Joe Flacco

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Joe Flacco
Joe Flacco.jpg
Dati biografici
Nome Joseph Vincent Flacco
Nazionalità Stati Uniti Stati Uniti
Altezza 198 cm
Peso 108 kg
Football americano American football pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Quarterback
Squadra Stemma Baltimore Ravens Baltimore Ravens
Carriera
Giovanili
2003-2004
2005-2007
Stemma Pittsburgh Panthers Pittsburgh Panthers
Delaware Fightin' Blue Hens Delaware Fightin' Blue Hens
Squadre di club
2008- Stemma Baltimore Ravens Baltimore Ravens
Palmarès
Super Bowl 1
MVP del Super Bowl 1
Per maggiori dettagli vedi qui
Statistiche aggiornate al 20 luglio 2014

Joseph Vincent "Joe" Flacco (Audubon, 16 gennaio 1985) è un giocatore di football americano statunitense che gioca nel ruolo di quarterback nei Baltimore Ravens della National Football League; i suoi bisnonni erano abruzzesi[1]. Fu scelto nel corso del primo giro (18° assoluto) del Draft NFL 2008 dai Ravens. Al college ha giocato a football all'Università del Delaware.

Nel suo anno da esordiente, Joe lanciò per 2.971 yard, 14 touchdown e 12 intercetti giocando come titolare tutte le 16 gare di stagione regolare e diventando solamente l'ottavo quarterback rookie nella storia della NFL a partire come titolare in una gara di playoff. Guidando i Ravens a due vittorie in trasferta nei playoff 2008-09, divenne il primo rookie tra i quarterback nella storia della lega a vincere due gare di playoff. Nella sua seconda stagione, Flacco migliorò passando 3.613 yard, 21 touchdown e 12 intercetti, stabilendo i record di franchigia per percentuale di completamento dei passaggi (63,1) e passer rating (88,9). Nel suo terzo anno nella NFL, Flacco divenne il leader di tutti i tempi della storia dei Ravens per yard passate (10.206) e passaggi da touchdown (60). Giocando come titolare due gare di playoff nel 2009, Flacco conquistò il primato per il maggior numero di presenze da titolare per un quarterback nelle sue due prime stagioni nella NFL (37).[2] Flacco divenne solamente il quarto quarterback a portare la sua squadra ai playoff nelle sue prime quattro stagioni e il primo a vincere una partita in un ognuna di esse. Nella stagione 2012 guidò i Ravens alla vittoria del Super Bowl XLVII venendo premiato come MVP della partita.[3] Nel 2013 firmò il contratto d'ingaggio pluriennale più alto nella storia della NFL: 120,6 milioni di dollari per 6 anni, ossia 20,1 milioni a stagione.[4]

Carriera professionistica[modifica | modifica sorgente]

Baltimore Ravens[modifica | modifica sorgente]

Stagione 2008[modifica | modifica sorgente]

Flacco con Boller durante un allenamento.

Al Draft NFL 2008, Flacco fu selezionato come 18a scelta assoluta dai Baltimore Ravens.[5] Il 16 luglio 2008 firmò un contratto di 5 anni per 30 milioni di dollari di cui 8,75 garantiti. Debuttò nella NFL il 7 settembre 2008 contro i Cincinnati Bengals indossando la maglia numero 5.

Il 4 gennaio 2009, vincendo la gara di Wild Card contro i Miami Dolphins divenne il terzo quarterback rookie della storia a vincere la partita d'esordio nei playoff NFL.

La settimana successiva i Baltimore Ravens eliminarono i Tennessee Titans accedendo al secondo turno dei playoff. Joe Flacco diventò il primo quarterback rookie della storia a vincere due partite di playoff. Nella finale della AFC, i Ravens vennero eliminati dai Pittsburgh Steelers.

Stagione 2009[modifica | modifica sorgente]

Nella gara di apertura a Baltimore contro i Kansas City Chiefs, Flacco guidò i Ravens alla prima vittoria della stagione. Egli lanciò per 307 yard e 3 touchdown, entrambi record in carriera. Joe subì anche un intercetto per un passer rating di 95,8. Durante quella partita, i Ravens superarono il record di franchigia per yard totali offensive guadagnate con 501.

Nella settimana 3 contro i Cleveland Browns, Flacco lanciò un nuovo record in carriera di 342 yard con un rating di 111,8 con un passaggio da touchdown.

Flacco durante il training camp del 2008

Joe superò nuovamente il suo record in carriera nella settimana 6 contro i Minnesota Vikings, con 385 yard passate, anche se Baltimore perse la gara per due punti.

Nella settimana 15 contro i Chicago Bears, Flacco lanciò il suo record di touchdown con 4, con 234 yard passate e completando il 72% dei suoi passaggi, per un rating di 135,6. I Ravens vinsero 31-7.

Con 3.613 yard e 21 touchdown, Flacco divenne il primo quarterback dei Ravens dai tempi di Vinny Testaverde a lanciare più di 3.000 yard e 20 TD in una singola stagione.

Un infortunio limitò Flacco nella partita di wild card contro i Patriots. I Ravens vinsero comunque 33-14 malgrado Flacco abbia lanciato con 4/10 per sole 34 yard ed un intercetto. La settimana seguente contro i Colts, Flacco giocò nuovamente male e i Ravens persero 20-3.

Stagione 2010[modifica | modifica sorgente]

Nella prima partita della stagione, Flacco e i Ravens debuttarono contro i New York Jets in trasferta. Flacco lanciò per 248 yard completando il 52,6% dei suoi passaggi e tirando un intercetto nella vittoria 10-9. La settimana seguente giocò la peggior partita della carriera lanciando ben 4 intercetti contro i Bengals ma rifacendosi la settimana seguente passando tre TD contro i Browns per un passer rating di 128,7. Alla fine della stagione regolare, Flacco stabilì i propri record in carriera di yard passate (3.622), passaggi da touchdown (25), passer rating (93,6) ed il minimo stagionale di intercetti (10).

Nel primo turno di playoff, i Ravens vinsero contro i Kansas City Chiefs (30-7) e Flacco completò 25 passaggi su 34 passes per 265 yard e 2 touchdown senza intercetti, con un passer rating di 115,4. With the win, Flacco divenne il primo quarterback della storia della NFL a partire da titolare e vincere una partita di playoff in ognuno dei suoi primi anni di carriera e raggiunse Len Dawson, Roger Staubach, Jake Delhomme, e Mark Sanchez per il maggior numero di vittorie in trasferta nei playoff per un quarterback.[6]

La corsa nei playoff dei Ravens si concluse contro gli Steelers, con Flacco che completò 16 passaggi su 30 per 125yard, 1 touchdown ed un intercetto.

Stagione 2011[modifica | modifica sorgente]

Flacco nel settembre 2012 prima della gara vinta contro i Patriots.

Poco dopo la fine della stagione 2010, i Ravens licenziarono l'allenatore dei quarterback Jim Zorn, per il dispiacere di Flacco. Questa fu solo la prima di una serie di drastici cambiamenti avvenuti nella offseason del 2011. Il 28 luglio 2011, il ricevitore principale di Flacco nelle ultime tre stagioni, Derrick Mason, fu tagliato per recuperare spazio nel salary cap. Inoltre i ricevitori numero 3 e 4, T.J. Houshmandzadeh e Donté Stallworth non furono rifirmati e lo storico tight end dei Ravens Todd Heap fu tagliato e firmato dagli Arizona Cardinals. Flacco rimase solo con Anquan Boldin e i rookie Torrey Smith and Tandon Doss come wide receiver finché i Ravens non acquisirono Lee Evans, un atleta veloce per il braccio di Flacco. I tight end al secondo anno Ed Dickson e Dennis Pitta sostituirono l'ex Pro-Bowler Heap.

Nella vittoria contro i St. Louis Rams, Flacco fece una grande prestazione, chiudendo con 27 lanci completati su 48 per 389 yard con 3 touchdowns, subì 2 sack perdendo 4 yard, con un rating di 103,6. Grazie a questa prova vinse il titolo di miglior quarterback della NFL della settimana .

I Ravens vinsero la propria division ed avanzarono nei playoff sino alla finale della AFC, persa dopo aver sbagliato il field goal del potenziale pareggio nei secondi finali coi New England Patriots.

A fine stagione, Flacco fu votato al 74º posto nella NFL Top 100, l'annuale classifica dei migliori cento giocatori della stagione.[7]

Stagione 2012: vittoria del Super Bowl[modifica | modifica sorgente]

Il 10 settembre, Flacco iniziò la stagione alla grande guidando i Ravens a una netta vittoria contro i Cincinnati Bengals per 44-13. Joe completò 21 passaggi su 29 tentativi per 299 yard e 2 passaggi da touchdown.[8] Nel turno successivo, i Ravens furono sconfitti dai Philadelphia Eagles: dopo un buon inizio Joe faticò nel corso della partita terminando con 232 yard passate, un touchdown e il primo intercetto subito in stagione.[9] Nella settimana 3 i Ravens vinsero con un field goal negli ultimi istanti della gara contro i Patriots: Flacco passò per 382 yard con 3 touchdown e un intercetto.[10][11]

Nel Thursday Night Football della settimana 4 i Ravens vinsero contro i loro rivali di division, i Cleveland Browns: Flacco passò 356 yard con delle grandi giocate, passando un touchdown con un intercetto e segnando un altro touchdown su corsa.[12] Per questa prestazione, Joe vinse per la seconda volta in carriera il premio di miglior quarterback della settimana.[13]

Nella settimana 5 i Ravens si portarono su un record di 4-1 con la vittoria sui Chiefs: il quarterback passò 187 yard senza touchdown e subendo un intercetto.[14] I Ravens vinsero la quarta gara consecutiva nella settimana 6 contro i Dallas Cowboys con Flacco che passò 234 yard e un touchdown.[15][16]

Nella settimana 7, Baltimore perse nettamente contro gli Houston Texans per 43-13: Flacco faticò per tutta la partita completando 21 passaggi su 43 tentativi per 147 yard, un touchdown e 2 intercetti, subendo anche una safety.[17][18] Dopo la settimana di pausa i Ravens vinsero coi Browns con Flacco che passò 253 yard e un touchdown.[19]

Nella settimana 10 i Ravens stabilirono il record di franchigia infliggendo 55 punti agli Oakland Raiders: Flacco giocò alla grande passando 341 yard con tre touchdown passati (1 intercetto) e un altro segnato su corsa,[20] rimanendo in panchina nell'ultimo quarto a gara ampiamente decisa.[21] Per questa prestazione, il giocatore vinse per la seconda volta in stagione il premio di miglior quarterback della settimana.[22]

Nella settimana 11 Flacco confermò le sue difficoltà lontano dall'M&T Bank Stadium ma i Ravens ottennero comunque un'importante vittoria sugli Steelers privi di Ben Roethlisberger. Il quarterback passò 164 yard senza touchdown e intercetti.[23]

Nel turno successivo, Joe disputò quella che fu forse la sua miglior gara in trasferta della stagione, guidando i Ravens alla rimonta da 13-3 fino a 16-13 nei tempi supplementari. Il momento chiave della gara fu quello in cui Flacco trovò con un passaggio Ray Rice in una situazione di quarto down e 29. La sua prestazione terminò con 355 yard passate e un touchdown.[24]

Nella settimana 13 i Ravens sprecarono un vantaggio di 10 punti alla fine del primo tempo perdendo contro gli Steelers e interrompendo una striscia di 15 vittorie consecutive in casa. Flacco passò 188 yard con un touchdown e un intercetto.[25]

Malgrado una gara di grande precisione di Flacco nel turno successivo (16/21 nei passaggi per 182 yard, 3 touchdown e 1 intercetto) i Ravens persero nuovamente ai supplementari contro i Redskins, complice anche un vistoso calo nella produzione offensiva del quarterback tra il primo e il secondo tempo.[26] Malgrado il cambio di coordinatore offensivo (da Cam Cameron a Jim Caldwell, il periodo negativo della squadra proseguì la domenica successiva perdendo contro i Denver Broncos in cui Flacco passò 254 yard, 2 touchdown e un intercetto costoso che fu ritornato in touchdown dagli avversari.[27]

Il 23 dicembre, battendo nettamente i Giants, i Ravens si assicurarono il secondo titolo di division consecutivo. Flacco passò 309 yard e 2 touchdown.[28] Nell'ultimo ininfluente turno di campionato Baltimore perse contro i Bengals con Joe che disputò solo l'inizio della partita prima di venire sostituito per riposare in vista dei playoff.[29]

Playoff 2012[modifica | modifica sorgente]
Un passaggio di Flacco per Ray Rice nel Super Bowl XLVII.

Il 6 gennaio 2013, Flacco e i Ravens si sbarazzarono senza troppi problemi dei Colts nel primo turno dei playoff con Joe che passò 282 yard e 2 touchdown.[30] La settimana successiva, in uno Sports Authority Field at Mile High congelato, andò in scena una delle partite più memorabili della storia dei playoff NFL. Contro i Denver Broncos, sotto di sette punti a un minuto dal termine, Flacco riuscì a pareggiare la gara con un passaggio da touchdown da 70 yard per Jacoby Jones. Alla fine i Ravens la spuntarono grazie a un field goal dopo due tempi supplementari col quarterback che passò 331 yard e 3 touchdown, entrambi primati personali nei playoff.[31] Con questa vittoria, Flacco pareggiò il record NFL di Eli Manning per gare di playoff vinte in trasferta da un quarterback.

Nella finale della AFC, Flacco, al terzo tentativo, riuscì a guidare i Ravens al Super Bowl. In trasferta contro i Patriots, Joe trascinò la squadra con 240 yard e 3 passaggi da touchdown.[32]

Super Bowl XLVII[modifica | modifica sorgente]
Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Super Bowl XLVII.

Il 3 febbraio 2013, nel Super Bowl XLVII contro i San Francisco 49ers, Flacco condusse i Ravens al secondo titolo della loro storia. Joe completò 22 passaggi su 33 tentativi per 287 yard e 3 passaggi da touchdown, tutti nel primo tempo. I Ravens vinsero per 34 a 31 e Flacco fu nominato miglior giocatore dell'incontro.[33] I suoi playoff si conclusero così con 11 passaggi da touchdown (pareggiando il record NFL in una singola annata della post-season, detenuto da Joe Montana e Kurt Warner) non subendo alcun intercetto.[34]

Stagione 2013[modifica | modifica sorgente]

Il 2 marzo 2013, i Ravens annunciarono il rinnovo contrattuale di Joe Flacco. L'accordo fu della durata di sei anni e del valore fino a 120 milioni di dollari, rendendolo il giocatore più pagato di tutta la lega.[35]

Flacco iniziò la stagione senza l'ausilio di due pedine fondamentali dell'attacco dell'anno precedente: Anquan Boldin, ceduto ai 49ers, e Dennis Pitta, infortunato. Nella settimana 1 i Ravens persero nettamente contro i Broncos, col quarterback che completò 34 passaggi su ben 62 tentativi, con 2 passaggi da touchdown e due intercetti subiti.[36] La prima vittoria giunse la settimana successiva contro i Browns, passando 211 yard e un touchdown.[37] I Ravens vinsero anche la settimana successiva contro i Texans ma persero nella settimana 4 contro i Buffalo Bills in cui Flacco stabilì un primato personale negativo lanciando 5 intercetti (con 2 touchdown).[38][39] La squadra si rialzò la settimana seguente battendo i Dolphins con 269 yard e un intercetto subito da Flacco.[40]

Nella settimana 6 contro i Packers, 342 yard passate dal quarterback e 2 touchdown non furono sufficienti per evitare ai Ravens la terza sconfitta stagionale.[41] Nella settimana 10 i Ravens interruppero una striscia di tre sconfitte consecutive e mantennero aperta la lotta per la vittoria della division battendo i Bengals ai supplementari (dopo essere stati largamente in vantaggio nel corso della gara) con Flacco che passò 140 yard, 2 touchdown e subì 2 intercetti.[42] Dopo una sconfitta coi Bears i Ravens tennero vive le loro speranze di playoff battendo nettamente i Jets nella settimana 12. Flacco terminò con 273 yard passate, un touchdown per Jacoby Jones e un intercetto subito.[43] Il giovedì successivo, nella gara del Giorno del Ringraziamento i Ravens batterono un'altra rivale diretta come gli Steelers con 251 yard e un touchdown passato dal quarterback.[44][45]

Nella settimana 14, contro i Vikings, Flacco passò il touchdown del sorpasso a 4 secondi dal termine al rookie Marlon Brown, vincendo una gara rocambolesca in un campo congelato.[46] La sua prova terminò con 245 yard yard passate, tre touchdown e tre intercetti subiti. Nel Monday Night successivo vi fu un'altra importante vittoria dell'ultimo minuto contro i Lions in cui terminò con 222 yard passate, senza TD e intercetti.[47]

La serie di quattro vittorie consecutive per Baltimore si interruppe nella settimana 16 contro i Patriots, dicendo addio alle residue speranze di vittoria della propria division. Joe terminò quella gara con 260 yard passate, un touchdown segnato su corsa e 2 intercetti subiti.[48] Nell'ultima sfida della stagione i Ravens necessitavano di una vittoria esterna sui Bengals, imbattuti in casa, per centrare l'ultimo posto disponibile nei playoff ma Flacco subì tre intercetti e per la prima volta in carriera rimase fuori dalla post-season.[49] La sua stagione si concluse con 3.912 yard passate, 19 touchdown e ben 22 intercetti subiti, il secondo peggior risultato della NFL. A fine anno fu votato al 58º posto nella NFL Top 100 dai suoi colleghi, trentanove posizioni in meno dell'anno precedente.[50]

Stagione 2014[modifica | modifica sorgente]

Nella prima settimana della stagione 2014, i Ravens si trovarono in svantaggio per 15-0 alla fine del primo tempo contro i Bengals. Nel secondo tempo, Flacco guidò la squadra alla rimonta, portandosi sul 16-15 con un passaggio da touchdown per il neo acquisto Steve Smith, salvo poi a sua volta essere superata da Cincinnati, che vinse 24-16. Joe terminò con 345 yard passate e un intercetto tentando ben 62 passaggi, un record in carriera[51]. La prima vittoria giunse il giovedì successivo in casa degli Steelers in cui passò 166 yard e 2 touchdown[52].

Palmarès[modifica | modifica sorgente]

Franchigia[modifica | modifica sorgente]

Baltimore Ravens: Super Bowl XLVII
Baltimore Ravens: 2012

Individuale[modifica | modifica sorgente]

2012
3ª del 2011, 3ª e 10ª del 2012
  • Miglior giocatore offensivo della settimana della AFC: 2
2008, 2012
8ª e 17ª del 2008
9ª del 2011, 14ª del 2013

Statistiche[modifica | modifica sorgente]

Stagione regolare[modifica | modifica sorgente]

  Stagione regolare Passaggi Corse Ricezioni Fumble
Anno Squadra P PT Ten Comp  % Yard Media Max TD Int Rat Ten Yard Media Max TD Ric Yard Media Max TD Fum Persi
2008 Stemma Baltimore Ravens Baltimore Ravens 16 16 428 257 60% 2,971 6.9 70 14 12 80.3 52 180 3.5 38 2 1 43 43.0 43 0 11 2
2009 Stemma Baltimore Ravens Baltimore Ravens 16 16 499 315 63.1% 3,613 7.2 72 21 12 88.9 35 56 1.6 10 0 0 0 0 0 0 8 2
2010 Stemma Baltimore Ravens Baltimore Ravens 16 16 489 306 62.6% 3,622 7.4 67 25 10 93.6 43 84 2.0 14 1 0 0 0 0 0 9 4
2011 Stemma Baltimore Ravens Baltimore Ravens 16 16 542 312 57.6% 3,610 6.7 74 20 12 80.9 39 88 2.3 33 1 1 -8 -8 -8 0 11 6
2012 Stemma Baltimore Ravens Baltimore Ravens 16 16 531 317 59.7% 3,817 7.2 70 22 10 87.7 32 22 0.7 16 3 0 0 0 0 0 9 4
2013 Stemma Baltimore Ravens Baltimore Ravens 16 16 614 362 59.0% 3,912 6.4 74 19 22 73.1 27 131 4.9 22 1 0 0 0 0 0 8 2
Carriera 96 96 3,103 1,869 60.2% 21,545 6.9 74 121 78 83.7 228 561 2.5 38 8 2 35 17.5 43 0 56 20

Playoff[modifica | modifica sorgente]

  Playoff Passaggi Corse Ricezioni Fumble
Anno Squadra Gare Ten Comp  % Yard Media Max TD Int Rat Tent Yard Media Max TD Ric Yard Media Max TD Fum Persi
2008 Stemma Baltimore Ravens Baltimore Ravens 3 75 33 44.0% 437 5.8 48 1 3 50.8 12 5 0.5 1 1 0 0 0 0 0 0 0
2009 Stemma Baltimore Ravens Baltimore Ravens 2 45 24 53.3% 223 4.96 27 0 3 39.4 7 7 1 7 0 0 0 0 0 0 0 0
2010 Stemma Baltimore Ravens Baltimore Ravens 2 64 41 64.06% 390 6.1 28 3 1 90.0 9 25 2.8 5 1 1 0 0 0 0 3 2
2011 Stemma Baltimore Ravens Baltimore Ravens 2 63 36 57.1% 482 7.65 42 4 1 96.1 6 26 4.3 14 0 0 0 0 0 0 1 0
2012 Stemma Baltimore Ravens Baltimore Ravens 4 126 73 57.9% 1,140 9.0 70 11 0 117.2 8 16 2.0 14 0 0 0 0 0 0 1 1

Record NFL[modifica | modifica sorgente]

  • Primo quarterback rookie a partire come titolare in tutte le 16 partite e raggiungere i playoff (condiviso con Matt Ryan)
  • Primo quarterback rookie a vincere due gare di playoff
  • Maggior numero di partite da titolare per un quarterback nella sua prima stagione: 19
  • Maggior numero di partite da titolare per un quarterback nelle sue due prime stagioni: 37
  • Maggior numero di partite da titolare per un quarterback nelle sue tre prime stagioni: 55
  • Maggior numero di partite da titolare per un quarterback nelle sue quattro prime stagioni: 73
  • Maggior numero di partite da titolare per un quarterback nelle sue cinque prime stagioni: 92
  • Maggior numero di vittorie per un quarterback nelle sue prime 80 partite da titolare consecutive: 54
  • Maggior numero di vittorie totali tra stagione regolare e playoff nelle prime tre stagioni per un quarterback: 36 (condiviso con Dan Marino)
  • Unico quarterback a partire come titolare e vincere almeno una gara di playoff in tutte le prime cinque stagioni della carriera.
  • Maggior numero di vittorie in trasferta nei playoff per un quarterback: 6
  • Maggior numero di touchdown passati in una singola annata di playoff: 11 (condiviso con Joe Montana e Kurt Warner)

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Nfl, Flacco boom: contratto da 120,6 milioni di dollari, La Repubblica, 2 marzo 2013. URL consultato il 21 luglio 2014.
  2. ^ (EN) Player Profile, Baltimoreravens.com. URL consultato il 28 settembre 2012.
  3. ^ Super Bowl XLVII - Vincono i Ravens di Joe Flacco, NFL Italia Blog, 4 febbraio 2013. URL consultato il 4 febbraio 2013.
  4. ^ Nfl, Flacco è il nuovo Paperone: contratto favoloso festeggiato al fast food, La Repubblica, 5 marzo 2013. URL consultato l'8 novembre 2013.
  5. ^ (EN) 2008 National Football League Draft, Pro Football Hall Hall of Fame. URL consultato il 30 settembre 2012.
  6. ^ (EN) "Inside the NFL".
  7. ^ (EN) NFL.com - Top 100 Players of 2012.
  8. ^ (EN) Game center: Cincinnati 13 Baltimore 44, NFL.com, 10 settembre 2012. URL consultato l'11 settembre 2012.
  9. ^ (EN) Game center: Baltimore 23 Philadelphia 24, NFL.com, 16 settembre 2012. URL consultato il 18 settembre 2012.
  10. ^ (EN) Game Center: New England 30 Baltimore 31, NFL.com, 23 settembre 2012. URL consultato il 24 settembre 2012.
  11. ^ NFL 2012 Week 3 - Risultati e Commenti, NFL Italia Blog, 24 settembre 2012. URL consultato il 24 settembre 2012.
  12. ^ (EN) Game Center: Cleveland 16 Baltimore 23, NFL.com, 27 settembre 2012. URL consultato il 28 settembre 2012.
  13. ^ (EN) Week 3: FedEx Air and Ground winners, NFL.com, 28 settembre 2012. URL consultato il 29 settembre 2012.
  14. ^ (EN) Game Center: Baltimore 9 Kansas City 6, NFL.com, 7 ottobre 2012. URL consultato il 9 ottobre 2012.
  15. ^ (EN) Dallas 29 Baltimore 31, NFL.com, 14 ottobre 2012. URL consultato il 17 ottobre 2012.
  16. ^ (EN) NFL: Rodgers costringe alla resa i Texans, Falcons ancora imbattuti, Eat Sport, 15 ottobre 2012. URL consultato il 16 ottobre 2012.
  17. ^ (EN) Game Center: Baltimore 13 Houston 43, NFL.com, 21 ottobre 2012. URL consultato il 21 ottobre 2012.
  18. ^ NFL – Rodgers fa il fenomeno e annienta i Rams, Chris Johnson trascina i Titans contro Buffalo, Eat Sport, 22 ottobre 2012. URL consultato il 26 ottobre 2012.
  19. ^ (EN) Game Center: Baltimore 25 Cleveland 15, NFL.com, 4 novembre 2012. URL consultato il 7 novembre 2012.
  20. ^ (EN) Game Center: Oakland 20 Baltimore 55, NFL.com, 11 novembre 2012. URL consultato il 12 novembre 2012.
  21. ^ NFL – Brees ferma la marcia di Atlanta, la difesa dei Texans ha la meglio sui Bears, Eat Sport, 12 novembre 2012. URL consultato il 12 novembre 2012.
  22. ^ (EN) Joe Flacco & Adrian Peterson Are Week 10 Air & Ground Players of Week, NFL.com, 16 novembre 2012. URL consultato il 17 novembre 2012.
  23. ^ (EN) Game Center: 13 Pittsburgh 10, NFL.com, 19 novembre 2012. URL consultato il 21 novembre 2012.
  24. ^ (EN) Game Center: Baltimore 16 San Diego 13, NFL.com, 25 novembre 2012. URL consultato il 28 novembre 2012.
  25. ^ (EN) Game Center: Pittsburgh 23 Baltimore 20, NFL.com, 2 dicembre 2012. URL consultato il 4 dicembre 2012.
  26. ^ (EN) Game Center: Baltimore 28 Washington 31, NFL.com, 9 dicembre 2012. URL consultato il 10 dicembre 2012.
  27. ^ (EN) Game Center: Denver 34 Baltimore 17, NFL.com, 16 dicembre 2012. URL consultato il 18 dicembre 2012.
  28. ^ (EN) Game Center: New York 14 Baltimore 33, NFL.com, 23 dicembre 2012. URL consultato il 25 dicembre 2012.
  29. ^ (EN) Game Center: Baltimore 17 Cincinnati 23, NFL.com, 31 dicembre 2012. URL consultato il 1º gennaio 2013.
  30. ^ (EN) Game Center: Indianapolis 9 Baltimore 24, NFL.com, 6 gennaio 2013. URL consultato il 7 gennaio 2013.
  31. ^ (EN) Ravens top Broncos in double OT, NFL.com, 12 gennaio 2013. URL consultato il 13 gennaio 2013.
  32. ^ (EN) Flacco outplays Brady as Ravens reach Super Bowl, NFL.com, 20 gennaio 2013. URL consultato il 21 gennaio 2013.
  33. ^ (EN) Joe Flacco wins Super Bowl MVP, ready to hit jackpot, NFL.com, 4 febbraio 2013. URL consultato il 4 febbraio 2013.
  34. ^ (EN) Ravens defeat 49ers in Super Bowl XLVII, NFL.com, 3 febbraio 2013. URL consultato il 4 febbraio 2013.
  35. ^ (EN) Joe Flacco, Baltimore Ravens agree to new contract, NFL.com, 1 marzo 2013. URL consultato il 2 marzo 2013.
  36. ^ (EN) Game Center: Baltimore 27 Denver 49, NFL.com, 5 settembre 2013. URL consultato il 6 settembre 2013.
  37. ^ (EN) Game Center: Cleveland 6 Baltimore 14, NFL.com, 15 settembre 2013. URL consultato il 17 settembre 2013.
  38. ^ (EN) Game Center: Baltimore 20 Buffalo 23, NFL.com, 29 settembre 2013. URL consultato il 30 settembre 2013.
  39. ^ Nfl, Manning al top, Flacco flop; che colpi Detroit e Seattle, La Gazzetta dello Sport, 30 settembre 2013. URL consultato il 30 settembre 2013.
  40. ^ (EN) Game Center: Baltimore 26 Miami 23, NFL.com, 6 ottobre 2013. URL consultato il 7 ottobre 2013.
  41. ^ (EN) Game Center: Green Bay 19 Baltimore 17, NFL.com, 13 ottobre 2013. URL consultato il 14 ottobre 2013.
  42. ^ (EN) Game Center: Buffalo 10 Pittsburgh 23, NFL.com, 10 novembre 2013. URL consultato l'11 novembre 2013.
  43. ^ (EN) Game Center: New York 3 Baltimore 19, NFL.com, 24 novembre 2013. URL consultato il 24 novembre 2013.
  44. ^ (EN) Game Center: Pittsburgh 20 Baltimore 22, NFL.com, 28 novembre 2013. URL consultato il 29 novembre 2013.
  45. ^ Nfl, Packers travolti a Detroit. Super Murray lancia Dallas contro Oakland, La Gazzetta dello Sport, 29 novembre 2013. URL consultato il 30 novembre 2013.
  46. ^ (EN) Game Center: Minnesota 26 Baltimore 29, NFL.com, 8 dicembre 2013. URL consultato il 9 dicembre 2013.
  47. ^ (EN) Game Center: Baltimore 18 Detroit 16, NFL.com, 16 dicembre 2013. URL consultato il 17 dicembre 2013.
  48. ^ (EN) Game Center: New England 41 Baltimore 7, NFL.com, 22 dicembre 2013. URL consultato il 23 dicembre 2013.
  49. ^ (EN) Game Center: Baltimore 17 Cincinnati 34, NFL.com, 29 dicembre 2013. URL consultato il 30 dicembre 2013.
  50. ^ (EN) The Top 100 Players of 2014, NFL.com, 5 giugno 2014. URL consultato il 6 giugno 2014.
  51. ^ (EN) Game Center: Cincinnati 24 Baltimore 16, NFL.com, 7 settembre 2014. URL consultato l'8 settembre 2014.
  52. ^ (EN) Game Center: Baltimore 26 Pittsburgh 6, NFL.com, 11 settembre 2014. URL consultato il 12 settembre 2014.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]