Gino Marchetti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Gino Marchetti
Dati biografici
Nazionalità Stati Uniti Stati Uniti
Football americano American football pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Defensive end
Squadra ritirato
Ritirato 1966
Hall of Fame Pro Football Hall of Fame (1972)
Carriera
Giovanili
San Francisco
Squadre di club
1952 Stemma Dallas Texans Dallas Texans
1953 - 1966 Stemma Baltimore Colts Baltimore Colts
Statistiche aggiornate al 21/02/2012

Gino John Marchetti (Smithers, 2 gennaio 1927) è un ex giocatore di football americano statunitense dell'NFL.

Giocò nel 1952 per i Dallas Texans e dal 1956 al 1963 per i Baltimore Colts nel ruolo di defensive end.

La vita prima del football[modifica | modifica wikitesto]

Marchetti si arruolò nell'U.S. Army dopo essersi diplomato nella high school di Antioch, California e combatté nella "Battle of the Bulge" nelle Ardenne come mitragliere durante la II Guerra Mondiale. Al suo ritorno dalla guerra, frequentò il Modesto Junior College (California) per un anno entrando a far parte del programma di football americano nell'università di San Francisco dove la sua squadra giocò una stagione perfetta nel 1951. Fu la quattordicesima scelta nel secondo giro del Draft NFL 1952[1], selezionato dai New York Yanks. Nel 2004, Marchetti fu indotto nella East-West Shrine Game Hall of Fame[2].

La carriera professionistica[modifica | modifica wikitesto]

Nella sua stagione da rookie, gli Yanks diventarono i Dallas Texans, i quali divennero poi i Baltimore Colts nel 1953. Marchetti giocò 13 stagioni con i Colts e aiutò la squadra a vincere 2 titoli NFL Championships nel 1958 e 1959. Nella sua carriera, si dimostrò essere un run-stopper e pass-rusher senza pietà. Fu votato "il più grande defensive end della storia del football professionistico" entrando a far parte della Pro Football Hall of Fame nel 1969[3].

Nel 1954 fu spostato a offensive tackle, un ruolo che Marchetti odiava, anche se ammise che gli aveva insegnato come battere il bloccatore. Tornato a defensive end nel 1955 fu scelto per la prima volta al Pro Bowl.

In una partita della stagione NFL del 1963 si fratturò la caviglia ma, in quanto capitano della squadra, volle restare a guardare il resto della storica lotta in overtime dalla sideline con i suoi compagni di squadra piuttosto che farsi subito visitare dai dottori negli spogliatoi. L'infortunio lo costrinse a saltare il Pro Bowl quell'anno, e questo pose fine alla striscia di nove Pro Bowl consecutivi. Gino fu selezionato nel First-team dell'All-Pro 9 volte e una volta nel Second-team. In un'intervista Sid Gillman, l'head coach dei Los Angeles Rams, dichiarò: "È il più grande giocatore di football. È uno spreco di tempo correre dal lato di quel ragazzo. È un gioco perso. Non stare a provarci"[4].

Nel 1985 è stato introdotto anche nella Bay Area Sports Hall of Fame[5].

Ristoranti[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1959, Marchetti, con alcuni suoi compagni di squadra compreso Alan Ameche, aprì un ristorante fast food. L'azienda iniziò a espandersi e divenne nota come Gino's Hamburgers. Fu una catena di fast food di successo, possedeva 313 ristoranti quando nel 1982 fu venduta alla Marriott International che abbandonò poi il nome a favore di Roy Rogers restaurants.

Vittorie e premi[modifica | modifica wikitesto]

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Intercetti 1
Fumble recuperati 13

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Pro Football Draft History: 1952, Pro Football Hall of Fame. URL consultato il 30 giugno 2013.
  2. ^ (EN) Gino Marchetti (Class of 2004) – East-West Shrine Game Hall of Fame..
  3. ^ (EN) Gino Marchetti – Pro Football Hall of Fame.
  4. ^ (EN) Gino Marchetti (Football's 100 Greatest Players) – The Sporting News..
  5. ^ (EN) Gino Marchetti (Class of 1985) – Bay Area Sports Hall of Fame..

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 51501862