Marino Moretti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Marino Moretti

Marino Moretti (Cesenatico, 18 luglio 1885Cesenatico, 6 luglio 1979) è stato uno scrittore, poeta e romanziere italiano. Fu anche autore di opere teatrali. È noto soprattutto come poeta crepuscolare.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Anni giovanili[modifica | modifica wikitesto]

Nacque a Cesenatico in provincia di Forlì nel 1885, da Ettore, impiegato al Comune e imprenditore di trasporti marittimi, e da Filomena Moretti, insegnante elementare, di origine marchigiana.

Frequentò la scuola elementare a Cesenatico nella classe della madre, esperienza indubbiamente importante per la formazione della sua personalità.

Nel 1896 venne iscritto presso l'Istituto "Sant'Apollinare" di Ravenna diretto da religiosi, ma l'anno seguente lo abbandonò per il profitto scadente. Si iscrisse quindi al liceo-ginnasio "Vittorino da Feltre" di Bologna che lasciò nel 1900, senza aver conseguito la licenza ginnasiale.

La scuola di recitazione

Deciso a lasciare per sempre gli studi, convinse i genitori ad iscriverlo, nel 1901, alla «Regia Scuola di recitazione "Tommaso Salvini"» di Firenze diretta da Luigi Rasi. Viste le sue scarse doti in quel campo, il Rasi stesso gli consigliò di lasciare quella carriera suggerendogli una via diversa e maggiormente affine agli interessi letterari che aveva già in precedenza espresso. Rasi incaricò quindi Moretti di fargli da collaboratore lavorando per portare a termine il suo "Dizionario dei comici italiani", incarico che egli portò egregiamente a termine ottenendo così due vantaggi: quello di essere abbastanza autonomo economicamente e quello di poter svolgere un'attività gratificante. Alla scuola del Rasi conobbe Aldo Palazzeschi con il quale strinse un'amicizia solida e duratura nel tempo.

Gli anni fiorentini[modifica | modifica wikitesto]

Gli anni che trascorre a Firenze, centro culturale di primissima importanza, sono rilevanti per la sua formazione centrale. Il clima fiorentino di questo periodo, con le nuove tendenze che danno il via a riviste come «Hermes», «Lacerba», «La Voce», «Leonardo», sarà per Moretti, che pure ne rimane ai margini, ricco di stimoli. A Firenze il giovane Moretti frequenterà il Gabinetto Vieusseux, dove era possibile accedere alle più importanti riviste italiane ed europee, e la Biblioteca Nazionale Centrale di Firenze.

La prima produzione poetica

Al 1902 e 1903 appartengono le prime raccolte di novelle intitolate "Le primavere" e quelle di versi, "Il poema di un'armonia" e "La sorgente della pace".

Ma il vero debutto letterario avviene con la pubblicazione nel 1905 delle liriche di Fraternità, seguito dalle novelle intitolate Paese degli equivoci. Nel 1908 viene data alle stampe la raccolta La serenata delle zanzare[1] e nel giro di pochi anni vengono pubblicate le sue raccolte più famose: Poesie scritte col lapis del 1910[2], Poesie di tutti i giorni del 1911, I poemetti di Marino del 1913 e Il giardino dei frutti del 1916. Con quest'opera Moretti sembra congedarsi come poeta dal pubblico, per darsi soprattutto alla memorialistica e alla narrativa. Riprenderà la sua attività di poeta solamente mezzo secolo dopo.

Gli anni della guerra[modifica | modifica wikitesto]

Era intanto scoppiata la prima guerra mondiale e lo scrittore, pur non essendo stato ritenuto idoneo al servizio militare, volle partecipare; si arruolò quindi come infermiere lavorando negli ospedali da campo.

Inviato a Roma, nel 1916 lavorò presso un'agenzia di stampa della Croce Rossa con Federigo Tozzi con il quale rimase in contatto sino al 1920, anno della sua morte.

Sarà durante gli anni della guerra che avverrà l'esordio di Moretti come romanziere con Il sole del sabato pubblicato nel 1916 ma già uscito nel 1913 su Il Giornale d'Italia, al quale seguirà nel 1918 Guenda che otterrà buoni consensi.

Il ritorno a Firenze[modifica | modifica wikitesto]

Moretti collaborò attivamente a numerosi periodici e giornali a partire dal 1923 e soprattutto alla pagina letteraria del Corriere della Sera su invito di Luigi Albertini, direttore del giornale.

Dichiaratosi contrario al fascismo, firmò il Manifesto degli intellettuali antifascisti di Benedetto Croce, anche se non partecipò attivamente alla vita politica rimanendo sempre appartato tra Firenze e la città natale. A dicembre del 1926 fece parte con Aldo Palazzeschi della giuria del premio Alessandro Manzoni dell'Unione Editori Cattolici Italiani.

Durante gli anni della dittatura la pubblicazione nel 1928 in volume del "Trono dei poveri", che era già uscito a puntate tra il dicembre 1926 e il giugno 1927 su Il Secolo, gli creò qualche inconveniente. Esso infatti venne accolto dalle contestazioni dei fascisti della Repubblica di San Marino a causa del contenuto che riportava elogi alla libertà e all'indipendenza delle passate istituzioni.

Nel 1932 l'Accademia d'Italia assegnò a Moretti il premio intitolato a Premio Mussolini, premio subito ritratto e dato invece a Silvio Benco. Nel 1944, essendo cambiata la politica, lo stesso premio verrà assegnato a Moretti, che lo rifiuterà con fermezza.

Lo scrittore intanto aveva continuato negli anni precedenti la sua attività scrivendo e pubblicando novelle, ricordi e romanzi. Risale al 1935 "L'Andreana", al 1937 "Anna degli elefanti" e al 1941 "La vedova Fioravanti", il romanzo che verrà accolto come il suo capolavoro da critici letterari autorevoli come Emilio Cecchi e Pietro Pancrazi.

Il secondo dopoguerra e la fine della carriera di romanziere[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1946, terminato il periodo bellico, Moretti iniziò la revisione delle sue opere dando alla ristampa alcune di esse e pubblicando un altro romanzo importante, "I coniugi Allori" al quale seguirà il romanzo di rievocazione "Il fiocco verde" nel 1948, il volume di ricordi "I grilli di Pazzo Pazzi" nel 1951 e un'ultima raccolta di novelle, intitolata "1945", nel 1956.

Nel 1958 Moretti termina con "La camera degli sposi" la sua carriera di romanziere e nel 1960, con il "Libro dei miei amici. Ritratti letterari", ne farà l'ultimo bilancio.

Erano intanto iniziati i riconoscimenti pubblici per l'autore. Nel 1948 otterrà, a pari merito con Francesco Flora, il Premio Fila, nel 1952 il premio dell'Accademia dei lincei, nel 1955, con "Il libro dei sorprendenti vent'anni" il premio Napoli e nel 1959, con "Tutte le novelle", il premio Viareggio che sarà causa di polemiche perché aveva superato "Una vita violenta" di Pier Paolo Pasolini.

Il ritorno alla poesia[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1969, mentre l'editore Mondadori inizierà l'edizione, nei "Classici italiani contemporanei", delle opere dello scrittore, egli, in modo inaspettato e con grande vitalità, riprenderà a scrivere poesia. Usciranno nel 1969 la raccolta poetica "L'ultima estate", nel 1971 "Tre anni e un giorno", nel 1973 "Le poverazze" e nel 1974 "Diario senza fine".

Nel 1975, per il suo novantesimo compleanno, la Biblioteca di Cesenatico organizzerà un importante convegno di studi e nel volume degli atti che uscirà nel 1977 il nome di Moretti apparirà accanto a quello dei più noti e validi esponenti della critica letteraria.

A Cesenatico lo scrittore si spegnerà il 6 luglio del 1979.

Produzione letteraria[modifica | modifica wikitesto]

Le raccolte poetiche[modifica | modifica wikitesto]

A parte i versi della giovanissima età Poema di un'armonia, La sorgente della pace (1903) e la raccolta di novelle del 1902 intitolata "Le primavere", si ricordano due opere che per molto tempo sono state ignorate dalla critica e messe in luce da Piero Bigongiari: "Il poema dell'armonia" e "La sorgente della pace", entrambe pubblicate a Firenze dall'editore Ducci nel 1903 che, nell'intenzione dell'autore, dovevano far parte di una trilogia che doveva concludersi con "L'autunno della vergine".

Queste raccolte risentono dell'atmosfera simbolista tipica del decadentismo europeo della fin de siècle e si possono collocare tra il gusto liberty e l'esempio dannunziano.

Ma il vero esordio pubblico di Moretti come poeta avvenne con la raccolta Fraternità. L'opera fu edita a Torino dalla casa editrice Remo Sandron nel 1905 arricchita da una incisione di Adolfo De Carolis e risente dell'influsso del Pascoli; venne recensita da Aldo Palazzeschi, mentre a sua volta Moretti recensiva I cavalli bianchi dell'amico.

Nel 1908 fecero seguito i poemetti de La serenata delle zanzare pubblicata presso l'editore Streglio di Torino con incisioni del De Carolis che, pur risentendo dell'influsso di Myricae e dei Canti di Castelvecchio di Pascoli, assumono una connotazione diversa e originale. Seguiranno Poesie scritte col lapis e Poesie di tutti i giorni, pubblicate nel (1910) e (1911) dall'editore Ricciardi, che segneranno la fase crepuscolare.

Nel 1916 uscirà un'altra opera significativa, Il giardino dei frutti pubblicate da Ricciardi che comprendeva le poesie del periodo 1911-1914 e che, in parte, erano già uscite, tra il 1912 e il 1913, sulla "Riviera Ligure".

Nel 1913 Moretti aveva pubblicato alcuni poemetti per l'infanzia su Il giornalino della domenica di Vamba, in seguito editi a Roma dalla Tipografia Ed. Nazionale con il titolo Poemetti di Marino, che, pur mantenendo il medesimo tono di certi poemetti precedenti risultarono di minore importanza.
L'antologia Poesie 1905-1914, curata dal poeta per Treves, è simile ad un congedo poetico. Dopo il 1914 l'attività poetica di Moretti rimase per lungo tempo episodica e privata.

I ricordi[modifica | modifica wikitesto]

Tra la produzione letteraria di Moretti un forte significato assumono le pagine autobiografiche che si ritrovano in diversi contesti dei suoi romanzi, come in "Anna degli elefanti" o nella sezione del "Trono dei poveri" dove rivive l'esperienza vissuta in prima persona negli ospedali da campo nel periodo della guerra.

Moretti scrisse inoltre numerose memorie autobiografiche e impressioni di viaggio ("Mia madre", "Il tempo felice", "Via Laura", "Fantasie olandesi", "Scrivere non è necessario", "Pane in desco", "L'odore del pane", "I grilli di Pazzo Pazzi", "Il libro dei miei amici", "Ritratti letterari"), che nel 1962 entrarono a far parte del volume unico intitolato "Tutti i ricordi" a cura dell'editore Mondadori.

Le novelle[modifica | modifica wikitesto]

Ricca e varia fu anche la produzione di novelle tra le quali si ricordano Il paese degli equivoci (1907), I lestofanti (1909), Ah!Ah!Aha! (1909), I pesci fuor d'acqua (1914), La bandiera alla finestra (1917), Conoscere il mondo (1919), Personaggi secondari (1920), Una settimana in Paradiso e altre novelle (1920), Cinque novelle (1920), La vera grandezza (1925), Le capinere (1926), Allegretto quasi allegro (1927), Sorprese del buon Dio (1931), Novelle per Urbino (1937), Uomini soli (1954). Esse vennero pubblicate dapprima su riviste e giornali e poi raccolte in volume, sistemate e revisionate, dalla SEI nel 1942 e infine dalla Mondadori nel 1959 con una selezione definitiva che comprendeva cento testi divisi in quattro parti: Personaggi secondari, Da vita a vita, Presente del presente, Racconti brevi.

I romanzi[modifica | modifica wikitesto]

Romanzi della mia terra[modifica | modifica wikitesto]

Dopo la prima guerra mondiale Moretti si dedicò soprattutto alla narrativa e nel 1961 vengono ristampati, nei "Romanzi della mia terra", "La voce di Dio" del 1920, "Puri di cuore" del 1923, "L'Andreana" del 1935, "La vedova Fioravanti" del 1940.

Romanzi dal primo all'ultimo[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1965 esce la raccolta dei "Romanzi dal primo all'ultimo" che comprende "Il sole del sabato", primo romanzo di Moretti pubblicato nel 1916, "Il segno della croce" del 1926, "Il trono dei poveri" del 1928, "Il fiocco verde" del 1948, il "Doctor Mellifluus" del 1954 e "La camera degli sposi" del 1958.

Romanzi dell'amorino[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1968, quando lo scrittore era ormai ritornato alla poesia, saranno ristampati in una raccolta dal titolo "Romanzi dell'amorino", "Guenda" del 1918, "Né bella né brutta" del 1921, i "Due fanciulli" del 1922 (ristampato nel 1950 da Mondadori con il titolo "Il pudore", "Anna degli elefanti" del 1937, "I coniugi Allori" del 1946 legati tra loro, oltre a situazioni contingenti, dal fiore dell'amorino chiamato anche reseda.

Idilli in prosa[modifica | modifica wikitesto]

Gli altri romanzi, L'isola dell'amore del 1920, Il romanzo della mamma del 1924, La casa del Santo Sangue del 1929, furono ristampati da Moretti, con il titolo di Idilli in prosa, nel 1966 nell'appendice dell'edizione di "Tutte le poesie".

Le ultime poesie[modifica | modifica wikitesto]

Nella tarda età Moretti ritornò con impeto alla poesia, dapprima con Diario senza le date, edito nel 1965, ed in seguito con L'ultima estate (1969), Tre anni e un giorno (1971), Le poverazze. Diario a due voci (1973) ed infine la riedizione, con aggiunta di nuovo materiale, del Diario senza date (1974).

Nel 1966 intanto aveva dato inizio alla nuova e ultima stagione poetica pubblicando "Tutte le poesie" che comprendeva una scelta e revisione delle precedenti raccolte oltre una sezione di testi inediti che daranno inizio al suo nuovo modo di fare poesia, quello di un esercizio di scrittura basato sull'uso dell'epigramma che, per la libertà delle forme e dello stile, raggiunge uno dei suoi più alti risultati.

L'interesse per la sua opera[modifica | modifica wikitesto]

Al convegno di Cesenatico del 1975 per il novantesimo compleanno dello scrittore si assistette ad un aumento d'interesse per la sua opera. Gli Atti del Convegno, con interventi di Gianfranco Contini, Geno Pampaloni e Luciano Anceschi, vennero pubblicati nel 1977 a Milano da Il Saggiatore.

Poetica[modifica | modifica wikitesto]

La poesia[modifica | modifica wikitesto]

Moretti è tipicamente associato al crepuscolarismo. Il termine compare infatti per la prima volta proprio in una recensione a Poesie scritte con il lapis. La poesia di Moretti nonostante un'attività lunghissima, che ha sfiorato i settanta anni, non ha subito grandi modificazioni.
Tipico rappresentante di un modo di vedere la vita nelle sue semplici cose senza tempo, ripiegandosi su sé stesso e lasciandosi andare, Moretti, forse più dei suoi compagni crepuscolari, sente lo sfaldarsi del personaggio e la debolezza dell'uomo nei confronti del tempo, che procede inesorabile, cui non cessa di ribellarsi.
La sua è una poesia che nasce dal contrasto fra le cose e i sentimenti, fra il mondo esterno e il mondo interno.

Nella poesia intitolata A Cesena tutti i temi crepuscolari sono presenti, soprattutto la posizione nei confronti del tempo, delle cose che ti circondano e del passato che non si riconosce:

« Piove. È mercoledì. Sono a Cesena

ospite della mia sorella sposa,
sposa da sei, da sette mesi appena...

[...]

Piove. È mercoledì. Sono a Cesena,
sono a Cesena e mia sorella è qui,
tutta d'un uomo ch'io conosco appena,

tra nuove gente, nuove cure, nuove
tristezze, e a me così parla, così
senza dolcezza, mentre piove:

«La mamma nostra t'avrà detto che...
E poi si vede, ora si vede e come!...
Sì, sono incinta...Troppo presto, ahimè!

Sai che non voglio balia? che ho speranza
d'allattarlo da me? Cerchiamo un nome...
Ho fortuna: è una buona gravidanza...»

Ancora parli, ancora parli; e guardi
le cose intorno. Piove. S'avvicina
l'ombra grigiastra. Suona l'ora. È tardi.
E l'anno scorso eri così bambina! »

(A Cesena)

Moretti va inoltre ricordato, oltre che per le poesie del periodo giovanile, per quelle della maturità e della vecchiaia nelle quali, come dice Carlo Bo,[senza fonte] il poeta si è sciolto maggiormente «annullando quelli che erano gli schemi iniziali riconducibili alla lezione crepuscolare e impostando la sua nuova lettura dentro il registro dell'ironia e di una filosofia dolorosa e quasi crudele».

La narrazione[modifica | modifica wikitesto]

Marino Moretti concepisce il romanzo o la novella come lo svolgimento di un tema semplice senza necessità di alcuna architettura al quale sia sufficiente l'alternarsi dei chiaroscuri per darne il giusto risalto.

Ad un certo punto della sua carriera, dopo La vedova Fioravanti (1941), lo scrittore giunge ad una maggiore complessità di temi narrativi e ad una maggiore scioltezza formale. Lo stile diventa più analitico e complesso e le emozioni, più sommesse, comprendono pause riflessive venate da un'intonazione ironica. Lo scrittore inizia a servirsi del materiale dei ricordi e lo intreccia a motivi fantastici, combinando e contaminando le forme narrative con quelle del saggio o della divagazione lirica.

Temi e motivi[modifica | modifica wikitesto]

Il tema della provincia, a diversi livelli di approfondimento, è tipico dell'opera morettiana. Ci si trova di fronte ad un "provincialismo" delle prime opere che si rifà ad un'atmosfera crepuscolare dove viene messo in evidenza un mondo dai contorni un po' ristretti, sonnolento e a volte e anche uggioso. Tutto questo appare legato al gusto italiano del momento, con riferimento a Fausto Maria Martini che pubblica nel 1910 le "Poesie provinciali" e anche a coloro, come Rodenbach o Mateterlink che possono considerarsi affini al crepuscolarismo.

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Puri di cuore.

In un secondo momento, come nei "romanzi della mia terra", l'analisi diventa più dettagliata nel descrivere soprattutto gli interni, dove certi elementi, che rappresentano il centro della vita domestica, assumono un ruolo simbolico, come il focolare (l'aròla) nel romanzo "Puri di cuore": "Grande la cucina quanto piccolo e modesto il tinello. Un gran cucinone con un'aròla non più alta delle seggiole, una rastrelliera rustica in tre file da cui gocciolavano i piatti e la terraglia rustica sul lavandino, una tavola quadrata nel mezzo, un canterano dalla patina nera con gli sportelli che ricordavano le porte delle chiese barocche e l'alzata a bocca di forno che si restringeva gradatamente in alto e reggeva piatti colorati e stoviglie."[3]

Un maggiore ampliamento del tema avviene con l'interesse per quanto accade nel paese, l'accurata descrizione degli ambienti e soprattutto con la "tipizzazione" dei diversi personaggi che mette in evidenza la loro mentalità tanto legata alle abitudini di vita di quella terra e di quella cultura. E, come scrive Giuseppe Zaccaria,[4] "In questo senso la narrativa morettiana affonda precise radici in una tradizione ottocentesca, quella del regionalismo e del verismo, anche se da questa tradizione tende, soprattutto nelle ultime opere, ad affrancarsi."

La lingua e lo stile[modifica | modifica wikitesto]

Il linguaggio della poesia e quello della prosa scorre parallelo nell'opera di Moretti con la conseguenza della scelta di una lingua molto vicina al parlato che si limita alla semplicità di una comunicazione piccolo-borghese fino a giungere alla cantilena infantile e alla cadenza ripetitiva con l'utilizzo di parole della quotidianità.

Lo stile è pertanto da ricercare nei moduli crepuscolari ma anche in un usus scribendi molto personale con il ripetersi di termini e stilemi maggiormente elevati.
Tra gli elementi distintivi dello stile morettiano persistono le parole-cose che servono a determinare in modo preciso gli oggetti oltre l'uso costante di diminutivi, di sostantivi e aggettivi che vogliono indicare il grigiore, la noia, la malinconia.
Si aggiungono inoltre tutti quei termini tipici dell'infanzia legati al mondo della scuola, dell'amore materno e dell'uso domestico che ricordano l'ascendenza pascoliana.

« Presso un'arola o in mezzo d'una strada
nessun desio si fa più vivo in me;

triste son io, triste son io, perché
la tristezza è il mio pane e la mia piada. - da all'Albergo della tazza d'oro in Poesie scritte col lapis »

La struttura e l'ideologia[modifica | modifica wikitesto]

Per quanto riguarda le situazioni espresse nei suoi romanzi, Moretti sceglie quelle più immediate e facilmente comprensibili dal comune lettore, sia che rappresenti il mondo popolare dei contadini o quello di ambienti borghesi, riprendendo gli schemi ottocenteschi che vanno dal bozzetto di carattere realistico alla ben delineata tipologia dei personaggi.

L'ideologia dell'autore è già espressa nelle sue poesie dove si sofferma sulla crisi dei valori dell'uomo e sulla mancanza delle motivazioni umane per poter affrontare con serenità la vita.

« Chinar la testa che vale
se la vita è sempre uguale? - da Che vale? »

La critica[modifica | modifica wikitesto]

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Poesia[modifica | modifica wikitesto]

  • Il poema di un'armonia, Ducci, Firenze, 1903
  • La sorgente della pace, Ducci, Firenze, 1903
  • Fraternità, Sandron, Palermo, 1905
  • La serenata delle zanzare, Streglio, Torino, 1908
  • Poesie scritte col lapis, Ricciardi, Napoli, 1910
  • Poesie di tutti i giorni (1910-1911), Ricciardi, Napoli, 1911
  • Poemetti di Marino, Tipografia Edizione Nazionale, Roma, 1913
  • Il giardino dei frutti, Ricciardi, Napoli, 1916
  • Poesie (1905-1915), Treves, Milano, 1919
  • L'ultima estate (1965-1968), Arnoldo Mondadori Editore, Milano, 1969
  • Tre anni e un giorno (1967-1968), Mondadori, Milano, 1971
  • Le poverazze (1968-1972), Mondadori, Milano, 1973
  • Diario a due voci, Mondadori, Milano, 1973
  • Diario senza le date, Mondadori, Milano, 1974
  • Poesie scritte col lapis, Palomar, Bari, 2002

la fioritura

Narrativa e prose varie[modifica | modifica wikitesto]

  • Il paese degli equivoci, novelle, Sandron, Palermo, 1907
  • Sentimento, libro per ragazzi, Sandron, Palermo, 1908
  • I lestofanti, novelle, Sandron, Palermo, 1909
  • Ah,Ah,Ah!,, Sandron, Palermo, 1910
  • I pesci fuor d'acqua, novelle, Treves, Milano, 1914
  • Il sole del sabato, romanzo, Treves, Milano, 1916
  • La bandiera alla finestra, novelle, Treves, Milano, 1917
  • Guenda, romanzo, Treves, Milano, 1918
  • Conoscere il mondo, novelle, Treves, Milano, 1919
  • Adamo ed Eva, Milano, 1919
  • Personaggi secondari, novelle, Milano, 1920
  • Una settimana in Paradiso, novelle, Milano, 1920
  • Cinque novelle, novelle, Formiggini, Roma, 1920
  • La voce di Dio, romanzo, Milano, 1920
  • L'isola dell'amore, romanzo, Milano, 1920
  • Né bella né brutta, romanzo, Milano, 1921
  • Due fanciulli, romanzo, Milano 1922
  • I puri di cuore, romanzo, Milano, 1923
  • Mia madre, Treves, Milano, 1923
  • Il romanzo della mamma, Treves, Milano, 1924
  • La vera grandezza, novelle, Treves, Milano, 1926
  • Il segno della croce, Treves, Milano, 1926
  • Le capinere, novelle, Mondadori, Milano, 1926
  • Le più belle pagine di E. Praga, I. U. Tarchetti e A. Boito, a cura di Marino Moretti, Treves, Milano, 1926
  • Allegretto quasi allegro, novelle, Milano, 1927
  • Il trono dei poveri, (unico romanzo italiano ambientato nella Repubblica di San Marino)[5], Treves, Milano, 1927
  • Il tempo felice. Ricordi d'infanzia e d'altre stagioni, Treves, Milano, 1929
  • La casa del Santo sangue, romanzo, Mondadori, Milano, 1930
  • Via Laura. Il libro dei sorprendenti vent'anni, Treves, Milano, 1931
  • Sorprese del buon Dio, novelle, Mondadori, Milano, 1931
  • Guy de Maupassant: Una vita, traduzione di Marino Moretti, Mondadori, Milano, 1931
  • Fantasie olandesi, Treves, Milano, 1933
  • L'Andreana, romanzo, Mondadori, Milano, 1935
  • Parole e musica, Firenze, 1936
  • Novelle per Urbino, Urbino, 1937
  • Anna degli elefanti, romanzo, Mondadori, Milano, 1937
  • Scrivere non è necessario, Mondadori, Milano, 1937
  • Pane in desco, Mondadori, Milano, 1939
  • La vedova Fioravanti, romanzo, Mondadori, Milano, 1941
  • L'odore del pane, Morcelliana, Brescia, 1942
  • Cento novelle, Torino, 1942
  • I coniugi Allori, romanzo, Mondadori, Milano, 1946
  • Il fiocco verde, romanzo, Mondadori, Milano, 1948
  • Il pudore, romanzo, Mondadori, Milano, 1950 (rifacimento di Il tempo felice)
  • A Panzini: La cicuta, i gigli e le rose, a cura di Marino Moretti, Mondadori, Milano, 1950
  • I grilli di Pazzo Pazzi, Milano, 1951
  • Il tempo migliore, prose, Milano, 1953
  • Uomini soli, novelle, Milano, 1954
  • Doctor Mellifluus, romanzo, Milano, 1954
  • La camera degli sposi, romanzo, Milano, 1958
  • Il libro dei miei amici. Ritratti letterari, Mondadori, Milano, 1960

Teatro[modifica | modifica wikitesto]

  • Leonardo da Vinci, teatro (in collaborazione con F. Cazzamini Mussi), Baldini e Castoldi, Milano, 1909
  • Gli Allighieri, teatro (in collaborazione con F. Cazzamini Mussi), Baldini e Castoldi, Milano, 1910
  • Frate sole, Milano, 1911
  • L'isola dell'amore, in "Rassegna italiana", aprile-maggio 1924

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Le illustrazioni delle raccolte Fraternità e La serenata delle zanzare furono eseguite da uno dei massimi disegnatori del tempo, Adolfo De Carolis.
  2. ^ La raccolta fu recensita da Borgese che, per descrivere la poetica morettiana, coniò il termine «crepuscolare», sancendo la nascita di un nuovo movimento letterario.
  3. ^ Marino Moretti, Puri di cuore, Mondadori 1938
  4. ^ Giuseppe Zaccaria, Invito alla lettura di Marino Moretti, Mursia, 1981, pag. 91
  5. ^ Giovanni Zaccherini, La Voce di Romagna, 12 aprile 2010, pag. 17.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Studi critici[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]