Jonathan Stewart

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jonathan Stewart
JonathanStewart28.jpg
Dati biografici
Nazionalità Stati Uniti Stati Uniti
Altezza 178 cm
Peso 107 kg
Football americano American football pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Running back
Squadra Stemma Carolina Panthers Carolina Panthers
Carriera
Giovanili
Stemma Oregon Ducks Oregon Ducks
Squadre di club
2008 - Stemma Carolina Panthers Carolina Panthers
Statistiche aggiornate al 12/08/2012

Jonathan Creon Stewart (Fort Lewis, 21 marzo 1987) è un giocatore di football americano, di nazionalità statunitense, che gioca nel ruolo di running back per i Carolina Panthers della National Football League (NFL). Fu scelto nel corso del primo giro (13° assoluto) del Draft NFL 2008 dai Panthers. Al college ha giocato a football all'Università dell'Oregon.

Carriera professionistica[modifica | modifica sorgente]

Carolina Panthers[modifica | modifica sorgente]

Stagione 2008[modifica | modifica sorgente]

Stewart fu scelto dai Carolina Panthers come tredicesimo assoluto del Draft 2008[1]. Il 26 luglio, il giocatore firmò un contratto di 14 milioni di dollari con la franchigia, 10,795 milioni dei quali garantiti.

Stewart nella sua stagione da rookie divise i minuti in campo come running back con DeAngelo Williams, una scelta del primo giro del 2006. Nella sua prima gara in carriera, contro i San Diego Chargers, Stewart corse 10 volte per 53 yard. Nella seconda partita, contro i Chicago Bears, Stewart aiutò i Panthers a recuperare lo svantaggio accumulato nel primo tempo, segnando due touchdown nel secondo tempo da quattro e una yard rispettivamente. Stewart terminò la partita con 14 possessi per 77 yard e le prime due marcature della sua carriera.

Stewart disputò due solide gare da oltre 100 yard nelle settimane 11 e 14. Nella settimana 11 contro i Detroit Lions, Stewart corse per 130 yard su soli 15 possessi, segnando un touchdown su corsa. Nella settimana 14 contro i Tampa Bay Buccaneers corse 115 yard su 15 portate e segnò due touchdown. Stewart terminò la sua prima stagione con 10 touchdown segnati su corsa, un record per un rookie della franchigia dei Carolina Panthers. Stewart corse 836 yard su 184 possessi a una media 4,5 yard a portate 4.5. Stewart segnò il suo primo touchdown nei playoff contro gli Arizona Cardinals il 10 gennaio ma i Panthers vennero sconfitti.

Stagione 2009[modifica | modifica sorgente]

Nella settimana 6 della stagione 2009, Stewart corse 110 yards su 17 possessi con un touchdown. Lui e DeAngelo Williams corsero un totale di 262 yard nella vittoria contro i rivali di division dei Buccaneers.

Nella settimana 13, Stewart giocò la prima gara in carriera come titolare a seguito dell'infortunio di DeAngelo Williams, dove totalizzò 120 yard corse su 26 possessi oltre a un touchdown nella vittoria 16-6 su Tampa Bay.

Nella settimana 16, Stewart, titolare sempre al posto dell'infortunato Williams, corse il record di franchigia di 206 yard nella netta vittoria 41-9 in trasferta contro i New York Giants, vincendo il titolo di FedEx Ground Player della settimana. Tale prestazione gli fece superare le mille yard stagionali, facendo di lui e DeAngelo WIlliams solamente la sesta coppia della storia della NFL a correre mille yard a testa in una stagione. In seguito, come Williams, superò le 1.100 yard così i due divennero l'unica coppia di giocatori della storia a correre entrambi tale cifra in una stagione. Stewart terminò la stagione con 1.133 yard e 10 touchdown su 221 possessi, superando leggermente Williams in entrambe le categorie.

Stagione 2010[modifica | modifica sorgente]

Stewart divise ancora il ruolo di running back titolare nella stagione 2010 con DeAngelo Williams ma ebbe l'occasione di partire dall'inizio quando il suo pariruolo fu inserito in lista infortunati per tutto il rimanente della stagione. Nel prosieguo dell'annata Stewart, divise i possessi con Mike Goodson, anche se partì come titolare nella maggior parte delle gare rimanenti. Quell'anno Carolina terminò con un record di 2-14, il peggiore della lega. Stewart corse 770 yard e 2 touchdown in 14 gare giocate, di cui sette come titolare, la peggior stagione a livello statistico della carriera.

Stewart (28) con Cam Newton (1) nel 2011.

Stagione 2011[modifica | modifica sorgente]

Con l'arrivo del quarterback rookie Cam Newton, i Panthers e Stewart si risollevarono nella stagione 2011, terminando con un record di 6 vittorie e 10 sconfitte. Jonathan disputò tutte le 16 gare stagionali ma solo tre di esse come titolare. I suoi numeri ad ogni modo restarono molto simili a quelli dell'annata precedente, terminando con 761 yard corse e 4 touchdown segnati su corsa. Dal debutto di Stewart nel 2008 alla stagione 2011, i Panthers corsero 9.189 yard, più di qualsiasi altra squadra nella NFL[2].

Stagione 2012[modifica | modifica sorgente]

Poche ore prima del debutto nella prima gara di pre-stagione persa contro gli Houston Texans 26-13, Stewart firmò un prolungamento contrattuale quinquennale coi Panthers del valore di 36,5 milioni di dollari, 22,5 milioni dei quali garantiti[2].

Statistiche[modifica | modifica sorgente]

Stagione regolare

Anno Squadra P PT Corse Ricezioni Fumble
Ten Yard Media Max TD Ric Yard Media Max TD Fum Persi
2008 Stemma Carolina Panthers Carolina Panthers 16 0 184 836 4.5 41 10 8 47 5.9 15 0 2 1
2009 Stemma Carolina Panthers Carolina Panthers 16 3 221 1,133 5.1 67 10 18 139 7.7 19 1 3 2
2010 Stemma Carolina Panthers Carolina Panthers 14 7 178 770 4.3 48 2 8 103 12.9 55 1 4 4
2011 Stemma Carolina Panthers Carolina Panthers 16 3 142 761 5.4 32 4 47 413 8.8 26 1 1 0
Totale 62 13 725 3,500 4.8 67 26 81 702 8.7 55 3 10 7

Vittorie e premi[modifica | modifica sorgente]

(1) Running back della settimana

Statistiche[modifica | modifica sorgente]

Partite totali 62
Partite totali da titolare 13
Yard su corsa 3.500
Touchdown su corsa 26

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) 2008 National Football League Draft, Pro Football Hall Hall of Fame. URL consultato il 30 settembre 2012.
  2. ^ a b (EN) Jonathan Stewart, Carolina Panthers reach new five-year contract.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]