Matthew Stafford

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Matthew Stafford
Matt Stafford 2009 cropped.jpg
Dati biografici
Nazionalità Stati Uniti Stati Uniti
Altezza 188 cm
Peso 105 kg
Football americano American football pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Quarterback
Squadra Stemma Detroit Lions Detroit Lions
Carriera
Giovanili
2006-2008 Stemma Georgia Bulldogs Georgia Bulldogs
Squadre di club
2009- Stemma Detroit Lions Detroit Lions
Palmarès
Comeback player of the year 1
Per maggiori dettagli vedi qui
Statistiche aggiornate al 10 settembre 2014

John Matthew Stafford (Tampa, 7 febbraio 1988) è un giocatore di football americano statunitense che gioca nel ruolo di quarterback per i Detroit Lions della National Football League (NFL). Fu scelto come primo assoluto nel Draft NFL 2009 dai Lions. Al college ha giocato a football all'Università della Georgia.

Carriera professionistica[modifica | modifica wikitesto]

Detroit Lions[modifica | modifica wikitesto]

2009-2010[modifica | modifica wikitesto]

Stafford con la maglia dei Lions

Venerdì 24 aprile 2009, esattamente un giorno prima del draft, Stafford firmò un contratto con i Detroit Lions che lo scelsero come primo assoluto[1]. Il contratto siglato fu della durata di 6 anni per circa 13 milioni di dollari a stagione, compresi 41,7 milioni garantiti. Il debutto nella NFL avvenne il 13 settembre 2009 contro i New Orleans Saints indossando la maglia numero 9.

Il 24 dicembre 2009 viene messo sulla lista degli infortunati causa la slogatura della spalla.

Nella stagione successiva, Stafford subì altri due infortuni alla spalla destra, causandogli di nuovo la fine prematura della stagione.

2011[modifica | modifica wikitesto]

Alla seconda settimana della stagione regolare del 2011, dopo la vittoria contro i Kansas City Chiefs, vinse il titolo del miglior quarterback della settimana, grazie a una prestazione di 23 lanci su 39 completati per 294 yards con 4 touchdown e un intercetto. Stafford in tale annata divenne il quarto giocatore della storia della NFL a superare quota 5.000 yard passate in una stagione (insieme a Dan Marino, Drew Brees per tre volte e Tom Brady) ed il secondo più giovane dopo l'ex QB dei Dolphins[2][3]. Grazie alle prestazioni di Stafford e del wide receiver Calvin Johnson, i Lions riuscirono a qualificarsi per i playoff dove furono eliminati nel turno delle wild card. Matthew Stafford a fine stagione vinse il premio NFL Comeback Player of the Year Award, assegnato ad un giocatore rialzatosi con un'annata particolarmente positiva in seguito ad una stagione precedente negativa. Stafford inoltre fu votato al 41º posto nella NFL Top 100, l'annuale classifica dei migliori cento giocatori della stagione[4].

2012[modifica | modifica wikitesto]

Nella prima gara della stagione 2012, il 9 settembre contro i St. Louis Rams, Stafford faticò per tutta la partita tirando ben tre intercetti ma lanciando il passaggio da touchdown della vittoria nel finale di partita e concludendo con 355 yard passate[5]. Alla trentesima gara come titolare, Stafford superò le 8.000 yard passate in carriera: solo Dan Marino ne lanciò di più in quell'arco di partite partendo dall'inizio. I Lions nel turno successivo furono sconfitti dai San Francisco 49ers: Matthew passò per 230 yard con un touchdown e un intercetto.[6].

Nella settimana 3, i Lions persero ai supplementari contro i Tennessee Titans con Matthew che dovette uscire per infortunio dopo aver lasciato 278 yard e un touchdown, senza far ritorno in campo[7]. Il negativo inizio di stagione dei Lions proseguì con la sconfitta nella settimana 4 contro i Minnesota Vikings dove Stafford passò 319 yard senza touchdown e intercetti[8][9].

Dopo il turno di pausa, i Lions vinsero finalmente la seconda partita stagionale, ai supplementari contro i Philadelphia Eagles: dopo un inizio stentato, Stafford si riprese nel corso della seconda parte di gara trascinando la squadra alla rimonta con 311 yard, un touchdown e un intercetto subito[10][11].

Nella settimana 8, i Lions vinsero all'ultimo minuto contro i Seattle Seahawks: Stafford passò 352 yard con 3 touchdown e un intercetto, oltre a un touchdown segnato su corsa[12][13]. I Lions raddrizzarono il loro record nella settimana 9 vincendo facilmente contro i Jacksonville Jaguars con Stafford che passò 285 yard senza touchdown e intercetti[14].

Nella settimana 10, 329 yard passate e 3 touchdown di Stafford (con un intercetto) non furono sufficienti alla sua squadra per battere i Vikigns[15]. Detroit perse anche nel turno seguente contro i Packers con il quarterback che passò 266 yard, 1 touchdown e 2 intercetti[16].

Nella gara del Giorno del Ringraziamento Stafford e i Lions persero contro gli Houston Texans, la squadra col miglior record della lega, solo ai supplementari. Matt passò 441 yard con 2 touchdown[17]. L'ennesima sconfitta in rimonta della stagione dei Lions giunse nel turno seguente contro i Colts con Matthew che passò 313 yard, un touchdown e un intercetto[18]. La domenica successiva Detroit perse ancora coi Packers col quarterback che passò 264 yard, un touchdown e un intercetto[19].

Stafford nella settimana 15 passò il secondo minimo stagionale (246 yard) e lanciò ben tre intercetti che causarono la sconfitta dei Lions contro gli Arizona Cardinals, provenienti da una striscia di nove sconfitte consecutive[20]. Il sabato successivo, nella notte in cui Calvin Johnson stabilì il record NFL per yard ricevute in una stagione, Stafford passò 443 yard (con un intercetto) che non furono sufficienti a battere gli Atlanta Falcons[21]. La pessima stagione dei Lions si concluse con una sconfitta contro i Bears in cui Stafford lanciò 272 yard, 3 touchdown e un intercetto[22], superando il record NFL di Drew Bledsoe per numero di passaggi tentati in una stagione. Il suo 2012 si concluse con 4.967 yard passate (secondo nella lega), più che dimezzando i passaggi da touchdown rispetto all'anno precedente (20 contro 41) e 17 intercetti. A fine anno fu classificato al numero 76 nella classifica dei migliori cento giocatori della stagione[23].

2013[modifica | modifica wikitesto]

Il 9 luglio 2013, Stafford firmò un nuovo contratto coi Lions fino al 2017 del valore di 53 milioni di dollari, inclusi 41,5 milioni garantiti e 27,5 milioni di bonus alla firma[24]. La stagione iniziò con una vittoria sui Vikings in cui passò 357 yard, 2 touchdown e un intercetto[25]. La settimana successiva, 278 yard e 2 touchdown per Calvin Johnson passati da Stafford non riuscirono ad evitare ai Lions la sconfitta in rimonta contro gli Arizona Cardinals[26].

Nella settimana 3, i Lions vinsero la prima gara della storia della franchigia in casa di Washington, interrompendo una serie di zero vittorie e 21 sconfitte che durava dal 1939. Stafford passò 385 yard con 2 touchdown e un intercetto[27]. Con 242 yard passate e 2 touchdown (uno su corsa) di Stafford nella settimana successiva, i Lions batterono i Bears, agganciandoli in testa alla NFC North[28][29].

Dopo una sconfitta in trasferta coi Packers nella settimana 5, i Lions tornarono alla vittoria contro i Browns con Stafford che passò 248 yard, 4 touchdown e un intercetto subito[30]. La domenica seguente il quarterback continuò a giocare bene ma 357 yard e 3 TD passati non furono sufficienti per evitare la sconfitta all'ultimo istante contro i Cincinnati Bengals[31].

Nella settimana 8, Stafford portò i Lions alla clamorosa vittoria in rimonta sui Cowboys guidando il drive della vittoria, partito a meno di un minuto dal termine e culminato con il suo touchdown su corsa da una yard a 12 secondi dal fischio finale, con la squadra rimasta senza time-out. La sua prestazione terminò con ben 488 yard passate (329 delle quali a Calvin Johnson che mancò il record NFL per sole sette yard), un passaggio da touchdown e due intercetti subiti[32][33].

Dopo la settimana di pausa, Stafford guidò i Lions a un'importante vittoria in casa dei Bears che li portò in testa alla division con 219 yard passate, 3 touchdown e un intercetto subito[34]. La settimana successiva contro gli Steelers divenne il primatista di tutti i tempi della franchigia per yard passate in carriera ma dopo un ottimo primo tempo, sia lui che Calvin Johnson si eclissarono, portando Detroit a perdere la gara[35]. In quella gara superò le 16.000 yard passate in carriera, il più veloce giocatore della storia a tagliare tale traguardo, in 55 partite. Nella settimana 13 Stafford portò i Lions a vincere la prima gara del Giorno del Ringraziamento dal 2003 e contemporaneamente ottenne la prima vittoria in carriera contro i Packers, passando 330 yard, tre touchdown e due intercetti[36].

Nel Monday Night della settimana 15 contro i Ravens, i Lions persero la quarta gara nelle ultime cinque, scendendo a un record di 7-7 e scivolando dal primo al terzo posto della division. Stafford terminò la gara con 1 touchdown e tre intercetti subiti[37][38]. Il collasso della squadra continuò perdendo anche le ultime due gare della stagione, concludendo una stagione iniziata in modo promettente con un deludente record di 7-9 e rimanendo fuori dai playoff per il secondo anno consecutivo. L'annata di Stafford si concluse al terzo posto della lega con 4.650 yard passate, con 29 touchdown e 19 intercetti subiti, per un passer rating di 84,2, venendo votato al 100º posto nella NFL Top 100[39], 24 posizioni in meno dell'anno precedente.

2014[modifica | modifica wikitesto]

Nel debutto in panchina in panchina del nuovo allenatore Jim Caldwell e per la prima volta con un secondo ricevitore di livello da accoppiare a Calvin Johnson, il neo-acquisto Golden Tate, Stafford giocò una gara senza sbavature, battendo in casa i Giants, passando 346 yard, 2 touchdown e segnandone un terzo su corsa[40][41]. Il suo passer rating di 125,3 fu il terzo migliore della carriera. Dopo una netta sconfitta coi Panthers, la vittoria tornò nella settimana 3 contro i Packers rivali di division malgrado due intercetti lanciati dal quarterback[42]. Nel turno seguente i Lions batterono anche i Jets in trasferta con Stafford che passò 293 e 2 touchdown e ne segnò un terzo su corsa[43]. Detroit partì così con un record di 3-1 per la seconda stagione consecutiva. Dopo una sconfitta all'ultimo secondo contro i Bills, i Lions, pur privi di Calvin Johnson e Reggie Bush, tornarono a vincere nella settimana 6 contro i Vikings con il quarterback che passò 185 yard e un touchdown. Ancora senza il suo bersaglio preferito, Stafford la domenica successiva passò due touchdown negli ultimi quattro minuti, raggiungendo la vittoria in rimonta sui Saints.

Dopo una vittoria sui Falcons e la settimana di pausa, Stafford portò ancora Detroit a vincere in rimonta quando passò il touchdown del sorpasso sui Dolphins a 29 secondi dal termine per Theo Riddick. Seguirono due sconfitte contro Patriots e Cardinals finché, il Giorno del Ringraziamento, passò 390 yard e 2 touchdown per Calvin Johnson nella vittoria interna per 34-17 sui Bears[44]. La vittoria si ripeté anche nel turno successivo contro i Buccaneers, terminando la gara con 311 yard passate e tre touchdown.

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

2011
2ª e 11ª del 2011
11ª del 2009
  • Miglior giocatore offensivo della settimana della NFC: 1
11ª del 2009
8ª del 2010 e 8ª del 2013

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Stagione regolare[modifica | modifica wikitesto]

Anno Squadra G GT Passaggi Corse Sack Fumble
Comp Tent Pct Yard Media TD Int Rat Tent Yard Media TD Sack Yard Fum Persi
2009 DET 10 10 201 377 53.3 2.267 6,0 13 20 61.0 20 108 5,4 2 24 169 4 1
2010 DET 3 3 57 96 59.4 535 5,6 6 1 91,3 4 11 2,8 1 4 36 2 1
2011 DET 16 16 421 663 63.5 5.038 7,6 41 16 97,2 22 78 3.5 0 36 257 5 1
2012 DET 16 16 435 727 59.8 4,967 6.8 20 17 79.8 35 126 3.6 4 29 212 4 2
2013 DET 16 16 371 634 58.5 4,650 7.3 29 19 84.2 37 69 1.9 2 23 168 12 4
2014 DET 1 1 22 32 68.8 346 10.8 2 0 125.3 4 2 0.5 1 1 5 0 0
Totale 62 62 1,507 2,529 59.6 17,803 7.0 111 73 83.7 122 394 3.4 10 117 847 29 11

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) 2009 National Football League Draft, Pro Football Hall of Fame. URL consultato il 28 settembre 2012.
  2. ^ (EN) Patriots' Brady now No. 2 on single-season passing list.
  3. ^ (EN) PACKERS' BACKUP FLYNN THROWS FOR TEAM RECORD SIX TDS IN WIN.
  4. ^ (EN) NFL.com - Top 100 Players of 2012.
  5. ^ (EN) St. Louis 23 Detroit 27, NFL.com, 9 settembre 2012. URL consultato il 10 settembre 2012.
  6. ^ (EN) Game center: Detroit 19 San Francisco 27, NFL.com, 16 settembre. URL consultato il 17 settembre 2012.
  7. ^ (EN) Game Center: Detroit 41 Tennessee 44, NFL.com, 23 settembre 2012. URL consultato il 26 settembre 2012.
  8. ^ (EN) Game Center: Minnesota 20 Detroit 13, NFL.com, 30 settembre 2012. URL consultato il 2 ottobre 2012.
  9. ^ NFL 2012 Week 4 - Risultati e Commenti, NFL Italia Blog, 4 ottobre 20012. URL consultato il 4 ottobre 2012.
  10. ^ (EN) Game Center: Detroit 26 Philadelphia 23, NFL.com, 14 ottobre 2012. URL consultato il 17 ottobre 2012.
  11. ^ (EN) NFL: Rodgers costringe alla resa i Texans, Falcons ancora imbattuti, Eat Sport, 15 ottobre 2012. URL consultato il 16 ottobre 2012.
  12. ^ (EN) Game Center: Seattle 24 Detroit 28, NFL.com, 28 ottobre 2012. URL consultato il 28 ottobre 2012.
  13. ^ NFL – Giants in volata sui Cowboys, dominio di Patriots e Broncos, Eat Sport, 29 ottobre 2012. URL consultato il 29 ottobre 2012.
  14. ^ (EN) Game Center: Detroit 31 Jacksonville 14, NFL.com, 4 novembre 2012. URL consultato il 6 novembre 2012.
  15. ^ (EN) Game Center Detroit 24 Minnesota 34, NFL.com, 11 novembre 2012. URL consultato il 12 novembre 2012.
  16. ^ (EN) Game Center: Green Bay 24 Detroit 20, NFL.oom, 18 novembre 2012. URL consultato il 19 novembre 2012.
  17. ^ (EN) Game Center: Houston 34 Detroit 31, NFL.com, 22 novembre 2012. URL consultato il 23 novembre 2012.
  18. ^ (EN) Game Center: Indianapolis 35 Detroit 33, NFL.com, 2 dicembre 2012. URL consultato il 3 dicembre 2012.
  19. ^ (EN) Game Center: Detroit 20 Green Bay 27, NFL.com, 9 dicembre 2012. URL consultato l'11 dicembre 2012.
  20. ^ (EN) Game Center: Detroit 10 Arizona 38, NFL.com, 16 dicembre 2012. URL consultato il 17 dicembre 2012.
  21. ^ (EN) Game Center: Atlanta 31 Detroit 18, NFL.com, 22 dicembre 2012. URL consultato il 23 dicembre 2012.
  22. ^ (EN) Game Center: Chicago 26 Detroit 24, NFL.com, 31 dicembre 2012. URL consultato il 31 dicembre 2012.
  23. ^ (EN) Top 100 Players of 2013, NFL.com, 25 aprile 2013. URL consultato il 28 aprile 2013.
  24. ^ (EN) Matthew Stafford signs Detroit Lions deal extension, NFL.com, 9 luglio 2013. URL consultato il 10 luglio 2013.
  25. ^ (EN) Game Center: Minnesota 24 Detroit 34, NFL.com, 8 settembre 2013. URL consultato il 9 settembre 2013.
  26. ^ (EN) Game Center: Detroit 21 Arizona 25, NFL.com, 15 settembre 2013. URL consultato il 16 settembre 2013.
  27. ^ (EN) Game Center: Detroit 27 Washington 20, NFL.com, 22 settembre 2013. URL consultato il 23 settembre 2013.
  28. ^ (EN) Game Center: Chicago 32 Detroit 40, NFL.com, 29 settembre 2013. URL consultato il 30 settembre 2013.
  29. ^ Nfl, Manning al top, Flacco flop; che colpi Detroit e Seattle, La Gazzetta dello Sport, 30 settembre 2013. URL consultato il 30 settembre 2013.
  30. ^ (EN) Game Center: Detroit 31 Cleveland 17, NFL.com, 13 ottobre 2013. URL consultato il 14 ottobre 2013.
  31. ^ (EN) Game Center: Cincinnati 27 Detroit 24, NFL.com, 20 ottobre 2013. URL consultato il 21 ottobre 2013.
  32. ^ (EN) Game Center: Dallas 30 Detroit 31, NFL.com, 27 ottobre 2013. URL consultato il 27 ottobre 2013.
  33. ^ Nfl, riscatto Denver, Washington ci prova ma soccombe, La Gazzetta dello Sport, 28 ottobre 2013. URL consultato il 28 ottobre 2013.
  34. ^ (EN) Game Center: Detroit 21 Chicago 19, NFL.com, 10 novembre 2013. URL consultato l'11 novembre 2013.
  35. ^ (EN) Game Center: Detroit 27 Pittsburgh 37, NFL.com, 17 novembre 2013. URL consultato il 18 novembre 2013.
  36. ^ (EN) Game Center: Green Bay 10 Detroit 40, NFL.com, 28 novembre 2013. URL consultato il 28 novembre 2013.
  37. ^ (EN) Game Center: Baltimore 18 Detroit 16, NFL.com, 16 dicembre 2013. URL consultato il 17 dicembre 2013.
  38. ^ Nfl, i Ravens hanno la meglio sui Lions grazie ad un Tucker da record, La Gazzetta dello Sport, 17 dicembre 2013. URL consultato il 17 dicembre 2013.
  39. ^ (EN) The Top 100 Players of 2014, NFL.com, 11 maggio 2014. URL consultato l'11 maggio 2014.
  40. ^ (EN) Game Center: New York 14 Detroit 35, NFL.com, 8 settembre 2014. URL consultato il 9 settembre 2014.
  41. ^ Football Nfl: Brady fa acqua, Peyton insegue Favre, La Gazzetta dello Sport, 9 settembre 2014. URL consultato l'11 settembre 2014.
  42. ^ (EN) Game Center: Green Bay 9 Detroit 17, NFL.com, 22 settembre 2014. URL consultato il 22 settembre 2014.
  43. ^ (EN) Game Center: Detroit 24 New York 17, NFL.com, 28 settembre 2014. URL consultato il 29 settembre 2014.
  44. ^ (EN) Game Center: Chicago 17 Detroit 34, NFL.com, 27 novembre 2014. URL consultato il 28 novembre 2014.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]