Cal Hubbard

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Cal Hubbard
Cal Hubbard Football.jpg
Dati biografici
Nazionalità Stati Uniti Stati Uniti
Football americano American football pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Offensive tackle
Ritirato 1936
Hall of Fame Pro Football Hall of Fame (1963)
Carriera
Giovanili
Centenary College, Geneva College
Squadre di club
1927 - 1928 Stemma New York Giants New York Giants
1929 - 1933, 1935 Stemma Green Bay Packers Green Bay Packers
1936 Stemma New York Giants New York Giants
1936 Stemma Pittsburgh Pirates Pittsburgh Pirates
Statistiche aggiornate al 03/11/2012

Robert Calvin Hubbard (Keytesville, 31 ottobre 1900St. Petersburg, 17 ottobre 1977) è stato un giocatore di football americano e arbitro di baseball statunitense. A football giocò nel ruolo di offensive tackle nella National Football League e successivamente fu un umpire nella Major League Baseball. È l'unica persona a far parte sia della Pro Football Hall of Fame che della Baseball Hall of Fame.

Carriera professionistica nel football[modifica | modifica sorgente]

Hubbard debuttò nella National Football League nel 1927, firmando per i New York Giants per un salario di 150 dollari a partita. Giocando a fianco di Steve Owen, egli contribuì alla vittoria del titolo dei Giants nella sua stagione da rookie e fu inserito nella formazione ideale della lega l'anno successivo. Hubbard, che non aveva mai apprezzato la vita nelle grandi città, non si sentì a suo agio a New York, e una gara in trasferta nel 1928 a Green Bay lo spinse a chiedere di essere scambiato coi Packers, affermando che in caso contrario si sarebbe ritirato. I Giants lo accontentarono e l'atmosfera della piccola cittadina si rivelò essere perfetta per Cal. Egli a Green Bay giocò agli ordini del nuovo capo-allenatore Curly Lambeau, vincendo il titolo di campione NFL in ognuno dei suoi primi tre anni con la squadra (1929–1931). Egli continuò ad essere inserito nella formazione ideale della lega fino al suo ritiro nel 1933.

Nel 1934, Hubbard lavorò come allenatore della linea offensiva dell'Università di Texas A&M ma fu persuaso a tornare in campo dopo un solo anno, facendo ritorno a Green Bay nella stagione 1935. Nel 1936, i Giants ebbero bisogno del suo aiuto sul campo e fu di nuovo spinto ad abbandonare il suo ritiro. La sua carriera terminò quella stagione con i Pittsburgh Pirates, la franchigia che sarebbe diventata quella degli Steelers. Fu indotto nella classe inaugurale della Pro Football Hall of Fame nel 1963[1] e nel 1969 fu votato come miglior tackle dei primi 50 anni della storia della NFL.

Vittorie e premi[modifica | modifica sorgente]

Statistiche[modifica | modifica sorgente]

Partite totali 105

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) Member Profile, Pro Football Hall of Fame. URL consultato il 3 novembre 2012.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 1557947 LCCN: n88089866