Hans Jensen

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Hans Jensen
Medaglia del Premio Nobel Nobel per la fisica 1963

Johannes Hans Daniel Jensen (Amburgo, 25 giugno 1907Heidelberg, 11 febbraio 1973) è stato un fisico tedesco, vincitore, insieme a Maria Goeppert-Mayer, del premio Nobel per la fisica nel 1963, per «per le loro scoperte riguardanti la struttura nucleare».[1]. A ciascuno dei due fu assegnato un quarto del premio. L'altra metà fu conferita a Eugene Wigner, con una diversa motivazione.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Studi[modifica | modifica wikitesto]

Jensen studia fisica, matematica, chimica fisica e filosofia, prima all'Università di Friburgo in Brisgovia, poi all'Università di Amburgo, tra il 1926 e il 1931. Sempre ad Amburgo, consegue il dottorato nel 1932, sotto la supervisione di Wilhelm Lenz. Nel 1936 ottiene l'abilitazione alla libera docenza.

Carriera accademica[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1937, Jensen è un privatdozent (lettore non pagato) all'Università di Amburgo. Qui ha inizio la collaborazione con Paul Harteck, direttore del dipartimento di chimica fisica e consigliere dello Heereswaffenamt, un ufficio dell'esercito che si occupava di esplosivi. Nel 1939 Harteck e il suo assistente Wilhelm Groth collaborano con il Reichskriegsministerium (il ministero della guerra del Reich), per tenerli informati sulle possibili applicazioni militari delle reazioni nucleari a catena.

Durante la seconda guerra mondiale, anche Jensen entra a far parte del programma tedesco per l'energia nucleare, conosciuto anche come il "club dell'uranio". I suoi contributi si concentrano sulla separazione degli isotopi dell'uranio. Nel 1941 diviene professore straordinario di fisica teorica all'Università di Hannover (all'epoca Technische Hochschule Hannover); nel 1946 viene nominato professore ordinario. Dopo la guerra, diventa professore all'Università Ruprecht Karl di Heidelberg (1949).

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Beyerchen, Alan D. Scientists Under Hitler: Politics and the Physics Community in the Third Reich (Yale, 1977) ISBN 0-300-01830-4
  • Hentschel, Klaus, editor and Ann M. Hentschel, editorial assistant and Translator Physics and National Socialism: An Anthology of Primary Sources (Birkhäuser, 1996) ISBN 0-8176-5312-0
  • Hoffmann, Dieter Between Autonomy and Accommodation: The German Physical Society during the Third Reich, Physics in Perspective 7(3) 293-329 (2005)
  • Jensen, J. Hans D. Glimpses at the History of the Nuclear Structure Theory, The Nobel Prize in Physics 1963 (EN) (12 dicembre 1963)
  • Stech, Berthold J.H.D. Jensen: Personal recollection (EN) Università di Heidelberg
  • Walker, Mark German National Socialism and the Quest for Nuclear Power 1939–1949 (Cambridge, 1993) ISBN 0-521-43804-7

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Il premio Nobel per la fisica nel 1963, nobelprize.org. URL consultato il 10 maggio 2009.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 3371280 LCCN: no2003053888