Giorgio Parisi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Giorgio Parisi
Parisi giorgio.jpg
Biografia
Luogo di Nascita Roma
Data di Nascita 4 agosto 1948
Premi
1986 Premio Feltrinelli
1992 Medaglia Boltzmann
1999 Medaglia Dirac
2005 Premio Dannie Heineman per la fisica matematica
2007 Microsoft European Science Award
2009 Premio Lagrange
2010 Medaglia Max Planck

Giorgio Parisi (Roma, 4 agosto 1948) è un fisico italiano attivo nel campo della meccanica statistica e in teoria dei campi.

È uno dei fisici più autorevoli del mondo secondo la scala h-index ed è considerato uno dei migliori scienziati italiani in assoluto. Con Carlo Rubbia è l'unico fisico italiano membro della National Academy of Sciences degli Stati Uniti d'America.

Ha introdotto in cromodinamica quantistica, insieme a Guido Altarelli, le cosiddette equazioni di Altarelli-Parisi che forniscono le correzioni di ordine superiore alla libertà asintotica. A lui si deve anche l'elaborazione dell'equazione differenziale stocastica per i modelli di crescita per la random aggregation (il modello Kardar-Parisi-Zhang). I suoi studi hanno avuto un impatto rilevante in molti altri campi del sapere quale l'antropologia, le scienze cognitive, la finanza e le scienze sociali in genere, la qual cosa lo rende di fatto una delle personalità più influenti del panorama scientifico internazionale.

Attualmente insegna "Meccanica statistica e fenomeni critici" presso il dipartimento di fisica dell'Università la Sapienza di Roma.

Per i suoi contributi alla fisica, matematica e alla scienza in generale ha ricevuto numerosi riconoscimenti internazionali, fra cui la Medaglia Boltzmann per i suoi contributi alla fisica statistica, il premio Dirac, il premio Galileo, il Premio Lagrange e la Medaglia Max Planck.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Giorgio Parisi si è laureato all'Università La Sapienza di Roma nel 1970, sotto la guida di Nicola Cabibbo. È stato ricercatore presso l’INFN, Istituto Nazionale di Fisica Nucleare di Frascati dal 1971 al 1981. Presentato da Sidney David Drell[1]ha lavorato presso la Columbia University (1973-1974) e in seguito presso l'Institut des Hautes Études Scientifiques (1976-1977) e all’École normale supérieure de Paris (1977-1978). È divenuto professore ordinario di fisica teorica nel 1981 all'Università di Tor Vergata, e nel 1992 presso la stessa La Sapienza, dove attualmente insegna Meccanica Statistica. In passato, ha svolto la sua ricerca anche all'estero. Si ricorda anche la sua partecipazione, assieme a Nicola Cabibbo ed altri fisici, al progetto APE100.

Principali ricerche[modifica | modifica sorgente]

I risultati che lo hanno reso noto a livello internazionale riguardano principalmente i sistemi disordinati ed i vetri di spin (anche noti come spin glass), una classe di modelli della meccanica statistica di cui lo stesso Parisi ha fornito numerose applicazioni in teoria dell'ottimizzazione, biologia ed immunologia. Notevoli anche i suoi contributi nel campo della fisica delle particelle elementari, in particolare di cromodinamica quantistica e sulla teoria delle stringhe. Ha ricevuto numerosi riconoscimenti e premi: i più importanti sono riportati nel paragrafo seguente. Inoltre insieme a Wu ha inventato la Stochastic Quantization, una quantizzazione in principio simile alla Meccanica di Nelson, in cui un sistema classico in D+1 dimensioni soggetto a fluttuazioni è equivalente ad un sistema quantistico in D dimensioni.

Premi[modifica | modifica sorgente]

La medaglia Boltzmann Medal 1992 è assegnata a Giorgio Parisi per i suoi contributi fondamentali alla fisica statistica ed in particolare per aver fornito la soluzione nel campo dei vetri di spin.
Giorgio Parisi si è distinto per i suoi contributi originali ed approfonditi in molte aree della fisica che spaziano dallo studio delle scaling violations nei deep inelastic processes (equazioni di Altarelli-Parisi), alla proposta del modello di superconductor's flux confinement come meccanismo per il quark confinement, all'uso della supersimmetria per i sistemi classici statistici, all'introduzione del multifractals in turbulence, all'equazione differenziale stocastica per i modelli di crescita per la random aggregation (il modello Kardar-Parisi-Zhang) e per la sua analisi innovativa del metodo di replica che ha permesso un importante passo in avanti nella nostra comprensione dei sistemi di vetri (glassy systems) e che ha dimostrato essere strumentale all'intera area dei sistemi disordinati.
Per il suo contributo nel campo della cromodinamica quantistica e dei vetri di spin.
Il premio, istituito nel 2007, viene conferito agli scienziati che abbiano maggiormente contribuito allo sviluppo della scienza della complessità nei più diversi ambiti della conoscenza.
Per i suoi importanti contributi teorici nella fisica delle particelle elementari, nella teoria quantistica dei campi e nella fisica statistica, in particolare nello studio dei sistemi con disordine quenched e dei vetri di spin. Il premio è il più alto riconoscimento della Società Tedesca di Fisica nel campo della fisica teorica.

Associazioni[modifica | modifica sorgente]

Onorificenze[modifica | modifica sorgente]

  • 2005 Laurea honoris causa in Filosofia presso l'Università di Urbino.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Intervista a Giorgio Parisi

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Luisa Bonolis, Maria Grazia Melchionni, Fisici italiani del tempo presente: storie di vita e di pensiero, Venezia, Marsilio, 2003. ISBN 88-317-8228-2.
  • Marc Mezard, Giorgio Parisi, Miguel Angel Virasoro, Spin glass theory and beyond, Singapore, World Scientific, 1987. ISBN 9971-5-0115-5.
  • Giorgio Parisi, La chiave, la luce e l'ubriaco - Come si muove una ricerca scientifica, Roma, Di Renzo Editore, 2006. ISBN 88-8323-149-X.
  • Giorgio Parisi, Statistical Field Theory, Boulder, Westview Press; New Ed edition, 1998. ISBN 0-7382-0051-4.
  • Gennaro Auletta, Mauro Fortunato, Giorgio Parisi, Quantum Mechanics, Cambridge, Cambridge University Press, 2009. ISBN 978-0-521-86963-8.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 90893843 LCCN: n86064120 SBN: IT\ICCU\MILV\044801