Minnesota Vikings

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Minnesota Vikings
Football americano American football pictogram.svg
New Minnesota Vikings Logo.png
The Vikes; The Purple
Purple Pride; The Purple People Eaters
The Purple and Gold
Segni distintivi
Uniformi di gara
Minnesota Vikings 2013 Uniforms.png
Colori sociali                Viola, oro, bianco
Mascotte Viktor the Viking e Ragnar
Inno Skol Vikings
James "Red" McLeod
Dati societari
Città Flag of Minneapolis, Minnesota.svg Minneapolis (MN)
Paese Stati Uniti Stati Uniti
Lega Stati Uniti NFL
Conference NFC
Division NFC North
Fondazione 1960
Denominazione Minnesota Vikings (1961-presente)
Presidente Stati Uniti Mark Wilf
Proprietario Stati Uniti Zygi Wilf
General manager Stati Uniti Rick Spielman
Capo-allenatore Mike Zimmer
Stadio TCF Bank Stadium
Sito web www.vikings.com
Palmarès
Ed Thorp Memorial Trophy.pngNational Football Conference logo.svgNational Football Conference logo.svgNational Football Conference logo.svg
Campionati NFL 1
Titoli NFC 3
Titoli divisionali 18
Apparizioni ai playoff 27
AmericanFootball current event.svg Stagione in corso
(EN)
« They say that the Norwegian Vikings were the first to discover America. Let's make Minnesota the first state to discover Viking football. Let's call them the Minnesota Vikings. »
(IT)
« Si dice che i Vichinghi Norvegesi siano stati i primi a scoprire l'America. Facciamo sì che il Minnesota sia il primo stato a scoprire il football Vichingo. Li chiameremo Minnesota Vikings. »
(Max Winter, 27 settembre 1960[1])

I Minnesota Vikings Football, LLC[2], più semplicemente noti come Minnesota Vikings, sono una squadra professionistica di football americano della NFL con sede a Minneapolis. Furono fondati il 28 gennaio 1960 da 5 uomini d'affari di Minneapolis, Saint Paul e Duluth[3], e rappresentano il Minnesota nel football professionistico. Competono nella North Division della National Football Conference e sono la 14ª squadra per numero di partecipazioni al campionato NFL con 52 presenze all'attivo (dato aggiornato alla stagione 2013)[4].

Il loro miglior risultato è rappresentato dalla vittoria del campionato NFL 1969 (precedente alla fusione tra AFL e NFL del 1970), a seguito della quale furono sconfitti 23-7 per mano dei Kansas City Chiefs al Super Bowl IV[5]. I Vikings sono inoltre il primo team dell'NFL ad aver giocato e perso quattro Super Bowl[6][7][8] (risultato eguagliato in seguito dai Buffalo Bills e dai New England Patriots e superato dai Denver Broncos, anche se questi ultimi due sono stati più volte anche vincitori) e sono pertanto all'11º posto (pari merito con Indianapolis Colts e Buffalo Bills) tra le franchigie della NFL, ed al 6º tra quelle della NFC[9], quanto a Super Bowl disputati[10].

In base a quanto emerso da un sondaggio di Harris Interactive pubblicato ad ottobre 2013, i Vikings risultano essere al 13º posto tra le franchigie della NFL più popolari negli Stati Uniti[11], mentre in un altro sondaggio condotto da testate della Sun Media sono risultati la prima squadra della NFL più sostenuta nel Canada[12]. Al 2014, secondo la rivista Forbes, il valore dei Vikings è di circa 1,15 miliardi di dollari, ventesimi tra le franchigie della NFL[13]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Storia dei Minnesota Vikings.
Max Winter, uno dei 5 fondatori dei Minnesota Vikings.

I Minnesota Vikings nacquero il 28 gennaio 1960 a Miami dove i proprietari delle franchigie della NFL erano riuniti per assegnare due nuove licenze[3]. Membri fondatori della franchigia furono tre uomini di affari di Minneapolis (Bill Boyer, H. P. Skoglund e Max Winter), uno di St. Paul (Bernie Ridder jr.) ed uno di Duluth (Ole Haugsrud)[14]. Il 27 settembre 1960 il nome Minnesota Vikings diventa ufficiale: fu Bert Rose, primo General Manager della franchigia, a suggerirlo in quanto secondo lui il nome doveva sia trasmettere terrore negli avversari e suonare vincente alla squadra e ai propri tifosi, sia essere radicato nel territorio, e Vikings lo era anche in tal senso poiché il Minnesota è uno tra gli stati americani col più alto tasso di immigrati scandinavi[15]. Primo presidente della franchigia fu Bill Boyer mentre per ricoprire la carica di primo capo-allenatore fu scelto l'ex-quarterback degli Eagles, Norm Van Brocklin[15].

Il QB Fran Tarkenton, MVP della NFL nel 1975.

Nonostante un debutto fragoroso in NFL, con una vittoria a sorpresa sui Chicago Bears per 13-37, la gestione Van Brocklin si rivelò molto deludente e tormentata, in quanto in 6 stagioni i Vikings riuscirono solo una volta a conseguire un record positivo (nella stagione 1964)[1] e più in generale non riuscirono mai ad accedere alla post-season, ragion per cui Van Brocklin arrivò a rassegnare le dimissioni ben due volte. La prima nel 1965, a stagione in corso, per poi tornare sui suoi passi[16], e la seconda al termine del 1967[17], ennesima stagione fallimentare chiusa all'ultimo posto di Division con un 3-8-3[18]. Tale ciclo lasciò comunque anche qualcosa di buono come i numerosi giovani che avrebbero costituito l'ossatura del più importante ciclo della franchigia, dal quarterback Fran Tarkenton, tuttora considerato il più grande quarterback della storia dei Vikings[19][20], al defensive tackle Gary Larsen passando per i defensive end Jim Marshall e Carl Eller, 3/4 della famosa e temuta defensive line dei Vikings degli anni '70 denominata Purple People Eaters[21]. Inoltre nel 1965 Max Winter subentrò a Bill Boyer nella presidenza della franchigia, ruolo che avrebbe ricoperto fino al 1987[22].

Per sostituire il dimissionario Van Brocklin la dirigenza ingaggiò Bud Grant, un capo-allenatore che non aveva esperienza in NFL ma che nel contempo aveva condotto i Winnipeg Blue Bombers alla vittoria di ben 4 Grey Cup nella Canadian Football League[23]. Grant dovette ben presto far fronte ad un problema di non poco conto, ovvero la partenza di Tarkenton, scambiato con i New York Giants per 2 prime e 2 seconde scelte nelle edizioni del Draft NFL tra il 1967 ed il 1969, usate per portare in Minnesota giocatori del calibro di Ron Yary ed Ed White[1]. Egli seppe trovare un valido sostituto in Joe Kapp, il quale però, purtroppo per loro, arrivò solo a stagione in corso quando la situazione era già compromessa e, pur a fronte di un buona manovra di attacco che seppe dare alla squadra, non poté evitare ai Vikings di chiudere la stagione con un misero record di 3-8-3[24]. Le cose andarono decisamente meglio l'anno successivo quando i Vikings riuscirono finalmente a conquistare il primo titolo divisionale della loro storia, uscendo in seguito ai playoff per mano dei Baltimore Colts che seppero imporsi a Baltimora per 14-24[15].

I Purple People Eaters, una delle defensive line più forti di sempre nella storia della NFL.

Il 1969 vide invece i ragazzi di Grant assoluti protagonisti della stagione regolare, nella quale risultarono la miglior squadra di tutta la NFL con un record di 12-2-0[25], e della post-season, in cui in due incontri casalinghi prima ebbero ragione dei Los Angeles Rams per 20-23 ed in seguito dei Cleveland Browns per 27-7, nella finale che assegnava il titolo di campioni NFL[26]. Giunti quindi alla finale del Super Bowl IV, in cui erano dati ampiamente per favoriti, furono a sorpresa sconfitti per 7-23 dai Kansas City Chiefs, campioni in carica della AFL dei[5].

Bud Grant, l'allenatore più vittorioso nell'ultra cinquantenaria storia dei Vikings.

Nel 1970 e 1971 i Vikings continuarono a dominare la Lega durante la stagione regolare ma nel contempo uscirono sempre al primo turno di post-season, mentre nel 1972 non riuscirono a far meglio di un modesto 7-7, mancando così l'accesso ai playoff. Il 1971 vide tra l'altro il defensive tackle Alan Page divenire il primo Viking ed il primo difensore nella storia dell'NFL a ricevere il titolo di miglior giocatore della lega[27]. Gli anni a cavallo tra il 1973 ed il 1977 furono i migliori del ciclo Grant e videro i Vikings vincere 5 titoli divisionali di fila, mancare solo una volta la finale di conference e soprattutto approdare per ben 3 volte al Super Bowl, dove tuttavia furono sconfitti prima dai Miami Dolphins (Super Bowl VIII)[6], quindi dai Pittsburgh Steelers (Super Bowl IX)[7] ed infine dagli Oakland Raiders (Super Bowl XI)[8]. Proprio la sconfitta al Super Bowl XI rappresentò il canto del cigno per i ragazzi di Grant che, pur collezionando altri 2 titoli divisionali ed altre 3 apparizioni ai playoff in 6 stagioni, non riuscirono più ad esprimersi sugli alti livelli della prima metà degli anni '70 e videro con il ritiro del proprio capo-allenatore, avvenuto al termine della stagione 1983, la naturale fine del loro ciclo[15].

In seguito, tra il 1984 ed il 1985, alla guida della squadra si avvicendarono Les Steckel, che chiuse la stagione col pessimo record di 3-13, e nuovamente Bud Grant, il quale da par suo, pur chiudendo più dignitosamente la stagione 1985 col record di 7-9, preferì nuovamente farsi da parte[15]. Secondo successore di Grant fu Jerry Burns, sotto la cui guida i Purples vissero stagioni di alti e bassi con un solo titolo divisionale e 3 apparizioni ai playoff e come miglior risultato una finale di conference persa per 10-17 contro i Washington Redskins nel 1987[28].

Il WR Randy Moss pluridetentore di diversi record NFL.

Al termine della stagione 1991 Burns si ritirò e la società nominò Dennis Green 5º allenatore nella storia della franchigia[29]. Sotto la sua guida i Vikings, centrarono subito il titolo divisionale con un ottimo 11-5-0[30], che fece da preludio ad altre 5 stagioni in cui la squadra mancò l'accesso ai playoff nel solo 1995, pur uscendo sempre abbastanza prematuramente in post-season. Nel 1998, trascinati dal loro elettrizzante trio offensivo formato dal running back Robert Smith e dai wide receiver Cris Carter e Randy Moss e guidato dal quarterback Randall Cunningham, capace di stabilire il nuovo record NFL di punti messi a segno in una singola stagione, i Vikings disputarono la migliore stagione regolare della loro storia culminata con l'ottimo record di 15-1[15], a seguito della quale arrivarono ad un passo dalla 5ª finale di Super Bowl della loro storia, perdendo contro gli Atlanta Falcons in maniera rocambolesca 30-27 la finale di conference all'overtime[31]. Le stagioni seguenti videro ancora i ragazzi di Green esprimersi ad alti livelli e raggiungere nel 2000 un'altra finale di conference, dalla quale uscirono tuttavia con le ossa rotte dal Meadowlands Stadium rimediando un sonoro 0-41 dai New York Giants[32].

Il RB Adrian Peterson nel match contro i Packers nel quale raggiunse quota 2097 yard stagionali.

Dopo un deludente 2001 Green venne sollevato dal proprio incarico e sostituito prima dell'ultimo incontro dell'anno da Mike Tice che, confermato anche nel quinquennio seguente, riuscì a condurre solamente una volta i Vikings ai playoff, dove tra l'altro ancora una volta il cammino fu di breve durata (sconfitta ai Divisional playoff per 27-14 contro i Philadelphia Eagles[33]). Esonerato Tice al termine della stagione 2005[34] la società affidò nel quinquennio successivo la guida della squadra al capo-allenatore Brad Childress, sotto la cui gestione i Vikings prima stentarono tra il 2006[35] ed il 2007[36] e quindi, dopo un 2008 che li vide tornare alla conquista del titolo divisionale[15], nel 2009, guidati dal quarterback Brett Favre e trascinati dalle corse del running back Adrian Peterson, vissero un'altra stagione esaltante conclusasi come nel 1998 con la beffa dell'overtime nella finale di conference persa 31–28 in casa dei New Orleans Saints[37]. Il 2010 fu al contrario un anno travagliato per Minnesota, che vide l'esonero di Childress a 3 giornate dalla fine[38] nelle quali il suo sostituto ad-interim, il coordinatore della difesa Leslie Frazier, traghettò la squadra ad un record di 6-10[39]. Frazier venne in seguito confermato per la stagione seguente durante la quale i Vikings intrapresero un processo di ricostruzione della squadra che passò per il record di 3-13 del 2011[40] e per il 10-6 del 2012[41] anno in cui, trascinati dall'MVP della NFL Adrian Peterson[42], rimontarono in stagione regolare i Chicago Bears per poi fermarsi al primo turno di post-season dove furono sconfitti 10-24 dai Green Bay Packers[43]. Carico di aspettative, il 2013 si rivelò invece uno dei più deludenti nella storia dei Purples che chiusero la stagione all'ultimo posto nella NFC North (25º di lega) con un record di 5-10-1[44] ed esonerarono Frazier dal suo incarico[45].

Cronistoria[modifica | modifica wikitesto]

Questa è solo una parziale lista comprendente le ultime 10 stagioni dei Vikings,

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Stagioni dei Minnesota Vikings.
Cronistoria dei Minnesota Vikings
Stagione di lega Stagione di squadra Lega Conf. Div. Stagione regolare Play-off Note
Pos. V S P
2004 2004 NFL NFC North 2 8 8 0 V Wild Card Game contro i Green Bay Packers (31-17)

S Divisional play-off contro i Philadelphia Eagles (27-14)

2005 2005 NFL NFC North 2 9 7 0 non disputati
2006 2006 NFL NFC North 3 6 10 0 non disputati
2007 2007 NFL NFC North 2 8 8 0 non disputati
2008 2008 NFL NFC North 1 10 6 0 S Wild Card Game contro i Philadelphia Eagles (26-14)
2009 2009 NFL NFC North 1 12 4 0 V Divisional play-off contro i Dallas Cowboys (34-3)

S NFC Championship contro i New Orleans Saints (31-28)

2010 2010 NFL NFC North 4 6 10 0 non disputati
2011 2011 NFL NFC North 4 3 13 0 non disputati
2012 2012 NFL NFC North 2 10 6 0 S Wild Card Game contro i Green Bay Packers (10-24)
2013 2013 NFL NFC North 4 5 10 1 non disputati
Totale 437 375 10 Record di stagione regolare al 2013
19 27 Record dei play-off al 2013
456 402 10 Stagione regolare e play-off
Legenda
  •   Vittoria nel Super Bowl (dal 1966)
  •   Vittoria nella lega (1920-1969)
  •   Vittoria nella Conference
  •   Vittoria nella Division
  •   Qualificazione al Wild Card Game (dal 1978)
  • V = Vittorie
  • S = Sconfitte
  • P = Pareggi
  • T = Posizione a pari merito

Colori e simboli[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Colori e simboli dei Minnesota Vikings.

[modifica | modifica wikitesto]

Il Norseman[modifica | modifica wikitesto]

Il logo originale disegnato da Hubenthal (1961-2012) nell'immagine sopra, il wordmark in uso dal 2004 in quella sotto.
 
Il logo originale disegnato da Hubenthal (1961-2012) nell'immagine sopra, il wordmark in uso dal 2004 in quella sotto.
Il logo originale disegnato da Hubenthal (1961-2012) nell'immagine sopra, il wordmark in uso dal 2004 in quella sotto.

Il logo dei Vikings, disegnato nella sua prima versione risalente al 1961, dall'illustratore sportivo Karl Hubenthal[46] su commissione di Bert Rose, è costituito dal profilo di un uomo vichingo, il "Norseman" (it. Uomo del Nord[47]), raffigurato con lunghi baffi, trecce bionde ed un elmo con corna. Esso per più di 50 anni è rimasto in uso nella sua versione originale, ma, a partire dal 14 febbraio 2013, è stato rivisitato nei lineamenti delle varie componenti del disegno (dalla treccia, alle corna, passando per baffi e viso) senza tuttavia essere stravolto rispetto alla versione del 1961[48][49][50].

Il wordmark[modifica | modifica wikitesto]

Accanto al Norseman vi è anche un secondo logo, un wordmark, ovvero il nome della franchigia (Minnesota Vikings o anche solo Vikings) scritto con un font style specifico. Il wordmark è utilizzato in abbinato col Norseman o anche da solo, come ad esempio sulla divisa da gioco sulla quale è posizionato sotto il bordo anteriore del collo[51]. Il wordmark attuale risale al 2004.

Divise[modifica | modifica wikitesto]

Sin dal 1961 i colori ufficiali dei Vikings furono il viola ed il giallo-oro. A stabilire tale combinazione di colori fu, come per il nome della franchigia, il general manager Bert Rose[52]. La divisa del debutto era caratterizzata da un template totalmente viola fatta eccezione per i numeri bianchi con bordo giallo oro sul fronte-retro e sulle spalle, e per tre strisce su ambo le maniche, anch'esse bianche e bordate giallo-oro. Tale divisa, pur se con modifiche minori nell'arco degli anni, è rimasta in uso per i primi 45 anni di storia della franchigia[53].

Risale al 2006 infatti la modifica più profonda, che vede la scomparsa delle storiche strisce sulle maniche rimosse per far posto ad un'unica larga striscia curva bianca e bordata di giallo che per ogni lato corre in senso verticale lungo il fianco del pantalone, per poi salire lungo il fianco della divisa, biforcarsi all'altezza dell'ascella, ed infine incontrarsi dietro la spalla dopo averla attraversata diagonalmente. Stesso discorso per la divisa da trasferta, che vede semplicemente una disposizione dei colori inversa (linea viola bordata di giallo su sfondo bianco) come differenza principale[51][54].

Il 25 aprile 2013 i Vikings svelarono al pubblico le nuove divise che segnavano un ritorno allo stile del passato rivisitato in chiave moderna. Tra le caratteristiche salienti del nuovo kit infatti, spiccavano la scomparsa delle strisce lungo i fianchi in favore di una soluzione monocroma (viola per la divisa casalinga e bianca per quella da trasferta) e la reintroduzione delle strisce a bordo-manica, disegnate in modo da ricordare idealmente la prua di una nave vichinga. Per la prima volta cambia anche il disegno di numeri e lettere, ora orfani della bordatura gialla ed in un nuovo font studiato appositamente da Nike per la franchigia del Minnesota[55].

Casco[modifica | modifica wikitesto]

A differenza di tante franchigie in NFL, il casco dei Vikings, per quanto riguarda l'aspetto grafico, è sostanzialmente rimasto lo stesso dal 1961. Esso è interamente viola con due corna ai lati, a richiamare l'ascendenza vichinga della franchigia. Nel corso degli anni la tonalità di viola è leggermente cambiata passando da un viola più scuro tra gli anni '60 e '90 ad un viola più chiaro a partire dagli anni 2000, la maschera che protegge il viso è invece passata dal grigio originario al bianco (1980-1984) per poi arrivare, a partire dal 1985, al viola odierno. Lo stile delle corna invece è rimasto lo stesso per 45 anni quando, in concomitanza con il restyling delle divise, nel 2006 hanno subito anch'esse una lieve rivisitazione volta a dare loro quasi un abbozzo di tridimensionalità[55]. È del 2013 invece l'aggiornamento più sostanzioso per quanto riguarda la storia del casco dei Vikings, ovvero l'abbandono della verniciatura lucida in favore di una finitura opaca unita all'adozione del colore nero per la maschera di protezione, in favore del viola utilizzato nell'ultimo quarto di secolo[56].

Inno[modifica | modifica wikitesto]

L'inno, o più correttamente la fight song, ufficiale dei Minnesota Vikings è "Skol Vikings". Scritto e composto dal compositore James "Red" McLeod, per un quarto di secolo anche direttore dell'intrattenimento allo stadio, esso già nel 1961 veniva intonato dai tifosi in caso di marcatura della squadra, tradizione poi rimasta immutata nel corso degli anni[57][58]. Più recente è invece l'inno "Purple and Gold" scritto e composto dalla rockstar Prince[59][60]. Curiosamente entrambi gli autori sono originari del Minnesota e, nel caso di Prince, della stessa Minneapolis.

Strutture[modifica | modifica wikitesto]

Stadio[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Hubert H. Humphrey Metrodome, TCF Bank Stadium e Vikings Stadium.
Il Metropolitan Stadium, impianto casalingo dei Vikings per 21 stagioni.

Il primo stadio utilizzato dai Vikings nel 1961, anno del loro debutto in NFL, fu il Metropolitan Stadium di Bloomington, Minnesota. Tale stadio era un impianto all'aperto, e dal momento che la stagione di NFL si disputa tra autunno ed inverno, col clima rigido del Nord costituiva uno dei vantaggi nelle partite in casa dei Vikings: i giocatori amavano giocare al freddo ed al Met ottennero 8 vittorie su 11 partite giocate nei playoff[61][62].

Vista esterna dell'Hubert H. Humphrey Metrodome.

Tuttavia il Metropolitan era uno stadio nato per il baseball e con una capienza massima inferiore ai 50.000 posti a sedere minimi richiesti dall'NFL dopo la fusione AFL-NFL[61]: i Vikings volevano uno stadio all'avanguardia e la città di Minneapolis voleva riportare all'interno della City (Bloomington è infatti situata nei sobborghi di Minneapolis) quello che è uno dei 4 principali sport nazionali[63]. Così, dopo 21 anni di permanenza al Metropolitan Stadium, nel 1982 i Vikings si trasferirono in quello che per le successive 31 stagioni fu l'impianto adibito ad ospitare i loro incontri casalinghi: l'Hubert H. Humphrey Metrodome. L'impianto, la cui costruzione partì nel dicembre del 1979[64], fu intitolato alla memoria di Hubert H. Humphrey, già sindaco di Minneapolis nonché Senatore e Vicepresidente degli Stati Uniti[63], e fu inaugurato, per quanto concerne il football (fu infatti in precedenza "battezzato" dai Minnesota Twins), il 12 settembre 1982, quando i Vikings sconfissero per 17-10 i Tampa Bay Buccaneers[15]. Il Metrodome aveva una capienza di 64.111 posti a sedere (dato relativo alla capienza prevista per le partite di football americano)[65] e costò al termine dei lavori di costruzione, 55 milioni di dollari, cui vanno sommati altri 68,7 milioni di dollari dovuti a lavori posteriori l'apertura dell'impianto, di cui 18 spesi per la sola riparazione della copertura che il 12 dicembre 2010 fu squarciata dalla pesante nevicata dei giorni precedenti[66].

Recentemente, dopo diversi rifiuti di ristrutturazione del Metrodome da parte della franchigia[67][63], la municipalità di Minneapolis ha ceduto alle richieste dei Purples per la costruzione ex-novo di un impianto moderno, il Vikings Stadium, che sorgerà proprio sulle ceneri del Dome[68][69], la cui demolizione, iniziata nel dicembre del 2013, è terminata il 17 aprile 2014[70]. In attesa che il nuovo impianto venga costruito e reso disponibile per le gare del calendario NFL (la stagione preventivata è quella 2016)[68], i Vikings nel biennio 2014-2015 disputeranno gli incontri casalinghi presso il TCF Bank Stadium, casa dei Golden Gophers dell'Università del Minnesota[68], che nel frattempo, con una spesa di 6,6 milioni di dollari stanziati dai Vikings, ha visto diverse modifiche di aggiornamento agli standard qualitativi richiesti dalla nota lega professionistica di football americano[71].

Società[modifica | modifica wikitesto]

Il grafico illustra l'andamento nel corso degli anni del valore di mercato dei Vikings. (Fonte: Forbes.com)

Il capitale sociale dei Minnesota Vikings Football, LLC è posseduto da un gruppo di investitori che fa capo a Zygi Wilf, azionista di maggioranza. Quote di minoranza sono invece detenute dal fratello Mark (il quale ricopre inoltre anche la carica di presidente della franchigia), dal cugino Leonard, dal nipote Jeffrey e dagli imprenditori Reggie Fowler, David Mandelbaum ed Alan Landis[72]. Il passaggio delle quote azionarie, dal 20 maggio 2002 messe in vendita dal precedente proprietario della franchigia, l'imprenditore texano Red McCombs, venne ratificato all'unanimità (32 voti favorevoli e 0 contrari) il 25 maggio 2005 dai proprietari delle franchigie NFL per una cifra pari a 600 milioni di dollari[73].

Secondo la famosa rivista statunitense di economia e finanza Forbes, al 2013 i Vikings sono la 21ª franchigia della NFL con un valore di 1,007 miliardi di dollari. Tale cifra è ripartita in 774 milioni di dollari attribuibili ai ricavi condivisi tra tutte le franchigie, 120 milioni attribuibili alla città ed alla dimensione del mercato ad essa collegato, 64 milioni attribuibili allo stadio e 49 milioni attribuibili al valore del marchio della franchigia. Il medesimo rapporto parla inoltre di un monte ingaggi pari a 128 milioni di dollari a fronte di un risultato ante oneri finanziari pari a 28 milioni e ricavi per 234 milioni[74]. Inoltre, sempre secondo Forbes, i Vikings al 2014 sono al 34º posto tra le società sportive più ricche al mondo, 21ª franchigia della NFL tra quelle presenti nella lista[75]. Tale risultato è di una posizione migliore rispetto a quello del 2013[76], di sette posizioni migliore rispetto a quello del 2012[77] e del 2011[78] e di sei migliore rispetto a quello del 2010[79].

Secondo l'attuale organigramma societario, la struttura interna Minnesota Vikings è articolata in 20 aree interne: Staff esecutivo, Consulenti, Amministrazione, Football Administration, Attrezzatura, Area medica, Operazioni/Strutture, Alimentazione, Affari legali, Video, Sicurezza, Vendite e marketing, Vendite aziendali, Vikings Children's Fund, Biglietti e Suites, Contabilità e finanza, Relazioni con la comunità, Pubbliche relazioni, Risorse umane, Informazione tecnologica[72].


Staff dei Minnesota Vikings
Organi dirigenziali

Proprietà

  • Proprietario/Azionista di maggioranza: Zygi Wilf
  • Proprietario/Presidente: Mark Wilf
  • Proprietario/Vice-Azionista di maggioranza: Leonard Wilf
  • Partner di Azionariato: Jeffrey Wilf, Reggie Fowler, Alan Landis, David Mandelbaum

Staff esecutivo

  • General Manager: Rick Spielman
  • Assistente del General Manager: George Paton
  • Vice Presidente degli Affari Pubblici & Sviluppo dello Stadio: Lester Bagley
  • Vice Presidente delle Operazioni legate al Football: Rob Brzezinski
  • Vice Presidente delle Vendite & Marketing e Direttore del Marketing: Steve LaCroix
  • Vice Presidente delle Finanze e Direttore Finanziario: Steve Poppen
  • Vice Presidente degli Affari Legali e Direttore Amministrativo: Kevin Warren

Consulenti

Scouting staff

  • Direttore dello Scouting Collegiale: Scott Studwell
  • Direttore dello Scouting Professionistico: Ryan Monnens
  • Assistente del Direttore dello Scouting Collegiale: Jamaal Stephenson
Capo allenatore
Altri allenatori
  • Coordinatore dello sviluppo della forza e della condizione: Tom Kanavy
  • Assistente dello sviluppo della forza e della condizione: Aaron McLaurin e Martin Streight
Allenatori dell'attacco
  • Coordinatore dell'attacco: Norv Turner
  • Quarterback: Scott Turner
  • Running Back: Kirby Wilson
  • Wide Receiver: George Stewart
  • Assistente Wide Receiver/Controllo Qualità: Klint Kubiak
  • Tight End: Kevin Stefanski
  • Offensive Line: Jeff Davidson
Allenatori della difesa
  • Coordinatore della difesa: George Edwards
  • Defensive Line: Andre Patterson
  • Assistente Defensive Line: Robb Akey
  • Linebacker: Adam Zimmer
  • Defensive Back: Jerry Gray
  • Assistente della difesa: Jeff Howard
  • Assistente Defensive Back/Controllo Qualità: Jonathan Gannon
Allenatori dello special team
  • Coordinatore dello Special Team: Mike Priefer
  • Assistente dello Special Team: Ryan Ficken
AFC East: BUF · MIA · NE · NYJNorth: BAL · CIN · CLE · PITSouth: HOU · IND · JAC · TENWest: DEN · KC · OAK · SD
NFC East: DAL · NYG · PHI · WASNorth: CHI · DET · GB · MINSouth: ATL · CAR · NO · TBWest: ARI · STL · SF · SEA

I Minnesota Vikings nella cultura di massa[modifica | modifica wikitesto]

Busta postale dei Vikings e francobollo con annullo postale emessi dall'USPS, in occasione di Packers-Vikings del 1999 per commemorare i 30 anni dalla nascita del Monday Night Football.

Essendo una delle più popolari realtà sportive della nazione, nel corso degli anni i Vikings hanno saputo ritagliarsi un proprio posto nell'ambito della cultura di massa degli Stati Uniti. Il Monday Night Football (MNF) del 5 ottobre 2009, che li vedeva opposti agli arci-rivali Packers, complice anche la presenza tra le fila di Minnesota del quarterback Brett Favre, stabilì il nuovo record in termini di spettatori con più di 21,8 milioni di utenti collegati davanti al televisore e fece registrare quello che in quel momento fu l'indice di ascolto televisivo (15,3) più alto di sempre per un MNF trasmesso sulla rete televisiva ESPN, nonché il più alto di sempre sulla tv via cavo della Nazione. Tale risultato, tra l'altro, migliorò il precedente record in termini di rating (indice di ascolto televisivo pari a 14,4) stabilito il 6 dicembre 1987, nell'incontro domenicale che vedeva di nuovo in campo i Vikings ma in tale occasione opposti ai Bears[80].

In ambito cinematografico i Vikings vengono citati nella pellicola di genere fantascientifico L'uomo del giorno dopo, nella quale il personaggio interpretato da Kevin Costner afferma che il presidente degli Stati Uniti governa dall'Hubert H. Humphrey Metrodome di Minneapolis dove erano soliti giocare i Vikings, e nel film drammatico North Country - Storia di Josey ambientato in Minnesota, nel quale il proprietario della miniera domanda alla propria avvocatessa se fosse opportuno per i Vikings avere una donna nel ruolo di quarterback[81], mentre è del 2010 il documentario no-profit Skol: The Documentary, nel quale la locale regista Elizabeth Giorgi intervista i supporter dei Purples sui pro e i contro del tifare per i Vikings nella 50ª stagione della franchigia[82].

In ambito televisivo, già a partire dagli anni settanta si registrano le prime citazioni come quella nella sequenza di apertura della sitcom Mary Tyler Moore, vera e propria pietra miliare del genere, nella quale la protagonista interpretata da Mary Tyler Moore è ripresa a lavare la propria auto con indosso la maglia numero 10 di Fran Tarkenton[83]. Ad epoca più recente risalgono invece i riferimenti riscontrabili nell'intro della puntata del 25 gennaio 2010 del programma satirico The Colbert Report, quando voci sull'ennesimo ritiro di Brett Favre, diedero spunto al conduttore Stephen Colbert per affermare: "Avete sentito? Sono il nuovo quarterback dei Minnesota Vikings"[84], nell'episodio 11 della 4ª stagione (intitolato Little Minnesota) della popolare serie tv statunitense How I Met Your Mother, nel quale si fa riferimento all'NFC Championship game della stagione 1998, e nell'ultimo episodio della 20ª stagione della longeva sitcom animata I Simpson, nel quale Milhouse, vedendo gli abitanti di Ogdenville con le maglie dei Vikings risponde a Bart che Springfield è terra dei Tennessee Titans. I Vikings stessi inoltre, a loro volta producono documentari per la serie Beyond the Gridiron che vengono trasmessi su due canali televisivi locali, il sabato su KARE 11 e la domenica su Fox Sports North. Uno di questi documentari, intitolato Overcoming All Odds to Succeed (Story of Mistral Raymond) e basato sulle tragiche vicissitudini che ha dovuto affrontare la safety Mistral Raymond per poter coronare il suo sogno di diventare un giocatore professionista di football americano, nel 2013 ha vinto l'Upper Midwest Regional Emmy Award nella categoria "Documentary – Topical"[85].

Riferimenti ai Vikings sono anche presenti in Paura senza limite, uno dei romanzi della saga di Jack Ryan nati dalla mente del celebre scrittore statunitense Tom Clancy, nel quale questi, nello sviluppo della trama dell'opera, immaginava il Super Bowl disputato a Denver tra Vikings e Chargers e teatro di un attacco nucleare terroristico. Non è questo tuttavia l'unico nesso esistente tra i Vikings e lo scrittore originario del Maryland, che nel 1998 era arrivato persino ad annunciare l'acquisizione della franchigia salvo poi rinunciarvi per motivi economici, salendo agli onori della cronaca per l'ammontare dell'offerta (più di 200 milioni di dollari) che in quel momento sarebbe stata la più alta pagata per l'acquisizione di una franchigia della NFL[86].

Nel 2005 grande clamore suscitò a livello nazionale lo scandalo legato al festino a luci rosse avvenuto su due imbarcazioni affittate da 17 giocatori dei Vikings sul lago Minnetonka. L'episodio, che rappresentò forse il momento più basso della storia pubblica della franchigia[87][88], venne ribattezzato dai media nazionali "Love Boat" scandal in evidente allusione all'omonima serie tv[89] ed ebbe una cassa di risonanza tale che nel 2013 un operatore turistico di nome Butch Parks acquistò una delle due imbarcazioni usate quel giorno, rinominandola "Scandalous" e collocandovi una maglia da gioco dei Vikings, con l'intenzione di affittarla per crociere sul lago[90].

Giocatori celebri[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Giocatori dei Minnesota Vikings.

Membri della Pro Football Hall of Fame e del Vikings Ring of Honor[modifica | modifica wikitesto]

I Vikings figurano tra le 30 franchigie della NFL con membri indotti nella Pro Football Hall of Fame (PFHoF), il museo del football americano nel quale sono esposti busti e memorabilia delle più grandi personalità di questo sport distintesi come contributori e/o allenatori e/o giocatori. I Vikings sono tra i pochi ad avere almeno un rappresentante per ogni categoria, un contributore, un allenatore e ben 10 giocatori, più altri 5 indotti soprattutto per il contributo dato durante la militanza in altre squadre, che ne fanno la 12ª squadra della NFL per maggior numero di membri indotti[91]. Oltre la PFHoF vi è anche il Minnesota Vikings Ring of Honor, l'equivalente della prima gestita però internamente dal club, che si prefigge di onorare le leggende della franchigia che hanno contribuito ai successi della squadra dentro e fuori dal campo. Ogni membro indotto riceve, oltre alla giacca ed all'anello, anche l'onore di vedere affisso all'interno dello stadio uno striscione col proprio nome ad imperitura memoria[92].

Minnesota Vikings Pro Football Hall of Famers[93]
Minnesota Vikings Ring of Honor[94]
Giocatore Ruolo Stagioni con i Vikings Anno d'induzione
1 Warren Moon QB 1994–1996 2006
3 Jan Stenerud K 1984–1985 1991
10 Fran Tarkenton QB 1961–1966, 1972–1978 1986
22 Paul Krause S 1968–1979 1998
39 Hugh McElhenny RB 1961–1962 1970
44 Dave Casper TE 1983 2002
56 Chris Doleman DE 1985–1993, 1999 2012
58 Jim Langer C 1980–1981 1987
64 Randall McDaniel G 1988–1999 2009
65 Gary Zimmerman OT 1986–1992 2008
73 Ron Yary OT 1968–1981 2001
80 Cris Carter WR 1990–2001 2013
81 Carl Eller DE 1964–1978 2004
88 Alan Page DT 1967–1978 1988
93 John Randle DT 1990–2000 2010
Jim Finks GM 1964–1974 1995
Bud Grant HC 1967–1983, 1985 1994
Giocatore Ruolo Stagioni con i Vikings Data d'induzione
10 Fran Tarkenton QB 1961–1966, 1972–1978 9 settembre 1998
22 Paul Krause S 1968–1979 15 novembre 1998
30 Bill Brown RB 1962–1974 26 settembre 2004
44 Chuck Foreman RB 1973–1979 30 settembre 2007
47 Joey Browner S 1983–1991 27 ottobre 2013
53 Mick Tingelhoff C 1962–1978 25 novembre 2001
55 Scott Studwell LB 1977–1990 29 novembre 2009
56 Chris Doleman DE 1985–1993, 1999 23 ottobre 2011
59 Matt Blair OLB 1974–1985 25 ottobre 2012
64 Randall McDaniel G 1988–1999 17 dicembre 2006
70 Jim Marshall DE 1961–1979 28 novembre 1999
73 Ron Yary OT 1968–1981 9 settembre 2001
77 Korey Stringer OT 1995–2000 19 novembre 2001
80 Cris Carter WR 1990–2001 14 settembre 2003
81 Carl Eller DE 1964–1978 10 novembre 2002
88 Alan Page DT 1967–1978 20 settembre 1998
93 John Randle DT 1990–2000 30 novembre 2008
Jerry Burns HC 1986–1991 6 novembre 2005
Jim Finks GM 1964–1974 18 ottobre 1998
Bud Grant HC 1967–1983, 1985 8 novembre 1998
Fred Zamberletti AT 1961–presente 20 dicembre 1998


Note:

  • In grassetto sono indicati gli Hall of Famers che hanno giocato, allenato o prestato servizio per la maggior parte della loro carriera nei Vikings o comunque dato un contributo di primaria importanza nell'arco della loro carriera.
  • Nonostante Norm Van Brocklin ed Emmitt Thomas siano stati rispettivamente capo-allenatore dei Vikings dal 1961 al 1966 e coordinatore difensivo dei Vikings dal 2000 al 2001, essi sono stati indotti nella Pro Football Hall of Fame (nel 1971 il primo e nel 2008 il secondo) solo per il loro contributo in qualità di giocatori (nei Los Angeles Rams e Philadelphia Eagles il primo, nei Kansas City Chiefs il secondo).

Membri insigniti di premi NFL[modifica | modifica wikitesto]

Premi NFL
MVP della NFL MVP del Pro Bowl Giocatore Offensivo dell'Anno della NFL Difensore dell'Anno della NFL
Alan Page "DT" (1971) Fran Tarkenton "QB" (1964) Fran Tarkenton "QB" (1975) Alan Page "DT" (1971)
Fran Tarkenton "QB" (1975) Ahmad Rashād "WR" (1978) Adrian Peterson "RB" (2012) Keith Millard "DT" (1989)
Adrian Peterson "RB" (2012) Randy Moss "WR" (1999)
Adrian Peterson "RB" (2007)
Kyle Rudolph "TE" (2012)
Rookie Offensivo dell'Anno della NFL Pepsi Rookie dell'Anno della NFL FedEx Ground Player dell'Anno Walter Payton Uomo dell'Anno della NFL
Chuck Foreman "RB" (1973) Adrian Peterson "RB" (2007) Adrian Peterson "RB" (2008) Cris Carter "WR" (1999)
Sammy White "WR" (1976) Percy Harvin "WR" (2009) Adrian Peterson "RB" (2012) Madieu Williams "S" (2010)
Randy Moss "WR" (1998)
Adrian Peterson "RB" (2007)
Percy Harvin "WR" (2009)

Squadra ideale del 25º anniversario (1985)[modifica | modifica wikitesto]

Logo del 25º anniversario.

Offensive Team

Defensive Team

Special Team

Capo-allenatore

Fonte: The Minnesota Vikings 2012 Official Team Guide

Squadra ideale del 40º anniversario (2000)[modifica | modifica wikitesto]

Logo del 40º anniversario.

Offensive Team

Defensive Team

Special Team

Fonte: The Minnesota Vikings 2012 Official Team Guide

I 50 più grandi Vikings (2010)[modifica | modifica wikitesto]

Logo del 50º anniversario.

Fonte: vikings.com

Squadra ideale del Mall of America Field (2013)[modifica | modifica wikitesto]

Il 12 dicembre 2013 i Vikings resero pubblicarono la formazione ideale del Mall of America Field at the H. H. H. Metrodome, formata dai migliori giocatori che hanno vestito la maglia della franchigia nell'arco di tempo compreso tra il 1982, prima stagione del disputata nello stadio di Minneapolis, e il 2013, ultima stagione prima della sua demolizione. I voti furono espressi online, per circa 5 mesi, direttamente dai tifosi, mentre la squadra (composta da 12 giocatori della formazione offensiva, 11 di quella difensiva, 4 degli special team e da un capo-allenatore) verrà premiata durante l'intervallo della gara in programma la settimana 14 tra Vikings ed Eagles[95].

Logo della stagione finale dei Vikings al Mall of America Field at the H. H. H. Metrodome.

Offensive Team

Defensive Team

Special Team

Capo-allenatore

Numeri ritirati[modifica | modifica wikitesto]

In oltre 50 anni di storia i Vikings hanno ufficialmente ritirato 6 numeri. Di questi 6 Vikings, 3 fanno parte della Pro Football Hall of Fame[96].

Minnesota Vikings 10 ritirato.png Minnesota Vikings 53 ritirato.png Minnesota Vikings 70 ritirato.png Minnesota Vikings 77 ritirato.png Minnesota Vikings 80 ritirato.png Minnesota Vikings 88 ritirato.png
Fran Tarkenton
QB (1961–1966, 1972-1978), n° ritirato il 7/10/1979, vs. Dallas Cowboys al Metropolitan Stadium
Mick Tingelhoff
C (1962–1978), n° ritirato il 25/11/2001, vs. Chicago Bears all'Hubert H. Humphrey Metrodome
Jim Marshall
DE (1961–1979), n° ritirato il 28/11/1999, vs. San Diego Chargers all'Hubert H. Humphrey Metrodome
Korey Stringer
OT (1995–2000), n° ritirato il 19/11/2001, vs. New York Giants all'Hubert H. Humphrey Metrodome
Cris Carter
WR (1990–2001), n° ritirato il 14/09/2003, vs. Chicago Bears all'Hubert H. Humphrey Metrodome
Alan Page
DT (1967–1978), n° ritirato il 25/09/1988, vs. Philadelphia Eagles all'Hubert H. Humphrey Metrodome

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

1969
1973; 1974; 1976
1968; 1969; 1970; 1971; 1973; 1974; 1975; 1976; 1977; 1978; 1980; 1989; 1992; 1994; 1998; 2000; 2008; 2009

Record e statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Record NFL[modifica | modifica wikitesto]

  • Maggior numero di conversioni da 2 punti in una stagione, 6 (1997)
  • Maggior numero di partite consecutive con 300 o più yard guadagnate, 36 (2002-2004)
  • Minor numero di tentativi di corsa in una gara, 6 in Arizona Cardinals vs. Minnesota Vikings, (26/Nov/2006)
  • Maggior numero di partite con 50 o più punti segnati in una stagione, 3
  • Maggior numero di tentativi di passaggio in una stagione, 709 (1981)
  • Maggior numero di tentativi di passaggio da parte di entrambe le squadre in una gara, 112 in Minnesota Vikings vs New England Patriots, (13/Nov/1994)
  • Maggior numero di passaggi completati da entrambe le squadre in una gara, 71 in New England Patriots (45) vs Minnesota Vikings (26), (13/Nov/1994)
  • Maggior numero di passaggi da touchdown effettuati da una singola squadra in una gara, 7 in Baltimore Colts vs Minnesota Vikings, (28/Set/1969)
  • Maggior numero di fair catch in una gara, 7 in Minnesota Vikings vs. Dallas Cowboys, (25/Set/1966)
  • Maggior numero di touchdown messi a segno con kickoff returns da entrambe le squadre in una gara, 3 in Baltimore Ravens (2) vs Minnesota Vikings (1), (13/Dic/1998)
  • Maggior numero di fumble propri e avversari recuperati in una stagione, 58 (1963)
  • Maggior numero di fumble avversari recuperati in una stagione, 31 (1963)
  • Maggior numero di touchdown messi a segno con fumble propri ed avversari da entrambe le squadre in una gara, 3 in Detroit Lions (2) vs Minnesota Vikings (1), (9/Dic/1962)
  • Maggior numero di touchdown concessi con punt return in una stagione, 4 (2008)
  • Maggior numero di touchdown concessi con kickoff returns in una stagione, 4 (2008)
  • Maggior numero di fumble avversari in una stagione, 50 (1963)

Fonte: NFL.com

Tifoseria[modifica | modifica wikitesto]

Tifosi dei Vikings sugli spalti del Metrodome.

I Minnesota Vikings, secondo il più recente sondaggio di settore condotto dalla società di ricerca Harris Interactive e pubblicato nell'ottobre del 2013, risultano essere al 13º posto tra le franchigie più popolari negli Stati Uniti. In particolare secondo la società con sede a Rochester, essi sono passati dall'essere la 14ª squadra preferita tra le franchigie della NFL nel 1998, per raggiungere l'8º posto nel 2010 ed il 9º (pari merito con i New York Jets nel 2011, per poi arrivare all'odierno piazzamento[11]. I dati di tale sondaggio sono tra l'altro compatibili con quelli di un secondo sondaggio, condotto da ESPN Sports Polls e pubblicato ad inizio 2012, secondo cui i Vikings risultavano essere al 14º posto tra le franchigie più popolari negli Stati Uniti, avendo raccolto il 2,2% del campione esaminato[97].

Secondo uno studio effettuato da Facebook Data Science e pubblicato all'inizio del 2013, basato sulle iscrizioni dei cittadini americani alle varie pagine ufficiali delle franchigie della NFL sul popolare social network, tali tifosi, sebbene dislocati in maggioranza nello stato del Minnesota nel quale sono per distacco la squadra più supportata, sono altresì presenti in una nutrita parte di stati limitrofi: nella quasi totalità del Dakota del Nord, in gran parte del Dakota del Sud e dell'Iowa, in piccole aree del Nebraska[98]. Essi sono inoltre, al di fuori degli Stati Uniti, la squadra della NFL più tifata nel Canada come emerso dai dati incrociati di 5 sondaggi online effettuati sul tema da altrettante testate giornalistiche canadesi (Calgary Sun, Edmonton Sun, Ottawa Sun, Toronto Sun e Winnipeg Sun) della Sun Media nel 2012: raccogliendo in particolare il 36,43% dei consensi nel sondaggio effettuato dal Winnipeg Sun, i Vikings sono risultati complessivamente primi nel computo totale con il 10,5% delle preferenze[12].

Notoriamente conosciuti per essere una delle tifoserie più calde della NFL[99][100][101], i supporter dei Vikings giocarono un importante ruolo agli inizi degli anni 2000, quando diedero vita a SavetheVikes.org, un'organizzazione no-profit ed apolitica, volta a promuovere la realizzazione di un nuovo stadio di ultima generazione necessario per far sì che la proprietà decidesse di non trasferire la franchigia in un altro stato della nazione[102].

Le rivalità più sentite sono, come per tutte le altre squadre della NFL, maggiormente quelle con le proprie avversarie divisionali. La tifoseria rivale d'elezione è storicamente quella dei Green Bay Packers: acuitasi nella seconda metà degli anni 2000 col celeberrimo gesto di mostrare le terga ai tifosi dei Packers da parte di Randy Moss[103] (in risposta proprio ai tifosi di Green Bay, famosi per riservare il medesimo trattamento ai giocatori dei Vikings all'arrivo del loro bus al Lambeau Field)[104] ed ulteriormente inaspritasi con l'ingaggio da parte dei Vikings dell'amato quarterback dei Packers Brett Favre[105][106], tale rivalità affonda le proprie radici agli inizi degli anni sessanta, quando i neonati Vikings di Van Brocklin e gli affermati Packers di Lombardi cominciarono a fronteggiarsi nei primissimi incontri divisionali[107]. Da allora essa è progressivamente cresciuta sino a divenire secondo molti la più calda a livello divisionale e in generale una tra le più accese di tutta la NFL[108][109][110], tanto che per ambedue gli schieramenti numerosi sono gli arresti e le espulsioni di tifosi dallo stadio registrati negli ultimi anni in occasione degli incontri tra le due squadre[111][112][113][114]. Molto sentita, anche se in misura minore rispetto a quella con i Packers, è anche la rivalità con i Chicago Bears, prima a nascere relativamente ai Vikings, che proprio contro i Bears ebbero il loro debutto vincente in NFL. Essa ebbe il culmine della sua intensità soprattutto a cavallo tra gli anni settanta ed ottanta, vedendo accesi protagonisti tifosi e bandiere delle due fazioni come ad esempio nel 1978 quando Fran Tarkenton etichettò come "pazzi" e "malati" i tifosi dei Bears che dagli spalti auguravano un infortunio al running back dei Vikings Chuck Foreman o come quando nel 1982 il capo-allenatore dei Bears Mike Ditka insultò i minnesotani definendo il loro Metrodome "a roller dome" (it. una pista per pattini a rotelle)[115]. Con i Detroit Lions invece la rivalità rimane più su un piano prettamente agonistico.

Organico 2014[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Minnesota Vikings stagione 2014.

Il roster[modifica | modifica wikitesto]

Roster, numerazione e ruoli, tratti dal sito ufficiale, sono aggiornati al 20 maggio 2014[116].

Roster dei Minnesota Vikings
Offensive Linemen
Defensive Linemen
Linebacker
Defensive Back
Special Team
Lista delle riserve
Squadra di allenamento
Franchise tag
  • Nessuno


Roster aggiornato al 3 settembre 2014

53 attivi, 6 inattivi, 10 nella squadra d'allenamento

Legenda
  • I rookie sono in corsivo.
  • il primo ruolo è il principale mentre gli eventuali successivi indicano i ruoli secondari.
  • Injury icon 2.svg indica un giocatore fuori per il resto della stagione.
  • (IR) attiva indica la lista ristretta per un solo giocatore infortunato che può tornare ad allenarsi dopo la settimana 6 e a rientrare in prima squadra dopo la settimana 8.
  • (NFI) indica la lista dove viene inserito un giocatore che ha un infortunio non legato al football americano.
  • (PUP) indica la lista dove viene inserito un giocatore mentre è in attesa di recuperare la condizione fisica. Nella stagione regolare dopo la sesta partita giocata dalla propria squadra, il giocatore ha tempo 3 settimane per riprendere la pratica, più tre settimane aggiuntive dal suo rientro agli allenamenti per rientrare in prima squadra.
AFC East: BUF · MIA · NE · NYJNorth: BAL · CIN · CLE · PITSouth: HOU · IND · JAC · TENWest: DEN · KC · OAK · SD
NFC East: DAL · NYG · PHI · WASNorth: CHI · DET · GB · MINSouth: ATL · CAR · NO · TBWest: ARI · STL · SF · SEA

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c (EN) Vikings Update: The 60's - VikingUpdate.com, 21 luglio 2001 URL consultato in data 6 luglio 2013
  2. ^ (EN) Minnesota Vikings Football, LLC, MinneapolisChamber.org. URL consultato il 18 luglio 2014.
  3. ^ a b (EN) 50 Years Ago: The Birth of a Franchise, URL consultato in data 4 luglio 2013
  4. ^ (EN) History: History of NFL franchises, 1920-present, URL consultato in data 4 luglio 2013
  5. ^ a b (EN) Super Bowl IV Game Recap: Kansas City 23, Minnesota 7 - NFL.com, URL consultato in data 4 luglio 2013
  6. ^ a b (EN) Super Bowl VIII Game Recap: Minnesota 7, Miami 24 - NFL.com, URL consultato in data 6 luglio 2013
  7. ^ a b (EN) Super Bowl IX Game Recap: Pittsburgh 16, Minnesota 6 - NFL.com, URL consultato in data 6 luglio 2013
  8. ^ a b (EN) Super Bowl XI Game Recap: Oakland 32, Minnesota 14 - NFL.com, URL consultato in data 6 luglio 2013
  9. ^ (EN) NFL Playoffs: Conference Championship Results- NFL.com, URL consultato in data 4 luglio 2013
  10. ^ (EN) Super Bowl Winners, NFL.com. URL consultato il 12 giugno 2014.
  11. ^ a b (EN) Harris Poll: Cowboys, Packers, Broncos Top List Of Favorite NFL Teams Among U.S. Fans, SportsBusinessDaily.com, 16 ottobre 2013. URL consultato l'8 marzo 2014.
  12. ^ a b (EN) Canada’s favourite NFL teams, NFL.com, 28 novembre 2012. URL consultato l'8 marzo 2014.
  13. ^ (EN) NFL Team Valuations: Minnesota Vikings, Forbes, agosto 2014. URL consultato il 30 agosto 2014.
  14. ^ (EN) THE COFFIN CORNER: Vol. 10, No. 5 (1988) - OLE HAUGSRUD REMEMBERS , URL consultato in data 13 marzo 2013
  15. ^ a b c d e f g h (EN) History - Timeline, URL consultato in data 18 febbraio 2013
  16. ^ Van Gets Another 5 Years in The Register-Guard, 26 gennaio 1966. URL consultato il 6 luglio 2013.
  17. ^ Viks hire Bud Grant in Times Daily, 12 marzo 1967. URL consultato il 26 marzo 2013.
  18. ^ (EN) 1967 Minnesota Vikings Schedule, URL consultato in data 4 luglio 2013
  19. ^ (EN) 30 Greatest NFL Quarterbacks of All Time: How Does Aaron Rodgers Compare?, URL consultato in data 4 luglio 2013
  20. ^ (EN) Vote: Who Is the Greatest Quarterback in Vikings History?, URL consultato in data 4 luglio 2013
  21. ^ (EN) Vikings Update: History: Purple People Eaters - VikingUpdate.com, URL consultato in data 4 luglio 2013
  22. ^ (EN) Sid Hartman, Joel A. Rippel, Sid Hartman's Great Minnesota Sports Moments, MBI Publishing Company, 2008, p. 120.
  23. ^ (EN) Vikings Update: Bud Grant - VikingUpdate.com, URL consultato in data 4 luglio 2013
  24. ^ (EN) 1968 Minnesota Vikings Schedule, URL consultato in data 6 luglio 2013
  25. ^ (EN) 1969 Minnesota Vikings Schedule, URL consultato in data 6 luglio 2013
  26. ^ (EN) Minnesota Vikings: Ranking the 10 Best Seasons in Team History, URL consultato in data 6 luglio 2013
  27. ^ (EN) Minnesota Vikings' Best Draft Picks - Alan Page, URL consultato in data 6 luglio 2013
  28. ^ (EN) Greatest Viking Of All Time Tournament: (4) Paul Krause vs (13) Jerry Burns, URL consultato in data 7 luglio 2013
  29. ^ Vikings, Bucs hire; Green Bay is close in The Tuscaloosa News, 11 gennaio 1992. URL consultato il 7 luglio 2013.
  30. ^ (EN) 1992 Minnesota Vikings Schedule, URL consultato in data 7 luglio 2013
  31. ^ (EN) Super Bowl: Atlanta Vs. Denver - Falcons shock Vikings in OT in The Item, 17 gennaio 1999. URL consultato il 7 luglio 2013.
  32. ^ (EN) CNNSI.com - 2001 NFL Playoffs - New York blows out Minnesota 41-0 with passing game, URL consultato in data 7 luglio 2013
  33. ^ (EN) Minnesota Vikings vs. Philadelphia Eagles - Recap - January 16, URL consultato in data 7 luglio 2013
  34. ^ (EN) Tice out: Vikings fire head coach after 9-7 campaign - NFL - ESPN, URL consultato in data 8 luglio 2013
  35. ^ (EN) 2006 Minnesota Vikings Schedule, URL consultato in data 8 luglio 2013
  36. ^ (EN) 2007 Minnesota Vikings Schedule, URL consultato in data 8 luglio 2013
  37. ^ (EN) Saints marching into Miami, URL consultato in data 8 luglio 2013
  38. ^ (EN) Childress fired by Vikings; Frazier promoted to head coach - NFL.com, URL consultato in data 8 luglio 2013
  39. ^ (EN) 2010 Minnesota Vikings Schedule, URL consultato in data 8 luglio 2013
  40. ^ (EN) 2011 Minnesota Vikings Schedule, URL consultato in data 8 luglio 2013
  41. ^ (EN) 2012 Minnesota Vikings Schedule, URL consultato in data 8 luglio 2013
  42. ^ (EN) Adrian Peterson MVP after dominant season on Vikings - NFL.com, URL consultato in data 8 luglio 2013
  43. ^ Green Bay demolisce Minnesota - La Gazzetta dello Sport, URL consultato in data 8 luglio 2013
  44. ^ (EN) 2013 Minnesota Vikings Schedule, URL consultato in data 30 dicembre 2013
  45. ^ (EN) Vikings Relieve Leslie Frazier of Coaching Duties, vikings.com, 30 dicembre 2013. URL consultato il 30 dicembre 2013.
  46. ^ (EN) Karl Hubenthal - An Internet Tribute to One of the All-Time Great Cartoonists, bobstaake.com. URL consultato il 16 febbraio 2013.
  47. ^ (EN) Norsemen, howstuffworks.com. URL consultato il 21 febbraio 2013.
  48. ^ (EN) Vikings Enhance Norseman Logo, vikings.com, 14 febbraio 2013. URL consultato il 14 febbraio 2013.
  49. ^ (EN) Minnesota Vikings give Norseman logo facelift for 2013, NFL.com, 15 febbraio 2013. URL consultato il 15 febbraio 2013.
  50. ^  (EN) Ragnar gets a facelift. NFL, 14 febbraio 2013. URL consultato in data 22 febbraio 2013.
  51. ^ a b (EN) New Nike Vikings Jersey Unveiling, vikings.com, 3 aprile 2012. URL consultato il 12 giugno 2014.
  52. ^ (EN) Obituary: Bert Rose, 82, first Vikings general manager, StarTribune.com. URL consultato il 10 marzo 2013.
  53. ^  (EN) Vikings Uniforms Through The Years. vikings.com. URL consultato in data 12 giugno 2014.
  54. ^ (EN) Vikings unveil new look for 2006 season, ESPN, 27 aprile 2006. URL consultato il 12 giugno 2014.
  55. ^ a b (EN) New Vikings Uniforms Infographic, vikings.com, 25 aprile 2013. URL consultato il 12 giugno 2014.
  56. ^ (EN) New Vikings Uniforms: The Matte Helmet, vikings.com, 25 aprile 2013. URL consultato il 12 giugno 2014.
  57. ^ (EN) Skol Vikings song, vikings.com. URL consultato il 12 marzo 2013.
  58. ^ (EN) Vikings fans: Deep Purple, StarTribune.com, 8 settembre 2007. URL consultato il 12 marzo 2013.
  59. ^ (EN) Prince Pens "Purple" Fight Song For Minnesota Vikings, Rolling Stone. URL consultato il 9 marzo 2013.
  60. ^  Prince's Vikings Song - 'Purple and Gold'. vikings.com, 21 gennaio 2010. URL consultato in data 9 marzo 2013.
  61. ^ a b (EN) Mark Stewart, The Minnesota Vikings, Norwood House Press, 2008, p. 13.
  62. ^  (EN) Top Ten Home-Field Advantages: Metropolitan Stadium. NFL.com. URL consultato in data 12 giugno 2014.
  63. ^ a b c (EN) Hubert H. Humphrey Metrodome, Ballparks.com. URL consultato il 21 febbraio 2013.
  64. ^ (EN) Fabric arena shaped by past domes, Columbia.edu. URL consultato il 21 febbraio 2013.
  65. ^ (EN) M.O.A. FIELD INFO, vikings.com. URL consultato il 21 febbraio 2013.
  66. ^ (EN) Three of Metrodome’s 106 panels replaced so far, Finance-Commerce.com, 31 marzo 2011. URL consultato il 21 febbraio 2013.
  67. ^ (EN) Architect Architect HKS chosen to design new Vikings Stadium, Associated Press, 28 settembre 2012. URL consultato il 12 giugno 2014.
  68. ^ a b c (EN) Upcoming season will be Vikings' last in Metrodome, StarTribune.com, 22 febbraio 2013. URL consultato il 12 giugno 2014.
  69. ^ (EN) Adios, Metrodome, BallparkDigest.com, 13 maggio 2012. URL consultato il 12 giugno 2014.
  70. ^ (EN) Metrodome Demolition Reaches Completion Early, CBS, 17 aprile 2014. URL consultato il 12 giugno 2014.
  71. ^ (EN) Why is turf being removed at TCF Bank Stadium?, BTN.com, 15 maggio 2014. URL consultato il 12 giugno 2014.
  72. ^ a b (EN) Front Office Staff, vikings.com. URL consultato il 17 luglio 2014.
  73. ^ (EN) It's unanimous: Wilf takes purple reins, StarTribune.com, 26 maggio 2006. URL consultato il 17 luglio 2014.
  74. ^ (EN) Minnesota Vikings on the Forbes NFL Team Valuations List, Forbes. URL consultato il 17 luglio 2014.
  75. ^ (EN) The World's 50 Most Valuable Sports Teams 2014, Forbes, 16 luglio 2014. URL consultato il 17 luglio 2014.
  76. ^ (EN) The World's 50 Most Valuable Sports Teams 2013, Forbes, 13 luglio 2013. URL consultato il 17 luglio 2014.
  77. ^ (EN) The World's 50 Most Valuable Sports Teams, Forbes, 16 luglio 2012. URL consultato il 17 luglio 2014.
  78. ^ (EN) The World's Most Valuable Sports Teams, Forbes, 12 luglio 2011. URL consultato il 17 luglio 2014.
  79. ^ (EN) Slide Show: The World's Most Valuable Sports Teams, Forbes, 21 luglio 2010. URL consultato il 17 luglio 2014.
  80. ^ (EN) Favre's matchup with Packers draws record television audience, NFL.com, 6 ottobre 2009. URL consultato il 20 luglio 2014.
  81. ^ (EN) One woman's abuse, collective shame of a nation, The Denver Post, 20 ottobre 2005. URL consultato il 20 luglio 2014.
  82. ^ (EN) Skol: the documentary, a movie about Vikings fans, skoldocumentary.com. URL consultato il 20 luglio 2014.
  83. ^ (EN) Closet of Dreams, ESPN. URL consultato il 20 luglio 2014.
  84. ^ (EN) Four Horsemen of the Apopcalypse – Pop culture references in The Colbert Report: January 25-28, 2010, nofactzone.net, 30 gennaio 2010. URL consultato il 20 luglio 2014.
  85. ^ (EN) Raymond Accepts EMMY Award, vikings.com, 20 dicembre 2013. URL consultato il 20 luglio 2014.
  86. ^ (EN) Tom Clancy tried to buy Minnesota Vikings in 1998, CBS Sports, 2 ottobre 2013. URL consultato il 20 luglio 2014.
  87. ^ (EN) The 5 Worst Moments of All Time for Minnesota Vikings’ Fans, Yahoo!, 19 ottobre 2011. URL consultato il 20 luglio 2014.
  88. ^ (EN) NFL's All-Time Most Embarrassing Off-Field Moments, BleacherReport.com, 7 aprile 2011. URL consultato il 20 luglio 2014.
  89. ^ (EN) Four Vikings charged in boat party scandal, ESPN, 15 dicembre 2005. URL consultato il 20 luglio 2014.
  90. ^ (EN) Vikings 'Love Boat' makes debut on Iowa Great Lakes, NFL.com, 9 aprile 2013. URL consultato il 20 luglio 2014.
  91. ^ (EN) Franchises - Pro Football Hall of Fame, URL consultato in data 17 luglio 2013
  92. ^ (EN) The Minnesota Vikings 2012 Official Team Guide, Minnesota Vikings Public Relations Department, 2012, p. 251.
  93. ^ (EN) Teams - Vikings, URL consultato in data 20 febbraio 2013
  94. ^ (EN) Ring of Honor, URL consultato in data 3 marzo 2013
  95. ^ (EN) Vikings Announce Fan-Voted All-Mall of America Field Team, vikings.com, 12 dicembre 2013. URL consultato il 12 dicembre 2013.
  96. ^ (EN) Tom West, Bob Hagan, Jon Ekstrom, Eric Haigh, Sam Newton, Mike Wobschall, Minnesota Vikings 2012 Official Team Guide, Minnesota Vikings Public Relations Department, 2012, p. 254.
  97. ^ (EN) Poll finds Cowboys to be NFL's most popular team - NFL.com, URL consultato in data 18 febbraio 2013
  98. ^ (EN) NFL Fans on Facebook, facebook.com, 28 gennaio 2013. URL consultato l'8 marzo 2014.
  99. ^ (EN) Minnesota Vikings fans go crazy in Metrodome, NFL.com, 17 agosto 2012. URL consultato il 7 marzo 2014.
  100. ^ (EN) Ranking All 32 NFL Fanbases: Who's the Loudest?, BleacherReport.com, 13 gennaio 2011. URL consultato l'8 marzo 2014.
  101. ^ (EN) Metrodome 'as loud as anywhere ever', Savannah Morning News. URL consultato l'8 marzo 2014.
  102. ^ (EN) About, SavedTheVikes.org. URL consultato l'8 marzo 2014.
  103. ^ (EN) Green Bay Packers: Randy Moss' moon stunt hasn't been forgotten, TwinCities.com, 9 maggio 2012. URL consultato l'8 marzo 2014.
  104. ^ (EN) NFL:Moss's 'joke' brings a frown, New York Times, 12 gennaio 2005. URL consultato l'8 marzo 2014.
  105. ^ (EN) Vikings-Packers rivalry would go to a whole new level with Favre, NFL.com, 7 maggio 2009. URL consultato l'8 marzo 2014.
  106. ^ (EN) Greg Jennings, Brett Favre and the Vikings-Packers rivalry rejuvenated, TwinCities.com, 16 marzo 2013. URL consultato l'8 marzo 2014.
  107. ^ (EN) Green Bay Packers vs. Minnesota Vikings: The History, the Rivalry and Favre, BleacherReport.com, 30 ottobre 2009. URL consultato l'8 marzo 2014.
  108. ^ (EN) Top 10 hottest current NFL rivalries, FoxSports.com, 2 novembre 2010. URL consultato l'8 marzo 2014.
  109. ^ (EN) NFL's Best Rivalries ... Right Now, XFinity.com. URL consultato l'8 marzo 2014.
  110. ^ (EN) A Packers Fan's Guide to Hating the Vikings, BleacherReport.com, 13 luglio 2013. URL consultato l'8 marzo 2014.
  111. ^ (EN) 13 arrested, 43 ejected at Sunday's Minnesota Vikings-Green Bay Packers game, GreenBayPressGazette.com, 2 novembre 2009. URL consultato l'8 marzo 2014.
  112. ^ (EN) 13 arrested, 60 ejected from Green Bay Packers game against Minnesota Vikings at Lambeau Field, GreenBayPressGazette.com, 26 ottobre 2010. URL consultato l'8 marzo 2014.
  113. ^ (EN) Vikings-Packers rivalry turns bloody, WinonaDailyNews.com, 9 ottobre 2012. URL consultato l'8 marzo 2014.
  114. ^ (EN) Over 20 arrested at Saturday night’s Packers vs. Vikings game, Fox, 6 gennaio 2013. URL consultato l'8 marzo 2014.
  115. ^ (EN) Bears Vs. Vikings - A Look At One Of The Black-and-blue Division's Hardest Hitting Rivalries, Chicago Tribune, 1º dicembre 1994. URL consultato l'8 marzo 2014.
  116. ^ (EN) Player roster, vikings.com. URL consultato il 20 maggio 2014.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Libri[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) Bill Ballew, Tough Enough to be Vikings, Old Norse Publishing, 1999. ISBN 0-9670393-0-4
  • (EN) Bob Berghaus, Black & Blue: A Smash-Mouth History of the NFL's Roughest Division, Clerisy Press , 2008. ISBN 1-57860-393-5
  • (EN) Ross Bernstein, Bud Grant, Kent Hrbek, Joe Mauer, Lindsay Whalen Sixty Years & Sixty Heroes: A Celebration of Minnesota Sports, Bernstein Books, 2008. ISBN 0-9787809-2-2
  • (EN) Matt Blair, To Be a Viking, Crotalus Publishing, 2005. ISBN 0-9741860-6-6
  • (EN) Jim Bruton, Bud Grant, A Tradition of Purple: An Inside Look at the Minnesota Vikings, Skyhorse Publishing, 2011. ISBN 1-61321-002-7
  • (EN) Jim Bruton, Fran Tarkenton, Vikings 50: All-Time Greatest Players in Franchise History, Triumph Books, 2012. ISBN 1-60078-691-X
  • (EN) Aaron Frisch, The History of the Minnesota Vikings, The Creative Company, 2004. ISBN 1-58341-303-0
  • (EN) Marty Gitlin, Minnesota Vikings, ABDO, 2011. ISBN 1-61758-652-8
  • (EN) Sid Hartman, Joel A. Rippel, Sid Hartman's Great Minnesota Sports Moments, MBI Publishing Company, 2008. ISBN 0-7603-3491-9
  • (EN) Jim Klobuchar, Bud Grant, Alway$ on $unday, Adventure Pubns , 2009.
  • (EN) Jim Klobuchar, Bud Grant, Purple Hearts and Golden Memories: 35 Years With the Minnesota Vikings, Quality Sports Publications, 1999. ISBN 1-885758-15-4
  • (EN) Jim Klobuchar, Skip Heine, Sunday at the Met, Twin City Federal Savings & Loan Assn., 1971.
  • (EN) Jim Klobuchar True Hearts and Purple Heads: An Unauthorized Biography of a Football Team, Ross & Haines, 1970.
  • (EN) Jim Klobuchar, Jeff Siemon, Will The Vikings Ever Win The Super Bowl?, Harper & Row, 1977. ISBN 0-06-012411-3
  • (EN) Nate LeBoutillier, The Story of the Minnesota Vikings, The Creative Company, 2009. ISBN 1-58341-762-1
  • (EN) Tod Maher, Bob Gill, The Pro Football Playoff Encyclopedia: The Ultimate Guide to the NFL Playoffs, Maher Sports Media, 2012. ISBN 0-9835136-5-1
  • (EN) Julian May, The Minnesota Vikings, Creative Company, 1977. ISBN 0-87191-594-4
  • (EN) Bob McGinn, The Ultimate Super Bowl Book: A Complete Reference to the Stats, Stars, and Stories Behind Football's Biggest Game-And Why the Best Team Won, MVP Books, 2009. ISBN 1-61673-113-3
  • (EN) Todd Mishler, Cold Wars: 40 Years of Packer-Viking Rivalry, PRAIRIE OAK Press, 2004. ISBN 1-931599-46-7
  • (EN) Julie Nelson, Minnesota Vikings, Creative Company, 2000. ISBN 1-58341-049-X
  • (EN) Armand Peterson, The Vikings Reader, University of Minnesota Press, 2009. ISBN 0-8166-5337-2
  • (EN) Richard Rainbolt, The Minnesota Vikings: A pictorial drama, Nodin Press, 1973.
  • (EN) Jenny Reese, The Minnesota Vikings: History, Hall-Of-Famers, Brett Favre and Seasons 1998 - 2000, BiblioBazaar, 2010. ISBN 1-170-68164-6
  • (EN) Patrick Reusse, Amy Klobuchar, Bill Brown, Minnesota Vikings: The Complete Illustrated History, Motorbooks International, 2010. ISBN 0-7603-3953-8
  • (EN) Keith Richotte, My Least Favorite Team Is My Favorite Team: How the Minnesota Vikings Have Made Me Hate Every Team in Professional Football, Mill City Press Incorporated, 2007. ISBN 1-934248-52-5
  • (EN) Joel A. Rippel, 75 Memorable Moments in Minnesota Sports, Minnesota Historical Society Press, 2003. ISBN 0-87351-475-0
  • (EN) Steve Silverman, Sean Salisbury, The Good, The Bad, and The Ugly Minnesota Vikings: Heart-Pounding, Jaw-Dropping, and Gut-Wrenching Moments from Minnesota Vikings History, Triumph Books, 2007. ISBN 1-57243-988-2
  • (EN) Mark Stewart, The Minnesota Vikings, Norwood House Press, 2012. ISBN 1-59953-529-7
  • (EN) Bill Williamson, Eric Thompson, Tales from the Minnesota Vikings Sideline: A Collection of the Greatest Vikings Stories Ever Told, Sports Publication, 2012. ISBN 1-61321-224-0

Risorse informative in rete[modifica | modifica wikitesto]

Videografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]