Terrell Davis

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Terrell Davis
Terrell Davis 1-31-05 050131-N-8102J-020.jpg
Dati biografici
Nazionalità Stati Uniti Stati Uniti
Football americano American football pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Running back
Squadra Stemma Denver Broncos Denver Broncos
Ritirato 2001
Carriera
Giovanili
1991
1992 - 1994
600px Giallo Oro e Nero.png Long Beach State 49ers
Stemma Georgia Bulldogs Georgia Bulldogs
Squadre di club
1995 - 2002 Stemma Denver Broncos Denver Broncos
Palmarès
Super Bowl 2
MVP del Super Bowl 1
MVP della NFL 1
Selezioni al Pro Bowl 3
All-Pro 3
Per maggiori dettagli vedi qui
Statistiche aggiornate al 2 luglio 2013

Terrell Davis (San Diego, 28 ottobre 1972) è un giocatore di football americano statunitense, nel ruolo di running back per Denver Broncos della National Football League. Fu scelto dall'Università della Georgia al sesto giro (196ª scelta assoluta) del Draft NFL 1995.

Con i Broncos guidati da John Elway ha vinto due Super Bowl consecutivi, il XXXII e il XXXIII. Nel 1998 ha vinto il premio come miglior giocatore della stagione regolare e del Super Bowl. Davis è il leader di tutti i tempi dei Broncos per yard corse con 7.607. Davis e Elway sono gli unici giocatori della storia di Denver ad aver vinto il titolo di MVP.

Dopo la stagione 1998, Davis fu tartassato dagli infortuni e si vide in azione raramente. In 1999 si ruppe due legamenti durante una partita coi New York Jets che lo tennero fuori tutta la stagione. Nel 2001 giocò solo otto partite a causa di un intervento in artroscopia ad entrambe le ginocchia. Si ritirò durante la pre-stagione del 2002.[1]

Carriera professionistica[modifica | modifica sorgente]

Denver Broncos[modifica | modifica sorgente]

Nel 1995, il nuovo capo-allenatore dei Denver Broncos Mike Shanahan scelse Davis nel corso del sesto giro del draft 1995[2]. Davis iniziò il training camp come il sesto tailback nelle gerarchie della squadra. Egli impressionò lo staff dei Broncos dopo la seconda gara di pre-stagione, segnando un touchdown come membro degli special team. Davis continuò a migliorare in ogni gara della pre-stagione e fu promosso a running back titolare per la gara di apertura della stagione[3]. Con Davis come running back, i Broncos aggiunsero quel potente gioco sulle corse che mancava loro. Davis giocò come titolare 14 gare nella stagione 1995, portando la palla 237 volte, con una media di 4,7 yard per corsa e segnando 8 touchdown. Davis terminò la stagione con 1.117 yard corse, diventando il giocatore scelto più in basso della storia a correre oltre mille yard nella sua stagione da rookie.

Nel 1996, Davis firmò un lucrativo nuovo contratto quinquennale coi Broncos del valore di 6,8 milioni di dollari. Quella stagione egli corse per 1.538 yard, stabilendo il record di touchdown su corsa dei Broncos con 13. I Broncos terminarono la stagione con un record di 13–3, il migliore della lega quella stagione alla pari dei Green Bay Packers.

Super Bowl XXXII[modifica | modifica sorgente]

Dopo la stagione regolare 1997, i Broncos che avevano chiuso 12-4 raggiunsero il Super Bowl. Non solo i Broncos avevano perduto tutte le loro 4 precedenti apparizioni in finale, ma le squadre della AFC venivano da una striscia di 13 sconfitte consecutive contro le squadre della NFC. Nel Super Bowl, Davis corse per 157 yard, ricevette 2 passaggi per 8 yard e divenne il primo giocatore della storia a segnare 3 touchdown su corsa nella partita. Tale prestazione gli permise di vincere il premio di MVP della gara, malgrado una forte emicrania, un disturbo di cui soffriva fin dall'infanzia, che lo aveva costretto a rimanere in panchina durante il secondo quarto.

Super Bowl XXXIII[modifica | modifica sorgente]

Nel 1998, Davis corse per 2.008 yard, all'epoca la terza prestazione stagionale di tutti i tempi. La sua strepitosa annata gli permise di vincere il titolo di MVP della NFL, il terzo titolo consecutivo di maggior corridore della AFC, il titolo di maggior corridore della lega e il secondo titolo di miglior giocatore offensivo dell'anno assegnato dall'Associated Press. Alla fine della stagione, i Broncos batterono gli Atlanta Falcons nel Super Bowl XXXIII, con Davis che corse 102 yard e ne ricevette altre 50[4].

Il Super Bowl XXXIII fu l'ultima gara di playoff giocata da Davis. Nelle sue 8 gare della postseason giocate dal 1996 al 1998, i suoi numeri furono impressionanti: 204 portate per 1.140 yard e 12 touchdown, oltre a 19 ricezioni per 131 yard. Queste inclusero una striscia di sette gare consecutive da oltre 100 yard corse, tutte vinte dai Broncos won, superando il precedente primato di John Riggins (6). Nell'unica gara di playoff in cui Davis non corse 100 yard, egli disputò comunque una grandissima partita, correndo 91 yard e un touchdown e ricevendo 7 passaggi per 27 yard.

Davis fu convocato per il Pro Bowl nelle stagioni 1996, ’97 e ’98. Soprannominato “TD,” Davis rese popolare il “Mile High Salute,” un saluto in stile militare rivolto ai tifosi e compagni di squadra come forma di celebrazione dopo un touchdown.

Ultimi anni[modifica | modifica sorgente]

Dopo la stagione 1998, Davis fu tartassato dagli infortuni e si vide in azione sporadicamente. Nel 1999, Davis si ruppe il legamento crociato anteriore e il legamento mediale collaterale del ginocchio destro mentre stava tentando di mettere a segno un placcaggio dopo un intercetto lanciato in una gara contro i New York Jets, nella quarta gara della stagione. Questo infortunio gli fece perdere tutto il resto dell'anno.

Nel 2000, Davis disputò solo cinque gare a causa di un infortunio da stress alla gamba. Nel 2001, disputò solo otto gare a causa di un'operazione in artroscopia a entrambe le ginocchia.

Davis si ritirò durante la pre-stagione del 2002. Uscì dal tunnel con la divisa di gara per l'ultima volta durante la gara di pre-stagione tra Denver e San Francisco 49ers all'Invesco Field at Mile High. Per rispondere alla standing ovation, fece il mile-high salute ai tifosi e fu abbracciato dai compagni di squadra. Dopo essersi diretto a metà campo come unico giocatore dei Broncos per il lancio della monetina, Davis tornò sulla linea laterale. La settimana successiva, dietro sua richiesta, fu inserito in lista infortunati, terminando così la sua stagione e la sua carriera.

Vittorie e premi[modifica | modifica sorgente]

Franchigia[modifica | modifica sorgente]

Denver Broncos: Super Bowl XXXII, Super Bowl XXXIII
Denver Broncos: 1997, 1998

Individuale[modifica | modifica sorgente]

Statistiche[modifica | modifica sorgente]

Stagione regolare

Anno Squadra Gare Corse Ricezioni
Ten Yard Y/Ten TD Ric Yard Y/R TD
1995 Stemma Denver Broncos Denver Broncos 14 237 1,117 4.7 7 49 367 7.5 1
1996 Stemma Denver Broncos Denver Broncos 16 345 1,538 4.5 13 36 310 8.6 2
1997 Stemma Denver Broncos Denver Broncos 15 369 1,750 4.7 15 42 287 6.8 0
1998 Stemma Denver Broncos Denver Broncos 16 392 2,008 5.1 21 25 217 8.7 2
1999 Stemma Denver Broncos Denver Broncos 4 67 211 3.1 2 3 26 8.7 0
2000 Stemma Denver Broncos Denver Broncos 5 78 282 3.6 2 2 4 2.0 0
2001 Stemma Denver Broncos Denver Broncos 8 167 701 4.2 0 12 69 5.8 0
Carriera 78 1,655 7,607 4.6 60 169 1,280 7.6 5

Playoff

Stagione Squadra Gare Tent. Yard Media TD
1996 Stemma Denver Broncos Denver Broncos 1 14 91 6,5 1
1997 Stemma Denver Broncos Denver Broncos 4 112 581 5,2 8
1998 Stemma Denver Broncos Denver Broncos 3 78 468 6,0 3
Totale 8 204 1140 5,6 12

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Davis Says Goodbye.
  2. ^ (EN) 1995 National Football League Draft, Pro Football Hall of Fame. URL consultato il 12 ottobre 2012.
  3. ^ "TD: Dreams in Motion" by Terrell Davis & Adam Schefter (HarperTorch 1999)
  4. ^ (EN) Super Bowl XXXIII Game Recap, NFL.com. URL consultato il 4 luglio 2013.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 63324682