Seattle Seahawks

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Seattle Seahawks
Football americano American football pictogram.svg
Campioni in carica della NFL Campioni in carica della NFL
Campioni in carica della NFC Campioni in carica della NFC
Campioni in carica della NFC West Division
Seattle Seahawks Logo 2012.png
The 'Hawks; The Blue Wave (1984–1986)
The Legion Of Boom (Secondaria, 2011–presente)
Segni distintivi
Uniformi di gara
Helmet
Left arm Body Right arm
Trousers
Socks
Casa
Helmet
Left arm Body Right arm
Trousers
Socks
Trasferta
Helmet
Left arm Body Right arm
Trousers
Socks
Terza divisa
Colori sociali                    
Blu marina, verde, grigio lupo, bianco
Mascotte Blitz
Dati societari
Città Flag of Seattle.png Seattle (WA)
Paese Stati Uniti Stati Uniti
Lega Stati Uniti National Football League
Conference NFC
Division NFC West
Fondazione 1975
Denominazione Seattle Seahawks (1976-presente)
Proprietario Stati Uniti Paul Allen
General manager Stati Uniti John Schneider
Capo-allenatore Stati Uniti Pete Carroll
Stadio CenturyLink Field
(67000 posti)
Sito web www.seahawks.com
Palmarès
Vince Lombardi Trophy.pngNational Football Conference logo.svgNational Football Conference logo.svg
Super Bowl 1
Titoli NFC 2
Titoli divisionali 8
Apparizioni ai playoff 13
AmericanFootball current event.svg Stagione in corso

I Seattle Seahawks sono una squadra di football americano della NFL con sede a Seattle, Washington. Competono nella West Division della National Football Conference. La franchigia nacque nel 1976 come expansion team assieme ai Tampa Bay Buccaneers. I Seahawks sono posseduti da Paul Allen, co-fondatore di Microsoft, e sono attualmente allenati da Pete Carroll. Dal 2002 disputano le loro gare casalinghe al CenturyLink Field vicino al centro di Seattle, dopo avere giocato in precedenza al Kingdome (1976–1999) e all'Husky Stadium (1994, 2000-2001).

I Seahawks sono l'unica franchigia della NFL localizzata nella regione del nord-ovest degli Stati Uniti e perciò mantengono una legione di tifosi nei vicini stati dell'Oregon, Idaho, Montana, Wyoming e Alaska, oltre che migliaia di tifosi nelle provincie canadesi della British Columbia e dell'Alberta. I tifosi dei Seahawks sono conosciuti collettivamente come "12th Man" (il dodicesimo uomo) e detengono il primato mondiale per lo stadio senza copertura più rumoroso del mondo[1].

I Seahawks hanno vinto otto titoli di division e sono l'unica squadra ad avere disputato sia la finale della AFC che quella della NFC, essendo stati spostati dalla AFC alla NFC durante il reallineamento della lega della stagione 2002.

Il primo Super Bowl della sua storia la squadra l'ha raggiunto nel Super Bowl XL nel 2005 dove venne sconfitta dai Pittsburgh Steelers[2]. Nel 2013 i Seahawks hanno raggiunto il loro secondo Super Bowl[3], dove hanno battuto i Denver Broncos per 43-8, vincendo il loro primo Lombardi Trophy[4]. Al 2014, secondo la rivista Forbes, il valore dei Seahawks è di circa 1,3 miliardi di dollari (di cui il 9% rappresentato da debiti), quindicesimi nella NFL[5].

Storia[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Storia dei Seattle Seahawks.

Il 15 giugno 1972, la Seattle Professional Football Inc., un gruppo di uomini d'affari di Seattle molto influente nella comunità, annunciò la sua intenzione di portare una franchigia NFL a Seattle, WA[6]. Circa due anni dopo, il 4 giugno 1974, l'NFL diede alla città la sua franchigia come team di espansione. Il 5 dicembre 1974, il commissior dell'NFL Commissioner Pete Rozelle annunciò l'accordo ufficiale con Lloyd W. Nordstrom, rappresentare della famiglia Nordstrom, come socio di maggioranza del consorzio. Nordstrom sarebbe morto per un attacco di cuore prima che i Seahawks giocassero la loro prima partita.

Il quarterback Matt Hasselbeck guidò i Seahawks a sei qualificazioni ai playoff e al primo Super Bowl della loro storia.

Il 5 marzo 1975, John Thompson, ex direttore esecutivo del consiglio direttivo dell'NFL Management Council ed ex direttore dei Washington Huskies, fu assunto come general manager della squadra, ancora senza nome. Il nome Seattle Seahawks ("Seahawk" significa falco pescatore) fu scelto il 17 giugno 1975 dopo un concorso pubblico che attirò oltre 20.000 voti e 1.700 diversi nomi. Il nome "Seahawks" fu suggerito da Mary Hoolahan di Seattle, WA. Thompson assunse Jack Patera, assistente allenatore dei Minnesota Vikings, come primo capo-allenatore della storia dei Seahawks. Patera fu presentato come nuovo allenatore il 3 gennaio 1976. Il draft di espansione si tenne il 30 e 31 marzo 1976, con Seattle e i Tampa Bay Buccaneers, l'altra nuova franchigia ammessa quell'anno, ad alternarsi nella scelta di giocatori resi disponibili dalle altre 26 squadre della lega[7]. I Seahawks furono premiati con la seconda scelta assoluta del Draft NFL 1976, una scelta che usarono per chiamare il defensive tackle Steve Niehaus. La squadra scese in campo per la prima volta il 1º agosto 1976 in una gara di pre-season contro i San Francisco 49ers nell'appena costruito Kingdome.

Russell Wilson giunse ai Seahawks 2012.

I Seahawks sono l'unica squadra della NFL ad aver cambiato conference due volte dalla fusione di AFL e NFL. La franchigia iniziò a giocare nel 1976 nella NFC West division ma cambiò conference con i Buccaneers dopo una stagione e passò alla AFC West. Questo reallineamento fu dettato dalla lega come parte del piano di espansione del 1976, così che entrambi i due nuovi expansion team potessero giocare due volte una contro l'altra e con ogni altra squadra dell'NFL durante le loro prime due stagioni. Nel 2002, i Seahawks furono fatti tornare nella NFC West come parte del piano di reallineamento dell'NFL che diede ad ogni conference quattro division di quattro squadre ciascuna. Questa riorganizzazione avvenne dopo che gli Houston Texans furono aggiunti come 32ª squadra e rimise nell'AFL i suoi team originari pre-fusione, cioè Denver, San Diego, Kansas City e Oakland.

Seattle ha vinto sette titoli di division nella sua storia: i titoli della AFC West nel 1988 e nel 1999, e i titoli dal 2004 al 2007 e 2010 nella NFC West. Inoltre ha vinto la finale dell'NFC Championship nel 2005, qualificandosi per il Super Bowl, poi perso contro i Pittsburgh Steelers (anche se non senza controversie come testimonia la serie NFL Films che ha piazzato il Super Bowl XL al numero 8 nella sua top ten delle chiamate più controverse[8]). Prima del 2005, Seattle aveva la peggior serie senza vittorie nei playoff di tutta della NFL, dovendo ritornare alla stagione 1984 per trovare l'ultima partita. Questa striscia negativa fu interrotta con la vittoria 20–10 sui Washington Redskins nei playoff 2005.

Nel 2010 i Seahawks divennero il primo team della storia dell'NFL a vincere la loro division e a centrare un posto nei playoff con un record negativo (7–9) in una stagione non accorciata per sciopero. In seguito eliminarono i campioni in carica, i New Orleans Saints, 41–36 nel primo turno ma persero nel turno successivo contro i Chicago Bears la settimana seguente per 35-24.

Seattle con un record di 11-5 tornò ai playoff nella stagione 2012, guidata dal quarterback rookie Russell Wilson. Nel primo turno la squadra superò i Redskins in trasferta, ma fu eliminata nel successivo dagli Atlanta Falcons. Nella stagione successiva i Seahawks terminarono col miglior record della NFC, 13-3, e nei playoff batterono i Saints e i 49ers, raggiungendo il Super Bowl XLVIII contro i Denver Broncos. Seattle dominò dall'inizio alla fine, vincendo per 43-8 in una gara in cui la difesa annullò l'attacco dei Broncos che aveva stabilito il record NFL per il maggior numero di punti segnati[9]. MVP della partita fu il linebacker Malcolm Smith che mise a segno 9 tackle, un intercetto su Peyton Manning ritornato per 69 yard in touchdown e recuperò un fumble.

Rivalità[modifica | modifica sorgente]

San Francisco 49ers[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Rivalità 49ers-Seahawks.
I Seahawks contro i 49ers nel settembre 2013.

Negli ultimi anni, i Seattle Seahawks e i San Francisco 49ers hanno iniziato a sviluppare una feroce rivalità, a partire dall'assunzione dei 49ers dell'allenatore Jim Harbaugh nel 2011. Harbaugh aveva allenato al college contro l'allenatore dei Seahawks Pete Carroll quando i due erano alla guida rispettivamente di Stanford e di USC. I 49ers vinsero il primo confronto a livello NFL, dopo di che vinsero una gara equilibrata al CenturyLink eliminando i Seahawks dalla contesa per i playoff. Col 2012 arrivò una nuova stagione e una nuova sconfitta dei Seahawks, in un Thursday Night Football a San Francisco per 13–6 dove l'attacco non riuscì a segnare alcun touchdown e il quarterback dei 49ers Alex Smith fece il minimo necessario per portare i suoi alla vittoria[10]. Nella settimana 16 l'attesa era grande per la sfida in prima e serata tra le due franchigie a Seattle. I padroni di casa giunsero alla sfida su un record di 9–5 e da due gare consecutive in cui avevano segnato più di 50 punti. Seattle passò velocemente in vantaggio con un touchdown da 24 yard di Marshawn Lynch, due passaggi da touchdown di Russell Wilson. La gara si chiuse con la vittoria per 42–13 e viene anche ricordata per un violentissimo colpo della strong safety Kam Chancellor sul tight end di San Francisco Vernon Davis[11]. La settimana successiva, tuttavia, i 49ers si assicurarono la vittoria della division per il secondo anno consecutivo. Nella seconda settimana della stagione 2013, ancora a Seattle, i Seahawks si imposero con un netto 29–3, grazie a tre touchdown di Marshawn Lynch[12][13], con i tifosi che stabilirono un nuovo primato mondiale di rumorosità per uno stadio scoperto. I Seahawks furono poi sconfitti per 19–17 nella seconda gara del 2013 coi 49ers a Candlestick Park, quando l'equilibrio della sfida fu spostato da una corsa da 51 yard di Frank Gore[14]. Dopo che i Seahawks vinsero la division, le due franchigie si incontrarono una terza volta nel 2013, questa volta nel palcoscenico più importante: la finale della NFC a Seattle, dove i Seahawks vinsero 23-17 grazie a un intercetto nel finale di Malcolm Smith su un passaggio deviato Richard Sherman[15][16]. I Seahawks ottennero così l'accesso al Super Bowl XLVIII.

Denver Broncos[modifica | modifica sorgente]

Dagli anni ottanta fino al reallineamento delle division voluto dalla lega nel 2002, i Denver Broncos erano uno degli avversari principali dei Seahawks. Con John Elway i Broncos erano una delle migliori franchigie della lega e in quel periodo ebbero un record parziale di 32 vittorie a 18 contro i Seahawks. Dopo il cambio di conference, la rivalità perse di intensità, fino a che le due squadre si incontrarono nel Super Bowl del 2013, vinto nettamente da Seattle per 43-8.

Apparizioni al Super Bowl[modifica | modifica sorgente]

L'anello di campioni dei Seahawks

I Seattle Seahawks hanno vinto un Super Bowl nel 2013 sotto la direzione di Pete Carroll.

Stagione Allenatore Città Stadio Avversario Risultato Record
2005 Mike Holmgren Detroit, MI Ford Field Pittsburgh Steelers S, 10-21 15-4
2013 Pete Carroll East Rutherford, NJ MetLife Stadium Denver Broncos V, 43-8 16-3
Totale Super Bowl vinti: 1

Stadi[modifica | modifica sorgente]

Quartier generale e campi di allenamento[modifica | modifica sorgente]

Durante le prime dieci stagioni (1976–85), il quartier generale della squadra fu a Carillon Point sulle rive del Lago Washington. Gli allenamenti estivi era inizialmente tenuti alla Eastern Washington University a Cheney, a sud-ovest di Spokane. Quando il nuovo quartier generale cittadino vicino a Kirkland fu completato nel 1986, i Seahawks iniziarono a tenere i training camp lì dove sarebbero rimasti per le undici stagioni successive (1986–96), alloggiando nei dormitori adiacenti al Northwest College. Nella terza stagione di Dennis Erickson, nel 1997, come capo allenatore, il team ritornò nella più calda e isolata Cheney, dove rimasero fino al 2006. Nel 2007, tornarono a Kirkland. Nel 2008, i Seahawks tennero le prime tre settimane di allenamento a Kirkland, dopodiché si spostarono nel nuovo Virginia Mason Athletic Center (VMAC), ampio 19 acri (77.000 m²) per l'ultima settimana di allenamento. La nuova locazione, accanto al lago Washington a Renton, ha quattro campi da football: tre all'aperto di erba naturale e uno sintetico indoor.

Loghi e uniformi[modifica | modifica sorgente]

Quando i Seahawks debuttarono nel 1976, il logo della squadra era una testa di falco stilizzata di colore blu e verde ispirata all'arte tribale del nord-ovest degli Stati Uniti. Il casco e i pantoloni erano color argento mentre le uniformi casalinghe erano blu e bianche, con strisce blu e verdi sulle braccia. Le uniformi da trasferta erano principalmente bianche con dettagli blu e strisce blu e verdi sulle braccia. Nelle prime quattro stagioni furono indossate scarpe nere, una delle poche franchigie a fare ciò verso la fine degli anni anni settanta. Nel 1980 furono adottate scarpe bianche.

Le prime uniformi dei Seahawks, utilizzate fino alla stagione 2000.

Nel 1983, con l'arrivo di Chuck Knox come capo-allenatore, le uniformi furono leggermente modificate. Sulle braccia furono inclusi il logo dei Seahawks e i numeri. Le protezioni nelle maschere passarono da grigie a blu. Inoltre i calzettoni divennero blu nella parte superiore e bianco in quella inferiore. Nella stagione 1985, la squadra portò delle toppe celebrative del decimo anniversario della franchigia sul lato destro dei calzoni. Nel 1994, anno del 75º anniversario della NFL, Seahawks cambiarono lo stile dei loro numero, mantenendolo fino al 2001. Quello stesso anno, i Seahawks indossarono in alcune gare delle divise simili a quelle delle stagioni dal 1976 all'82. Tuttavia le uniformi e le barre protettive rimasero blu. Nel 2000, l'anno da rookie di Shaun Alexander e l'ultimo di Cortez Kennedy, i Seattle Seahawks celebrarono il loro 25º anniversario, mettendo il logo nella parte superiore destra della maglia. Nel 2001, i Seahawks passarono alle nuove uniformi disegnate da Reebok.

Le uniformi usate nel periodo 2002-2011.

Il 1º marzo 2002, in coincidenza dello spostamento della squadra nella NFC e dell'inaugurazione del Seahawks Stadium (in seguito rinominato Qwest Field e poi CenturyLink Field), sia il logo che le uniformi furono pesantemente modificate. I colori furono modificati in un più chiaro "blu Seahawks", un più scuro "Seahawks Navy" e verde lime. I caschi passarono dal colore grigio al "blu Seahawks" dopo un sondaggio condotto tra i fan della squadra. Il color argento non fu più utilizzato fino alla stagione 2012. Il logo fu modificato notevolmente, dando al falco un aspetto più aggressivo. Inizialmente, la squadra decise di utilizzare i caschi color argento in casa e quelli blu in trasferta ma le regole della NFL vietavano di avere più di un tipo di casco, così la squadra decise tramite un sondaggio condotto tra i tifosi quale colore mantenere.

I Seahawks indossarono le loro divise blu durante il Super Bowl XL malgrado fossero stati designati come squadra in traferta, dal momento che i Pittsburgh Steelers, la squadra indicata come casalinga, decise di indossare le proprie uniformi bianche.

Con gli Oakland Raiders che indossarono delle divise casalinghe bianche per la prima volta nella storia in casa contro i San Diego Chargers il 28 settembre 2008, i Seahawks rimasero l'unica squadra della NFL a non aver mai indossato delle uniformi bianche in casa.

Il 27 settembre 2009, i Seahawks indossarono per la prima volta delle divise verde lime accompagnate da pantaloni blu scuro, in una partita contro i Chicago Bears. I colori richiamavano quelli della nuova squadra della città, i Seattle Sounders FC, al debutto nella Major League Soccer che indossano magliette verdi con pantaloncini blu. Nel dicembre 2009, l'allora allenatore Jim Mora annunciò che le nuove uniformi verdi sarebbero state ritirate, in quanto con esse la squadra non aveva mai vinto, e perché egli preferiva le uniformi casalinghe blu scuro. Per la stagione 2010, Seattle ritornò al tradizione completo color "Seahawks Blue" in casa e un completo tutto in bianco in trasferta.

Il 3 aprile 2012, Nike, sostituì Reebok come fornitore ufficiale della divise della squadra, svelando un nuovo logo e una nuova uniforme per la squadra nella stagione a venire. I nuovi colori sociali della squadra diventarono il blu definito "college navy", il verde definito "action green" ed il grigio definito "wolf grey". Secondo il designer della Nike Todd Van Horne, tali colori rappresentavano l'acqua (il blu), i paesaggi (il verde) e le catene montuose (il grigio).[17]. Tra i particolari introdotti nella nuova uniforme di Seattle una serie di 12 fregi sui pantaloncini rapprensentanti il 12th man, il dodicesimo uomo in campo, in onore dei tifosi dei Seahawks e la scomparsa del logo con la testa di falco sulle maniche, sostituito dal logo Nike da entrambi i lati[18]. Il nuovo logo sostituì il Seahawk blue col grigio nella parte inferiore.

L'11 agosto 2012, i Seahawks indossarono per la prima volta le loro nuove divise nella gara di pre-season contro i Tennessee Titans. Il 16 dicembre 2012 la squadra indossò per la prima volta delle divise interamente grigie nella gara vinta contro i Buffalo Bills.

Cronistoria[modifica | modifica sorgente]

Questa è solo una parziale lista comprendente le ultime 10 stagioni dei Seahawks,

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Stagioni dei Seattle Seahawks.
Cronistoria dei Seattle Seahawks
Stagione di lega Stagione di squadra Lega Conf. Div. Stagione regolare Play-off Note
Pos. V S P
2004 2004 NFL NFC West 1 9 7 0 S Wild Card Game contro i Saint Louis Rams (27-20)
2005 2005 NFL NFC West 1 13 3 0 V Divisional Playoff contro i Washington Redskins (20-10)

V Conference Championship contro i Carolina Panthers (34-14)
S Super Bowl XL contro i Pittsburgh Steelers (21-10)

2006 2006 NFL NFC West 1 9 7 0 V Wild Card Game contro i Dallas Cowboys (21-20)

S Divisional Playoff contro i Chicago Bears (27-24)

2007 2007 NFL NFC West 1 10 6 0 V Wild Card Game contro i Washington Redskins (35-14)

S Divisional Playoff contro i Green Bay Packers (42-20)

2008 2008 NFL NFC West 3 4 12 0 non disputati
2009 2009 NFL NFC West 3 5 11 0 non disputati
2010 2010 NFL NFC West 1 7 9 0 V Wild Card Game contro i New Orleans Saints (41-36)

S Divisional Playoff contro i Chicago Bears (35-24)

2011 2011 NFL NFC West 3 7 9 0 non disputati
2012 2012 NFL NFC West 2 11 5 0 V Wild Card Game contro i Washington Redskins (24-14)

S Divisional play-off contro gli Atlanta Falcons (28-30)

2013 2013 NFL NFC West 1 13 3 0 V Divisional Playoff contro i New Orleans Saints (15-23)

V Conference Championship contro i San Francisco 49ers (17-23)
V Super Bowl XLVIII contro i Denver Broncos (43-8)

Totale 287 292 0 Record di stagione regolare al 2013
12 12 Record dei play-off al 2013
299 304 0 Stagione regolare e play-off
Legenda
  •   Vittoria nel Super Bowl (dal 1966)
  •   Vittoria nella lega (1920-1969)
  •   Vittoria nella Conference
  •   Vittoria nella Division
  •   Qualificazione al Wild Card Game (dal 1978)
  • V = Vittorie
  • S = Sconfitte
  • P = Pareggi
  • T = Posizione a pari merito


Alla stagione 2013, i Seattle Seahawks hanno disputato 38 stagioni nella NFL, a partire dal 1976. La squadra totalizzato un record di 280–300 record (289–312 includendo i playoff). Seattle ha raggiunto i playoffs in tredici diverse stagioni, compresa la stagione 2005 in cui hanno perso il Super Bowl XL contro i Pittsburgh Steelers. Nella stagione 2010, i Seahawks sono diventati la prima squadra nella storia della NFL a raggiungere i playoff con un record negativo (7–9, 43,8%); quell'anno 7 squadre nella NFL terminarono con un record di 7–9 o migliore non raggiungendo i playoff, incluse due squadre che terminarono 10-6. Seattle è anche la più antica franchigia della NFL a non aver mai pareggiato una sola partita, inclusa la pre-stagione.

La bandiera del "dodicesimo uomo" viene sventolata in ogni partita.

Tifosi[modifica | modifica sorgente]

Come tributo ai propri rumorosi fan che fecero del Kingdome lo stadio più rumoroso della NFL i Seahawks ritirarono il numero 12 il 15 dicembre 1984. Da allora le divise col numero 12 sono state vendute dalla squadra e indossate dai fan dei Seahawk, spesso col nome "Fan" sul retro. I Seahawks svolgono anche una cerimonia prima di ogni gara interna in cui viene fatta sventolare una bandiera con il numero 12 innalzata da qualche personalità locale. Nella stagione 2005 stavano ancora facendo la differenza nelle gare e furono ricompensati per i loro sforzi con uno speciale pallone da gara in una match contro i New York Giants, un incontro in cui i Giants commisero 11 penalità per false partenza in buona parte causate dal rumore della folla.

L'uso della frase "12th Man" da parte del team fu in limbo legale per un po' tra le stagioni 2005 e 2006 quando l'Università del Texas A&M fece causa al team per infrazione del copyright. Prima del processo, le parti raggiunsero un accordo con Seattle che si impegnò a pagare i diritti dello slogan "12th Man" alla A&M. In cambio i Seahawks furono autorizzati a continuarne l'utilizzo.

Blitz è la mascotte ufficiale della squadra.

Mascotte[modifica | modifica sorgente]

A partire dalla stagione 1998, Blitz è diventata la mascotte ufficiale dei Seahawks. Nelle stagioni 2003 e 2004, un falco di nome Faith avrebbe dovuto volare attorno allo stadio prima dell'uscita della squadra dal tunnel. A causa della relativa piccola taglia e dell'incapacità di insegnargli a guidare la squadra fuori dal tunnel, Faith fu sostituito da un falco portafortuna di nome Taima prima dell'inizio della stagione 2005. Taima iniziò a guidare il team fuori dal tunnel settembre 2006.

All'inizio del 2004, i Seahawks introdussero la propria banda di percussionisti, i Blue Thunder. Il gruppo suona ad ogni gara interna oltre che in altri 100 eventi nella comunità di Seattle.

Sea Gals (Cheerleader)[modifica | modifica sorgente]

Le Sea Gals, le cheerleader della squadra.

Le cheerleader dei Seahawks sono chiamate Sea Gals. Durante il periodo tra una stagione e l'altra, un gruppo selezionato di Sea Gals partecipa a eventi e parate con altre cheerleader della NFL negli stati americani.

Giocatori importanti[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Categoria:Giocatori dei Seattle Seahawks.

Squadra del 35º anniversario[modifica | modifica sorgente]

Formazione ideale del 35º anniversario dei Seattle Seahawks
Giocatore Ruolo Numero Anni
Matt Hasselbeck
QB
8
2001–2010
Shaun Alexander
RB
37
2000–2007
Mack Strong
FB
38
1993–2007
John Carlson
TE
89
2008–2011
Steve Largent
WR
80
1976–1989
Brian Blades
WR
89
1988–1998
Bobby Engram
WR
84
2001–2008
Walter Jones
LT
71
1997–2009
Steve Hutchinson
LG
76
2001–2005
Robbie Tobeck
C
61
2000–2006
Bryan Millard
RG
71
1984–1991
Howard Ballard
RT
75
1994–1998
Jacob Green
DE
79
1980–1992
Michael Sinclair
DE
70
1991–2001
Cortez Kennedy
DT
96
1990–2000
Joe Nash
DT
72
1982–1996
Chad Brown
OLB
94
1997–2004
Rufus Porter
OLB
97
1988–1994
Fredd Young
ILB
50
1984–1987
Lofa Tatupu
MLB
51
2005–2010
Marcus Trufant
CB
23
2003–2012
Dave Brown
CB
22
1976–1986
Shawn Springs
NB
24
1997–2003
Kenny Easley
SS
45
1981–1987
Eugene Robinson
FS
41
1985–1995
Norm Johnson
K
9
1982–1990
Rick Tuten
P
14
1991–1997
Steve Broussard
KOR
31
1995–1998
Nate Burleson
PR
81
2006–2009

Membri della Pro Football Hall of Fame[modifica | modifica sorgente]

L'Hall of Famer Walter Jones.

Alla classe del 2014, otto giocatori che hanno militato nei Seattle Seahawks sono stati indotti nella Pro Football Hall of Fame.

Hall of Famer dei Seattle Seahawks
Giocatore Ruolo Anni Induzione
34 Franco Harris FB 1984
1990
80 Steve Largent WR 1976-1989 1995
81 Carl Eller DE 1979 2004
1 Warren Moon QB 1997-1998 2006
93 John Randle DT 2001-2003 2010
80 Jerry Rice WR 2004 2010
96 Cortez Kennedy DT 1990-2000 2012
71 Walter Jones OT 1997-2008 2014

Note:

  • In grassetto i giocatori che sono stati indotti principalmente per i loro meriti con la maglia dei Seahawks.
  • Anche se Mike McCormack fu capo-allenatore, presidente e general manager dei Seahawks, egli è stato indotto nella Pro Football Hall of Fame solo per il suoi contributi come tackle per i New York Yanks e i Cleveland Browns.

Numeri ritirati[modifica | modifica sorgente]

I numeri ritirati dalla franchigia al CenturyLink Field.
Numeri ritirati dai Seattle Seahawks
Giocatore Ruolo Anni Anno di ritiro
12 Tifosi (12º uomo) - 1976-presente 1984[19]
71 Walter Jones OT 1997-2009 2010
80 1 Steve Largent WR 1976-1989 1996
96 Cortez Kennedy DT 1990-2000 2012[20]
  • 1 Jerry Rice indossò il numero 80 nella stagione passata coi Seahawks nel 2004. Secondo Rice, fu la squadra a offrirgli quel numero, col permesso di Largent[21]
  • Diversi altri giocatori e persone collegate alla squadra sono stati onorati venendo introdotti nel Seattle Seahawks Ring of Honor

Premi individuali[modifica | modifica sorgente]

MVP della NFL
Anno Giocatore Ruolo
2005 Shaun Alexander RB
MVP del Super Bowl
SB Giocatore Ruolo
XLVIII Malcolm Smith LB
Giocatore offensivo dell'anno
Anno Giocatore Ruolo
2005 Shaun Alexander RB
Difensore dell'anno
Anno Giocatore Ruolo
1984 Kenny Easley S
1992 Cortez Kennedy DT
MVP del Pro Bowl
Anno Giocatore Ruolo
1997 Warren Moon QB
Allenatore dell'anno
Anno Allenatore
1978 Jack Patera
1984 Chuck Knox

Record di franchigia[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Record dei Seattle Seahawks.

Carriera

Record in carriera
Categoria Giocatore Numero
Yard passate Matt Hasselbeck 29.434
TD passati Dave Krieg 195
Yard ricevute Steve Largent 13.089
TD su ric. Steve Largent 100
Yard corse Shaun Alexander 9.429
TD su corsa Shaun Alexander 100

Stagionali

Record stagionali
Categoria Giocatore Numero Anno
Yard passate Matt Hasselbeck 3.966 2007
TD passati Dave Krieg 32 1984
Yard ricevute Steve Largent 1.287 1985
TD su ric. Daryl Turner 13 1985
Yard corse Shaun Alexander 1.880 2005
TD su corsa Shaun Alexander 27 2005

La squadra[modifica | modifica sorgente]

Lo staff[modifica | modifica sorgente]

Proprietari[modifica | modifica sorgente]

Allenatori[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Categoria:Allenatori dei Seattle Seahawks.
# Nome Periodo Stagione regolare Playoff
GG V S P  % GG V S  %
1 Jack Patera 19761982 94 35 59 0 .372
2 Mike McCormack 1982 7 4 3 0 .571
3 Chuck Knox 19831991 143 80 63 0 .559 7 3 4 .429
4 Tom Flores 19911994 48 14 34 0 .292
5 Dennis Erickson 19951998 64 31 33 0 .484
6 Mike Holmgren 19992008 160 86 74 0 .538 10 4 6 .400
7 Jim L. Mora 2009 16 5 11 0 .313
8 Pete Carroll 2010 64 38 26 0 .594 7 5 2 .714

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) Seahawks fan base retakes Guinness World Record for crowd noise, Seahawks.com, 2 dicembre 2013. URL consultato il 21 gennaio 2014.
  2. ^ (EN) Super Bowl XL Game Recap, NFL.com. URL consultato il 2 gennaio 2013.
  3. ^ (EN) Seahawks squeak by 49ers to reach Super Bowl, NFL.com, 19 gennaio 2014. URL consultato il 20 gennaio 2014.
  4. ^ (EN) Super Bowl, la difesa annienta Manning, Seattle stravince: campione per la prima volta, La Repubblica, 3 febbraio 2014. URL consultato il 3 febbraio 2014.
  5. ^ (EN) NFL Team Valuations, Forbes, 30 agosto 2014. URL consultato il 30 agosto 2014.
  6. ^ Look Back.
  7. ^ 1976 NFL Expansion Draft – Pro Football Hall of Fame.
  8. ^ Top 10 controversial calls, NFL.com.
  9. ^ (EN) Seahawks crush Broncos for first Super Bowl win, NFL.com, 2 febbraio 2014. URL consultato il 3 febbraio 2014.
  10. ^ (EN) Game Center: Seattle 6 San Francisco 13, NFL.com, 18 ottobre 2012. URL consultato il 19 ottobre 2012.
  11. ^ (EN) Game Center: San Francisco 49ers 13 Seattle 42, NFL.com, 23 dicembre 2012. URL consultato il 24 dicembre 2012.
  12. ^ (EN) Game Center: San Francisco 3 Seattle 29, NFL.com, 15 settembre 2013. URL consultato il 16 settembre 2013.
  13. ^ Nfl, lezione di Lynch, Seattle stende i 49ers, La Gazzetta dello Sport, 15 settembre 2013. URL consultato il 16 settembre 2013.
  14. ^ (EN) Game Center: Seattle 17 San Francisco 19, NFL.com, 8 dicembre 2013. URL consultato il 9 dicembre 2013.
  15. ^ (EN) Seahawks squeak by 49ers to reach Super Bowl, NFL.com, 19 gennaio 2014. URL consultato il 20 gennaio 2014.
  16. ^ Nfl, Denver e Seattle al Super Bowl di New York, La Gazzetta dello Sport, 20 gennaio 2014. URL consultato il 20 gennaio 2014.
  17. ^ (EN) The man behind the Seahawks' new look.
  18. ^ (EN) Seahawks Daily - New Look Seahawks.
  19. ^ "History of the 12th. Man", Seahawks website
  20. ^ "Seahawks to retire Cortez Kennedy’s jersey number Sunday", Seattle.PI, 2012
  21. ^ "Hawks offered No. 80, Rice says", Seattle Times, 29 ottobre 2004

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]