Steve Smith (giocatore di football americano)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Steve Smith
Steve smith ravens.jpg
Smith nel 2014.
Dati biografici
Nazionalità Stati Uniti Stati Uniti
Altezza 175 cm
Peso 84 kg
Football americano American football pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Wide receiver
Squadra Stemma Baltimore Ravens Baltimore Ravens
Carriera
Giovanili
Stemma Utah Utes Utah Utes
Squadre di club
2001-2013 Stemma Carolina Panthers Carolina Panthers
2014- Stemma Baltimore Ravens Baltimore Ravens
Palmarès
Selezioni al Pro Bowl 5
All-Pro 3
Per maggiori dettagli vedi qui
Statistiche aggiornate al 14 marzo 2014

Stevonne Latrall Smith (Compton, 12 maggio 1979) è un giocatore di football americano statunitense che gioca nel ruolo di wide receiver per i Baltimore Ravens della National Football League (NFL). Dopo aver giocato al college all'Università dello Utah, fu scelto dai Carolina Panthers nel corso del terzo giro del draft NFL 2001[1].

Smith, convocato 5 volte per il Pro Bowl ed inserito per 3 volte nella formazione ideale della stagione All-Pro, emerse come uno dei ricevitori più prolifici della NFL, guidando la lega in ricezioni, yard ricevute e touchdowns nel 2005. È il leader di tutti i tempi dei Panthers touchdown totali (67) ricezioni (699) e yard ricevute (10,278). Nel 2011, egli divenne il 35º giocatore della storia della NFL a superare il muro delle 10.000 yard ricevute.

Carriera professionistica[modifica | modifica wikitesto]

Carolina Panthers[modifica | modifica wikitesto]

2001[modifica | modifica wikitesto]

Smith trascorse la maggior parte della sua stagione da rookie come ritornatore dei kick e dei punt, guidando tutte le matricole in yard nette con 1.994 yards e classificandosi al quarto posto assoluto della lega dietro Priest Holmes, Marshall Faulk e Derrick Mason. Smith ebbe inoltre 10 ricezioni per 154 yard e corse 4 volte per 43 yard. Le prestazioni di Smith gli fecero guadagnare la convocazione al Pro Bowl 2002, uno dei tre giocatori dei Panthers selezionati insieme a Wesley Walls Todd Sauerbrun.

2002[modifica | modifica wikitesto]

Durante la stagione NFL 2002, Smith divenne il wide receiver titolare della squadra e continuò a ritornare il pallone sui kickoff e sui punt. Il 10 novembre 2002, Smith fu coinvolto in un alterco col compagno di squadra Anthony Bright durante la visione di un filmato nella sala video[2]. La rissa lasciò Bright con il naso rotto e due notti trascorse all'ospedale. Smith fu arrestato e rimase per breve tempo in prigione con l'accusa di aggressione. I Panthers lo sospesero per una partita. Smith terminò la stagione con 54 ricezioni per 872 yard e 3 touchdowns.

2003[modifica | modifica wikitesto]

Durante la stagione 2003, Smith giocò un ruolo cruciale nell'attacco dei Panthers. Egli terminò la stagione regolare con 88 ricezioni per 1.110 yard e 7 touchdown. Durante i divisional playoff della NFC, Smith ricevette un passaggio da 69 yard trasformandolo in un touchdown nel secondo supplementare assicurando a Carolina la vittoria sui St. Louis Rams 29-23. Nel Super Bowl XXXVIII, Smith ricevette 4 passaggi per 80 yard ed un touchdown e ritornò un kickoff per 30 yard nella sconfitta dei Panthers 32-29 contro i New England Patriots.

2004[modifica | modifica wikitesto]

Smith subì un grave infortunio alla gamba nella partita di debutto della stagione 2004 contro i Green Bay Packers, venendo costretto a saltare l'intera annata. Prima dell'infortunio, egli ricevette 6 palloni 60 yards e tentò anche un passaggio che si risolse in un incompleto.

2005[modifica | modifica wikitesto]

Nella stagione 2005, Smith si rifece del suo infortunio guadagnando la "Tripla corona" delle ricezioni, guidando la NFL con 1.563 yard ricevute, 103 ricezioni e 12 touchdown. Smith ritornò inoltre 27 punt per 286 yard. Le sue 10,6 yard di media guadagnate a ritorno furono il suo secondo massimo in carriera.

Smith dominò nei primi due turni dei playoff 2005. Nella vittoria nel turno delle wild card contro i New York Giants, Smith ricevette 10 passaggi per 84 yard ed un touchdown, oltre a correre per altre 12 yard segnando un altro TD su corsa. I Panthers poi sconfissero i Chicago Bears nel divisional round, aiutati dal record di franchigia di Smith di 12 ricezioni per 218 yard e 2 touchdown. Smith e i Panthers in seguito affrontarono i Seattle Seahawks nella finale della NFC. Malgrado un touchdown segnato dopo un ritorno da un punt da 59 yard, Smith fu tenuto a 33 yard ricevute su 5 prese e i Panthers persero con un punteggio di 34-14.

Smith, insieme ai compagni Jake Delhomme, Julius Peppers e Mike Wahle, fu selezionato per il Pro Bowl 2006. Smith inoltre condivise il premio NFL Comeback Player of the Year col linebacker dei New England Patriots Tedy Bruschi.

2006[modifica | modifica wikitesto]

Smith nel 2006.

Dopo aver subito un infortunio al tendine ed aver sviluppato un'unghia incarnita nel training camp prima della stagione 2006, Smith ritornò sul campo di gioco dopo aver perso le prime due partite. Fu frequentemente raddoppiato ma riuscì comunque a farsi strada tra i difensori e gli infortuni terminando con 83 ricezioni per 1.186 yard ed 8 touchdown. Fu inoltre convocato per il suo secondo Pro Bowl consecutivo, il terzo in totale.

2007[modifica | modifica wikitesto]

Smith giocò 15 gare da titolare per i Panthers durante la stagione 2007, guidando Carolina con 87 ricezioni, 1.002 yard ricevute e 7 touchdown malgrado gli infortuni di quattro differenti quarterback titolari differenti, a partire da Jake Delhomme.

2008[modifica | modifica wikitesto]

Smith finì sui titoli dei giornali durante il training camp 2008 quando fu coinvolto in una rissa col compagno di squadra Ken Lucas il 1º agosto 2008. Smith ruppe il naso di Lucas durante la scazzottata e fu spedito a casa per il resto della giornata dopo che si fu scusato. A Smith furono date due gare di sospensione dalla squadra[3][4]. Smith in seguito subì una grave commozione cerebrale nella pre-stagione del 2008 contro gli Indianapolis Colts, quando Smith fu colpito alla testa mentre stava ricevendo un passaggio[5]. Egli continuò a giocare quella gara ma non si unì alla squadra per la successiva gara contro i Philadelphia Eagles. Dopo essere tornato dalla sospensione ed aver segnato il suo primo touchdown del 2008 season, Smith mostrò il pallone a Lucas sulla linea laterale. Malgrado le due gare di sospensione, Smith fu convocato per il Pro Bowl 2009 dopo che ricevette 78 passaggi per 1.421 yard e 6 touchdown, guidando la NFL in ricezioni per partita.

2009[modifica | modifica wikitesto]

Durante la settimana 16 della stagione 2009, Smith su ruppe l'avambraccio sinistro durante una presa da touchdown nella gara contro i New York Giants impedendogli di giocare l'ultima partita della stagione. Smith terminò l'annata con 982 yard su 65 ricezioni e 7 touchdown, a sole 18 yard dalla sua quinta stagione consecutiva da 1.000 yard ricevute. Il 1º gennaio 2010, Smith fu messo in lista infortunati. Il 19 giugno 2010, Smith si ruppe nuovamente il braccio giocando a flag football.

2010[modifica | modifica wikitesto]

Il 2010 fu la peggior stagione di Smith come titolare dal 2002. Anche se guidò la squadra sia in ricezioni che in yard ricevute, egli compì solamente 46 prese per 554 yard. Inoltre segnò solo due touchdown su passaggio, uno in meno del rookie David Gettis. La scarsa produzione di Smith' fu dovuta al pessimo attacco della squadra. guidato dal quarterback debuttante Jimmy Clausen e dall'allenatore John Fox. I Panthers terminarono ultimi in molte categorie offensive e con un record di 2-14, il peggiore della lega, assicurandosi la prima scelta assoluta nel Draft NFL 2011. L'insoddisfazione di Smith generò voci tra i tifosi dei Panthers che il ricevitore, ancora la stella della squadra, volesse essere ceduto nella stagione 2011.

2011[modifica | modifica wikitesto]

La situazione a Carolina mutò radicalmente quando i Panthers chiamarono nel draft il fortissimo quarterback Cam Newton come primo assoluto. Smith aprì la stagione 2011 con una grande prestazione, ricevendo 178 yard e 2 touchdown su 8 prese, compresa una ricezione da 77 yard trasformata in TD. Smith nella seconda partita stagionale giocò un'altra gara da 150 yard ricevute ma causò anche un fumble. Il 27 novembre 2010, Smith sorpassò le 1.000 yard ricevute in stagione[6]. Durante la settimana 14, egli divenne il 35º giocatore della storia della NFL a superare il muro delle 10.000 yard ricevute in carriera dopo averne ammassate 125 yard contro gli Atlanta Falcons. I Panthers migliorarono il record della stagione precedente salendo a 6-10 mentre Smith chiuse con 1.394 yard ricevute, secondo massimo in carriera, e 7 touchdown, venendo convocato per il suo quinto Pro Bowl. A fine stagione, Smith fu votato al 35º posto nella NFL Top 100, l'annuale classifica dei migliori cento giocatori della stagione[7].

2012[modifica | modifica wikitesto]

Il 10 aprile 2012, Smith firmò un'estensione contrattuale triennale coi Panthers del valore di 18 milioni di dollari, con un'opzione anche per la stagione 2016[8].

Il 9 settembre, Smith e i Panthers iniziarono con una sconfitta per 16-10 in casa dei Tampa Bay Buccaneers. Steve fu il miglior ricevitore della partita con 105 yard su 7 passaggi ricevuti[9]. Nel turno successivo, Carolina vinse la prima gara stagione per 35 sui New Orleans Saints: Steve guidò ancora la squadra con 3 ricezioni per 104 yard[10]. Nel Thursday Night Football della settimana 3 perso contro i New York Giants, Steve ebbe una partenza lenta ma chiuse con 4 ricezioni per 86 yard[11]. Nella settimana 5 i Panthers precipitarono a un record di 1-4 perdendo in casa contro i Seattle Seahawks con Steve che ricevette 4 passaggi per 40 yard[12]. Nella settimana 8 i Panthers sprofondarono a un record di 1-6 perdendo all'ultimo secondo contro i Bears: Smith ricevette 7 passaggi per 118 yard[13].

I Panthers conclusero una striscia negativa di 5 sconfitte consecutive battendo nella settimana 9 i Washington Redskins di Robert Griffin III: Smith ricevette 41 yard e segnò un touchdown[14].

Nella settimana 13 Smith ricevette 120 yard e segnò un touchdown, non sufficienti però a battere i Kansas City Chiefs, la squadra col peggior record della lega[15]. Nella settimana successiva Steve contribuì a battere gli Atlanta Falcons, la squadra col miglior record della NFL, con 109 yard ricevute[16].

A fine anno fu classificato al numero 84 nella classifica dei migliori cento giocatori della stagione[17].

2013[modifica | modifica wikitesto]

Nella prima gara della stagione 2013, persa contro i Seahawks, Smith ricevette 51 yard e segnò un touchdown[18]. Il secondo lo segnò nella vittoria in trasferta della settimana 6 sui Vikings[19] e il terzo la domenica seguente nella agevole vittoria sui Rams[20]. Nella settimana 12 contro i Dolphins, Carolina vinse la settimana gara consecutiva e con 65 yard totalizzate, Smith divenne il 22º giocatore della storia a superare le 12.000 yard ricevute in carriera[21]. I Panthers terminarono la stagione regolare con un record di 12-4 e il secondo posto nel tabellone della NFC. Nel divisional round dei playoff contro i 49ers, Smith ricevette 74 yard e un touchdown ma la squadra fu eliminata[22].

Il 12 marzo 2014, Smith fu svincolato dai Panthers dopo tredici stagioni con la franchigia[23].

Baltimore Ravens[modifica | modifica wikitesto]

Smith nella gara contro i Jaguars del 2014.

Il 14 marzo 2014, Smith firmò coi Baltimore Ravens un contratto triennale del valore di 12 milioni di dollari, inclusi 3,5 milioni di bonus alla firma[24]. Nella prima partita con la nuova maglia ricevette da Joe Flacco 7 passaggi per 118 yard e il touchdown del momentaneo vantaggio nel quarto periodo contro i Bengals[25]. Nella settimana 4, Steve affrontò per la prima volta da avversario i Panthers, ricevendo 138 yard e 2 touchdown nella netta vittoria contro la squadra dove aveva passato le precedenti tredici stagioni[26]. Due settimane dopo andò ancora a segno, oltre a ricevere 110 yard, nella vittoria in casa dei Buccaneers. Tornò a segnare nel dodicesimo turno, contribuendo a battere i Saints che venivano da 14 vittorie consecutive in casa[27]. Due settimane dopo segnò la sua sesta marcatura nella importante vittoria in trasferta a Miami contro un'avversaria diretta per una wild card nei playoff. Nel quindicesimo turno, Smith raggiunse quota 900 ricezioni in carriera.

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Franchigia[modifica | modifica wikitesto]

Carolina Panthers: 2003

Individuale[modifica | modifica wikitesto]

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Stagione regolare
Anno Squadra P PT Ricezioni Corsi Ritorni su punt Ritorni su kickoff Fumb
Ric Yard Media Y/P Max TD Ten Yard Media Media TD Rit Yard Media Max TD Rit Yard Media Max TD
2001 CAR 15 1 10 154 15.4 10.3 33 0 4 43 10.8 39 0 34 364 10.7 70 1 56 1,431 25.6 99 2 8
2002 CAR 15 13 54 872 16.1 58.1 69 3 1 –4 –4.0 –4 0 55 470 8.5 87 2 26 571 22.0 51 0 5
2003 CAR 16 11 88 1,100 12.6 69.4 67 7 11 42 3.8 14 0 44 439 10.0 53 1 11 309 28.1 42 0 5
2004 CAR 1 1 6 60 10.0 60.0 15 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0
2005 CAR 16 16 103 1,563 15.2 97.7 80 12 4 25 6.3 20 1 27 286 10.6 44 0 3 61 20.3 33 0 2
2006 CAR 14 14 83 1,166 14.0 83.3 72 8 8 61 7.6 24 1 9 30 3.3 16 0 2 –1 –0.5 3 0 2
2007 CAR 15 15 87 1,002 11.5 66.8 74 7 9 66 7.3 22 0 2 0 0 0 0 0 0 0 0 0 1
2008 CAR 14 14 78 1,421 18.2 101.5 65 6 5 40 8.0 23 0 1 10 10.0 10 0 0 0 0 0 0 1
2009 CAR 15 15 65 982 15.1 65.5 66 7 5 22 4.4 17 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 1
2010 CAR 14 14 46 554 12.0 39.6 39 2 1 9 9.0 9 0 6 46 7.7 32 0 0 0 0 0 0 3
2011 CAR 16 16 79 1,394 17.6 87.1 77 7 6 56 9.3 23 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 3
2012 CAR 16 16 73 1,174 16.1 73.4 66 4 3 27 9.0 15 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 1
2013 CAR 15 15 64 745 11.6 49.7 44 4 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0
Carriera 182 161 832 12,197 14.6 67.0 80 67 57 387 6.8 39 2 178 1,652 9.3 87 4 98 2,371 24.2 99 2 32
Playoff
Anno Squadra P PT Ricezioni Corsi Ritorni su punt Ritorni su kickoff Fumb
Ric Yard Media Y/P Max TD Ten Yard Media Media TD Rit Yard Media Max TD Rit Yard Media Max TD
2003-04 CAR 4 4 18 404 22.4 101.0 70 3 1 7 7 7 0 4 15 3.8 7 0 2 41 20.5 30 0 0
2005-06 CAR 3 3 27 335 12.4 111.7 58 3 4 38 9.5 22 1 3 58 19.3 59 1 0 0 0 0 0 1
2008-09 CAR 1 1 2 43 21.5 43.0 35 1 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0
2013-14 CAR 1 1 4 74 18.5 74.0 31 1 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0
Carriera 9 9 51 856 16.8 95.1 70 8 5 45 9.0 22 1 7 73 10.4 59 1 2 41 20.5 30 0 1

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) 2001 National Football League Draft, Pro Football Hall of Fame. URL consultato il 5 ottobre 2012.
  2. ^ (EN) "Panthers' wide receiver charged in film-room fight".
  3. ^ (EN) "Panthers send Smith home after fight with Lucas".
  4. ^ (EN) "Smith sent home by Panthers after hurting Lucas in sideline fight".
  5. ^ (EN) "Panthers WR Smith day-to-day with concussion".
  6. ^ (EN) "NFL Stats: by Player Category".
  7. ^ (EN) NFL.com - Top 100 Players of 2012.
  8. ^ (EN) Steve Smith committed to team, Charlotte with new contract.
  9. ^ (EN) Game center: Carolina 10 Tampa Bay 16, NFL.com, 9 settembre 2012. URL consultato il 10 settembre 2012.
  10. ^ (EN) Gamecenter: New Orleans 27 Carolina 35, NFL.com, 16 settembre. URL consultato il 17 settembre 2012.
  11. ^ (EN) Game center: New York 36 Carolina 7, NFL.com, 20 settembre 2012. URL consultato il 21 settembre 2012.
  12. ^ (EN) Game Center: Seattle 16 Carolina 12, NFL.com, 7 ottobre 2012. URL consultato l'8 ottobre 2012.
  13. ^ (EN) Game Center: Carolina 23 Chicago 23, NFL.com, 28 ottobre 2012. URL consultato il 29 ottobre 2012.
  14. ^ (EN) Game Center: Carolina 21 Washington 13, NFL.com, 4 novembre 2012. URL consultato il 6 novembre 2012.
  15. ^ (EN) Game Center: Carolina 21 Kansas City 27, NFL.com, 2 dicembre 2012. URL consultato il 4 dicembre 2012.
  16. ^ (EN) Game Center: Atlanta 20 Carolina 30, NFL.com, 9 dicembre 2012. URL consultato l'11 dicembre 2012.
  17. ^ (EN) Top 100 Players of 2013, NFL.com, 2 maggio 2013. URL consultato il 3 maggio 2013.
  18. ^ (EN) Game Center: Seattle 12 Carolina 7, NFL.com, 8 settembre 2013. URL consultato l'8 settembre 2013.
  19. ^ (EN) Game Center: Carolina 35 Minnesota 10, NFL.com, 13 ottobre 2013. URL consultato il 14 ottobre 2013.
  20. ^ (EN) Game Center: St. Louis 15 Carolina 30, NFL.com, 20 ottobre 2013. URL consultato il 21 ottobre 2013.
  21. ^ (EN) Game Center: Carolina 20 Miami 16, NFL.com, 24 novembre 2013. URL consultato il 24 novembre 2013.
  22. ^ (EN) Niners beat up Panthers, advance to NFC title game, NFL.com, 12 gennaio 2014. URL consultato il 13 gennaio 2014.
  23. ^ (EN) Agent: Steve Smith is done with Carolina Panthers, NFL.com, 12 marzo 2014. URL consultato il 12 marzo 2014.
  24. ^ (EN) Steve Smith, Baltimore Ravens strike 3-year contract, NFL.com, 14 marzo 2014. URL consultato il 14 marzo 2014.
  25. ^ (EN) Game Center: Cincinnati 24 Baltimore 16, NFL.com, 7 settembre 2014. URL consultato l'8 settembre 2014.
  26. ^ (EN) Game Center: Carolina 10 Baltimore 38, NFL.com, 28 settembre 2014. URL consultato il 29 settembre 2014.
  27. ^ (EN) Game Center: Baltimore 34 New Orleans 27, NFL.com, 24 novembre 2014. URL consultato il 26 novembre 2014.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]