Enrico Bombieri

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Enrico Bombieri
Medaglia Fields Medaglia Fields nel 1974

Enrico Bombieri (Milano, 26 novembre 1940) è un matematico italiano, unico italiano a vincere la medaglia Fields, nel 1974.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Dotato di un talento precocissimo, pubblicò il suo primo articolo scientifico a soli 17 anni, nel 1957. Laureato all'Università degli Studi di Milano con una tesi della quale era relatore Giovanni Ricci, perfezionò la propria preparazione presso il Trinity College di Cambridge sotto la guida di Harold Davenport.

Ha insegnato all'Università di Cagliari e all'Università di Pisa, prima di emigrare negli Stati Uniti, dove vive da tempo; attualmente è professore emerito nella School of Mathematics presso l'Institute for Advanced Study a Princeton, nel New Jersey.

Dal 1996 membro della United States National Academy of Sciences, membro dell'Accademia delle scienze francese dal 1980, Bombieri si è distinto nei più svariati campi, dalla teoria dei numeri alla geometria algebrica passando per la teoria dei gruppi finiti e per l'analisi matematica.

È membro dell'Accademia Nazionale dei Lincei[1].

Attività scientifica[modifica | modifica sorgente]

Pur avendo come principale interesse la teoria dei numeri, ha offerto contributi in molti altri settori, in particolare alle teorie delle funzioni univalenti, delle funzioni di più variabili complesse, delle equazioni a derivate parziali e superficie minima, specialmente per quanto riguarda il problema di Bernstein negli spazi di dimensione superiore a 7.

L'ipotesi di Riemann[modifica | modifica sorgente]

Bombieri è stato anche designato per la descrizione ufficiale di uno dei sette problemi del millennio, l'ipotesi di Riemann.[2]

Onorificenze[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Scheda socio, dal sito dell'Accademia dei Lincei
  2. ^ * Enrico Bombieri, Problems of the Millennium: The Riemann Hypothesis.
  3. ^ Premio Caccioppoli dal sito UMI
  4. ^ BOMBIERI Il re dei numeri che ha conquistato il mondo
  5. ^ (EN) Joseph L. Doob Prize
  6. ^ (EN) Winners of the King Faisal International Prize (KFIP) for the year 1431H / 2010G

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 29604902 LCCN: n83209328