Maria Goeppert-Mayer

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Maria Goeppert-Mayer
Medaglia del Premio Nobel Nobel per la fisica 1963

Maria Goeppert-Mayer (Katowice, 28 giugno 1906San Diego, 20 febbraio 1972) è stata una fisica tedesca naturalizzata statunitense, premio Nobel per la fisica nel 1963 assieme a J. Hans D. Jensen per aver proposto il modello a guscio (shell) del nucleo atomico.[1] Fu la seconda donna a ricevere il premio Nobel per la fisica, dopo Marie Curie.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Maria Goeppert nacque a Katowice, città della Slesia (all'epoca parte dell'Impero tedesco) unica figlia del professore di pediatria Friedrich Goeppert (1870–1927) e della moglie Maria, insegnante di lingua e musica. Il nonno Heinrich Robert Goeppert (1838-1882) era stato docente di diritto, un bisnonno docente di botanica e un trisavolo, Heinrich Goeppert, docente di Farmacia.

Nel 1910 la famiglia si trasferì a Gottinga quando il padre divenne docente presso l'Università Georg-August.

Nel 1924 Goeppert fu ammessa all'università, dove inizialmente studiò matematica preferendo, dopo tre anni, la fisica. Nel 1930 completò il dottorato di ricerca in fisica con il futuro premio Nobel Max Born. All'esame orale erano presenti anche James Franck e Adolf Otto Reinhold Windaus.

Nello stesso anno sposò Joseph Edward Mayer, allora assistente di James Frank, e si trasferì negli Stati Uniti, paese d'origine del marito. La coppia ebbe poi due figli.

Negli anni successivi Goeppert-Meyer insegnò a titolo gratuito presso le università in cui il marito era professore: Johns Hopkins University nel 1931-1939, Columbia University (1939-1946) e in seguito presso l'Università di Chicago. Quando fu fondato l'Argonne National Laboratory nel 1946, le fu offerta una posizione Senior Physicist nella divisione di fisica teorica. Il modello a guscio della struttura del nucleo atomico, per cui ottenne il Nobel nel 1963, fu sviluppato durante gli anni di Chicago e Argonne.

Soltanto nel 1960, Goeppert-Mayer divenne professoressa ordinaria di fisica presso l'Università della California a San Diego, dove continuò la sua attività di ricerca in fisica nucleare fino alla sua morte (1972).

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ nobelprize.org Il premio Nobel per la fisica nel 1963 fu suddiviso: metà fu assegnato congiuntamente a Maria Goeppert Mayer e J. Hans D. Jensen, l'altrà metà a Eugene Paul Wigner.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 72197794 LCCN: n87912011