della vittoria, 34–31[18]. In novembre, contro i Jets, Manning lanciò 3 touchdown nella vittoria 24–23; per questa prestazione fu nominato giocatore offensivo della settimana della AFC. Fu il primo drive che portò alla vittoria della carriera di Manning quando pescò Marcus Pollard con il passaggio da touchdown vincente[19]. Manning fu certamente la nota positiva della stagione 1998 per i Colts ma ebbe anche il record negativo della lega con 28 intercetti e la squadra faticò con un record di 3-13 ed una difesa che concesse più di 27 punti a gara. I Colts persero molte partite punto a punto, comprese cinque partite in cui erano stati in vantaggio di dieci o più punti[20].

1999: prima stagione da 4.000 yard[modifica | modifica wikitesto]

I Colts aprirono la stagione 1999 con una vittoria 31–14 su Buffalo ma la settimana seguente sprecarono un vantaggio di 28–7 sui Patriots e persero[21]. Dopo aver superato San Diego 27–19 in una gara dove Manning lanciò per 400 yard, e fu nominato giocatore offensivo della settimana della AFC, persero nuovamente contro Miami[22]. I Colts risposero vincendo 11 delle rimanenti 12 gare, terminando 13–3 e vincendo la division AFC East. Le 10 gare vinte in più della stagione precedente stabilirono un record NFL[23].Col secondo miglior record della AFC, i Colts si guadagnarono il bye al primo turno e affrontarono Tennessee in quello successivo. I Colts persero 19–16 contro i futuri partecipanti al Super Bowl e Manning fu tenuto ad un solo touchdown su corsa[24]. Manning terminò l'anno con 4.135 yard su passaggio e 26 touchdown, fu premiato con la presenza nel Second-team All-Pro e nel suo primo Pro Bowl, both firsts for him. Nel Pro Bowl, Peyton passò per 270 yard con 2 touchdown.

2000[modifica | modifica wikitesto]

Manning con la maglia dei Colts

I Colts iniziarono male la stagione 2000. Dopo una vittoria nella gara di apertura contro Kansas City, essi persero 21–0 contro i Raiders. Nel Monday Night successivo i Colts si rifecero con una vittoria su Jacksonville 43–14 dove Manning passò per 430 yard e 4 touchdown; Manning vinse il premio AFC Offensive Player of the Week fper questa prestazione[25]. I Colts vinsero quattro delle successive 5 partite, compresa una contro New England in cui Manning mise insieme il primo passer rating perfetto della sua carriera. Purtroppo, in seguito essi persero 4 delle successive 5 partite. Dopodiché i Colts si ripresero, vincendo le 3 gare rimanenti, compresa una vittoria 31–10 su Minnesota nella settimana 17. Manning passò per 4 touchdown in quella vittoria e vinse nuovamente il premio AFC Offensive Player of the Week, dando ai Colts un record di 10–6 e centrando la wild card dei playoff[26]. Nel primo turno di playoff, i Colts furono sconfitti dai Dolphins, 23–17 nei tempi supplementari. Manning passò per 194 yard ed un touchdown nella sconfitta[27]. Egli terminò la stagione con 4.413 yard su passaggio e 33 touchdown entrando nuovamente nel Second-team All-Pro e nel Pro Bowl[28]. Al Pro Bowl, Manning lanciò due passaggi da touchdown.

2001[modifica | modifica wikitesto]

Manning e i Colts introdussero nella lega la loro nuova firma con l'attacco senza la mischia prima degli snap usandola efficacemente nella prima settimana con una vittoria sui Jets per 45–24. Due settimane dopo (le gare della seconda settimana non vennero disputate a causa degli attacchi dell'11 settembre), i Colts si portarono sul 2–0 con una vittoria su Buffalo, grazie alla prestazione di Manning con 421 yard passate. Peyton fu nominato AFC Offensive Player of the Week per questa gara. La settimana seguente, i Colts persero contro New Englande continuarono il loro momento negativo perdendo anche le due gare successive[29]. I Colts per un po' si ripresero, vincendo due gare, ma perdendo sette delle ultime nove, compresa una sconfitta casalinga 40-21 coi 49ers. Manning lanciò il suo massimo in carriera di intercetti in quella partita, con coach Jim Mora che pronunciò il suo infame: "Playoffs? non mi parlate di playoff. Mi state prendendo in giro. Playoff? Sto solo cercando di vincere una partita, un'altra partita" in conferenza stampa[30]. Malgrado un record di 6-10, Manning terminò la stagione con 4.131 passing yards, 26 passaggi da touchdown e 4 touchdown su corsa con l'attacco che fu il secondo per punti della lega. Ad ogni modo, la difesa concesse il maggior numero di punti a partita e Jim Mora fu licenziato a fine stagione.

2002[modifica | modifica wikitesto]

Tony Dungy diventò il secondo coach nella carriera di Manning in NFL. I Colts iniziarono la stagione 2002 con record di 4–1, prima di perdere una striscia di 3 partite consecutive che li portarono sul 4–4. I Colts risposero vincendo tutte le partite rimanenti tranne due, compresa una vittoria a sorpresa 35–13 sugli Eagles in cui Manning ebbe un passer rating perfetto per la seconda volta in carriera, dando alla squadra un record finale di 10-6 ed un posto nella post-season. Ad ogni modo i Colts furono distrutti dai Jets nel Wild Card game, 41–0, con Manning che passò solo per 137 yard. Peyton finì la stagione con 4.200 yard passate e 27 TD venendo convocato nuovamente per il Pro Bowl. Nel Pro Bowl, Manning completò 5 passaggi su 11 per 100 yard ed un touchdown.

2003: Prima volta MVP[modifica | modifica wikitesto]

Il 2003 dei Colts iniziò con un perfetto 5–0, compreso un netto 55–21 sui Saints in cui Manning giocò la sua terza partita con un passer rating perfetto, g lanciando un record in carriera di 6 touchdown e guadagnandosi il titolo di AFC Offensive Player of the Week honors. Nel Monday Night Football contro i Buccaneers campioni in carica, Manning e i Colts erano in svantaggio 35-14 negli ultimi cinque minuti. Dopo un drive veloce chiuso con un TD, i Colts recuperarono l'onside kick. Manning lanciò un passaggio da touchdown da 28 yard per Marvin Harrison sul quarto & 6 portando il punteggio a 35-28. Con 1:41 rimanente, Manning riebbe indietro la palla e guidò la squadra con drive da 85 yard e il passaggio da TD del pareggio. Nei supplementari i Colts calciarono il field goal della vittoria con l'incredibile punteggio di 35-38. Fu la prima ed unica volta nella storia della NFL che una squadra vincesse una partita dopo essere stata in svantaggio di 21 punti negli ultimi quattro minuti del tempo regolamentare. Manning chiuse la partita con 386 yard passate[31].

Dopo una sconfitta nei supplementari contro Carolina, i Colts vinsero tutte le rimanenti gare tranne 3, terminando 12–4[32]. Il 30 novembre i Colts ospitarono i Patriots, i quali avevano un record di 9-2 Patriots, nella partita che avrebbe segnato l'inizio della maggior rivalità della NFL nell'arco della decade. I Colts erano in svantaggio 31-10 verso la fine del terzo quarto quando Manning lanciò tre passaggi da TD nell'arco di sei minuti pareggiando la partita. Nuovamente sotto per 38-34 nei minuti finali, i Colts ebbero tre giocate sulla linea delle 1 yard per tentare di segnare il touchdown vincente. Edgerrin James fu fermato nel quarto down da Willie McGinest ed i Patriots vinsero[33]. Nella settimana 14 nella vittoria su Atlanta, Manning lanciò per 5 touchdown venendo nominato giocatore della settimana per la seconda volta. Vinse inoltre il premio di giocatore offensivo della AFC del mese di ottobre.

Nei playoff, nel turno delle Wild Card, Manning e i Colts sconfissero i Denver Broncos 41–10, la sua prima vittoria nei playoff. Peyton passò per 377 yard e 5 touchdown nella, nuovamente con un perfetto passer rating, il secondo della stagione ed il quarto in carriera. Dopo la gara, Manning fu premiato come miglior giocatore della settimana per la terza volta in stagione. Nel turno seguente, Manning guidò i Colts alla vittoria 38–31 sui Kansas City Chiefs. Entrambe le squadre non calciarono alcun punt nella partita. Nella finale della AFC, Manning fu fermato dai New England Patriots e dalla loro fortissima difesa, mettendo insieme il terzo peggior passer rating della carriera con 35,5. La difesa dei Patriots lo intercettò quattro volte e gli inflisse quattro sack, coi Colts che persero 24–14.

Durante la stagione, Manning fu nominato giocatore offensivo del mese dell'AFC a settembre ed alla fine co-MVP della stagione, insieme al quarterback dei Titans Steve McNair[34]. Manning ricevette inoltre il premio ESPY come miglior giocatore NFL. Manning guidò la lega con 4.267 yard passate e lanciò 29 touchdown; fu inserito nel First-team All-Pro e venne convocato per il Pro Bowl dove passò per 342 yards e 3 touchdown, perdendo 55-52[35].

2004: Secondo MVP[modifica | modifica wikitesto]

i Colts nel 2004 aprirono la stagione con una sconfitta 27–24 coi Patriots, dopo che Mike Vanderjagt sbagliò il field goal del pareggio nei secondi finali della partita. I Colts vinsero le quattro gare successive compreso un 45–31 su Green Bay in cui Manning lanciò 5 touchdown, vincendo il premio AFC Offensive Player of the Week. Le due partite successive coincisero con le sconfitte contro Jacksonville e Kansas City, malgrado Manning abbia lanciato per un totale di 840 yard nelle due gare. I Colts si ripresero vincendo 8 partite consecutive prima di perdere l'ultima gara della stagione regolare contro Denver, una gara in cui Manning giocò solo la prima serie. Durante il mese di novembre, Manning fu nominato AFC Offensive Player of the Week due volte; una volta per la sua prestazione da 5 touchdown nel netto 49–14 su Houston e una per il 41–9 su Detroit il Giorno del Ringraziamento in cui passò 6 touchdown in meno di tre quarti. Grazie alle sue prestazioni di novembre, Manning vinse il premio di giocare offensivo del mese dell'AFC. Fu nominato AFC Offensive Player of the Week per la quarta volta nella settimana 16 contro San Diego dove guidò i Colts alla vittoria 34–31 dopo aver rimontato 15 punti nell'ultimo quarto. Con i Colts bloccati sul quarto e 4 nelle loro 26 yard, Manning fece uscire il punter dal campo e completò un passaggio da 19 yard per Reggie Wayne per il primo down. Terminò quel drive con un passaggio da TD da 21 yard per Brandon Stokley, il suo 49º della stagione, superando il record di Dan Marino di 48. Dopo la conversasione da due punti del pareggio, Manning ebbe la palla per primo nei tempi supplementari che fu vinto con un field goal. I Colts con quella vittoria si classificarono al terzo posto nel tabellone della AFC[36].

Durante la stagione, Manning passò per 4.557 yard con passer rating da record di 121,1 (superato nel 2011 da Aaron Rodgers) e il già citato record di 49 passaggi da touchdown. Per il secondo anno consecutivo fu nominato miglior giocatore della stagione con 49 voti su 50, vinse il premio di giocatore offensivo dell'anno e fu nominato miglior giocatore NFL agli ESPY Awards per il secondo anno consecutivo; Manning ricevette inoltre un altro ESPY Award per il record dei 49 TD pass. I Colts finirono con un record di 12–4 e il secondo titolo della AFC South consecutivo. Tre ricevitori dei Colts ebbero più di 1.000 yards e 10 touchdown quella stagione, un altro record. Le statistiche del sito Football Outsiders calcolarono che Manning ebbe la miglior stagione di sempre per un quarterback nel 2004[37].

Nel turno delle Wild Card contro Denver, Manning passò per 458 yard e 4 touchdown. La stagione dei Colts del 2004 terminò nuovamente a Foxborough la settimana successiva con la sconfitta 20–3 contro New England, con Manning che ebbe un rating di 69,3, il più basso stagionale. Fu la settima sconfitta consecutiva di Manning coi Patriots a Foxborough ed i tre punti dei Colts furono il loro minimo dalla gara di apertura della stagione 2003. Manning fu nominato del titolare del Pro Bowl; al Pro Bowl, passò 3 touchdown nella vittoria 38–27 e fu nominato MVP dell'incontro[38]. Manning fu anche introdotto unanimemente nel First-team All-Pro.

2005[modifica | modifica wikitesto]

Manning nel Pro Bowl 2006

Nel 2005, i Colts ebbero una difesa molto migliorata rispetto agli anni precedenti. Messo insieme ciò col proprio attacco, essi vinsero le prime 13 partite, compresa la rivincita 40–21 sui vincitori degli ultimi due Super Bowl, New England. Questa fu la prima vittoria in trasferta di Manning sui Pats su 8 tentativi ed i suoi 3 touchdown gli fecero vincere il premio di AFC Offensive Player of the Week. All'inizio della settimana 15, i Colts avevano un perfetto 13–0 come record, si erano assicurati la vittoria della AFC South ed il vantaggio casalingo in tutte le partite dei playoff. Tuttavia, Tony Dungy decise di far giocare tutti i proprio titolari contro i Chargers. I Colts giocarono una gara mediocre con San Diego e persero presto le possibilità di vincere; il punteggio finale fu di 26–17. Manning finì la stagione con 3.747 yard passate, la prima volta che scese sotto le 4.000 dalla sua stagione da rookie nel 1998, principalmente dovuto al fatto che Manning rimase in panchina per la maggior parte del tempo delle ultime due partite, non avendo la squadra altri traguardi da conquistare. Il suo rating di 104,1 fu il migliore della lega in quella stagione.

Nei playoff, i Pittsburgh Steelers fecero visita all'RCA Dome nel secondo turno dei playoff. Nel quarto quarto, con pochi minuti rimanenti sul cronometro, Manning lanciò l'intercetto che poi si sarebbe rivelato quello che avrebbe chiuso la gara ad opera di Troy Polamalu. I Colts poi andarono per tentare di segnare il field goal che avrebbe chiuso il match. Sul quarto down, Manning subì un sack sulla goal linee la gara sembrò finita con gli Steelers che erano ad una yard dal touchdown. Nella giocata seguente però, ci fu un fumble di Jerome Bettis raccolto dal difensore dei Colts Nick Harper che sembrava avere un percorso abbastanza agevole per andare a segnare il punto della vittoria. Questo non accadde perché il quarterback degli Steelers Ben Roethlisberger si tuffò di fronte ad Harper placcandolo ad una gamba e salvando la sua squadra dal touchdown. Successivamente i Colts arrivarono 27 yard, prima che Mike Vanderjagt sbagliasse il field goal a tempo ormai scaduto.

Manning giunse secondo nella votazioni per l'MVP stagionale dietro Shaun Alexander, chiudendo la sua striscia di due anni. Vinse il premio Uomo dell'Anno Walter Payton Man of the Year e fu nominato FedEx Air Player of the Year, insieme a Tom Brady e Carson Palmer. Manning fu inserito nella prima formazione ideale per il terzo anno consecutivo e convocato per il Pro Bowl dove passò per un TD ed ebbe tre intercetti[39].

2006: Vittoria del Super Bowl[modifica | modifica wikitesto]

Manning e i Colts del 2006 fanno visita al Presidente George W. Bush alla Casa Bianca.

Manning aprì la stagione 2006 contro i New York Giants di suo fratello Eli nel Sunday Night Football (il primo "Manning Bowl"). Fu la prima gara della storia della NFL in cui i quarterback titolari erano due fratelli e la squadra di Peyton vinse 26-21. Manning passò per 400 yard contro i Texans in una vittoria 43-24, guadagnandosi il titolo di AFC Offensive Player of the Week. Vinse nuovamente questo premio per le 345 yard e i 4 passaggi da TD contro i Redskins nella settimana 7). Un secondo viaggio a New York, questa volta per sfidare i Jets, produsse un'altra vittoria per i Colts. Dopo essere passati in vantaggio due volte nel quarto periodo, Manning dovesse guidare un terzo drive vincente, questa volta terminato con una QB sneak da una yard e il TD su corsa vincente nell'ultimo minuto, per un punteggio finale di 31-28.

A Denver, Manning guidò nuovamente altri tre drive finiti a punti vincendo 34-31. Peyton completò 32 passaggi su 39 per 345 yard e 3 TD. Dopo una seconda vittoria consecutiva su New England ed una vittoria casalinga su Buffalo, i Colts erano l'ultima squadra imbattuta sul 9-0. La loro prima sconfitta avvenne a Dallas. Rallentati da una difesa sulle corse che concedeva oltre 100 yard a partita, i Colts stavano erano 11-4 prima della partita finale. Contro Miami, Manning lanciò per 282 yards, 2 TD ed un altro TD su corsa. I Colts vinsero 27-22, vinsero l'AFC South ed ottennero il terzo posto nel tabellone della AFC. Manning fu nominato AFC Offensive Player of the Week. Terminò la stagione regolare con 4.397 yard passate e guidando la lega con 31 passaggi da touchdown. Anche il suo passer rating (101,0) fu il più alto della lega per il terzo anno consecutivo. Manning contribuì a stabilire il record NFL per il tasso di conversione di terzi down in una stagione (56,1%).

Malgrado tre intercetti, Manning completò 30 passaggi su 38 ed i Colts batterono i Kansas City Chiefs nel turno delle wild card 23–8[40]. La settimana seguente furono limitati a 5 field goal senza TD ma sconfissero i Baltimore Ravens 15–6. Nella finale della AFC contro i rivali Patriots, i Colts si seguente i Colts si ritrovarono in svantaggio 14–3 dopodiché Manning lanciò un intercetto che fu ritornato in TD da Asante Samuel dando a New England un vantaggio di 21-3. Manning guidò i Colts a segnare 32 nel secondo tempo per la vittoria 38-34. La segnatura finale giunse alla fine dell'ultimo periodo quando Manning guidò i Colts ad un drive di 80 finito con un touchdown e passando in vantaggio per la prima volta nella partita. Egli terminò la gara con 349 yard passate ed 2 TD (1 su corsa). La rimonta fu la più larga nella storia di una finale di conference.

Manning guidò i Colts alla vittoria 29–17 sui Chicago Bears nel Super Bowl XLI e fu votato Super Bowl MVP. Manning, che era stato criticato per aver fallito le grandi partite in passato, esorcizzò questo suo demone con la vittoria. "I precedenti erano stati deludenti quando la nostra squadra è uscita presto" disse ai giornalisti "In qualche modo siamo riusciti ad imparare da quelle sconfitte che ci hanno reso una squadra migliore."[41] Per il suo ruolo nella cavalcate dei Colts, Manning fu premiato da ESPY col titolo di Best Championship Performance. Manning fu nuovamente convocato per il Pro Bowl ed inserito nella seconda squadra ideale; nel Pro Bowl giocò solo due, passando per 67 yard. In seguito alla vittoria del Super Bowl, acconsentì a ristruttura il suo contratto per far risparmiare ai Colts 8,2 milioni di dollari nel salary cap.

2007[modifica | modifica wikitesto]

I Colts di Manning aprirono la stagione con 7 vittorie, portandolo al match con gli imbattuti Patriots in un match soprannominato "Super Bowl 41.5". Manning e Addai aiutarono i Colts ad essere in vantaggio 13–7 e alla fine del primo tempo ed un TD all'inizio del quarto periodo portò il risultato sul 20–10. Ad ogni modo, Brady guidò i Patriots con due touchdown alla scadere, causando a Manning la prima sconfitta stagionale 24–20. Manning terminò la gara con 225 yard passate, un touchdown passato ed uno su corsa.

Manning non si riprese bene dalla sconfitta. Contro i San Diego Chargers lanciò la sua peggior prestazione in carriera e record di franchigia con 6 intercetti. Malgrado ciò, riuscì a riportare i Colts in partita da 23-0 a 23–21, dando ad Adam Vinatieri l'opportunità di passare in vantaggio con un field goal dalle 29 yard. L'errore di Vinatieriportò la squadra sul 7–2. Manning non giocò particolarmente bene nemmeno contro i Kansas City Chiefs, non lanciando alcun touchdown. Ad ogni modo, guidò i Colts al drive finale conclusosi col field goal vincete, correndo per 2 yard sul quarto e 1. Manning finì la gara con 163 yard passate, superando le 40.000 in carriera[42]. La vittoria fu la 100ª di Manning in carriera. I Colts vinsero le successive 5 gare, vincendo la AFC South e guadagnando il numero 2 nella AFC. Nella partita finale della stagione regolare, Manning giocò due sole serie prima di essere sostituito dalla riserva Jim Sorgi; i Colts persero contro i Titans, 16–10. Manning finì la stagione con 4.040 yard passate, 31 touchdown ed un rating di 98,0. Nel divisional round, Manning e i Colts persero coi Chargers, 28–24. Manning portò i Colts in vantaggio per 4 volte ma non riuscì a far segnare il TD finale della vittoria. Manning terminò la gara con 402 yard passate e 3 touchdown. Peyton fu inquadrato diverse volte nel Super Bowl XLII mentre tifava per il fratello Eli ed i New York Giants nella loro clamorosa vittoria sui New England Patriots. Manning fu nominato titolare del Pro Bowl dove passò per 147 yard ed un touchdown in tre serie.

2008: Terzo MVP[modifica | modifica wikitesto]

Il 14 luglio 2008, Manning si sottopose ad un intervento chirurgico per rimuovere una borsa sierosa infetta dal suo ginocchio sinistro[43]. Manning, che doveva portare un tutore al ginocchio sin dal college, rimase in panchina per tutte le gare della pre-stagione e saltò la maggior parte del training camp.

Manning coi Colts nel 2008

Nella prima gara al nuovo Lucas Oil Stadium, i Colts persero 29–13 coi Chicago Bears. La settimana seguente vinsero coi Vikings dopo essere stati sotto di 15 punti con Manning che passò per 311 yard. Nella terza partita i Colts persero coi Jaguars mentre la settimana seguente Manning dovette ribaltare la partita dopo aver iniziato in svantaggio il quarto quarto vincendo contro i Texans, con Peyton che passò 3 TD in poco più di due minuti.

Dopo sei partite i Colts affrontarono gli imbattuti Titans, perdendo dopo essere stati in vantaggio, perdendo notevoli possibilità di vincere la division. Nell'ottava giornata Manning e i Colts superarono gli storici rivali dei Patriots, privi di Tom Brady, portandosi sul 4-4.

Nella decima giornata Manning lanciò 3 TD per la 50ª volta in carriera aiutando i Colts a battere gli Steelers in trasferta per la prima volta dal 1968. A San Diego, Manning lanciò per 255 yard, 2 TD ed un intercetto nella vittoria 23–20. Quell'intercetto mise fine al suo record in carriera di 140 passaggi senza intercetti.

Nella vittoria 35–3 si Cincinnati Bengals, Manning passò 3 TD con 26 su 32 per 277 yard. Questo segnò l'11 stagione consecutiva da più di 20 TD di Manning, la seconda più lunga della storia.

Necessitando di una vittoria per centrare il quinto posto nei playoff, Manning giocò una delle migliori partite della carriera a Jacksonville nel Thursday Night Football. Lì completò i primi 17 passaggi della sua partita, avvicinandosi al record NFL di 24 di Donovan McNabb (compresi gli ultimi 6 della partita precedente). Manning finì con 29/34 nei passaggi per 364 yard e 3 TD, incrementando il suo record NFL di stagioni da 25 TD a 11. Manning vinse il premio di AFC Offensive Player of the Week per la terza volta nel 2008. Conquistò tale onore per la 19ª volta superando Dan Marino, recordman della specialità da quando il premio fu istituito nel 1984. A fine stagione Manning superò nuovamente le 4.000 yard, aumentando il proprio record NFL. A fine stagione fu nominato MVP per la terza volta, pareggiando il record di Brett Favre.

Manning nel Pro Bowl 2009.

Nei playoff i Colts sfidarono la loro nemesi della stagione precedente, i Chargers. Sotto 14-10 alla fine del primo tempo, i Colts passarono in vantaggio ma i Chargers pareggiarono e furono necessari i tempi supplementari. San Diego vinse il lancio della moneta estromettendo nuovamente Manning e i Colts dai playoff.

2009: Quarto MVP e seconda apparizione al Super Bowl[modifica | modifica wikitesto]

Nella stagione 2009, Manning iniziò battendo i Jaguars e lanciando per 301 yard nella prima partita col nuovo allenatore Jim Caldwell. Con la vittoria sui Dolphins nella seconda giornata, la 119ª in carriera, Manning raggiunse Johnny Unitas al quinto posto della classifica. I Colts iniziarono la stagione vincendo le prime 14 partite e perdendo solo le ultime 2. Nella settimana 15 Manning superò nuovamente le 4.000 yard passate mentre la settimana successiva divenne il quarto quarterback della storia a passare più di 50.000 yard in carriera.

Ricevuto il bye per il primo turno di playoff, i Colts superarono i Baltimore Ravens 20-3 con Manning che passò due TD e 246. Nella finale dell'AFC contro la forte difesa dei Jets, Peyton passò per 377 yard e 3 TD, raggiungendo il secondo Super Bowl in carriera. Manning stabilì un record per i playoff con la sua settima partita da 300 yard.

Nel Super Bowl XLIV contro i New Orleans Saints, i Colts persero 31-17 dopo aver iniziato con un vantaggio di 10-0 e Manning che fece un passaggio da TD di 96 yard (record pareggiato). Peyton finì con 333 yard passate che non furono sufficienti per vincere la partita, portando il suo record nella post season a 9-9. A fine anno venne comunque premiato come MVP della stagione per la quarta volta, un nuovo record.

2010[modifica | modifica wikitesto]

Manning in un pre-partita contro Denver il 26 settembre 2010.

La stagione 2010 iniziò per Manning con una sconfitta coi Texans in cui il giocatore stabilì il suo record di passaggi tentati (57) e completati (40) passando anche per 3 TD e 433 yard, la quarta prestazione in una gara d'apertura della storia. I Colts si ripresero vincendo le 9 partite seguenti prima di perdere contro i soliti Patriots, partita in cui Manning lanciò 4 TD per la 22ª volta in carriera, raggiungendo Dan Marino al secondo posto in questa classifica. A quella seguirono altre 2 sconfitte prima che i Colts vincessero le ultime 4 della stagione. Durante l'ultima gara di stagione regolare, Manning partì titolare per la 208ª volta consecutiva, superando il record di Gene Upshaw. Manning finì la stagione col record NFL di 450 completi su 679 tentativi (secondo nella storia) ed un record in carriera di 4700 yard passate.

Nei playoff, i Colts persero nel turno delle Wild Card contro i New York Jets 17-16 in una gara molto equilibrata. Manning ebbe un 18/26 nei passaggi per 225 yard ed un TD.

2011: Fuori per tutta la stagione[modifica | modifica wikitesto]

I Colts applicarono la franchise tag su Manning il 15 febbraio 2011[44]. Il 30 luglio 2011, i Colts fecero firmare a Manning un contratto quinquennale da 90 milioni di dollari durante le cui negoziazioni chiarì di non voler puntare a diventare il giocatore più pagato della NFL[45].

Dopo un'operazione al collo il 23 maggio 2011, il 7 settembre 2011 i Colts misero ufficialmente Manning fuori dal roster per la prima stagionale per la gara di apertura contro Houston, mettendo fine alla sua striscia di 208 gare da titolare consecutive (227 compresi i playoff); i Colts firmarono il ritirato Kerry Collins facendone il quarterback titolare ad interim. Dopo aver esaminato varie opzioni, Manning ebbe un'altra operazione l'8 settembre 2011. L'operazione fu per contrastare la fusione di due vertebre cervicali e il periodo di convalescenza sarebbe dovuto andare dai due ai tre mesi.

Manning disse di non aver intenzione di giocare nella stagione ma che non avrebbe contrastato la decisione della dirigenza in caso di necessità di farlo giocare. Manning iniziò nuovamente ad allenarsi a lanciare il pallone col compagno Joseph Addai a metà dicembre. Alla fine, Manning non giocò nemmeno una gara nel 2011, con i Colts che ebbero un record di 2–14, il peggiore della lega. Malgrado ciò, a fine stagione Manning fu votato al 50º posto nella NFL Top 100, l'annuale classifica dei migliori cento giocatori della stagione[46].

L'addio ai Colts[modifica | modifica wikitesto]

Il 7 marzo 2012, in un'intensa conferenza stampa congiunta, Manning e la franchigia dei Colts, rappresentata dal proprietario Jim Irsay, annunciarono la fine della loro avventura insieme durata 14 anni[47]. I Colts, reduci dalla stagione col peggior record della NFL ed in possesso della prima scelta assoluta nel Draft NFL 2012, decisero di iniziare la ricostruzione, partendo da un nuovo general manager, un nuovo capo-allenatore ed un nuovo quarterback titolare. Manning dichiarò che si sarebbe sentito per tutta la vita un giocatore dei Colts, indipendentemente dalla squadra per cui sarebbe andato a firmare mentre Irsay disse che la squadra aveva in progetto di ritirare il numero 18 indossato da Peyton, in modo che non fosse più indossato da nessuno[48]. Nella stessa conferenza stampa, Manning disse che la strada verso la sua completa riabilitazione dopo gli infortuni stava proseguendo bene e di non aver più nulla da dimostrare, negando tuttavia di aver già deciso in quale squadra avrebbe giocato nella stagione 2012[49][50].

Nei giorni seguenti l'addio ai Colts, Manning si incontrò con i rappresentanti dei Denver Broncos, dei Miami Dolphins, degli Arizona Cardinals, Tennessee Titans e dei San Francisco 49ers[51][52][53][54].

Denver Broncos[modifica | modifica wikitesto]

2012[modifica | modifica wikitesto]

Manning con la maglia dei Broncos nel 2012

Il 19 marzo 2012, Manning decise di firmare per i Denver Broncos[55][56]. Il giorno seguente, Peyton firmò un contratto quinquennale con la nuova squadra del valore di 96 milioni di dollari[57][58]. Ai Broncos, Manning decise di mantenere il numero 18, dopo una conversazione con l'ex quarterback della franchigia Frank Tripucka che lo autorizzò a portare il suo ex numero malgrado fosse stato ritirato dalla squadra[59].

Il 9 settembre 2012, nella prima gara con la nuova maglia e scendendo in campo dopo 610 giorni, Manning giocò bene nella vittoria dei Broncos contro gli Steelers per 31-19, completando 19 passaggi su 26 tentativi per 253 yard e 2 touchdown con cui superò, terzo nella storia della lega, i 400 in carriera[60][61]. Manning fu il più rapido giocatore a compiere tale impresa in 209 partite, contro le 227 di Dan Marino e le 228 di Brett Favre[62]. Nella sconfitta del turno successivo contro gli Atlanta Falcons invece, Peyton faticò molto lanciando ben tre intercetti nel primo quarto e concludendo con 247 yard passate e un passaggio da touchdown[63]. Nella settimana 3 i Broncos persero la seconda gara consecutiva: Manning passò 330 yard con 26 passaggi completati su ben 52 tentativi con 2 touchdown e nessun intercetto[64][65].

Nella settimana 4 i Broncos vinsero facilmente la seconda gara della stagione per 38-6 contro gli Oakland Raiders: Peyton passò per 338 yard e 3 touchdown[66]. Nel turno successivo i Broncos persero contro i Patriots con Manning che passò 345 yard, 3 touchdown e nessun intercetto subito[67].

Nella settimana 6, Peyton guidò i Broncos a un'epica rimonta contro i Chargers nel Monday Night Football: in svantaggio 24-0 alla fine del primo tempo, Manning lanciò tre passaggi da touchdown nel secondo tempo con Denver che segnò 35 punti consecutivi e vinse 35-24[68][69].

Dopo la settimana di pausa, i Broncos salirono a un record di 4-3 battendo nettamente i Saints: Manning giocò molto bene passando 305 yard con tre touchdown e nessun intercetto subito[70][71]. A seguito di questa prestazione divenne solamente il quarto giocatore della storia a passare oltre trecento yard e 3 touchdown per quattro gare consecutive[72]. Manning fu premiato come miglior giocatore offensivo del mese di ottobre della AFC dopo aver compleato il 74% dei suoi passaggi con 9 touchdown a fronte di un solo intercetto subito in tre gare[73].

Nella vittoria della settimana 9 sui Bengals il quarterback passò con 27/35 per 291 yard, 3 touchdown e 2 intercetti subiti[74]. Nel turno seguente, Manning e Broncos superarono i Carolina Panthers col quarterback che passò 301 yard e il 420º passaggio da touchdown della carriera, raggiungendo Dan Marino al secondo posto di tutti i tempi e dietro solo ai 508 di Brett Favre[75].

Nell'undicesimo turno, Manning, con 270 yard e 3 touchdown (1 intercetto), guidò i Broncos a un'altra vittoria sui Chargers, la sua 148a come quarterback titolare, raggiungendo John Elway al secondo posto per il massimo nella storia, dietro alle 186 del solito Bret Favre[76].

I Broncos vinsero la sesta gara consecutiva contro i derelitti Kansas City Chiefs col quarterback che passò 285 yard, 2 touchdown e subì un intercetto[77].

Nella settimana 13 Manning batté il record di franchigia dei Broncos per touchdown passati una stagione, superando i 28 di Jake Plummer e dell'uomo che lo aveva portato in Colorado, John Elway. Contro i Buccaneers, Denver vinse la settimana gara consecutiva e salì a un record di 9-3[78].

Manning nel Pro Bowl 2013.

Nel Thursay Night della settimana 14, Manning superò la quota di 5.000 passaggi completati giocati in carriera e disputò la sua settantesima partita da oltre 300 yard passate nella ottava vittoria stagionale consecutiva dei Broncos ai danni dei Raiders[79][80]. La domenica successiva Peyton guidò ancora Denver alla vittoria battendo in trasferta un avversario di valore come i Ravens grazie a 204 yard passate e un touchdown[81]. La decima vittoria consecutiva giunse contro i Browns il 23 dicembre con Manning che passò 339 yard, 3 touchdown e un intercetto[82]. Tre giorni dopo fu convocato per il dodicesimo Pro Bowl in carriera[83]. Con l'undicesima vittoria consecutiva ai danni dei Chiefs, Manning e i Broncos conclusero col miglior record della AFC. Dopo questa vittoria, Peyton fu nominato per la seconda volta nell'anno miglior giocatore offensivo del mese della AFC[84] per l'ottava volta in carriera quarterback della settimana[85]. La sua stagione regolare terminò con 4.659 yard passate, 37 passaggi da touchdown (terzo nella lega), 11 intercetti e il secondo miglior passer rating della NFL dietro Aaron Rodgers. Il 12 gennaio 2013 Manning fu inserito nel First-team All-Pro[86].

La grande stagione personale di Manning si concluse nel peggiore dei modi il 12 gennaio 2013 nel divisional round dei playoff. Contro i Ravens, in uno Sports Authority Field at Mile High congelato, in vantaggio di sette punti a un minuto dal termine, i Broncos prima si fecero rimontare e poi furono sconfitti con un field goal dopo due tempi supplementari, causato da un intercetto subito dal quarterback che consentì a Baltimore di calciare da una posizione di campo favorevole[87]. Manning terminò la gara con 290 yard passate, 3 touchdown, 2 intercetti e un fumble perso.

Il 2 febbraio 2013, la notte prima del Super Bowl XLVII, Manning fu premiato con l'NFL Comeback Player of the Year Award[88]. A fine anno fu posizionato al numero 2 nella classifica dei migliori cento giocatori della stagione[89].

Manning il 9 settembre 2012.

2013: stagione dei record, quinto MVP e sconfitta nel Super Bowl[modifica | modifica wikitesto]

Nella prima gara della stagione 2013, Manning e i Broncos si vendicarono dei Ravens che li avevano eliminati dai playoff nella stagione precedente, battendoli nettamente 49-27. Il quarterback disputò un'altra prestazione storica, pareggiando il record NFL di 7 passaggi da touchdown in una partita, appartenente a Sid Luckman, Adrian Burk, George Blanda, Joe Kapp e Y.A. Tittle (in seguito pareggiato anche da Nick Foles). Nella stessa gara raggiunse anche Brett Favre con la ventitreesima gara da almeno 4 touchdown passati e Drew Brees con la settima da almeno cinque touchdown[90][91]. Per questa prestazione fu premiato per la nona volta in carriera come quarterback della settimana[92] e come giocatore offensivo della AFC della settimana[93]. La settimana successiva vi fu il terzo scontro della carriera contro i Giants del fratello Eli, il cosiddetto Manning Bowl III, dove Peyton e i Broncos vinsero facilmente con 307 yard e 2 TD passati dal quarterback[94]. Con tre passaggi passati nel Monday Night Football contro i Raiders, Manning arrivò a quota 12 nelle prime tre gare della stagione, battendo il record NFL di Tom Brady di 11 nel 2011[95][96] e venendo premiato ancora una volta come giocatore offensivo della AFC della settimana[97] e come quarterback della settimana[98]. Con 327 yard passate e 4 touchdown nella vittoria per 52-20 sugli Eagles, Manning stabilì nuovi primati, tra cui il record di franchigia dei Broncos per maggior numero di punti segnati in una gara nei loro 54 anni di storia, maggior numero di touchdown segnati nel primo mese di stagione regolare (16 alla pari con Kurt Warner nel 1999), maggior numero di touchdown senza lanciare alcun intercetto (alla pari con Mit Plum nel 1960) e record NFL per maggior numero di gare con almeno 4 touchdown passati (24, superando Brett Favre)[99][100]. Quattro giorni dopo, Manning fu premiato per la settima volta in carriera come giocatore offensivo del mese della AFC[101].

Nella settimana 5 i Broncos lottarono coi Cowboys ma riuscirono a mantenersi imbattuti. Manning continuò a giocare su livelli altissimi passando 4 touchdown e subendo il primo intercetto stagionale[102]. Con le sue 414 yard passate superò quota 61.000 in carriera, superando Dan Marino al secondo posto nella classifica di tutti i tempi. La domenica successiva i Broncos faticarono più del previsto nel superare i Jaguars ancora a secco di vittorie, con Manning che terminò con 295 yard, 2 TD e un intercetto subito ritornato in touchdown[103].

La settimana 7 vide Manning tornare nella sua Indianapolis per affrontare i Colts del suo sostituto Andrew Luck che inflissero la prima sconfitta stagionale ai Broncos[104][105]. La squadra tornò alla vittoria la domenica successiva contro i Redskins con Peyton che passò 354 yard e 4 touchdown, ma subì anche 3 intercetti e perse un fumble[106][107]. Dopo la settimana di pausa, 330 yard e 4 touchdown passati da Manning aiutarono i Broncos ad avere ragione dei Chargers[108]. La domenica seguente Peyton e i Broncos inflissero la prima sconfitta casalinga ai Chiefs, l'ultima squadra rimasta imbattuta rimasta della lega, col quarterback che fu poco pressato per tutta la gara non subendo alcun sack e terminò con 323 yard e un TD[109][110].

Nel settimana 12 vi fu il quattordicesimo scontro della storia contro Brady. I Broncos si portarono in vantaggio per 24-0 alla fine del primo tempo ma lo dilapidarono tutto venendo sconfitti ai supplementari[111][112]. Peyton concluse con sole 150 yard passate, 2 touchdown e un intercetto, scendendo a un record di 4 vittorie e 10 sconfitte contro il rivale di sempre. La settimana successiva Denver tornò al successo battendo in trasferta i Chiefs rivali di division con Peyton che passò 403 yard e 5 touchdown (4 per Eric Decker), con due intercetti subiti[113][114]. Ancora una volta dopo questa prestazione fu eletto miglior quarterback della settimana[115].

Nella settimana 14 i Broncos centrarono la matematica qualificazione ai playoff battendo i Titans in casa per 51-28[116][117]. Manning rispose ad alcune recenti critiche che mettevano in discussione le sue prestazioni durante le gare giocate con climi rigidi con 397 yard passate e altri quattro touchdown, arrivando a quota 45 in stagione. Il giovedì successivo, in una delle più grosse sorprese dell'anno, i Broncos furono battuti dai Chargers che inflissero loro la prima sconfitta stagionale in casa. Con gli avversari che dominarono nel tempo di possesso del pallone, Manning terminò con 289 yard passate, 2 touchdown e un intercetto subito nell'ultimo quarto di gara che affossò il tentativo di rimonta dei suoi[118][119].

Nella settimana 16, Peyton si riappropriò del record NFL di passaggi da touchdown in una stagione, strappatogli da Brady nel 2007, passandone quattro contro i Texans e raggiungendo quota 51 nel 2013[120][121]. Battendo Houston, i Broncos si assicurarono la vittoria della AFC West e la possibilità di saltare il primo turno di playoff[122]. Ancora una volta Peyton fu premiato come giocatore offensivo della AFC della settimana[123] e come quarterback della settimana[124]. Il 27 dicembre fu premiato con la convocazione al Pro Bowl in carriera[125]. Il 27 dicembre fu convocato al Pro Bowl per la tredicesima volta in carriera[126]. Nell'ultima gara dell'anno contro i Raiders, Manning superò anche il record NFL di Drew Brees per yard passate in una stagione stagione portandolo a 5.477 e con altri 4 touchdown arrivò a quota 55[127]. Inoltre i Broncos superarono il record NFL stabilito dai Patriots del 2007 per il maggior numero di punti segnati in una stagione. Per la seconda volta in stagione fu premiato come miglior giocatore offensivo della AFC per le gare di dicembre[128].

Nel divisional round dei playoff, i Broncos batterono 24-17 i Chargers con Manning che passò 230 yard, 2 touchdown e un intercetto. Con il 57º passaggio da touchdown totale tra stagione regolare e playoff superò il record NFL di Dan Marino del 1984[129][130]. Il 19 gennaio nella finale della AFC, nel quindicesimo scontro della storia contro Brady, i Manning e i Broncos si vendicarono della sconfitta subita nella stagione regolare, avendo ragione dei Patriots con il punteggio di 26-16, qualificandosi per il Super Bowl XLVIII[131][132]. Peyton terminò con 400 yard passate e due touchdown una partita che lo vide divenire solamente il terzo quarterback titolare nella storia del Super Bowl a raggiungere la partita con due differenti squadre. In precedenza vi erano riusciti Craig Morton (che perse il Super Bowl V coi Dallas Cowboys e il Super Bowl XII coi Broncos) e Kurt Warner (che vinse il Super Bowl XXXIV e perse il Super Bowl XXXVI coi St. Louis Rams, dopo di che perse il Super Bowl XLIII con gli Arizona Cardinals). Il 1º febbraio, il giorno prima della finalissima, Manning fu premiato per la quinta volta in carriera come MVP della NFL[133] e per la seconda volta come giocatore offensivo dell'anno[134].

Nel Super Bowl XLVIII contro i Seattle Seahawks, i Broncos furono surclassati dagli avversari per 43-8, il Super Bowl col maggior divario degli ultimi vent'anni[135][136]. Manning stabilì un primato dell'evento con 34 passaggi completati, ma tutti di breve lunghezza, non riuscendo mai a trovare i suoi ricevitori con lanci in profondità, pressati dalla difesa di Seattle che si era classificata come la migliore della lega nella stagione regolare. Concluse con 280 yard passate, un passaggio da touchdown (allo scadere del terzo quarto, quando il punteggio era sul 36-0 per Seattle) e 2 intercetti subiti, di cui uno ritornato in touchdown, in una delle più cocenti delusioni della propria carriera.

2014[modifica | modifica wikitesto]

Manning il 14 settembre 2014.

Senza lo squalificato Wes Welker e con Eric Decker passato ai Jets, Manning iniziò la stagione 2014 battendo in casa i "suoi" Colts con 269 yard passate e 3 touchdown, tutti per Julius Thomas, raggiungendo Brett Favre come unico altro quarterback ad avere battuto tutte le 32 franchigie della lega[137][138]. La domenica successiva terminò con cifre simili (242 yard e tre touchdown) nella vittoria in una partita più equilibrata del previsto contro i Chiefs[139]. Nella settimana 3, Peyton e i Broncos fecero visita a Seattle, nella rivincita del Super Bowl di sette mesi prima. Denver rimontò uno svantaggio di 17-3 alla fine del primo tempo andando ad impattare la gara con un drive guidato da Manning nell'ultimo minuto che, senza timeout disponibili, portò i suoi a segnare un touchdown e la successiva conversione da due punti. Nei tempi supplementari però, i Seahawks ebbero il primo possesso del pallone, andando a segnare con Marshawn Lynch il touchdown della vittoria. Il quarterback chiuse con 303 yard passate, 2 touchdown passati e il primo intercetto subito in stagione[140]. In quella sfida lanciò il suo 100º passaggio da touchdown nella sua trentacinquesima gara coi Broncos, divenendo il più rapido quarterback della storia a compiere quell'impresa con una singola squadra, superando il precedente record di Marino di 44 gare[141].

Il 5 ottobre, dopo la la settimana di pausa, Manning raggiunse Brett Favre diventando uno degli unici due giocatori della storia ad avere lanciato 500 touchdown in carriera, passandone 4 (con 2 intercetti) oltre a 479 yard nella vittoria sugli imbattuti Cardinals[142], che gli valsero il premio di quarterback della settimana[143]. Due settimane dopo, con altri quattro touchdown passati nella vittoria sui 49ers arrivò a quota 510 in carriera, diventando il recordman di tutti i tempi della storia della NFL, venendo premiato come giocatore offensivo della AFC della settimana[144] e come quarterback della settimana[145]. Nella settimana 9 vi fu il sedicesimo scontro della storia contro Brady, con la vittoria che arrise per l'undicesima volta all'avversario di sempre. Peyton terminò quella gara con 438 yard passate, 2 touchdown e 2 intercetti subiti.

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Franchigia[modifica | modifica wikitesto]

Indianapolis Colts: Super Bowl XLI
Indianapolis Colts: 2006, 2009
Denver Broncos: 2013

Individuale[modifica | modifica wikitesto]

2006
2003 (condiviso con Steve McNair), 2004, 2008, 2009, 2013
2004
2004, 2013
2012
1999, 2000, 2002, 2003, 2004, 2005, 2006, 2007, 2008, 2009, 2010, 2012, 2013
2003, 2004, 2005, 2008, 2009, 2012, 2013
1999, 2000, 2006
  • Miglior giocatore offensivo del mese della AFC: 7
settembre 2003, novembre 2004, ottobre 2006, settembre 2009, ottobre e dicembre 2012, settembre 2013
2003, 2004, 2012, 2013
4ª e 5ª del 2003; 3ª e 12ª del 2004; 16ª del 2008; 3ª e 5ª del 2009; 17ª del 2012; 1ª, 3ª, 10ª e 16ª del 2013; 5ª e 7ª del 2014
6ª del 2012 e 5ª del 2013
2003, 2004, 2013
2005
1997

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Stagione regolare[modifica | modifica wikitesto]

Stagione Squadra Partite PT PV Passaggi Corse Passer rating
Completi Tentativi % Completi Yards TD INT Ten corse Yard corse Media TD
1998 IND 16 16 3 326 575 56,7 3.739 26 28 15 62 4,1 0 71,2
1999 IND 16 16 13 331 533 62.1 4.135 26 15 35 73 2,1 2 90,7
2000 IND 16 16 10 357 571 62,5 4.413 33 15 37 116 3,1 1 94,7
2001 IND 16 16 6 343 547 62,7 4.131 26 23 35 157 4,5 4 84,1
2002 IND 16 16 10 392 591 66,3 4.200 27 19 38 148 3,9 2 93,7
2003 IND 16 16 12 379 566 67,0 4.267 29 10 28 26 0,9 0 99,0
2004 IND 16 16 12 336 497 67,7 4.557 49 10 10 25 38 0 121,1
2005 IND 16 16 14 305 453 67,3 3.747 28 10 33 45 1,4 0 104,1
2006 IND 16 16 12 362 557 65,0 4.397 31 9 23 36 1,6 4 101,0
2007 IND 16 16 13 337 515 65,4 4.040 31 14 20 −5 −0,3 3 98,0
2008 IND 16 16 12 371 555 66,8 4,002 27 12 20 21 1,1 1 95,0
2009 IND 16 16 14 393 571 68,8 4,500 33 16 19 −13 −0,7 0 99,9
2010 IND 16 16 10 450 679 66,3 4.700 33 17 18 18 1,0 0 91,9
2011 IND 0 0 0 0 0 0,0 0 0 0 0 0 0 0 0,0
2012 DEN 16 16 13 400 583 68,6 4.659 37 11 23 6 0,3 0 105,8
2013 DEN 16 16 13 450 659 68,3 5.477 55 10 32 -31 -1,0 1 115,1
Carriera 240 240 167 5.532 8.452 65,4 64.964 491 219 401 697 1,7 18 97,2
Leader della lega, Record NFL

Playoff[modifica | modifica wikitesto]

Stagione Squadra Partite PV Passaggi Corse Passer rating
Completi Tentati % Completi Yard TD INT Ten corse Yard corse Media TD
1999 IND 1 0 19 42 45,2 227 0 0 2 22 11 1 62,3
2000 IND 1 0 17 32 53,1 194 1 0 1 −2 −2 0 82,0
2002 IND 1 0 14 31 45,2 137 0 2 1 2 2 0 31,2
2003 IND 3 2 67 103 65,0 918 9 4 4 3 0.8 0 106,4
2004 IND 2 1 54 75 72,0 696 4 2 2 7 3.5 1 107,4
2005 IND 1 0 22 38 57,9 290 1 0 0 0 0 0 90,9
2006 IND 4 4 97 153 63,4 1.034 3 7 8 3 0.4 1 70,5
2007 IND 1 0 33 48 68,7 402 3 2 1 −6 −6 0 97,7
2008 IND 1 0 25 42 59,5 310 1 0 1 −1 −1 0 90,4
2009 IND 3 2 87 128 68,0 956 6 2 3 −2 −0,7 0 99,0
2010 IND 1 0 18 26 69,2 225 1 0 0 0 0 0 108,7
2012 DEN 1 0 28 43 65,1 290 3 2 1 −1 −1 0 88,3
2013 DEN 3 2 91 128 71,1 910 5 3 3 -2 -0,7 0 94,2
Totale 23 11 587 874 61,7 6.589 37 24 27 23 0,5 3 86,8
Manning in posa con un tifoso.

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Manning nella cultura di massa[modifica | modifica wikitesto]

Manning è stato accreditato per aver migliorato l'immagine della città di Indianapolis. Un curatore dell'Indiana State Museum osservò che "non ci sarebbe stato alcun Super Bowl tenuto qui senza Peyton. Non ci sarebbe il Lucas Oil Stadium senza Peyton. Senza Peyton, i Colts sarebbero probabilmente a Los Angeles in questo momento"[146]. Egli diventò il giocatore dall'immagine commerciale più forte della lega, apparendo in diverse pubblicità televisive e sulla carta stampata per alcuni dei più grandi sponsor della NFL[147].

Manning fece un'apparizione in una puntata del Saturday Night Live nel 2008 in cui era in uno sketch ambientato nel football giovanile ed un'altra nel basket delle scuole superiori. Una pubblicità di This is SportsCenter su ESPN del 2006 comprese l'intera famiglia Manning; i genitori Archie ed Olivia, con i loro figli Peyton, Eli e Cooper, concludendosi negli studi di SportCenter con Peyton ed Eli a farsi degli scherzi davanti a tutti.

Manning apparve in una serie di spot di DirecTV dove le celebrità sono viste nel loro ambiente di lavoro per poi rivolgersi improvvisamente al telespettatore rompendo la quarta parete. In questa pubblicità veniva parodiata la sua routine pre-snap. Manning inoltre apparve per delle pubblicità per il St. Mary's Medical Center a Knoxville, Tennessee.

Manning condusse una puntata del Saturday Night Live con come ospite musicale Carrie Underwood il 24 marzo 2007, giorno del suo 31º compleanno. L'episodio fu il più visto dello show negli ultimi dieci mesi[148]. Durante l'apertura della puntata, Peyton alluse al suo status personaggio dall'elevato valore commerciale scherzando sul fatto di aver portato a termine i due obiettivi che si era proposto nella vita: vincere il Super Bowl con i Colts ed apparire in metà delle pubblicità americane. Il 27 maggio 2007, Manning sventolò la bandiera verde all'inizio della novantunesima edizione della Indianapolis 500[149].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ "Peyton Manning Wins Record 4th AP MVP in Landslide".
  2. ^ "1998 NFL Draft Analysis: Indianapolis Colts".
  3. ^ "Titans QB Volek throws for record yardage in first seven starts".
  4. ^ "Manning breaks Unitas' touchdown record".
  5. ^ "Sporting News' NFL Top 100: Colts QB Peyton Manning voted No. 1 by our panel of experts".
  6. ^ "Indianapolis Colts Release, Regular Season Game 10".
  7. ^ "Exclusive survey names Peyton Manning most marketable NFLer".
  8. ^ "Peyton Manning Returns to Quarterback "NFL Fever 2003"".
  9. ^ "SNL Scores Ratings Touchdown with Manning".
  10. ^ "Gone in 40 seconds: Peyton Manning's presnap routine".
  11. ^ "It's his call: in the Colts' offense, Peyton Manning selects the play at the line. This system isn't without flaws, but it usually gives Indianapolis an edge over opponents".
  12. ^ All-Time Top 100.
  13. ^ "Tennessee Football History and Records – Passing Leaders".
  14. ^ "Peyton Manning's College Stats".
  15. ^ "The ‘Top 100′ comes down to Brady-Manning".
  16. ^ (EN) 1998 National Football League Draft, Pro Football Hall of Fame. URL consultato il 7 ottobre 2012.
  17. ^ "Pro Football Reference".
  18. ^ "Manning sharp; Young sharper".
  19. ^ "2008 Indianapolis Colts Media Guide".
  20. ^ "Pro Football Reference – 1998 Indianapolis Colts".
  21. ^ "Indianapolis 31, Buffalo 14".
  22. ^ "Colts jolt Bolts; Indianapolis continues offensive show in San Diego".
  23. ^ "Year-By-Year Highlights of the Indianapolis Colts".
  24. ^ "Titans rope Colts, get Jags again".
  25. ^ "NFL: Roundup; Manning Throttles Jaguars".
  26. ^ "The Colts, Given Some Daylight, Burst Through to the Playoffs".
  27. ^ "Miami 23, Indianapolis 17".
  28. ^ "2000 All-Pro Second Team".
  29. ^ "Colts' curse continues at Foxboro".
  30. ^ "Manning throws career-high four interceptions".
  31. ^ Colts make one of greatest comebacks against Bucs D, CBSSports.com, 7 ottobre 2003. URL consultato il 7 febbraio 2012.
  32. ^ "Foster fills in for Davis as Panthers survive 23–20 in OT".
  33. ^ "Patriots good and lucky again, hold off Colts".
  34. ^ "CBS Sportsline – Peyton Manning".
  35. ^ http://www.highbeam.com/doc/1P1-89082397.html.
  36. ^ "Colts overcome 15-point deficit for 8th straight victory".
  37. ^ Football Outsiders: QUARTERBACKS 2004.
  38. ^ (EN) "Manning's three TDs guide AFC to 38–27 Pro Bowl victory".
  39. ^ "2005 NFL All-Pro Team".
  40. ^ "Colts defense elevates game to down Chiefs; Ravens next test".
  41. ^ "Super Bowl Victory Seals Legacy for Peyton Manning".
  42. ^ "Vinatieri drills winner to lift Colts over pesky Chiefs".
  43. ^ "Manning has bursa sac removed from knee".
  44. ^ "Colts put franchise tag on Manning while negotiating new deal.
  45. ^ Manning gets his deal, Colts look ahead.
  46. ^ NFL.com - Top 100 Players of 2012.
  47. ^ 'Thank you from the bottom of my heart'.
  48. ^ Irsay: 'No. 18 jersey will never be worn again'.
  49. ^ Manning cites progress in rehab, says he has nothing to prove.
  50. ^ Manning: 'Haven't thought about where I'll play next'.
  51. ^ Peyton Manning to meet with Broncos on Friday night.
  52. ^ Peyton Manning arrives at Cardinals' facility; Dolphins on tap?.
  53. ^ Peyton Manning believed to be headed to Titans meeting.
  54. ^ Peyton Manning reportedly works out for 49ers' Harbaugh.
  55. ^ Peyton Manning will sign a deal with the Broncos.
  56. ^ Peyton Manning sarà il nuovo quarterback dei Denver Broncos.
  57. ^ Peyton Manning, Broncos agree to five-year contract.
  58. ^ Peyton Manning, Broncos OK deal.
  59. ^ Ex-Bronco Tripucka says Manning can wear familiar No. 18.
  60. ^ Game center: Pittsburgh 19 Denver 31, NFL.com, 9 settembre 2012. URL consultato il 10 settembre 2012.
  61. ^ NFL 2012 Week 1: Risultati e Commenti, NFL Italia Blog, 10 settembre 2012. URL consultato il 10 settembre 2012.
  62. ^ Peyton Manning throws 400th career touchdown pass, NFL.com, 10 settembre. URL consultato il 10 settembre 2012.
  63. ^ (EN) Game center: Denver 21 Atlanta 27, NFL.com, 17 settembre 2012. URL consultato il 18 settembre 2012.
  64. ^ (EN) Game Center: Houston 31 Denver 25, NFL.com, 23 settembre 2012. URL consultato il 24 settembre 2012.
  65. ^ NFL 2012 Week 3 - Risultati e Commenti, NFL Italia Blog, 24 settembre 2012. URL consultato il 24 settembre 2012.
  66. ^ (EN) Game Center: Oakland 6 Denver 38, NFL.com, 30 settembre 2012. URL consultato il 2 ottobre 2012.
  67. ^ (EN) Game Center: Den ver 21 New England 31, NFL.com, 7 ottobre 2012. URL consultato l'8 ottobre 2012.
  68. ^ (EN) Game Center: Denver 35 San Diego 24, NFL.com, 15 ottobre 2012. URL consultato il 16 ottobre 2012.
  69. ^ NFL – Manning trascina i Broncos al successo contro i Chargers, Eat Sport, 16 ottobre 2012. URL consultato il 16 ottobre 2012.
  70. ^ (EN) Game Center: New Orleans 14 Denver 34, NFL.com, 28 ottobre 2012. URL consultato il 29 ottobre 2012.
  71. ^ NFL – Giants in volata sui Cowboys, dominio di Patriots e Broncos, Eat Sport, 29 ottobre 2012. URL consultato il 29 ottobre 2012.
  72. ^ (EN) Peyton Manning Nominated for FedEx Air Award, denverbroncos.com, 30 ottobre 2012. URL consultato il 6 novembre 2012.
  73. ^ (EN) Peyton Manning named AFC offensive player of the month, NBC Sports, 1º novembre 2012. URL consultato il 9 novembre 2012.
  74. ^ (EN) Game Center: Denver 31 Cincinnati 23, NFL.com, 4 novembre 2012. URL consultato il 7 novembre 2012.
  75. ^ (EN) Denver 36 Carolina 14, NFL.com, 11 novembre 2012. URL consultato il 12 novembre 2012.
  76. ^ (EN) Game Center: San Diego 23 Denver 30, NFL.com, 18 novembre 2012. URL consultato il 19 novembre 2012.
  77. ^ (EN) Game Center: Denver 17 Kansas City 9, NFL.com, 25 novembre 2012. URL consultato il 28 novembre 2012.
  78. ^ (EN) Game Center: Tampa Bay 23 Denver 21, NFL.com, 2 dicembre 2012. URL consultato il 3 dicembre 2012.
  79. ^ (EN) Game Center: Denver 26 Oakland 13, NFL.com, 7 dicembre 2012. URL consultato il 7 dicembre 2012.
  80. ^ Denver Broncos ancora vincenti nel Thursday Night NFL, Eat Sport, 7 dicembre 2012. URL consultato il 7 dicembre 2012.
  81. ^ (EN) Game Center: Denver 34 Baltimore 17, NFL.com, 16 dicembre 2012. URL consultato il 18 dicembre 2012.
  82. ^ (EN) Game Center: Cleveland 12 Denver 34, NFL.com, 23 dicembre 2012. URL consultato il 25 dicembre 2012.
  83. ^ (EN) 2013 Pro Bowl rosters, NFL.com, 26 dicembre 2012. URL consultato il 27 dicembre 2012.
  84. ^ (EN) Peyton Manning Named AFC Offensive Player Of The Month, milehighreport.com, 3 gennaio 2013. URL consultato il 3 gennaio 2013.
  85. ^ (EN) Peyton Manning, Alfred Morris Voted FedEx Air & Ground Players of the Week, NFL.com, 4 gennaio 2013. URL consultato il 4 gennaio 2013.
  86. ^ (EN) All-Pro Team headlined by Adrian Peterson, J.J. Watt, NFL.com, 12 gennaio 2013. URL consultato il 13 gennaio 2013.
  87. ^ (EN) Ravens top Broncos in double OT, NFL.com, 12 gennaio 2013. URL consultato il 13 gennaio 2013.
  88. ^ (EN) Peyton Manning wins Comeback Player of the Year, NFL.com, 3 febbraio 2013. URL consultato il 3 febbraio 2013.
  89. ^ (EN) Top 100 Players of 2013, NFL.com, 27 giugno 2013. URL consultato il 28 giugno 2013.
  90. ^ (EN) Peyton Manning tosses seven TD passes; Broncos roll, NFL.com, 5 settembre 2013. URL consultato il 6 settembre 2013.
  91. ^ Nfl, Peyton Manning si supera. Denver annienta Baltimore, La Gazzetta dello Sport, 6 settembre 2013. URL consultato il 9 settembre 2013.
  92. ^ (EN) Peyton Manning is FedEx Air Player of the Week, NFL.com, 14 settembre 2013. URL consultato il 14 settembre 2013.
  93. ^ (EN) Broncos’ Peyton Manning named AFC Offensive Player of the Week, The Denver Post, 11 settembre 2013. URL consultato il 14 settembre 2013.
  94. ^ (EN) Game Center: Denver 43 New York 23, NFL.com, 15 settembre 2013. URL consultato il 18 settembre 2013.
  95. ^ (EN) Game Center: Oakland 21 Denver 37, NFL.com, 23 settembre 2013. URL consultato il 24 settembre 2013.
  96. ^ Nfl, Manning ancora strepitoso: Denver stritola Oakland, La Gazzetta dello Sport, 24 settembre 2013. URL consultato il 24 settembre 2013.
  97. ^ (EN) Broncos' Peyton Manning among Players of the Week, NFL.com, 25 settembre 2013. URL consultato il 25 settembre 2013.
  98. ^ (EN) FedEx Air Player of the Week: Peyton Manning, NFL.com, 27 settembre 2013. URL consultato il 27 settembre 2013.
  99. ^ (EN) Game Center: Philadelphia 20 Denver 52, NFL.com, 29 settembre 2013. URL consultato il 1º ottobre 2013.
  100. ^ Nfl, Manning al top, Flacco flop; che colpi Detroit e Seattle, La Gazzetta dello Sport, 30 settembre 2013. URL consultato il 30 settembre 2013.
  101. ^ (EN) Peyton Manning, Jimmy Graham win players of month, NFL.com, 3 ottobre 2013. URL consultato il 3 ottobre 2013.
  102. ^ (EN) Game Center: Denver 51 Dallas 48, NFL.com, 7 ottobre 2013. URL consultato l'8 ottobre 2013.
  103. ^ (EN) Game Center: Jacksonville 19 Denver 35, NFL.com, 13 ottobre 2013. URL consultato il 15 ottobre 2013.
  104. ^ (EN) Game Center: Denver 33 Indianapolis 39, NFL.com, 20 ottobre 2013. URL consultato il 21 ottobre 2013.
  105. ^ Nfl: Manning torna a Indianapolis e perde. Kansas unica imbattuta, Houston k.o., La Gazzetta dello Sport, 21 ottobre 2013. URL consultato il 21 ottobre 2013.
  106. ^ (EN) Game Center: Washington 23 Denver 45, NFL.com, 27 ottobre 2013. URL consultato il 28 ottobre 2013.
  107. ^ Nfl, riscatto Denver, Washington ci prova ma soccombe, La Gazzetta dello Sport, 28 ottobre 2013. URL consultato il 28 ottobre 2013.
  108. ^ (EN) Game Center: Denver 28 San Diego 20, NFL.com, 10 novembre 2013. URL consultato l'11 novembre 2013.
  109. ^ (EN) Game Center: Kansas City 17 Denver 27, NFL.com, 17 novembre 2013. URL consultato il 18 novembre 2013.
  110. ^ Nfl, Kansas City si ferma a Denver; nessuna squadra è più imbattuta, La Gazzetta dello Sport, 18 novembre 2013. URL consultato il 18 novembre 2013.
  111. ^ (EN) Game Center: Denver 31 New England 34, NFL.com, 24 novembre 2013. URL consultato il 25 novembre 2013.
  112. ^ Nfl, Brady firma la rimonta Patriots. San Diego ringrazia Philip Rivers, La Gazzetta dello Sport, 25 novembre 2013. URL consultato il 25 novembre 2013.
  113. ^ (EN) Game Center: Denver 35 Kansas City 28, NFL.com, 1º dicembre 2013. URL consultato il 2 dicembre 2013.
  114. ^ Nfl, Manning show: i Broncos mettono in crisi i Chiefs, La Gazzetta dello Sport, 2 dicembre 2013. URL consultato il 2 dicembre 2013.
  115. ^ (EN) Peyton Manning is FedEx Air Player of the Week, NFL.com, 6 dicembre 2013. URL consultato il 6 dicembre 2013.
  116. ^ (EN) Game Center: Tennessee 28 Denver 51, NFL.com, 8 dicembre 2013. URL consultato il 9 dicembre 2013.
  117. ^ Nfl, i Saints bloccano i Panthers. Vittoria thrilling per i Patriots, La Gazzetta dello Sport, 9 dicembre 2013. URL consultato l'11 dicembre 2013.
  118. ^ (EN) Game Center: San Diego 27 Denver 20, NFL.com, 12 dicembre 2013. URL consultato il 13 dicembre 2013.
  119. ^ Nfl, Denver Broncos-San Diego Chargers 20-27: Mathews maratoneta, Manning delude, La Gazzetta dello Sport, 13 dicembre 2013. URL consultato il 13 dicembre 2013.
  120. ^ (EN) Peyton Manning sets record with 51 touchdown passes, NFL.com, 22 dicembre 2013. URL consultato il 23 dicembre 2013.
  121. ^ Nfl, Manning record: a Denver l'Afc West. Hixon all'ultimo respiro, Carolina ride, La Gazzetta dello Sport, 23 dicembre 2013. URL consultato il 23 dicembre 2013.
  122. ^ (EN) Game Center: Denver 37 Houston 13, NFL.com, 22 dicembre 2013. URL consultato il 23 dicembre 2013.
  123. ^ (EN) AFC & NFC Players of the Week, iHigh.com, 24 dicembre 2013. URL consultato il 26 dicembre 2013.
  124. ^ (EN) Peyton Manning is FedEx Air Player of the Week, NFL.com, 27 dicembre 2013. URL consultato il 27 dicembre 2013.
  125. ^ (EN) 2014 Pro Bowl: Complete rosters, NFL.com, 27 dicembre 2013. URL consultato il 28 dicembre 2013.
  126. ^ (EN) 2014 Pro Bowl: Complete rosters, NFL.com, 27 dicembre 2013. URL consultato il 28 dicembre 2013.
  127. ^ (EN) Game Center: Denver 34 Oakland 14, NFL.com, 29 dicembre 2013. URL consultato il 31 dicembre 2013.
  128. ^ (EN) Peyton Manning, McCoy among Players of the Month, NFL.com, 2 gennaio 2013. URL consultato il 2 gennaio 2014.
  129. ^ (EN) Broncos hold off Chargers for trip to AFC title game, NFL.com, 12 gennaio 2014. URL consultato il 13 gennaio 2014.
  130. ^ (EN) Nfl, colpo 49ers a casa dei Panthers, La Gazzetta dello Sport, 13 gennaio 2014. URL consultato il 13 gennaio 2014.
  131. ^ (EN) Broncos best Patriots en route to Super Bowl berth, NFL.com, 19 gennaio 2014. URL consultato il 20 gennaio 2014.
  132. ^ Nfl, Denver e Seattle al Super Bowl di New York, La Gazzetta dello Sport, 20 gennaio 2014. URL consultato il 20 gennaio 2014.
  133. ^ (EN) Denver Broncos' Peyton Manning is MVP for fifth time, NFL.com, 1º febbraio 2014. URL consultato il 2 febbraio 2014.
  134. ^ (EN) Broncos' Peyton Manning earns Offensive Player of the Year, NFL.com, 1º febbraio 2014. URL consultato il 2 febbraio 2014.
  135. ^ (EN) Seahawks crush Broncos for first Super Bowl win, NFL.com, 2 febbraio 2014. URL consultato il 3 febbraio 2014.
  136. ^ (EN) Super Bowl, la difesa annienta Manning, Seattle stravince: campione per la prima volta, La Repubblica, 3 febbraio 2014. URL consultato il 3 febbraio 2014.
  137. ^ (EN) Game Center: Indianapolis 34 Denver 31, NFL.com, 7 settembre 2014. URL consultato l'8 settembre 2014.
  138. ^ Nfl, Buffalo e Atlanta vincono all'overtime. Ok Jets, 49ers e Broncos, La Gazzetta dello Sport, 8 settembre 2014. URL consultato il 9 settembre 2014.
  139. ^ (EN) Game Center: Kansas City 17 Denver 24, NFL.com, 14 settembre 2014. URL consultato il 15 settembre 2014.
  140. ^ (EN) Game Center: Denver 20 Seattle 26, NFL.com, 22 settembre 2014. URL consultato il 22 settembre 2014.
  141. ^ Jhabvala, Nicki, By the Numbers: Broncos’ Week 3 loss to the Seahawks in The Denver Post, 21 settembre 2014. URL consultato l'8 novembre 2014.
  142. ^ (EN) Game Center: Arizona 20 Denver 41, NFL.com, 5 ottobre 2014. URL consultato il 6 ottobre 2014.
  143. ^  (EN) FedEx Air&Ground Players of the Week. NFL.com, 10 ottobre 2014. URL consultato in data 10 ottobre 2014.
  144. ^ (EN) Peyton Manning, Rodgers lead Players of the Week, NFL.com, 22 ottobre 2014. URL consultato il 22 ottobre 2014.
  145. ^  (EN) Week 7: FedEx Air and Ground winners. NFL.com, 23 ottobre 2014. URL consultato in data 24 ottobre 2014.
  146. ^ "Ten Conversations About One Quarterback".
  147. ^ "Exclusive survey names Peyton Manning most marketable NFLer".
  148. ^ "SNL Scores Ratings Touchdown with Manning".
  149. ^ (EN) "Super Bowl MVP Manning To Wave Green Flag To Start 91st Indy 500".

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Record NFL: passaggi da touchdown in una stagione Successore
Tom Brady 2013-presente Attivo
Predecessore Record NFL: yard passate in una stagione Successore
Drew Brees 2013-presente Attivo

Controllo di autorità VIAF: 75630965 LCCN: n98058681