Pëtr Leonidovič Kapica

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Controllo di autorità VIAF: 109027873 LCCN: n83195250

Pëtr Leonidovič Kapica
Medaglia del Premio Nobel Nobel per la fisica 1978

Pëtr Leonidovič Kapica in russo: Пётр Леонидович Капица? (Kronštadt, 9 luglio 1894Mosca, 8 aprile 1984) è stato un fisico sovietico.[1]

Studi e attività a Cambridge[modifica | modifica sorgente]

Dopo la laurea conseguita al Politecnico di San Pietroburgo, fino al 1921 lavorò alla società di fisica della stessa città sotto un grande maestro, Abram F. Joffe.

Tra il 1919 e il 1920 perse i famigliari nell'arco di poche settimane per un'epidemia di scarlattina,[2] fuggì in Inghilterra e nel 1923 collaborò con l'Università di Cambridge presso la quale si occupò di magnetismo al Laboratorio Cavendish sotto la direzione di Ernest Rutherford.[3][4]

Dal 1926 cominciò cominciò a trascorrere brevi periodi in Russia con i famigliari rimasti e sposò nel 1927 la giovane Anna Alekseevna Krylova dalla quale ebbe due bambini. A causa dell'ormai affermata fama di scienziato cominciò altresì a ricevere una serie di inviti a tornare in Russia per stabilirvisi stabilmente. Per un lungo periodo oppose un netto rifiuto. Nel 1930 divenne professore di fisica. Nel 1934 in uno di queste visite in Russia, si vide revocare il permesso di espatrio dalla polizia sovietica preoccupata dai sempre più frequenti casi di diserzione dei propri intellettuali trasferitisi all'estero.[5]

Attività a Cambridge[modifica | modifica sorgente]

francobollo russo dedicato a Kapica

Il suo laboratorio inglese venne acquistato dal governo russo e installato nei pressi di Mosca che aveva nel frattempo sovvenzionato il nuovo Istituto di Problemi Fisici del quale Kapica divenne subito direttore dell'Istituto. Altre attrezzature furono acquistate negli Stati Uniti ed in Italia.

In Russia, Kapica condusse una serie di esperimenti sull'elio liquido, che portarono alla scoperta della sua superfluidità nel 1937.[6] Lavorò anche molto sull'energia atomica, convinto della possibilità di costruire una bomba atomica e altrettanto convinto della responsabilità che da ciò derivava per leader politici e scienziati. Molti lo considerano il padre della bomba atomica russa.[7]

Un frutto importantissimo del lavoro di Kapica fu la scoperta, perlomeno teorica, del cosiddetto Effetto Kapitza-Dirac importantissimo per gli sviluppi successivi della meccanica quantistica.

Ottenen nel 1941 e nel 1943 il Premio Stalin per la fisica e fu insignito del Premio Nobel nel 1978.[1]

Fu membro di importanti società di fisica come la Royal Society e l'Accademia americana delle Scienze e di molte altre società scientifiche ancora.[1]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c AA.VV., Kapica Petr Leonidovic in Enciclopedia Italiana, Roma, Istituto dell'Enciclopedia Italiana.
  2. ^ Toscano, op. cit., p. 81
  3. ^ Toscano, op. cit., p. 80
  4. ^ Boag, op. cit., p.7
  5. ^ Toscano, op. cit., p. 82 - 83
  6. ^ Toscano, op. cit., p. 272
  7. ^ Toscano, op. cit., pp. 220ss In particolare a pagina 220 leggiamo uno stralcio di una lettera di Kapica: Questa [la costruzione dell'atomica] rimane un'impresa molto discutibile, ma è altamente probabile che si apriranno grandi opportunità. Stiamo sollevando la questione dell'impiego di bombe atomiche di enorme potere distruttivo. Col tempo le guerre diventeranno sempre più spietate. Questo è il motivo per cui ora gli scienziati devono avvertire la popolazione di un tale pericolo affinché i leader politici facciano del loro meglio per prevenire il verificarsi di guerre future

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Opere di Kapica[modifica | modifica sorgente]

  • (RU) Kapica Petr, Успехи фисических наук (Il progredire delle scienze fisiche)), 1954.
  • (RU) Kapica, Электроника больших мощностей, (Elettronica delle grandi potenze), 1962.

Altre opere[modifica | modifica sorgente]

  • Fabio Toscano, Il fisico che visse due volte: i giorni straordinari di Lev Landau, genio sovietico, Sironi, 2008, ISBN 978-88-518-0096-3.
  • (EN) J.W. Boag, Kapitza in Cambridge and Moscow: Life and Letters of a Russian Physicist, Elsevier, 2012, ISBN 978-0-444-59617-8.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 109027873 LCCN: n83195250