Cleveland Browns

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Cleveland Browns
Football americano American football pictogram.svg
Cleveland Browns logo.png
Segni distintivi
Uniformi di gara
AFCN-Uniform-CLE 10-11.PNG
Colori sociali                Marrone, Arancione, Bianco
Mascotte Chomps
Dati societari
Città Flag of Cleveland, Ohio.svg Cleveland (OH)
Paese Stati Uniti Stati Uniti
Lega Stati Uniti National Football League
Conference AFC
Division AFC North
Fondazione 1946
Denominazione Cleveland Browns (19461995)
Attività sospesa (19961998)
Cleveland Browns (1999–presente)
Proprietario Stati Uniti Jimmy Haslam
General manager Stati Uniti Michael Lombardi
Capo-allenatore Mike Pettine
Stadio FirstEnergy Stadium
(73200 posti)
Sito web www.clevelandbrowns.com
Palmarès
Ed Thorp Memorial Trophy.pngEd Thorp Memorial Trophy.pngEd Thorp Memorial Trophy.pngEd Thorp Memorial Trophy.png
Campionati NFL 4
Campionati AAFC 4
Titoli divisionali 13
Apparizioni ai playoff 28

I Cleveland Browns sono una squadra professionistica di football americano della NFL con sede a Cleveland. Competono nella North Division della American Football Conference e giocano le loro gare interne al FirstEnergy Stadium (chiamato Cleveland Browns Stadium dalla sua apertura nel 1999 al 2012). La sede amministrativa e le strutture di allenamento sono a Berea, Ohio. I colori ufficiali dei Browns sono l'arancione, il marrone e il bianco. Sono gli unici tra i 32 club della NFL a non avere un logo sul casco. Al 2014, secondo la rivista Forbes, il valore della squadra è di circa 1,12 miliardi di dollari, ventiduesimi tra le franchigie della NFL[1]

I Cleveland Browns furono fondati nel 1945 dall'imprenditore Arthur B. “Mickey” McBride come membro originario della All-America Football Conference (AAFC), che iniziò le sue operazioni nell'anno successivo. T Browns dominarono la AAFC, facendo registrare un record di 47–4–3 nelle quattro stagioni di attività della lega, in cui vinsero il titolo di campioni ogni anno. Dopo la stagione 1949, la AAFC fallì e i Browns furono una delle tre frachigie a unirsi alla National Football League (le altre furono i San Francisco 49ers e la versione originale dei Baltimore Colts). I Browns vinsero il titolo nella loro prima stagione nella NFL, oltre che nel 1954, 1955 e 1964. Dal 1965 al 1995, il club ha raggiunto i playoff 14 volte ma non ha più vinto un titolo né preso parte a un Super Bowl.

Il 6 novembre 1995, Art Modell, che aveva acquistato i Browns nel 1961, annunciò il trasferimento della squadra a Baltimora, Maryland, alla fine della stagione. I diritti sulla proprietà intellettuale sui Browns rimasero però a Cleveland per una futura squadra di espansione. Le operazioni dei Browns furono sospese per tre stagioni.

Dal ritorno nel 1999, i Cleveland Browns hanno avuto un successo limitato, con un record di 77–163 fino alla stagione 2013, e due sole stagioni con un record positivo: 9–7 nel 2002 e 10–6 nel 2007, qualificandosi per i playoff nell'ultima occasione nel 2002, come wild card.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Storia dei Cleveland Browns.
Il fondatore Paul Brown in una card del 1952.

La storia della squadra iniziò nel 1944 quando il magnate dei taxi Arthur B. "Mickey" McBride si assicurò a Cleveland una franchigia dell'appena formata All-America Football Conference (AAFC). Paul Brown, che coach Bill Walsh una volta definì "il padre del football moderno", fu il primo allenatore della squadra. Dal loro inizio nel 1946 al Cleveland Municipal Stadium, i Browns ebbero un grande successo. Cleveland vinse ognuno dei quattro campionati della AAFC prima che lega si dissolvesse nel 1949. La squadra si trasferì così nella più stabile National Football League (NFL), dove continuò a dominare. Tra il 1950 e il 1955, Cleveland raggiunse la finale di campionato ogni anno, vincendola per tre volte. Stelle di quegli anni furono il quarterback Otto Graham, il kicker e offensive tackle Lou Groza, i wide receiver Dante Lavelli e Mac Speedie, il fullback Marion Motley e il nose tackle Bill Willis.

McBride e i suoi soci vendettero la squadra a un gruppo di uomini d'affari di Cleveland nel 1953 per l'allora senza precedenti somma di 600.000 dollari. Otto anni dopo, la squadra fu nuovamente venduta, questa volta a un gruppo guidato da Art Modell. Questi licenziò Brown prima della stagione 1963 sostituendolo con Blanton Collier, ma la squadra continuò ad avere successo, trascinata dal running back Jim Brown. Cleveland vinse il campionato nel 1964 e raggiunse la finale l'anno successivo, perdendo contro i Green Bay Packers. La squadra raggiunse i playoff per tre volte nel finale degli anni sessanta, ma non riuscì mai a qualificarsi per il Super Bowl.

Il FirstEnergy Stadium, casa dei Browns.

Quando la AFL e la NFL si fusero prima della stagione 1970, Cleveland divenne parte della nuova American Football Conference (AFC). Mentre i Browns raggiunsero i playoff nel 1971 e 1972, caddero nella mediocrità nella metà degli anni settanta. Tornarono competitivi nel 1979 e 1980, quando il quarterback Brian Sipe guidò una serie di vittorie dell'ultimo minuti che fece guadagnare alla squadra il soprannome di "Kardiac Kids". Con Sipe, comunque, la squadra non superò mai il primo turno dei playoff. Maggiore successo ebbe il quarterback Bernie Kosar, scelto da Cleveland nel 1985, che portò la squadra a tre finali della NFC in quattro anni, perdendo sempre coi Denver Broncos, con partite entrate nella storia della NFL come The Drive e The Fumble. Nel 1995, Modell annunciò la sua intenzione di trasferire i Browns a Baltimora, scatenando le ire dei tifosi. Alla fine si giunse a un accordo che mantenne a Cleveland il nome, i colori e la storia dei Browns. Dopo tre stagioni di inattività, la squadra tornò a giocare nel nuovo Cleveland Browns Stadium nel 1999 sotto la direzione di un nuovo proprietario Al Lerner. Da allora i Browns hanno raggiunto i playoff una sola volta, nel 2002.

Nell'ottobre 2012, Jimmy Haslam raggiunse un accordo con Randy Lerner per acquistare la franchigia per un miliardo di dollari. Il 16 ottobre 2012, l'acquisto fu approvato unanimemente da tutti i 32 proprietari delle franchigie della NFL, con la vendita che si concluse il 25 ottobre 2012[2][3].

Loghi e uniformi[modifica | modifica wikitesto]

Il casco dei Browns è l'unico senza logo nella NFL.

La divisa casalinga è bianca a bordi arancio/marrone, pantaloncini bianchi a bordi arancio/marrone. Quella da trasferta è marrone a bordi bianco/arancio, pantaloncini bianchi a bordi arancio/marrone. Esistono anche delle varianti che prevedono a seconda delle esigenze cromatiche, l'uso di pantaloncini marroni o arancioni sia per la prima che per la seconda divisa. I caschi indossati dai giocatori non presentano alcun tipo di logo, sono di color arancione, attraversati longitudinalmente da una striscia bianca bordata di marrone. Il logo tradizionale dei Browns consiste semplicemente in un casco di colore bruno-arancione. Dal 2008 hanno adottato un logo alternativo che consiste in una testa di bulldog, chiamato "Dawg".

Stagione per stagione[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Stagioni dei Cleveland Browns.

Membri della Pro Football Hall of Fame[modifica | modifica wikitesto]

La sede dei Browns a Cleveland

Alla classe 2014, 15 giocatori e un membro dello staff dei Browns sono stati indotti nella Pro Football Hall of Fame:

Hall of Famer dei Cleveland Browns
Anno N. Ruolo Giocatore
1965 14 QB Otto Graham
1967 -- Allen. Paul Brown
1968 36 FB Marion Motley
1971 32 FB Jim Brown
1974 76 OT e K Lou Groza
1975 86 TE Dante Lavelli
1976 80 DE Len Ford
1977 60 OG Bill Willis
1983 49 WR e HB Bobby Mitchell
1983 42 WR Paul Warfield
1984 74 OT Mike McCormack
1985 52 C Frank Gatski
1994 44 RB Leroy Kelly
1999 82 TE Ozzie Newsome
2003 64 OG Joe DeLamielleure
2007 66 OG Gene Hickerson

Numeri ritirati[modifica | modifica wikitesto]

Numeri ritirati dai Cleveland Browns
Cleveland Browns 14 retired.png Cleveland Browns 32 retired.png Cleveland Browns 45 retired.png Cleveland Browns 46 retired.png Cleveland Browns 76 retired.png
Otto Graham
QB, 1946-55
Jim Brown
RB, 1957-65
Ernie Davis
HB, 1962
Don Fleming
S, 1960-62
Lou Groza
OL/K, 1946-59, '61-67

Premi individuali[modifica | modifica wikitesto]

MVP della NFL
Anno Giocatore Ruolo
1957 Jim Brown RB
1957 Jim Brown RB
1957 Jim Brown RB
1980 Brian Sipe QB
Rookie difensivo dell'anno
Anno Giocatore Ruolo
1982 Chip Banks LB
MVP del Pro Bowl
Anno Giocatore Ruolo
1950 Otto Graham QB
1961 Jim Brown RB
1962 Jim Brown RB
1965 Jim Brown RB

La squadra[modifica | modifica wikitesto]

Roster dei Cleveland Browns
Offensive Linemen
Defensive Linemen
Linebacker
Defensive Back
Special Team
Lista delle riserve
Squadra di allenamento



Roster aggiornato al 1º settembre 2014

53 attivi, 6 inattivi, 7 nella squadra d'allenamento, 0 free agent

Legenda
  • I rookie sono in corsivo.
  • il primo ruolo è il principale mentre gli eventuali successivi indicano i ruoli secondari.
  • Injury icon 2.svg indica un giocatore fuori per il resto della stagione.
  • (IR) attiva indica la lista ristretta per un solo giocatore infortunato che può tornare ad allenarsi dopo la settimana 6 e a rientrare in prima squadra dopo la settimana 8.
  • (NFI) indica la lista dove viene inserito un giocatore che ha un infortunio non legato al football americano.
  • (PUP) indica la lista dove viene inserito un giocatore mentre è in attesa di recuperare la condizione fisica. Nella stagione regolare dopo la sesta partita giocata dalla propria squadra, il giocatore ha tempo 3 settimane per riprendere la pratica, più tre settimane aggiuntive dal suo rientro agli allenamenti per rientrare in prima squadra.
AFC East: BUF · MIA · NE · NYJNorth: BAL · CIN · CLE · PITSouth: HOU · IND · JAC · TENWest: DEN · KC · OAK · SD
NFC East: DAL · NYG · PHI · WASNorth: CHI · DET · GB · MINSouth: ATL · CAR · NO · TBWest: ARI · STL · SF · SEA

Lo staff[modifica | modifica wikitesto]

Staff dei Cleveland Browns
Organi dirigenziali
Capo allenatore
Altri allenatori
Allenatori dell'attacco
Allenatori della difesa
Allenatori dello special team
AFC East: BUF · MIA · NE · NYJNorth: BAL · CIN · CLE · PITSouth: HOU · IND · JAC · TENWest: DEN · KC · OAK · SD
NFC East: DAL · NYG · PHI · WASNorth: CHI · DET · GB · MINSouth: ATL · CAR · NO · TBWest: ARI · STL · SF · SEA

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) NFL Team Valuations: Cleveland Browns, Forbes, agosto 2014. URL consultato il 30 agosto 2014.
  2. ^ (EN) Jimmy Haslam is new Cleveland Browns owner after unanimous approval by NFL, Cleveland.com, 16 ottobre 2012. URL consultato il 26 agosto 2014.
  3. ^ (EN) Zest for life should serve new owner Jimmy Haslam well with Browns, Akron Beacon Journal, 14 ottobre 2012. URL consultato il 26 agosto 2014.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • George Cantor, Paul Brown: The Man Who Invented Modern Football, Chicago, Triumph Books, 2008, ISBN 978-1-57243-725-8.
  • Frank M. Henkel, Cleveland Browns History, Mount Pleasant, SC, Arcadia Publishing, 2005, ISBN 978-0-7385-3428-2.
  • Andy Piascik, The Best Show in Football: The 1946–1955 Cleveland Browns, Lanham, MD, Taylor Trade Publishing, 2007, ISBN 978-1-58979-571-6.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]