Antony Hewish

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Medaglia del Premio Nobel Nobel per la fisica 1974

Antony Hewish (Fowey, 11 maggio 1924) è un astronomo britannico, vincitore del Premio Nobel per la fisica nel 1974, condiviso con Martin Ryle, per il suo contributo allo sviluppo della radioastronomia e per il suo ruolo nella scoperta delle pulsar.

Il suo corso di laurea all'Università di Cambridge fu interrotto dalla chiamata alle armi per la guerra nella Royal Aircraft Establishment, ed alla Telecommunications Research Establishment, dove lavorò con Martin Ryle. Ritornato a Cambridge nel 1946, Hewish completò la laurea ed aderì subito al gruppo di ricerca di Ryle al Laboratorio Cavendish, ottenendo il dottorato nel 1952. Hewish fece progressi sia in pratica che in teoria nell'osservazione e nella spiegazione delle apparenti scintillazioni delle sorgenti radio, dovute all'impatto delle radiazioni col plasma.

Questo lo portò a proporre la costruzione dell' "Interplanetary Scintillation Array", un enorme radiotelescopio presso l'Osservatorio radioastronomico Mullard, a Cambridge, per condurre un'osservazione a lungo termine sulla scintillazione. Nel corso del progetto, una delle sue studentesse laureate, Jocelyn Bell, notò per prima una radio sorgente che fu poi identificata come una stella di neutroni rotante, ovvero una pulsar.

La pubblicazione che annunciava la scoperta aveva cinque autori: il primo nome era quello di Hewish, il secondo quello di Bell. Il Premio Nobel a Ryle e Hewish senza l'inclusione di Bell fu piuttosto controverso, e fu condannato dal celebre astronomo Fred Hoyle. Altri notarono che il Premio era stato consegnato soprattutto per il lavoro di Ryle e Hewish nel campo della radioastronomia in generale, con una particolare menzione per la scoperta delle pulsar.

Hewish fu professore di radioastronomia al Laboratorio Cavendish dal 1971 sino al 1989, e a capo dell'Osservatorio Radioastronomico Mullard dal 1982 al 1988. Divenne un membro della Royal Society nel 1968.

Ha ricevuto la Medaglia Eddington dalla Royal Astronomical Society nel 1969.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 197898087