Pavel Alekseevič Čerenkov

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Pavel Alekseevič Čerenkov (1958)
Medaglia del Premio Nobel Nobel per la fisica 1958

Pavel Alekseevič Čerenkov (in russo, Павел Алексеевич Черенков; Novaja Čigla, 28 luglio 1904Mosca, 6 gennaio 1990) fu un fisico sovietico.

Fu lo scopritore della radiazione elettromagnetica detta, dal suo cognome, radiazione di Čerenkov: essa si origina quando una particella carica attraversa un dielettrico ad una velocità superiore a quella che la luce ha all'interno di quel dielettrico.

Se il dielettrico è trasparente (liquido, vetro, plastica) la radiazione di Čerenkov può provocare fenomeni luminosi (effetto di Čerenkov). Caso tipico: l'acqua diventa azzurrina intorno ai reattori nucleari detti "a piscina".

Sulla radiazione e sull'effetto Čerenkov sono basati i contatori che permettono la rilevazione di particelle elementari dotate di elevata energia. Perciò questi apparecchi sono di grande utilità per l'analisi dei raggi cosmici e dei fasci di particelle prodotti dagli acceleratori.

Čerenkov giunse alla sua scoperta con una serie di esperimenti iniziati a Mosca nel 1934, all'istituto di fisica dell'Accademia delle scienze dell'Unione Sovietica.

Nel 1937 i suoi colleghi Il'ja Michajlovič Frank e Igor' Evgen'evič Tamm ne diedero l'interpretazione teorica. Per tale ragione, nel 1958 Čerenkov divise con essi il Premio Nobel per la fisica.

Onorificenze[modifica | modifica sorgente]

Eroe del Lavoro Socialista - nastrino per uniforme ordinaria Eroe del Lavoro Socialista
— 1984
Ordine di Lenin - nastrino per uniforme ordinaria Ordine di Lenin
— 1984

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 74665424 LCCN: n84084374