Kurt Symanzik

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Kurt Symanzik (Lyck, 23 novembre 1923Amburgo, 25 ottobre 1983) è stato un fisico tedesco, noto per i suoi contributi alla teoria quantistica dei campi.

Vita[modifica | modifica sorgente]

Symanzik passò la sua infanzia a Königsberg. Iniziò a studiare fisica nel 1946 all'Università di Monaco ma dopo un breve periodo andò da Werner Heisenberg a Gottinga. Lì iniziò anche una fruttuosa collaborazione con Wolfhart Zimmermann e Harry Lehmann. Nel 1954 ottenne il PhD grazie alla tesi The Schwinger functional in quantum field theory (Il funzionale di Schwinger in teoria quantistica dei campi).

Dopo aver insegnato a Princeton e al CERN ottenne la posizione di professore ordinario a New York presso l'Istituto Courant, che lasciò nel 1968 per lavorare all'elettrosincrotone DESY di Amburgo. Symanzik morì ad Amburgo.

Opere[modifica | modifica sorgente]

Symanzik è maggiormente noto per la formula di riduzione LSZ e l'equazione di Callan-Symanzik.

I suoi primi lavori in teoria quantistica dei campi non-perturbativa insieme ad altri ricercatori in un circolo detto "Feldverein" portò a risultati ormai classici. Contribuì inoltre all'ansatz della teoria quantistica dei campi euclidea.

Dal 1970 i suoi interessi si spostarono alle teorie di gauge sul reticolo. Nel 1981 gli fu assegnata la medaglia Max Planck,

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • A. Jaffe, H. Lehmann, and G. Mack, Kurt Symanzik, Commun. math Phys. 97, pp. 1–4 (1985). SpringerLink.

Controllo di autorità VIAF: 35872524 LCCN: n85006921