Harrison Smith

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando l'atleta statunitense, vedi Harrison Preserved Smith.
Harrison Smith
Harrison Smith.jpg
Smith nel 2012.
Dati biografici
Nazionalità Stati Uniti Stati Uniti
Altezza 188 cm
Peso 97 kg
Football americano American football pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Free safety
Squadra Stemma Minnesota Vikings Minnesota Vikings
Carriera
Giovanili
2007-2011 Stemma Notre Dame Fighting Irish Notre Dame Fighting Irish
Squadre di club
2012- Stemma Minnesota Vikings Minnesota Vikings
Palmarès
Per maggiori dettagli vedi qui
Statistiche aggiornate al 26 maggio 2014

Harrison J. Smith (Knoxville, 2 febbraio 1989) è un giocatore di football americano statunitense che gioca nel ruolo di safety per i Minnesota Vikings della National Football League (NFL). Scelto dai Vikings nel corso del primo giro (29º assoluto) del Draft NFL 2012, in precedenza aveva giocato a football per i Fighting Irish dell'Università di Notre Dame.

Carriera professionistica[modifica | modifica sorgente]

Minnesota Vikings[modifica | modifica sorgente]

Smith durante l'ultimo incontro della stagione 2012 vinto da Minnesota contro Green Bay.

Considerato come uno dei migliori prospetti nel ruolo di safety nonché uno dei migliori giocatori in assoluto selezionabili nel Draft NFL 2012 (era da molti analisti dato come prospetto da fine primo giro)[1][2][3], Smith fu scelto come 29º assoluto nel primo giro del Draft dai Minnesota Vikings, che cedettero ai Baltimore Ravens le loro scelte nel 2º e 4º giro (35ª e 98ª assoluta) per poter salire alla posizione utile per selezionarlo[4].

2012[modifica | modifica sorgente]

Nel debutto da professionista, vinto il 9 settembre ai supplementari contro i Jacksonville Jaguars, Smith mise a segno 7 tackle ed un passaggio deviato[5], risultato poi ripetuto anche nei due incontri seguenti, la sconfitta contro i Colts e la vittoria a sorpresa contro i 49ers. Nella vittoria della settimana 7 sui Cardinals, Smith fece registrare 5 tackle ed il primo intercetto in carriera che ritornò per 31 yard in touchdown[6]. Per questa prestazione fu uno dei candidati al premio di miglior rookie della settimana, vinto poi da Alfred Morris[7][8].

Nel Thursday Night Football della settimana 8 perso contro i Tampa Bay Buccaneers, Smith guidò i Vikings con 13 tackle[9]. Nella settimana 13, Smith mise a segno il secondo intercetto in carriera ai danni di Aaron Rodgers, quarterback dei Green Bay Packers, oltre ad 11 tackle[10]. La domenica successiva Smith mise a referto un altro intercetto su Jay Cutler dei Chicago Bears ritornandolo in touchdown nella vittoria per 21-14[11].

Nella settimana 16 Smith giocò una grande prova durante la fondamentale vittoria dei Vikings sugli Houston Texans. Il rookie terminò la gara con 7 tackle, un sack e un fumble forzato[12]. Smith concluse la sua prima stagione regolare giocando tutte le 16 gare come titolare con 103 tackle, 3 intercetti, un sack, un fumble forzato ed un touchdown. Nella prima gara di playoff in carriera, Smith mise a segno otto tackle contro i Packers ma Minnesota fu sconfitta, anche a causa dell'assenza per infortunio del quarterback titolare Christian Ponder[13]. Il 10 gennaio 2013 fu inserito nell'All-Rookie Team stilato congiuntamente dalla rivista Pro Football Weekly e dalla Pro Football Writers of America[14].

2013[modifica | modifica sorgente]

Smith (22) all'ingresso in campo nel match di settimana 3 perso dai Vikings contro i Browns.

Smith iniziò la stagione 2013 con 10 tackle (7 solitari e 3 assistiti) ed 1 fumble ricoperto nella partita esterna persa dai Vikings contro i Detroit Lions[15]. La settimana seguente mise a referto altri 8 tackle (tutti solitari) e il secondo intercetto in carriera ai danni di Cutler, nella sconfitta 30-31 contro i Bears[16]. Una settimana più tardi Smith fu ancora una volta protagonista di un intercetto, questa volta a i danni del quarterback dei Browns Brian Hoyer, oltre che autore di altri 5 tackle solitari che non furono comunque sufficienti ai Vikings per evitare una sconfitta interna (la terza stagionale) per 31-27 contro Cleveland[17]. Nella settimana 4, Smith mise a segno 7 tackle (6 solitari ed uno assistito) nella prima vittoria stagionale dei Vikings, impegnati contro gli Steelers al Wembley Stadium di Londra in una delle due gare delle NFL International Series della stagione 2013[18].

Dopo la settimana di pausa i Vikings affrontarono al Mall of America Field i Carolina Panthers disputando una pessima partita e perdendo per la quarta volta dall'inizio della stagione. Smith dal canto suo mise a segno altri 4 tackle (3 solitari e 1 assistito) prima di uscire dal campo per una distorsione dell'articolazione dell'alluce[19]. Inizialmente, nella giornata di martedì, fu diffusa da Ian Rapoport di NFL Network la notizia che Smith non sarebbe andato sotto i ferri per correggere la distrazione con un intervento chirurgico, ma due giorni dopo Tom Pelissero di Usa Today riportò l'indiscrezione secondo la quale i medici avevano consigliato a Smith di sottoporsi all'operazione mentre i Vikings desideravano continuare a scongiurare l'intervento dando comunque a Smith il tempo di guarire dall'infortunio. Per questo motivo, Smith saltò il Monday Night della settimana 7 contro i New York Giants[20]. Venerdì 18 sul sito dei Vikings, fu in seguito svelata la tabella di recupero Smith, che prevedeva il suo inserimento nella lista dei "Designati per il Ritorno" (ogni squadra della NFL può inserire al massimo un giocatore a stagione in questa speciale lista) che permise a Smith di restare a riposo per 6 settimane, per poi tornare a disposizione dopo 8 settimane, ed evitare così l'inserimento nella lista degli "Infortunati/Riserve" che avrebbe comportato la conseguente indisponibilità del giocatore sino a fine stagione[21].

Rispettando in pieno i tempi di recupero, Smith tornò in campo il 15 dicembre nella gara di settimana 15 che vedeva i Vikings opposti ai Philadelphia Eagles, sconfitti 30-48 al Mall of America Field, guidando subito la propria squadra con 8 tackle (6 solitari e 2 assistiti)[22]. Altri 16 li totalizzò nelle restanti due partite, in cui arrivarono una sconfitta contro i Cincinnati Bengals ed una vittoria contro i Detroit Lions, chiudendo così la sua seconda stagione da professionista con 58 tackle totali (di cui 47 solitari ed 11 assistiti), 3 passaggi deviati, 2 intercetti ed un fumble recuperato messi a referto in 8 partite di cui 7 disputate da titolare.

2014[modifica | modifica sorgente]

Nella stagione 2014 Smith fu uno dei protagonisti nel primo incontro della stagione regolare, vinto da Minnesota per 34-6 in casa dei St. Louis Rams, durante il quale mise a referto due tackle, il secondo di 5 sack messi a segno dalla difesa dei Vikings ai danni dei quarterback di St. Louis e soprattutto un intercetto ritornato in touchdown dopo una corsa da ben 81 yard[23].

Palmarès[modifica | modifica sorgente]

  • PFW/PFWA All-Rookie Team (2012)

Statistiche[modifica | modifica sorgente]

Fonte: NFL.com

Statistiche in carriera Tackle Sack Intercetti Altro
Anno Squadra Gare Gare tit. Sol Ass Tot Sack Int Yard TD Int. Fum F. Fum R. PD Safety
2012 Stemma Minnesota Vikings Minnesota Vikings 16 16 74 30 104 1 3 87 2 1 1 11 0
2013 Stemma Minnesota Vikings Minnesota Vikings 8 7 47 11 58 0 2 4 0 0 1 3 ˗˗
Carriera 24 23 162 41 121 1 5 91 2 1 2 14 0

Statistiche aggiornate alla stagione 2013

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Peter King's 2012 NFL Mock Draft, Sports Illustrated, 20 aprile 2012. URL consultato il 26 maggio 2014.
  2. ^ Mel Kiper 2012 NFL Mock Draft: Green Bay Packers Take S Harrison Smith, BleacherReport.com, 15 febbraio 2012. URL consultato il 26 maggio 2014.
  3. ^ Andrew Luck Still Top Pick in 2012 NFL Draft Re-Mock, FootballNation.com, 23 febbraio 2012. URL consultato il 26 maggio 2014.
  4. ^  Vikings Pick Notre Dame's Harrison Smith at No. 29. vikings.com, 26 aprile 2012. URL consultato in data 26 maggio 2014.
  5. ^ (EN) Game center: Jacksonville 23 Minnesota 26, NFL.com, 9 settembre. URL consultato il 10 settembre 2012.
  6. ^ (EN) Game Center: Arizona 14 Minnesota 21, NFL.com, 21 ottobre 2012. URL consultato il 22 ottobre 2012.
  7. ^ (EN) Pepsi NFL Rookie: Week 7 Nominees, NFL.com, 23 ottobre 2012. URL consultato il 23 ottobre 2012.
  8. ^ (EN) Week 7: Pepsi MAX Rookie of the Week winner, NFL.com, 26 ottobre 2012. URL consultato il 27 ottobre 2012.
  9. ^ (EN) Game Center: Tampa Bay 36 Minnesota 17, NFL.com, 25 ottobre 2012. URL consultato il 26 ottobre 2012.
  10. ^ (EN) Game Center: Minnesota 14 Green Bay 23, NFL.com, 2 dicembre 2012. URL consultato il 3 dicembre 2012.
  11. ^ (EN) Game Center: Chicago 14 Minnesota 21, NFL.com, 9 dicembre 2012. URL consultato l'11 dicembre 2012.
  12. ^ (EN) Game Center: Minnesota 23 Houston 6, NFL.com, 23 dicembre 2012. URL consultato il 23 dicembre 2012.
  13. ^ (EN) Game Center: Minnesota 10 Green Bay 24, NFL.com, 5 gennaio 2013. URL consultato il 6 gennaio 2013.
  14. ^ (EN) PFW/PFWA 2012 All-Rookie team, ProFootballWeekly.com, 10 gennaio 2013. URL consultato il 25 maggio 2014.
  15. ^ (EN) Game Center: Minnesota 24 Detroit 34, NFL.com, 8 settembre 2013. URL consultato il 9 settembre 2013.
  16. ^ (EN) Game Center: Minnesota Vikings vs. Chicago Bears [09/15/2013], NFL.com, 15 settembre 2013. URL consultato il 16 settembre 2013.
  17. ^ (EN) Game Center: Cleveland 31 Minnesota 27, NFL.com, 23 settembre 2013. URL consultato il 23 settembre 2013.
  18. ^ (EN) Game Center: Pittsburgh 27 Minnesota 34, NFL.com, 29 settembre 2013. URL consultato il 29 settembre 2013.
  19. ^ (EN) Game Center: Carolina 35 Minnesota 10, NFL.com, 13 ottobre 2013. URL consultato il 17 ottobre 2013.
  20. ^ (EN) Harrison Smith likely to Minnesota Vikings' IR-recall, NFL.com, 17 ottobre 2013. URL consultato il 17 ottobre 2013.
  21. ^ (EN) The Plan Behind Harrison Smith, vikings.com, 18 ottobre 2013. URL consultato il 18 ottobre 2013.
  22. ^ (EN) Game Center: Philadelphia 30 Minnesota 48, NFL.com, 15 dicembre 2013. URL consultato il 16 dicembre 2013.
  23. ^ (EN) Game Center: Minnesota 34 St. Louis 6, NFL.com, 7 settembre 2014. URL consultato il 7 settembre 2014.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]