Andre Johnson

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Andre Johnson
Andre Johnson (WR) - Houston Texans.jpg
Dati biografici
Nazionalità Stati Uniti Stati Uniti
Altezza 191 cm
Peso 103 kg
Football americano American football pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Wide receiver
Squadra Stemma Houston Texans Houston Texans
Carriera
Giovanili
Stemma Miami Hurricanes Miami Hurricanes
Squadre di club
2003- Stemma Houston Texans Houston Texans
Palmarès
Selezioni al Pro Bowl 7
All-Pro 5
Per maggiori dettagli vedi qui
Statistiche aggiornate al 21 aprile 2014

Andre Lamont Johnson (Miami, 11 luglio 1981) è un giocatore di football americano statunitense che gioca nel ruolo di wide receiver degli Houston Texans della National Football League. Alla stagione NFL 2010–11, Johnson è al primo posto nella classifica di tutti tempi della NFL per yard ricevute a partita (80,7 yard/partita) in carriera. Al college ha giocato a football all'Università di Miami.

Carriera professionistica[modifica | modifica sorgente]

Houston Texans[modifica | modifica sorgente]

2003[modifica | modifica sorgente]

Johnson fu scelto come terzo assoluto nel Draft 2003[1]. Johnson assunse l'avvocato esperto di diritto sportivo Don West Jr. per negoziare il suo contratto da rookie con i Texans[2]. Johnson firmò un contratto di sei anni del valore di 39 milioni di dollari e fu in grado di presentarsi in tempo training camp malgrado la lunghezza della negoziazione. Il contratto da rookie di Johnson incluse oltre 13,501 milioni di dollari garantiti in compensazioni[3].

Nella sua stagione da rookie, Johnson giocò tutte le 16 partite stagionali da titolare, facendo registrare 66 ricezioni per 976 yard e 4 touchdown. Nel 2004 ebbe la prima di una serie di grandissime annate, mettendo a segnò 79 ricezioni per 1.142 yard e 6 touchdown, venendo selezionato per il suo primo Pro Bowl.

2004-2007[modifica | modifica sorgente]

Nella stagione successiva, Johnson giocò solo 13 partite a causa di un infortunio, mettendo a segno 63 ricezioni per 688 yard e 2 touchdown. Di ritorno dall'infortunio nel 2006, Johnson guidò la NFL in ricezioni con 103 per 1.147 yard e 5 TD, venendo nuovamente convocato per il Pro Bowl.

Il 3 marzo 2007, i Texans fecero firmare a Johnson un'estensione contrattuale di sei anni, l'accordo fu del valore di 60 milioni di dollari, compresi 15 milioni garantiti[4].

Nel 2007, Johnson saltò 7 gare a causa di un infortunio. Tornò a metà stagione finendo con 851 yard ricevute ed un record in carriera di 8 touchdown ricevuti. Andre guidò la NFL nel 2007 in yard ricevute a partita con 95,6.

2008-2010[modifica | modifica sorgente]

Il 14 dicembre 2008, Johnson giocò la sua prima partita da 200 yard ricevendone 207 yard con 1 touchdown nella vittoria dei Texans 13–12 sui Titans. Johnson terminò la stagione 2008 con i record in carriera di 115 e 1575 yard ricevuti (entrambi migliori risultati della lega) e ricevendo 8 TD . Quella stessa stagione, Johnson divenne il primo giocatore nella storia della NFL history a registrare 7 gare con almeno 10 ricezioni.

Johnson in allenamento nel 2010.

Dopo la fine della stagione 2009, conclusa con 101 prese per 1569 yard e 9 touchdown (nuovo primato in carriera), Johnson raggiunse Jerry Rice come unico altro giocatore ad aver guidato la lega in yard ricevute per più stagioni consecutive dalla fusione con la AFL[5].

Il 4 agosto 2010, Johnson divenne il più pagato ricevitore nella storia della NFL quando firmò un'estensione contrattuale di due, la quale portò la scadenza del suo contratto al 2016.

Johnson viene allontanato da un arbitro dopo la rissa con Cortland Finnegan dei Tennessee Titans

Il 28 novembre 2010, Johnson ebbe una rissa contro il cornerback dei Tennessee Titans Cortland Finnegan durante la 12ª settimana della stagione a Houston. I loro caschi volarono via durante lo scontro, con Finnegan che tolse l'elmetto a Johnson, cadde al tappeto e fu preso a pugni nella testa. Entrambi i giocatori furono levati dalla partita ed evitarono sospensioni ma furono multati di 25.000 dollari per le loro azioni[6]. A fine anno, Johnson fu nuovamente convocato per il Pro Bowl.

2011[modifica | modifica sorgente]

Le cose iniziarono bene per i Texans nella stagione 2011 e Johnson nelle prime tre settimana ricevette 7 passaggi in ogni partita 7 passaggi, ricevendo sempre almeno 90 yard e segnando 2 TD. Purtroppo, proprio mentre una delle stelle della squadra, il running back Arian Foster, stava tornando da un infortunio, Johnson stesso subì un infortunio nella settimana 4 contro i Pittsburgh Steelers.Nel secondo quarto, mentre Johnson stava tentando di ricevere un passaggio da Matt Schaub, cadde senza venire toccato, infortunandosi al tendine del ginocchio. L'infortunio lo tenne fuori per sei settimane, fino al dodicesimo turno della stagione contro i Jacksonville Jaguars.

Nella settimana 13 contro gli Atlanta Falcons, Johnson compì quattro ricezioni per 97 yard, compreso un passaggio da 50 yard, il più lungo della stagione. Durante il terzo periodo della gara però. Andre si infortunò nuovamente al tendine rimanendo fuori per altre 3 gare tornando nell'ultima gata stagionale contro i Tennessee Titans. Johnson giocò un numero limitato di snap dal momento che i Texans erano già sicuri della vittoria per la prima volta nella loro storia della AFC South e del terzo posto nella conference. La prima qualificazione ai playoff della franchigia nella sua storia avvenne praticamente senza i suoi migliori giocatori offensivi dell'anno precedente dal momento che Johnson, Foster e il QB Shaub furono in campo insieme soltanto in tre partite della stagione.

Nella sua partita di debutto nei playoff, Andre non deluse le attese. Egli ricevette 5 palloni per un totale di 90 tard, compreso un touchdown da 40 yard. I Texans vinsero 31-10 e avanzarono al divisional round dove persero coi Baltimore Ravens. Johnson ricevette 8 passaggi per 111 yard durante la partita. A fine stagione, il giocatore fu votato al 15º posto nella NFL Top 100, l'annuale classifica dei migliori cento giocatori della stagione[7].

2012[modifica | modifica sorgente]

Il 9 settembre, nella partita di debutto della stagione 2012, Andre iniziò la stagione nel migliore dei modi ricevendo 119 yard e segnando un touchdown nella vittoria dei Texans per 30-10 in casa dei Miami Dolphins[8]. Con la vittoria sui Denver Broncos della settimana 3, i Texans partirono per la prima volta nella loro storia con un record di 3-0: Johnson ricevette due passaggi per 72 e segnò uno spettacolare touchdown da oltre 60 yard[9]. Nella settimana 4 i Texans continuarono la loro marcia da imbattuti superando nettamente i Tennessee Titans con Andre che ricevette 3 passaggi per 56 yard[10].

Nella settimana 6 i Texans subirono la prima netta sconfitta stagionale contro i Packers: Johnson guidò la squadra con 8 ricezioni per 75 yard, superando il muro delle 10.000 yard ricevute in carriera[11]. Houston si rifece nel turno successivo dominando i Baltimore Ravens per 43-13 con Andre che guidò nuovamente la squadra con 86 yard ricevute [12].

Dopo la settimana di pausa, i Texans batterono agevolmente i Buffalo Bills con il ricevitore che guadagnò 118 yard[13]

Nella settimana 11, i Texans, la squadra col miglior record della lega, vinsero una partita epica contro i Jacksonville Jaguars, ultimi nella NFL con una sola vittoria. Tra continui ribaltamenti di fronte, Houston la spuntò ai supplementari, con Johnson che giocò una partita stratosferica con 14 passaggi ricevuti (record di franchigia) per 273 yard, primato in carriera e nona prestazione di tutti i tempi, e un touchdown da 48 yard che decise la gara ai supplementari [14][15].

Nella gara del Giorno del Ringraziamento Johnson e i Texas giocarono una gara simile alla precedente, vincendo solo ai supplementari contro i Detroit Lions. Andre ricevette nove passaggi per 188 yard[16][17].

A fine mese, Johnson fu votato come miglior giocatore offensivo della AFC di novembre, periodo in cui ricevette 35 passaggi per 614 yard[18].

Nel Monday Night Football della settimana 14 Houston perse la seconda gara stagionale contro i Patriots malgrado 95 yard ricevute da Johnson[19]. La domenica successiva, 151 yard ricevute (con un touchdown) permisero al giocatore di superare quota 11.000 in carriera. Nella settimana 15 Houston si assicurò il secondo titolo di division consecutivo battendo i Colts[20]. Una settimana dopo i Texans persero la terza gara del 2012 contro i Minnesota Vikings con Andre che ricevette 97 yard[21]. Tre giorni dopo fu convocato per il sesto Pro Bowl in carriera come titolare della AFC[22].

Nell'ultimo turno di campionato i Texans si giocarono la possibilità di saltare il primo turno di playoff perdendo la terza gara nelle ultime quattro. Contro i Colts, Johnson ricevette 12 passaggi per 141 yard[23]. La sua stagione regolare si concluse con 112 ricezioni (quarto nella NFL), 1.598 yard (secondo) e 4 touchdown. Il 12 gennaio 2013 fu inserito nel Second-team All-Pro[24].

Come l'anno precedente, i Texans eliminarono facilmente i Bengals nel primo turno di playoff con Johnson che ricevette 4 passaggi per 62 yard[25]. La stagione di Houston si arrestò per il secondo anno consecutivo nel divisional round a causa della sconfitta contro i Patriots, con Andre che ricevette 95 yard[26].

A fine anno, Johnson fu posizionato al numero 14 nella classifica dei migliori cento giocatori della stagione[27].

2013[modifica | modifica sorgente]

Nella prima gara della stagione, i Texans rimontarono uno svantaggio di 21 punti alla metà del terzo quarto sui San Diego Chargers a cui Johnson contribuì con 12 ricezioni per 146 yard[28]. Dopo una vittoria anche nella settimana seguente, i Texans precipitarono arrivando a perdere sei gare consecutive. Johnson segnò i primi touchdown della stagione solo nella settimana 9 quando ricevette 229 yard e 3 TD dal quarterback rookie Case Keenum nella sconfitta contro i Colts[29], nella gara in cui superò le 12.000 yard ricevute in carriera. La domenica successiva altri due touchdown segnati non furono sufficienti per battere i Cardinals[30]. Nella settimana 11 ricevette 116 yard ma si fece notare soprattutto per un acceso diverbio a bordo campo con Schaub, entrato a sorpresa nel terzo quarto per sostituire l'ottimo Keenum, coi Texans che persero l'ottava gara consecutiva[31].

Nel settimana 13, con 154 yard ricevute, Johnson raggiunse l'Hall of Famer Don Maynard al quinto posto nella classifica di tutti i tempi per il maggior numero di gare da cento yard ricevute[32]. I Texans persero però l'undicesima gara consecutiva, costando la panchina all'allenatore Gary Kubiak. Il 27 dicembre fu premiato con la settimana convocazione al Pro Bowl in carriera[33]. La sua stagione si concluse al terzo posto nella lega con 109 ricezioni, per 1.407 yard e 5 touchdown, mentre i Texans terminarono col peggior record della NFL (2-14). A fine anno fu votato al 21º posto nella NFL Top 100 dai suoi colleghi[34].

2014[modifica | modifica sorgente]

Nella prima gara della stagione 2014, Johnson guidò i suoi con 93 yard ricevute nella vittoria contro i Reskins che interruppe una striscia negativa di 14 sconfitte negative dei Texans[35].

Palmarès[modifica | modifica sorgente]

2004, 2006, 2008, 2009, 2010, 2012, 2013
2006, 2008, 2009, 2010, 2012
  • MVP degli Houston Texans: 4
2006, 2008, 2009, 2010
  • Wide Receiver dell'anno: 3
2006, 2008, 2009
  • Leader della lega in yard ricevute: 2
2008, 2009
  • Giocatore offensivo del mese della AFC: 2
ottobre 2008, novembre 2012

Statistiche[modifica | modifica sorgente]

Stagione regolare

  Ricezioni Corse Fumble
Anno Squadra P PT Ric Yard Media Max TD Ten Yard Media Max TD Fatti Persi
2003 Stemma Houston Texans Houston Texans 16 16 66 976 14,8 46 4 5 −10 −2,0 11 0 0 0
2004 Stemma Houston Texans Houston Texans 16 16 79 1.142 14,5 54 6 4 12 3,0 14 0 1 1
2005 Stemma Houston Texans Houston Texans 13 13 63 688 10,9 53 2 6 10 1,7 5 0 1 1
2006 Stemma Houston Texans Houston Texans 16 16 103 1.147 11,1 53 5 3 14 4,7 18 0 1 0
2007 Stemma Houston Texans Houston Texans 9 9 60 851 14.2 77 8 0 0.0 0 0 0 1 1
2008 Stemma Houston Texans Houston Texans 16 16 115 1.575 13,7 65 8 0 0.0 0 0 0 1 1
2009 Stemma Houston Texans Houston Texans 16 16 101 1.569 15,5 72 9 2 10 5,0 7 0 1 0
2010 Stemma Houston Texans Houston Texans 13 13 86 1.216 14,1 60 8 2 10 5,0 7 0 1 0
2011 Stemma Houston Texans Houston Texans 7 7 33 492 14,9 50 2 1 8 8,0 8 0 0 0
2012 Stemma Houston Texans Houston Texans 16 16 112 1.598 14,3 60 4 0 0 0 0 0 0 0
2013 Stemma Houston Texans Houston Texans 16 16 109 1.407 12,9 62 5 0 0 0 0 0 0 0
Carriera 154 154 927 12.661 13,7 77 61 23 54 2,3 18 0 7 4

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) 2003 National Football League Draft, Pro Football Hall of Fame. URL consultato il 23 settembre 2012.
  2. ^ (EN) ESPN.com:NFL Friday, July 18, 2003.
  3. ^ (EN) Houston hopes Johnson will boost wideout corps.
  4. ^ (EN) "Texans create cap room, ink Johnson to extension".
  5. ^ (EN) "Fantasy Football Breaking News".
  6. ^ (EN) "Andre Johnson, Cortland Finnegan fight".
  7. ^ (EN) NFL.com - Top 100 Players of 2012.
  8. ^ (EN) Game center: Houston 30 Miami 10, NFL.com, 9 settembre 2012. URL consultato il 10 settembre 2012.
  9. ^ (EN) Game Center: Houston 31 Denver 25, NFL.com, 23 settembre 2012. URL consultato il 24 settembre 2012.
  10. ^ (EN) Game Center: Tennessee 14 Houston 38, NFL.com, 30 settembre 2012. URL consultato il 1 ottobre 2012.
  11. ^ (EN) Game Center: Green Bay 42 Houston 24, NFL.com, 14 ottobre 2012. URL consultato il 15 ottobre 2012.
  12. ^ (EN) Game Center: Baltimore 13 Houston 43, NFL.com, 21 ottobre 2012. URL consultato il 21 ottobre 2012.
  13. ^ (EN) Game Center Buffalo 9 Houston 21, NFL.com, 4 novembre 2012. URL consultato il 5 novembre 2012.
  14. ^ (EN) Game Center: Jacksonville 37 Houston 43, NFL.com, 18 novembre 2012. URL consultato il 19 novembre 2012.
  15. ^ NFL 2012 Week 11 - Risultati e Commenti, NFL Italia Blog, 20 novembre 2012. URL consultato il 21 novembre 2012.
  16. ^ (EN) Game Center: Houston 34 Detroit 31, NFL.com, 22 novembre 2012. URL consultato il 23 novembre 2012.
  17. ^ Houston e Atlanta 10 e lode, Giants: lezione ai Packers, Yahoo Sport, 27 novembre 2012. URL consultato il 2 dicembre 2012.
  18. ^ (EN) Andre Johnson named AFC Offensive Player of the Month, Ultimate Texans, 29 novembre 2012. URL consultato il 5 dicembre 2012.
  19. ^ (EN) Game Center: Hostoun 14 New England 42, NFL.com, 9 dicembre 2012. URL consultato l'11 dicembre 2012.
  20. ^ (EN) Game Center: Indianapolis 17 Houston 29, NFL.com, 16 dicembre 2012. URL consultato il 17 dicembre 2012.
  21. ^ (EN) Game Center: Minnesota 23 Houston 6, NFL.com, 23 dicembre 2012. URL consultato il 23 dicembre 2012.
  22. ^ (EN) 2013 Pro Bowl rosters, NFL.com, 26 dicembre 2012. URL consultato il 27 dicembre 2012.
  23. ^ (EN) Game Center: Houston 16 Indianapolis 28, NFL.com, 31 dicembre 2012. URL consultato il 31 dicembre 2012.
  24. ^ (EN) All-Pro Team headlined by Adrian Peterson, J.J. Watt, NFL.com, 12 gennaio 2013. URL consultato il 12 gennaio 2013.
  25. ^ (EN) Game Center: Cincinnati 13 Houston 19, NFL.com, 5 gennaio 2013. URL consultato il 6 gennaio 2013.
  26. ^ (EN) Brady sets wins mark as Patriots dominate Texans, NFL.com, 13 gennaio 2013. URL consultato il 14 gennaio 2013.
  27. ^ (EN) Top 100 Players of 2013, NFL.com, 20 giugno 2013. URL consultato il 21 giugno 2013.
  28. ^ (EN) Game Center: Houston 31 San Diego 28, NFL.com, 10 settembre 2013. URL consultato il 10 settembre 2013.
  29. ^ (EN) Game Center: Indianapolis 27 Houston 24, NFL.com, 3 novembre 2013. URL consultato il 5 novembre 2013.
  30. ^ (EN) Game Center: Houston 24 Arizona 27, NFL.com, 10 novembre 2013. URL consultato l'11 novembre 2013.
  31. ^ (EN) Game Center: Oakland 28 Houston 23, NFL.com, 17 novembre 2013. URL consultato il 18 novembre 2013.
  32. ^ (EN) Game Center: Houston 20 Jacksonville 27, NFL.com, 6 dicembre 2013. URL consultato il 6 dicembre 2013.
  33. ^ (EN) 2014 Pro Bowl: Complete rosters, NFL.com, 27 dicembre 2013. URL consultato il 28 dicembre 2013.
  34. ^ (EN) The Top 100 Players of 2014, NFL.com, 25 giugno 2014. URL consultato il 26 giugno 2014.
  35. ^ (EN) Game Center: Washington 6 Houston 17, NFL.com, 7 settembre 2014. URL consultato il 7 settembre 2014.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]