Subrahmanyan Chandrasekhar

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Medaglia del Premio Nobel Nobel per la fisica 1983

Subrahmanyan Chandrasekhar (Tamil: சுப்பிரமணியன் சந்திரசேகர்) (Lahore, 19 ottobre 1910Chicago, 21 agosto 1995) è stato un fisico, astrofisico e matematico indiano naturalizzato statunitense.

Nacque a Lahore in Pakistan (all'epoca India Britannica). Resse la presidenza del college di Madras (l'attuale Chennai, in India), ove si era laureato in fisica.

Divenne celebre in tutto il mondo semplicemente come Chandra. Non fu solo nel campo della matematica che egli eccelse. In gioventù frequentò anche un master in Germania, divorò ogni cosa, da Shakespeare a Hardy, e poteva leggere 100 pagine in un'ora "molto facilmente". Chandrasekhar era nipote del fisico Chandrasekhara Venkata Raman, vincitore del Premio Nobel per la fisica nel 1930.

Anch'egli fu premiato con il Nobel per la Fisica nel 1983 per i suoi studi riguardanti importanti processi fisici sulla struttura e sulla evoluzione delle stelle, in riferimento soltanto ai suoi primi studi e rendendo quindi riduttive le imprese di tutta la sua vita. Queste possono essere intraviste nelle note a piè pagina nella sua Lezione Magistrale[1] alla cerimonia di consegna del Nobel.

Lavorò presso la facoltà di fisica dell'Università di Chicago dal 1937 fino alla sua morte nel 1995 all'età di 84 anni. Fu naturalizzato cittadino degli Stati Uniti nel 1953.

Limite di Chandrasekhar[modifica | modifica wikitesto]

Uno dei maggiori contributi da lui forniti all'astrofisica è il "Limite di Chandrasekhar". Esso costituisce un valore critico nelle scale di grandezza delle stelle. In particolare il Limite di Chandrasekhar (pari a circa 1,44 volte la massa solare) segna la massa oltre la quale una stella, al termine della propria permanenza nella sequenza principale, della fase cioè di bilanciamento tra forza gravitazionale ed energia termonucleare sprigionata dalla fusione degli atomi di idrogeno, è destinata a collassare, assumendo la forma di una stella di neutroni o di un buco nero. Una stella invece con una massa complessiva al di sotto del Limite è destinata a tramutarsi in una nana bianca.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Laureates of the Marian Smoluchowski Medal

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 7422653 LCCN: n81068791