Premio Feltrinelli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il premio Feltrinelli è uno dei più prestigiosi premi italiani, istituito dall'imprenditore e artista Antonio Feltrinelli che, alla sua morte avvenuta nel 1942, lasciò un fondo destinato a "premiare il lavoro, lo studio, l'intelligenza".

Fu in questo modo costituita una fondazione con lo scopo di conferire il riconoscimento a coloro che, in Italia e nel mondo, avessero saputo illustrare le scienze e le arti.

Vennero distinti cinque ambiti disciplinari, Scienze storiche e morali, Scienze fisiche, matematiche e naturali, Lettere, Arti, Medicina, nell'ambito dei quali, a rotazione annuale, sarebbe stato assegnato il premio. Inoltre, ogni cinque anni, sarebbe stato possibile conferire un premio speciale per una impresa di valore morale e umanitario eccezionale.

La fondazione Feltrinelli è retta da un Consiglio di amministrazione presieduto dal presidente dell'Accademia dei Lincei, presso cui la fondazione si è stabilita.

Feltrinelli aveva eletto ad erede universale l'Accademia d'Italia perché costituisse un fondo perenne il cui reddito fosse destinato al conferimento dei premi, ma 1944 fu ricostituita l'Accademia dei Lincei e ad essa furono lasciati tutti i beni dell'Accademia d'Italia che, da quel momento in avanti, ebbe l'autorevole compito di tutelare il premio.

Il regolamento è molto rigido a garanzia di serietà e onestà. Tutti i soci, che sono esclusi dall'attribuzione dei premi, contribuiscono a formulare il giudizio con apposite commissioni e assemblee. Si può concorrere solamente per segnalazione dei membri e i premi vengono attribuiti ad personam, tenendo conto dell'intero curriculum degli studiosi. La giuria è formata dai membri dell'Accademia e da esperti esterni, e i nomi dei candidati sono proposti dai soci nazionali dell'Accademia e dai presidenti delle maggiori accademie italiane per poi essere affidati a diverse commissioni che redigono una relazione da presentare in assemblea plenaria, a "Classi riunite".

I primi premi letterari furono assegnati nel 1952 e tra i vincitori risultano grandi nomi della cultura umanistica italiana e internazionale.

Premi "Antonio Feltrinelli" dell'Accademia Nazionale dei Lincei[modifica | modifica sorgente]

  • 1950 (Per le Scienze morali e storiche)
  • 1951 (Per le Scienze fisiche, matematiche e naturali)
    • Premio Internazionale (L. 3.000.000)
  • 1952 (Per le Lettere)
  • 1953 (Per le Arti)
  • 1954 (Per la Medicina)
    • Premi riservati a cittadini italiani (L. 1.000.000)
      • Per qualche studio o complesso di studi che portino a nuove importanti acquisizioni nel campo della etiopatogenesi delle malattie infettive umane o animali: Alberto Ascoli
      • Per studi che abbiano portato a qualche decisivo progresso nel campo della biochimica applicata alla patologia: Luigi Califano
      • Per studi che abbiano portato a nuove importanti conoscenze nel campo della vitaminologia o della endocrinologia: Vittorio Erspamer
      • Per le ricerche di morfologia microscopia o sub microscopica normale o patologica: Massimiliano Aloisi
  • 1955 (Per le Scienze morali e storiche)
  • 1957 (Per le Lettere)
  • 1960 (Per le Scienze morali e storiche)
    • Premi riservati ai cittadini italiani
      • Filologia, storia e critica letteraria: Mario Praz
  • 1962 (Per le Lettere)
  • 1965 (Per le Scienze morali e storiche)
  • 1966 (Per le Scienze fisiche, matematiche e naturali)
  • 1967 (Per le Lettere)
  • 1970 (Per le Scienze morali e storiche)
  • 1972 (Per le Lettere)
  • 1975 (Per le Scienze morali e storiche)
  • 1976 (Per le Scienze fisiche, matematiche e naturali):


  • 1977 (Per le Lettere)
  • 1980 (Per le Scienze morali e storiche)
    • Premi riservati ai cittadini italiani
  • 1982 (Per le Lettere)
    • Premi internazionali
      • Poesia e Prosa: Günter Grass (Grass pur dichiarandosi altamente onorato, non ha accettato il conferimento)
  • 1985 (Per le Scienze morali e storiche)
    • Premi internazionali
  • 1986 (Per le Scienze fisiche, matematiche e naturali)
  • 1987 (Per le Lettere)
    • Premi internazionali
      • Critica dell'arte e della poesia: Thomas Bernhard (Bernhard pur dichiarandosi altamente onorato, non ha accettato il conferimento in quanto da diversi anni ha assunto tale linea di condotta nei confronti di qualsiasi pubblico riconoscimento)
  • 1990 (Per le Scienze morali e storiche)
  • 1992 (Per le Lettere)
  • 1995 (Per le Scienze morali e storiche)
  • 1997 (Per le Lettere)
  • 1998 (Per le Arti)
  • 1999 (Per la Medicina)
  • 2000 (Per le Scienze morali e storiche)
    • Premio internazionale (L. 500.000.000)
    • Premio per un'impresa eccezionale di alto valore morale e umanitario (L. 500.000.000)
  • 2001 (Per le Scienze fisiche, matematiche e naturali)
    • Premio per un'impresa eccezionale di alto valore morale e umanitario (L. 500.000.000)
  • 2002 (Per le Lettere)
    • Premio internazionale (€ 250.000)
    • Premio per un'impresa eccezionale di alto valore morale e umanitario (€ 250.000)
  • 2003 (Per le Arti)
    • Premio per un'impresa di alto valore morale e umanitario (€ 250.000)
  • 2004 (Per la Medicina)
  • 2005 (Per le Scienze morali e storiche)
    • Premio internazionale (€ 250.000)
    • Premio per un'impresa di alto valore morale e umanitario (€ 250.000)
      • (Il Premio sarà conferito nel 2006)

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]