Richard Edward Taylor

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Medaglia del Premio Nobel Nobel per la fisica 1990

Richard Edward Taylor (Medicine Hat, 2 novembre 1929) è un fisico canadese naturalizzato statunitense, vincitore, insieme a Jerome Isaac Friedman e Henry Way Kendall, del premio Nobel per la fisica nel 1990, per «le loro indagini pionieristiche relative alla profonda diffusione inelastica degli elettroni sui protoni e sui collegati neutroni, che sono state di fondamentale importanza per lo sviluppo del modello dei quark e la fisica delle particelle».[1]

Studi[modifica | modifica sorgente]

Nel 1950 si laurea all'Università di Alberta e nel 1952 consegue un master. Nel 1962, poi, ottiene il dottorato presso la Stanford University.

Pubblicazioni[modifica | modifica sorgente]

Onorificenze[modifica | modifica sorgente]

Compagno dell'Ordine del Canada - nastrino per uniforme ordinaria Compagno dell'Ordine del Canada
«Richard Taylor ha contribuito a inaugurare una nuova era nel campo della fisica delle particelle. Laureato alla University of Alberta, nei primi anni '50, ha continuato gli studi presso la Stanford University. Dopo aver conseguito il dottorato è diventato un membro chiave di un gruppo di scienziati che hanno lavorato alla costruzione acceleratore lineare di due miglia a Stanford. Nel corso del 1960, ha contribuito a sviluppare sofisticati apparati sperimentali per esperimenti di scattering di elettroni ed ha scoperto componenti minuscoli all'interno del protone - il primo avvistamento sperimentale dei "quark" che ora sono visti come i mattoni fondamentali della materia. Nel 1990, la sua ricerca innovativa gli valse il Premio Nobel per la Fisica e la sua preminenza internazionale come scienziato rimane indiscussa.»
— nominato il 29 giugno 2005, investito il 17 febbraio 2006[2]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) Il premio Nobel per la fisica nel 1990, nobelprize.org. URL consultato il 03 maggio 2009.
  2. ^ (EN) Sito web del Governatore Generale del Canada: dettaglio decorato.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]