Steve McMichael

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Steve "Mongo" McMichael
Steve McMichael crop.jpg
Steve McMichael nel 2008
Dati biografici
Nazionalità Stati Uniti Stati Uniti
Altezza 188 cm
Peso 122 kg
Football americano American football pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Defensive tackle
Squadra Ritirato
Carriera
Giovanili
1976 - 1979 Stemma Texas Longhorns Texas Longhorns
Squadre di club
1980 Stemma New England Patriots N.E. Patriots
1981 - 1993 Stemma Chicago Bears Chicago Bears
1994 Stemma Green Bay Packers Green Bay Packers
Statistiche aggiornate al 18/10/2012

Stephen Douglas (Steve) "Mongo" McMichael (Houston, 17 ottobre 1957) è un ex wrestler, ex giocatore di football americano e allenatore di football americano statunitense che attualmente allena i Chicago Slaughter della Indoor Football League. McMichael giocò a football alla University of Texas dove fu nominato All-American. Nella NFL giocò con New England Patriots, Chicago Bears e Green Bay Packers, vincendo il Super Bowl XX coi Bears. McMichael divenne un lottatore professionista e un commentatore per la World Championship Wrestling (WCW), durante cui fu membro del leggendario gruppo dei Four Horsemen.

Carriera professionistica nel football[modifica | modifica wikitesto]

McMichael fu scelto nel terzo giro del Draft NFL 1980 dai New England Patriots[1]. I Chicago Bears lo acquisirono come free agent nel 1981. Egli divenne uno dei loro defensive tackle titolari contribuendo alla vittoria del Super Bowl nel 1985[2]. Steve giocò 101 partite consecutive come titolare fino al 1990, quando i minuti in campo a sua disposizione iniziarono a limitarsi. Mongo guidò i Bears con 11,5 sack nel 1988. Nel 1989 concluse con un primato in carriera di 108 tackle. McMichael fu convocato come titolare per il Pro Bowl nel 1986 e nel 1987.

McMichael balzò agli onori delle cronache nel 1991 in una gara contro i New York Jets. Con i Bears in svantaggio 13-6 a un minuto e 54 secondi dalla fine, McMichael forzò un fumble su Blair Thomas e lo recuperò sulla linea delle 36 yard di New York. Il quarterback Jim Harbaugh poco dopo lanciò il touchdown del pareggio per Neal Anderson. Con 18 secondi alla fine della gara, Harbaugh segnò un altro touchdown su una corsa da una yard[3]. Il capo-allenatore dei Bears Mike Ditka affermò nel 2005 che McMichael fu il giocatore più duro che abbia mai allenato[4]. Steve giocò una stagione con i Green Bay Packers nel 1994 prima di ritirarsi.

Vittorie e premi[modifica | modifica wikitesto]

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Tackle totali 838
Sack fatti 95
Intercetti fatti 2

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) 1980 National Football League Draft, Pro Football Hall of Fame. URL consultato il 20 ottobre 2012.
  2. ^ (EN) Super Bowl XX Game Recap, NFL.com. URL consultato il 20 ottobre 2012.
  3. ^ (EN) McMichael sparked a remarkable rally, Chicago Bears.com, 30 marzo 2012. URL consultato il 18 ottobre 2012.
  4. ^ (EN) Center Stage: Mike Ditka, imdb.com, 18 dicembre 2005. URL consultato il 18 ottobre 2012.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]