Cassino

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Cassino (disambigua).
Cassino
comune
Cassino – Stemma Cassino – Bandiera
Cassino – Veduta
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Lazio Coat of Arms.svg Lazio
Provincia Provincia di Frosinone-Stemma.png Frosinone
Amministrazione
Sindaco Giuseppe Golini Petrarcone (centrosinistra) dal 30/05/2011
Territorio
Coordinate 41°29′30″N 13°50′00″E / 41.491667°N 13.833333°E41.491667; 13.833333 (Cassino)Coordinate: 41°29′30″N 13°50′00″E / 41.491667°N 13.833333°E41.491667; 13.833333 (Cassino)
Altitudine 40 m s.l.m.
Superficie 82,77 km²
Abitanti 33 658[1] (31-12-2011)
Densità 406,64 ab./km²
Frazioni Caira, Montecassino, San Cesareo, San Michele, San Pasquale, Sant'Angelo in Theodice, Sant'Antonino, San Bartolomeo
Comuni confinanti Cervaro, Pignataro Interamna, Rocca d'Evandro (CE), Sant'Apollinare, Sant'Elia Fiumerapido, San Vittore del Lazio, Terelle, Villa Santa Lucia
Altre informazioni
Cod. postale 03043
Prefisso 0776
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 060019
Cod. catastale C034
Targa FR
Cl. sismica zona 2A (sismicità media)
Nome abitanti Cassinati
Patrono San Benedetto, compatrono san Germano
Giorno festivo 21 marzo
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Cassino
Posizione del comune di Cassino nella provincia di Frosinone
Posizione del comune di Cassino nella provincia di Frosinone
Sito istituzionale

Cassino è un comune italiano di 33.658 abitanti della provincia di Frosinone nel Lazio.

Seconda città della provincia per numero di abitanti, si sviluppa ai piedi del colle su cui sorge la celebre abbazia di Montecassino, in un luogo storicamente strategico per le comunicazioni tra il centro e il sud d'Italia. Pressoché totalmente distrutta dai bombardamenti della seconda guerra mondiale, e per questo nota anche come la Città Martire, è stata ricostruita nel dopoguerra. Vi ha sede l'Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale.

Geografia fisica[modifica | modifica sorgente]

Territorio[modifica | modifica sorgente]

La città di Cassino è posta nella parte meridionale del Lazio, nella parte settentrionale della regione storica della Terra di Lavoro. Il centro è collocato alla base del colle chiamato Montecassino, che si eleva fino a 520 m s.l.m., che si distacca dal Monte Cairo, nella pianura racchiusa dai fiumi Liri e Rapido. La collina è costituita da materiale geologico compatto, che non trattiene le acque atmosferiche, che quindi fluiscono in buona parte nella valle dando origine alle sorgenti del fiume Gari che attraversa la città e che, dopo circa un chilometro, nei pressi delle cosiddette Terme varroniane, si congiunge con il Rapido. Poco lontano dal centro cittadino, nel paese di Sant'Apollinare in località Giunture il Gari si versa nel Liri che diventa così il fiume Garigliano; a causa di questa abbondanza di acque, nella piana in passato si trovavano aree paludose. Notevole è l'importanza della collocazione: Cassino si trova nel luogo dove si restringe la valle del Liri, ben collegata al golfo di Gaeta e al Parco nazionale d'Abruzzo, Lazio e Molise, da sempre attraversata da importanti strade congiungenti Roma con Napoli e il resto del Sud Italia.

Clima[modifica | modifica sorgente]

Storia[modifica | modifica sorgente]

La Cassino classica[modifica | modifica sorgente]

I primi insediamenti sono sorti nelle caverne della collina, perché nella vallata vi era un bacino lacustre. Sono stati rinvenuti reperti che attestano la presenza umana risalenti al Neolitico; nell'Età del ferro si dovrebbe essere formato uno stanziamento attestato dalla presenza di una necropoli.

La città era collocata al confine fra i territori dei Volsci, sotto cui sarebbe sorta, e quello dei Sanniti. Quando i romani nel 313 a.C. presero il controllo dell'area, fondarono una colonia, Interamna Succasina (o Lirenas), che controllava parte del territorio di Aquino e Cassino. Annibale transitò nell'area durante la seconda guerra punica, ma Casinum rimase fedele a Roma.

In epoca romana l'abitato era collocato presso l'attuale frazione Crocefisso ed era attraversato dall'antica via Latina.[2] Era fortificato da circa 4 km di mura ed era ricco di monumenti, essendo la città agiata. A Casinum eresse una sua villa Marco Terenzio Varrone.

Fu prima municipium, poi colonia ed infine praefectura a testimonianza del progressivo inserimento nell'ordinamento dell'Urbs. Oltre al passaggio della via Latina, nel territorio di Casinum nasceva una via verso la Val di Comino, l'Abruzzo, Sora e che infine giungeva a Roma. La città era attorniata da pagi; uno di questi nei secoli è divenuto l'attuale località Sant'Angelo in Theodice.

Le origini del nome

Secondo alcuni studiosi, il toponimo deriva dalla parola sabina cascum, dal significato di "antico", ad indicare la remota origine dell'insediamento. La città, in epoca romana, viene chiamata Casinum. A causa delle vicende medioevali, non mantenne sempre lo stesso nome: divenne prima Castellum Sancti Petri; poi Eulogimenopoli, ovvero "Città di San Benedetto"; infine San Germano, originato dalla presenza nella chiesa di S.Germano di reliquie del Santo Vescovo di Capua, venerato dai fedeli. Con l'Unità d'Italia e con atto del 1863, la città prese il nome definitivo di CASSINO, la romana "Casinum".

Apollo era la divinità più venerata, il cui tempio era posto su Montecassino, l'acropoli della città. Tale complesso sorgeva dove oggi è l'Abbazia; aveva anche funzione militare: era difeso da una doppia cinta muraria che oggi possiamo ancora ammirare in parte; venne costruita con pesanti pietre sagomate per tenersi insieme a secco e si congiungeva alle fortificazioni cittadine. Tra le altre divinità venerate v'era Deluentinus, dio locale delle acque.

La città era servita da un acquedotto; il foro, secondo il Carettoni, era collocato esternamente alle mura perché vi si effettuava il mercato dei bovini. Recenti studi propendono, invece, per identificare l'area forense all'interno delle mura urbiche nelle vicinanze del teatro e della cosiddetta porta Campana. Sulle rive del Rapido vi erano la Villa di Varrone e le terme, ritratti nel Cinquecento dal Sangallo, ma oggi molto danneggiati. Ci sono giunti, e si possono ammirare in località Crocefisso, l'anfiteatro, edificato su di un declivio naturale, ed il teatro; la Chiesa dedicata al Crocefisso è costruita in quello che fu il c.d. sepolcro di Ummidia Quadratilla. Costei, figlia del console Ummidio Durmio Quadrato, apparteneva ad una delle famiglie più importanti della città; viene descritta da Plinio il Giovane come una donna ricchissima dal carattere mascolino e di fisico massiccio; donò alla città un tempio ed un anfiteatro.

Nell'area di Cassino esisteva un'associazione dei produttori di olio: l'olio della zona era famoso tanto da essere citato da Macrobio. La qualità della produzione agricola del territorio è sottolineata anche da Catone. Molto importante era anche l'allevamento di bestiame e la produzione di ceste e funi, data l'abbondanza di materia prima di questi prodotti nei pressi di zone ricche di acque.

La leggenda vuole che San Pietro apostolo in persona, transitando per queste terre per raggiungere Roma, predicò per primo il Cristianesimo ai Cassinesi. Quel che è certo che a Cassino vi fu un'antica comunità di Cristiani, come testimoniano molti martiri.

Nell'Alto Medioevo, varie incursioni barbariche danneggiarono profondamente Casinum che fu totalmente distrutta dai Longobardi guidati da Zotone.

L'alto Medioevo cassinate[modifica | modifica sorgente]

L'abbazia di Montecassino

Non sappiamo molto al riguardo dei primi secoli successivi alla caduta dell'Impero romano per l'esiguità delle fonti scritte; Papa Gregorio Magno ci ha tramandato la venuta di San Benedetto fra le rovine dell'acropoli di Casinum. Montecassino fu scelto da San Benedetto da Norcia come luogo per il suo primo convento, luogo di nascita dell'Ordine Benedettino, circa nel 529 d.C.

Come spesso è accaduto per le prime istituzioni cristiane, l'Abbazia di Montecassino fu costruita su un precedente luogo di culto pagano, l'acropoli fortificata. Cassino all'epoca era una città ancora prevalentemente pagana e da poco aveva subito le devastazioni dei Goti. San Benedetto distrusse l'effigie di Apollo e gli altari pagani, quindi santificò il luogo a San Giovanni battista. San Benedetto da allora non lasciò mai più Monte Cassino. Qui scrisse la Regola Benedettina che divenne il principio fondatore per il monachesimo occidentale. Qui ricevette in visita Totila, re dell'Ostrogoti, nel 580 (l'unica data storica conosciuta con certezza della vita di Benedetto) e qui lui morì.

L'Abbazia di Monte Cassino divenne un modello per il monachesimo occidentale ed uno dei maggiori centri culturali europei per tutto il Medioevo. Dalla popolazione venne eretto un villaggio chiamato Castellum Sancti Petri per via della locale chiesa; era collocato sulle rovine dell'antico foro cittadino che si trovava in pianura e non alle pendici collinari come la città precedente. Sfortunatamente a causa della sua collocazione geografica e della sua posizione protetta, il monastero e, di conseguenza, la città rimasero in tutte le epoche coinvolti in vicende militari. Nel 584 i Longobardi saccheggiarono l'Abbazia ed i monaci sopravvissuti fuggirono a Roma, dove rimasero per più di un secolo. Durante questo tempo, le spoglie di San Benedetto furono trasferite: la maggior parte delle sue ossa oggi si troverebbe a Fleury sur Loire (detto anche St. Benoît sur Loire) vicino Orléans. Nel 718, cambiati gli equilibri politici, i monaci si poterono ristabilire a Monte Cassino; seguì un periodo florido: vi soggiornarono tra gli altri Paolo Diacono, lo storico dei Longobardi, e re in esilio come il franco Carlomanno, zio di Carlo Magno, ed il longobardo Rachis. Nel 744, da una donazione del Duca longobardo Gisulfo II di Benevento, nacque la Terra Sancti Benedicti, insieme delle proprietà abbaziali, soggette solo all'autorità dell'Abate e del Papa. Così Montecassino divenne la capitale di un territorio vasto e strategico attraverso il quale passavano le strade congiungenti il Ducato longobardo di Benevento, le città-stato bizantine della costa (Napoli, Gaeta, e Amalfi) e lo Stato della Chiesa più a Nord.

Un paio di chilometri più a valle, a nord di dove una volta c'era Casinum, vi era un piccolo monastero sulle rive del Rapido. La Chiesa del Salvatore fu eretta lì nel 797 circa per volere dell'Abate Gisulfo sulla preesistente chiesetta di San Benedetto; l'imperatore Ludovico II, nel 874, donò alla chiesa una reliquia di San Germano vescovo di Capua, amico fraterno di San Benedetto: per questa ragione divenne successivamente la cattedrale di San Germano. Sempre per effetto di quelle reliquie, tra la gente si diffuse la frase "imus ad Sanctum Germanum" per significare "andiamo a visita del Santo Germano", una visita devota alle reliquie del Santo: in questo periodo da Eulogimenopoli, nome pure difficile da dire tra la povera gente, il nome della città cominciò a trasformarsi in San Germano. La Chiesa delle Cinque Torri era eretta, ai piedi del Colle Janulo, non lontano da quella del Salvatore, ma era su di un terreno dove affiorava acqua; il pavimento della Chiesa venne rialzato tre volte, ma senza successo, per evitare il problema all'interno dell'edificio sacro; aveva un'originalissima pianta a simmetria centrale con all'interno un colonnato, con quattro torri agli angoli esterni ed una più ampia al centro.

Per motivi amministrativi e difensivi a causa delle scorrerie dei Mussulmani, l'abate Bertario fondò nuovamente la città ai piedi del Colle Janulo: nei pressi della Chiesa del Salvatore fondò Eulogimenopoli, la "Città di San Benedetto". Nel 883, i Saraceni, intenzionati ad espandersi sulla penisola italiana, saccheggiarono il territorio, distrussero la città, la Chiesa del Salvatore e l'Abbazia; fecero scempio di cose e di persone, fu ucciso lo stesso abate Bertario e monaci dovettero abbandonare per lungo tempo l'Abbazia. Alla cacciata degli invasori la città risorse. In questo periodo visse a Monte Cassino lo storico teanese Erchemperto la cui Historia Langobardorum Beneventanorum è l'opera storica fondamentale del IX secolo sul Mezzogiorno. Nell'abbazia sono conservate i quattro Placiti cassinesi, primi documenti ufficiali scritti in volgare italiano: sono quattro testimonianze giurate, registrate tra il 960 e il 963 riguardanti le proprietà terriere del monastero. La città divenne il centro amministrativo della Terra di San Benedetto in quanto qui vi alloggiavano e vi operavano gli uomini di governo guidati dall'Abate, come l'advocatus, cioè colui che amministrava la giustizia. Gli abitanti partecipavano alle lotte politico-religiose che coinvolgevano l'Abbazia, quindi la città, che prese il nuovo nome di San Germano, venne fortificata e dotata della Rocca Janula, una fortezza posta in posizione sopraelevata.

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Rocca Janula.

Dal basso Medioevo all'Unità[modifica | modifica sorgente]

Montecassino raggiunse l'apice della sua prosperità e potere nel XI secolo sotto l'abate Desiderio (1058 - 1087), che divenne poi Papa col nome di Vittore III. I monaci divennero più di duecento e i loro manoscritti miniati divennero i più ricercati. Gli edifici dell'Abbazia furono riedificati e accresciuti; la Terra di San Benedetto venne organizzata grazie a nuove strutture ed insediamenti. Lavorarono alla riedificazione artisti amalfitani, longobardi e bizantini. La ricostruita chiesa abbaziale fu consacrata nel 1071 da Papa Alessandro II. Qui venne redatta la Chronica monasterii cassinensis di Leone di Ostia e Amato di Monte Cassino, maggiore opera storica sui Normanni nel Sud Italia. In quel periodo a Cassino vi era anche un quartiere ebraico ed uno greco[3].

Il potere degli abati fu presto ostacolato dai Normanni che governavano il Mezzogiorno. Nel 1199, le truppe imperiali assediarono l'abbazia stanziando nella città. Molto spesso San Germano si trovò al centro di importanti vicende dei principi Svevi, che limitarono ancora di più il potere dell'Abbazia. Il 23 luglio del 1230 la città fu luogo della firma della pace tra il papa Gregorio IX e l'imperatore Federico II avvenuta nella chiesa di San Germano. Nell'anfiteatro si asserragliarono trentasei anni dopo gli uomini di Manfredi tentando di resistere all'invasore angioino.

Un grande terremoto sconvolse l'Italia centrale nel 1349 e colpì anche San Germano il 9/9/1349 alle ore 9 del mattino. L'epicentro situato nel distretto sismico di Venafro con un'intensità Mw 6.62 (X grado Mercalli), fece seguito a scosse verificatesi lo stesso giorno presso L'Aquila (Mw 6.46) e nella zona Viterbese-Umbra (Mw 5.91). San Germano posto a circa 20 km dall'epicentro ebbe rase al suolo la maggior parte delle abitazioni poste sulla valle, risparmiando, in parte, quelle addossate a Montecassino. Fu danneggiata in modo consistente l'Abbazia. Essa venne riparata nel 1366, grazie alle pressioni di Papa Urbano V che esortò tutti i benedettini a partecipare alla ricostruzione. Nel sec. XIV, da Roma si cercò di separare l'amministrazione della città dal monastero ponendovi un vescovo, ma gli abati riuscirono a mantenere le loro prerogative. Nel 1505 il convento fu congiunto con quello di Santa Giustina di Padova. Nel 1521 si ebbe una rivolta dei cittadini che saccheggiarono l'Abbazia per giorni. Nel 1527 la peste fece strage nell'intero cassinate.

Nel periodo in cui la città fece parte del Regno di Napoli non si svolsero avvenimenti notevoli nel cassinate fino alle guerre napoleoniche. Presso San Germano stanziarono le truppe del Regno di Napoli pronte ad invadere la Repubblica romana. Nel 1799 venne occupata dalle truppe di Napoleone. Anche a San Germano si stabilì una amministrazione filo-napoleonica, ma era vasto il dissenso. Al momento di ritirarsi da Napoli, le truppe francesi devastarono i territori che erano stati occupati dagli oppositori, tra cui anche la città di Cassino. Tra il 15-17 maggio 1815, inoltre, la città fu scenario del cruento scontro finale della guerra austro-napoletana, con la cosiddetta battaglia di San Germano, che si concluse con la vittoria delle truppe austriache. La città diede i natali al filosofo Antonio Labriola nel 1843.

Dall'Unità a oggi[modifica | modifica sorgente]

Ruderi della città di Cassino dopo il bombardamento

Il consiglio comunale di San Germano stabilì il 23 maggio 1863 che la città tornasse all'antico nome italianizzato Cassino. Nello stesso anno la città fu raggiunta dalla ferrovia. Nel 1866 il nuovo Regno d'Italia assorbì i territori dei monasteri. Andò crescendo il numero di persone che si diedero al brigantaggio, tanto che si arrivò a creare un presidio dell'esercito nella città. Si iniziarono anche i lavori di bonifica per rimuovere il pericolo di inondazione e delle zone paludose. Cassino fu parte della Provincia di Terra di Lavoro, nel Circondario di Sora, fino al 1927 quando venne fondata la Provincia di Frosinone. Il 21 maggio 1930 fu inaugurata la funivia iniziata l'anno precedente che conduceva dalla città all'Abbazia in 7 minuti coprendo un dislivello di oltre 400 m; quest'opera non sopravvisse alla guerra e non fu più ripristinata.

Le quattro battaglie di Cassino (gennaio-maggio 1944) furono tra le più importanti della seconda guerra mondiale. A Cassino, che si trovava lato Nord della cosiddetta linea Gustav, (linea che tagliava l'Italia dal Tirreno all'Adriatico, fino ad Ortona) erano attestati i tedeschi che controllavano così le vie d'accesso verso Roma; a Sud invece c'erano le truppe alleate intenzionate a risalire la penisola. In tale battaglia perirono tedeschi, britannici, polacchi, francesi accompagnati dalle loro truppe marocchine, americani e italiani. La città fu letteralmente rasa al suolo dai bombardamenti. I cittadini in parte sfollati.

Il 15 febbraio 1944 fu infine una delle date più nere: l'Abbazia fu rasa al suolo da un pesante bombardamento aereo. Gli alleati, credendo che la stessa Abbazia fosse una postazione strategica occupata dai tedeschi, la bombardarono, uccidendo la popolazione che vi si era rifugiata. Le opere d'arte contenute nell'Abbazia furono trasferite a Roma dai tedeschi prima del bombardamento, ma molte scomparvero nel tragitto.

Quando gli alleati riuscirono a sfondare si contarono 54000 perdite tra gli Alleati e 20000 tra i tedeschi; sorsero quindi i cimiteri di guerra: un cimitero polacco, un cimitero del Commonwealth, ed un cimitero tedesco. L'Abbazia fu ricostruita dopo la guerra dallo Stato italiano; Papa Paolo VI la riconsacrò nel 1964. La ricostruzione fu un periodo estremamente duro, che durò praticamente fino agli anni sessanta; si sviluppò un'epidemia di malaria, ma vi fu anche grande solidarietà da parte del resto d'Italia: i bambini furono ospitati a lungo da famiglie del Nord e vi furono molte elargizioni. Cassino meritò l'appellativo di Città Martire per la pace e la Medaglia d'oro al valor militare; a monito per le future generazione affinché non perpetrino le distruzioni della guerra che qui si sono verificate a Cassino è posto il Monumento della Pace di Umberto Mastroianni.

Le radici storiche del comune cassinate, che consistono in un profondo legame tra la città e l'antica Terra di Lavoro, hanno fatto sì che negli ultimi anni, insieme alle proposte per l'istituzione della provincia del Lazio meridionale, stia nascendo un movimento culturale che contrasta fortemente la diffusa, ma errata equazione «Ciociaria = Provincia di Frosinone», così come l'unità etnica e folclorica della provincia frusinate imposta dalla propaganda fascista negli anni venti: si cercano, dunque, nelle tradizioni e nella storia della Terra di Lavoro, fonti geografiche ed etnologiche che provino non solo le differenti radici storiche e culturali con la Ciociaria, ma anche l'esistenza di un'identità territoriale comune, propria delle popolazioni della Media e Bassa Valle del Liri-Garigliano.

Stemma[modifica | modifica sorgente]

Cassino-Stemma.png
Le origini delle nove stelle

È diffusa la convinzione che le nove stelle dello stemma rappresentino i nove comuni del Circondario di S. Germano, secondo la ripartizione territoriale operata dalle leggi napoleoniche ad inizio Ottocento. Tale convinzione tuttavia è confutata dal fatto che lo stemma era già esistente anni prima: nell'Archivio di stato di Napoli, infatti, si trovano sigilli a secco e timbri ad inchiostro raffiguranti lo stemma di Cassino, le cui date vanno dal 1745 al 1777. Bisogna, inoltre, rilevare che lo stemma con una o più stelle è presente in numerosi comuni del Cassinate: Cervaro ne ha una, Piedimonte S. Germano ne ha tre. Ciò esclude definitivamente il binomio Stella-Comune. È più plausibile, perciò, che il numero di nove stelle nello stemma di Cassino stia ad indicare semplicemente la maggiore importanza della città rispetto agli altri centri del territorio: nove, e non otto o dieci, solo per ragioni di simmetria grafica.

Lo stemma del Comune di Cassino è composto da uno scudo con nove stelle a cinque punte disposte su tre file in campo azzurro e corona a cinque torri; lo scudo è contornato da un nastro dorato che si avvolge ai due lati a formare i "sostegni".

La corona risponde ai canoni fissati dal Regolamento tecnico araldico della Consulta araldica del 1905, dove le cinque torri indicano la dignità di "Città". L'effigie fu realizzata dallo scultore Tamagnini, che tra il 1927 ed il 1928 realizzò lo stemma in bronzo che fu apposto alla sommità di una grande lapide, dedicata ai caduti in guerra, affissa all'ingresso del palazzo comunale. Lo stemma bronzeo andò perduto nei bombardamenti che distrussero la città.

Onorificenze[modifica | modifica sorgente]

Il Comune di Cassino è tra le Città decorate al Valor Militare per la Guerra di Liberazione perché è stato insignito della Medaglia d'Oro al Valor Militare il 15 febbraio 1949 per i sacrifici delle sue popolazioni e per la sua attività nella lotta partigiana durante la seconda guerra mondiale[3].

Medaglia d'oro al valor militare - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia d'oro al valor militare
«Già provata in epoca remota dalle distruzioni barbariche dei Longobardi, e risorta e consacrata, costituiva attraverso i secoli con la sua celebre Abbazia, faro di scienza e di fede alle genti del mondo. Per lunghi mesi, tra il 1943 ed il 1944, segnava il tormentato limite, fatto di sangue e di rovina, della più aspra e lunga lotta combattuta dagli eserciti sul suo suolo nel nome della libertà e della civiltà contro l'oppressione e la tirannide. Il suo aspro calvario, il suo lungo martirio, le sue immani rovine furono, nella passione del popolo per l'indipendenza e la libertà della Patria, come un altare di dolore per il trionfo della giustizia e della millenaria civiltà italica.»
— Cassino, Montecassino, settembre 1943 - maggio 1944

Monumenti e Luoghi d'interesse[modifica | modifica sorgente]

Architetture religiose[modifica | modifica sorgente]

Abbazia di Montecassino[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Abbazia di Montecassino.

Fondato da San Benedetto da Norcia nell'anno 529, è il più celebre monastero della cristianità. Sorge sul colle che sovrasta la città di Cassino. Qui, il santo patriarca fondò la famosa "Regola" che si irradiò in tutto il mondo occidentale. Il monastero, che ha subito ben quattro distruzioni nella sua storia millenaria, è conosciuto in tutto il mondo per l'ultima, avvenuta il 15 febbraio 1944, in cui fu totalmente raso al suolo dai bombardamenti alleati. È stato ricostruito nel dopoguerra "com'era, dov'era" e, tornato alla sua maestosità originaria, è meta di pellegrinaggi da tutto il mondo

Siti archeologici[modifica | modifica sorgente]

Anfiteatro romano[modifica | modifica sorgente]

Veduta aerea dell'anfiteatro romano di Cassino

L'anfiteatro romano fu fatto costruire da Ummidia Quadratilla ed è tuttora presente nell'area archeologica che comprende anche il suo Mausoleo. La struttura è di forma ellittica con il diametro del lato maggiore pari a circa 85 metri ed il lato minore che raggiunge una dimensione pari a 69 metri. Molto probabilmente nella parte alta dell'anfiteatro erano presenti delle feritoie il cui scopo era quello di accogliere una serie di listelli che andavano a sorreggere il velario. L'anno di costruzione risale al I secolo d.C. Il quartiere in cui sorge l'anfiteatro, proprio per la presenza di quest'ultimo, è denominato "Colosseo".

Teatro romano[modifica | modifica sorgente]

Teatro romano di Cassino

Il Teatro Romano ha il tipico schema di teatro greco-romano, di forma semicircolare e con la pendenza della montagna che viene sfruttata per il sostegno di venti gradini. Essi si ripartiscono in una Summa cavea che ne comprende sette ed un'Imma cavea di tredici gradini. L'accesso era garantito da una serie di gallerie coperte che conducevano direttamente all'ultimo gradino della struttura. Dimenticato completamente nel periodo medievale, fu riportato alla luce solo nel 1936 e fu oggetto di restauro intorno agli anni cinquanta e successivamente nel 2001. Ha una capienza di circa 3000 posti a sedere e viene tuttora utilizzato nel periodo estivo per numerosi eventi ed attività culturali, quali spettacoli, concerti, cinema all'aperto. Il teatro è ubicato all'incrocio tra via Crocifisso e via Montecassino.

Rocca Janula[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Rocca Janula.
Veduta della Rocca Janula dopo la restaurazione

Fatta costruire nel X secolo dall'abate Aligerno, fu per secoli il fulcro militare della signoria della Terra di San Benedetto. Pesantemente danneggiata dai bombardamenti della seconda guerra mondiale, è stata oggetto di un significativo restauro negli ultimi anni e domina ancora l'odierna città di Cassino.

Diramazione via Latina[modifica | modifica sorgente]

Sempre nell'area archeologica, è possibile visitare un tratto di diramazione che collegava l'antica Casinum alla Via Latina. Il manto stradale è costituito dalle tipiche lastre in pietra che costituivano la summa crusta della strada.

Mausoleo di Ummidia Quadratilla[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Mausoleo di Ummidia Quadratilla.

La poderosa struttura sorge sulle pendici sud orientali di Montecassino. Edificata con grandi blocchi squadrati e perfettamente connessi senza malta, tenuti insieme solo da graffe di piombo all'interno, ha resistito all'usura del tempo, ai terremoti e, per ultimo, alla furia della guerra, senza subire sostanziali danni. Le origini del manufatto sono senz'altro oscure: lo si fa risalire tra il I secolo avanti Cristo ed il I dopo Cristo. Coloro che se ne sono occupati lo hanno definito a volte “tempio” e a volte “tomba”. Molti studiosi attribuiscono il mausoleo alla benefattrice cassinate Ummidia Quadratilla, figlia del console Ummidio Durmio Quadrato; tale convinzione derivò dal ritrovamento, avvenuto nel 1757, di un'iscrizione nel vicino anfiteatro.

Cimiteri di guerra[modifica | modifica sorgente]

L'ingresso del cimitero di guerra di Cassino

Al termine del secondo conflitto mondiale le Nazioni che ne presero parte vollero che le migliaia di caduti sulla Linea Gustav fossero sepolti nei luoghi in cui si consumò il loro sacrificio. A loro ricordo a Cassino e nel Cassinate sorsero diversi cimiteri di guerra. Oltre a quello inglese, polacco e tedesco, nelle vicinanze di Cassino troviamo i cimiteri militari italiano (Mignano Monte Lungo) e francese (Venafro).

Cimitero del Commonwealth[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Cimitero di guerra di Cassino.

Il cimitero di guerra di Cassino è un cimitero militare situato nei pressi del campus universitario Folcara, dove riposano i soldati dei paesi Commonwealth caduti nella battaglia di Montecassino durante la seconda guerra mondiale. Vi sono 4.266 tombe di militari provenienti dagli attuali Regno Unito, Canada, Australia, Nuova Zelanda, Sudafrica, India e Pakistan ed un soldato dell'Armata Rossa. 284 di questi militari non sono stati identificati.

Cimitero polacco[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Cimitero Militare Polacco di Montecassino.
Veduta dall'alto del cimitero polacco

È posto in una conca dietro l'altura dove si erge l'abbazia ed è sotto la sovraintendeza del ministero delle difesa italiano. Fu costruito dagli stessi soldati polacchi ed inaugurato all'inizio di settembre del 1945. Raccoglie le spoglie dei soldati del II Corpo d'armata polacco che, alla guida del generale Anders, combatterono eroicamente a Montecassino nel maggio del 1944. Al suo interno sono seppellite le salme di 1078 militi comprese quelle del generale, che ha voluto essere sepolto lì tra i suoi soldati, e del cappellano militare. Una parte del sacrario è riservata ai soldati di religione ebraica arruolati nel corpo. Ogni 18 maggio viene organizzata una giornata commemorativa dove si raccolgono i superstiti rimasti, i loro famliari e i rappresentanti delle istituzioni polacche.

Cimitero germanico[modifica | modifica sorgente]

Il cimitero tedesco sorge invece su una collina, detta Colle Marino, in località Caira. Il sacrario, curato e mantenuto da un'associazione privata e da militari tedeschi volontari, raccoglie non solo le salme dei soldati tedeschi morti a Montecassino, ma anche quelle ritrovate e riesumate nei cimiteri di guerra provvisori del meridione italiano (Calabria, Puglia, Basilicata, Molise e Abruzzo), configurandosi come il più grande e importante cimitero di guerra tedesco in Italia. Vi riposano più 20000 persone, molti i militi ignoti. Il cimitero è stato inaugurato nel 1965.

Architetture civili[modifica | modifica sorgente]

Palazzo Barone De Rosa[modifica | modifica sorgente]

Il palazzo, situato in via Di Biasio in prossimità di via Montecassino, è l'unico palazzo miracolosamente rimasto in piedi nonostante i bombardamenti che rasero al suolo la città. La sua costruzione risale agli inizi dell'Ottocento e apparteneva alla famiglia del barone De Rosa, un imprenditore napoletano che prima di fare ritorno alla sua città natale vendette lo stabile a due famiglie di Cassino. Per la sua posizione strategica (permetteva all'epoca di controllare la stazione ferroviaria di Cassino, nonché l'accesso alla città dalla Strada Nazionale per Roma e Sora) fu occupato, durante la seconda guerra mondiale, da un plotone di paracadutisti tedeschi. La storiografia militare che si occuppa della battaglia di Cassino cita spesso il palazzo chiamandolo Hotel des Roses, ma in realtà non è mai stato un hotel. Nel dopoguerra fu completamente restaurato a causa dei danneggiamenti che aveva subito ed adibito a sede di uffici e scuole.

Facoltà di Economia e Giurisprudenza[modifica | modifica sorgente]

L'edificio che ospita le facoltà di Economia e Giurisprudenza dell'Università di Cassino è una delle costruzioni di maggior rilievo dal punto di vista architettonico della Cassino contemporanea. È stato inaugurato nel maggio del 2004 e costituisce il primo edificio del costruendo Campus Folcara. Ha un'altezza superiore ai 40 metri ed è strutturato in c.a. ed acciaio. È articolato su tredici piani fuori terra. Sotto il profilo funzionale, esso è articolato in zone specializzate. Al di sopra del livello interrato, che contiene le centrali tecnologiche e vari servizi, è situata una piastra basamentale, che contiene gran parte delle 18 aule e la mensa, con una capacità di 300 coperti. Più in alto sono situati i volumi contenenti gli uffici dei vari dipartimenti. La piastra di sommità contiene i centri audiovisivi delle due facoltà, organizzati in due corpi triangolari con piccoli locali di lavoro individuale, distribuiti anularmente su due livelli intorno a grandi spazi a doppia altezza, con coperture in parte trasparenti.[4].

Aree naturali[modifica | modifica sorgente]

Villa Comunale

La Villa Comunale, ribattezzata anche Parco XV marzo 1944 (data della distruzione di Cassino), è il principale parco pubblico della città. È dotata di ampi spazi verdi ed attraversata da due diramazioni del fiume Gari che si riuniscono dando vita al suggesivo laghetto. È dotato di viali alberati, panchine ed aree gioco per bambini ed è molto frequentato da persone di ogni età. Ospita, inoltre, eventi sportivi e culturali. Nell'agosto 2011 il largo principale del parco è stato dedicato a Giovanni Falcone e Paolo Borsellino, mentre tutti i viali sono stati dedicati agli agenti della scorta rimasti uccisi negli attentati mafiosi di Capaci e via D'Amelio del 1992 (troviamo dunque via Francesca Morvillo, via Agostino Catalano, via Walter Eddie Cosina, via Rocco Dicillo, via Vincenzo Li Muli, via Emanuela Loi, via Antonio Montanaro, via Vito Schifani, via Claudio Traina). L'intento è stato quello di creare un percorso che ricordi quotidianamente l'insegnamento ricevuto da questi uomini ed il rispetto per chi è morto per difendere lo Stato e l'idea di giustizia. La Villa è nel centro di Cassino; l'ingresso principale è situato su Corso della Repubblica. Gli altri accessi sono da Via Arigni, Via Gari e Via Di Biasio.

Terme Varroniane
Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Terme varroniane.
Le acque sorgive presso le Terme varroniane.

Le Terme varroniane sono un suggestivo parco naturale-termale nato nel dopoguerra nei pressi della sontuosa villa appartenuta Marco Terenzio Varrone. Sono situate nella zona del territorio di Cassino detta Monticello, presso la stazione ferroviaria. La zona sorgentizia delle Terme Varroniane è classificata come la più grande d'Italia. Da qui sgorgano migliaia di sorgenti che generano uno dei rami del fiume Gari. Si stima che il flusso sia di 18 metri cubi all'ora. La temperatura delle acque è di 13 gradi. Le acque, classificate come "bicarbonate medio-minerali fredde", sono diuretiche ed indicate per varie patologie gastriche, renali ed epatiche, nonché per alleviare la gotta.

Il parco ospita oggi uno stabilimento idropinico, la sala congressi - banchetti, l'area concerti ed il camping internazionale, attrezzato con area pic-nic e per attività sportiva. I ruscelli sono ricchi di fauna come trote, carpioni, anguille e lamprede.

Parco naturale dei Monti Aurunci

Altri monumenti[modifica | modifica sorgente]

Monumento alla pace[modifica | modifica sorgente]

Il Monumento alla pace di Umberto Mastroianni in piazza XV febbraio.

La scultura è ad opera dell'artista Umberto Mastroianni. Fu inaugurata nel 1987 e collocata poco distante dalla Rocca Janula dove, conseguentemente al recupero della fortezza, sarebbe dovuto sorgere il Parco della Pace. A Cassino vi è anche una seconda riproduzione della scultura che è situata in piazza XV febbraio, in pieno centro città. Il monumento, realizzato in acciaio, dal peso di circa 100 tonnellate, è costituito da elementi tubolari aggrovigliati che, partendo da un nucleo centrale, invadono lo spazio circostante. Esso affronta il dramma della distruzione di Cassino e della sua millenaria abbazia, proponendone non gli effetti della battaglia – rovine, caduti o la disperazione di chi resta – ma la causa scatenante, che è, del resto, il nucleo primario di ogni conflitto bellico moderno: l'esplosione di una bomba.

Monumento ad Enrico Toti[modifica | modifica sorgente]

Situato nella centrale piazza Enrico Toti, il monumento è composto da una statua in bronzo raffigurante l'estremo gesto in cui, l'eroe italiano della prima guerra mondiale, già ferito, scaglia verso il nemico la gruccia, poco prima di essere colpito a morte, il 6 agosto 1916 presso Monfalcone. Il monumento è stato inaugurato nel 2008. La statua, ad opera dello scultore di Anagni Egidio Ambrosetti, suggella quel «filo rosso sangue» che lega la Città Martire ad Enrico Toti: non solo perché qui ha origine la sua famiglia (il padre Nicola era un ferroviere di Cassino), ma soprattutto perché a entrambi è toccato l'onore e il dolore di conoscere in sommo grado le devastazioni, le morti, gli orrori della guerra.

Campana della Pace[modifica | modifica sorgente]

Si trova sul "Ponte delle quattro battaglie" sul fiume Gari nella frazione di Sant'Angelo in Theodice. È stata istituita il 18 maggio 2008 a memoria e riconoscenza dei caduti del gennaio 1944 sul fiume Gari, teatro della prima battaglia di Cassino. La campana realizzata da Severino De Sanctis è stata fusa presso la Pontificia Fonderia Marinelli di Agnone. Pesa Kg. 1380, ha un diametro di base pari a cm. 132. Ogni sera alle 17.00 la campana suona 30 rintocchi a ricordo degli eroi periti delle nazioni belligeranti, e nelle ricorrenze storiche suona a distesa per tre minuti alle ore 12.00.

Società[modifica | modifica sorgente]

Evoluzione demografica[modifica | modifica sorgente]

Abitanti censiti[5]


Etnie e minoranze straniere[modifica | modifica sorgente]

Al 31 dicembre 2009 a Cassino risultano residenti 1093 cittadini stranieri. Le nazionalità più numerose sono le seguenti[6]:

Lingue e dialetti[modifica | modifica sorgente]

Il dialetto cassinese è sostanzialmente campano, essendo la città appartenuta in passato dapprima al Regno di Napoli, e poi al Regno delle Due Sicilie (fino al 1860), e trovandosi a pochissimi chilometri dalla zona "dell'alto casertano" (di cui in passato era provincia). Il dialetto è differente dal napoletano per alcune particolarità riguardanti soprattutto la pronuncia, tipiche dei dialetti molisani e abruzzesi, ma molto simile al dialetto napoletano per quanto riguarda il suo vocabolario. Negli ultimi anni il dialetto si è arricchito di numerosi neologismi, che non facevano parte del dialetto classico cassinese. Il sonetto "Vecchia Cassine", dello scrittore cassinate Gino Salveti, è rappresentativo degli elementi tipici del dialetto di Cassino.

Tradizioni e folclore[modifica | modifica sorgente]

  • La settimana di San Benedetto: serie di eventi per festeggiare il santo patrono che culminano il 21 marzo con l'esibizione del Corteo Storico "Terra Sancti Benedicti";
  • 2ª domenica di maggio: Festa della Pietà loc. S.Angelo;
  • 13 giugno: processione e festa in onore di S. Antonio, organizzata dalla parrocchia di S. Antonio;
  • 21 giugno: processione e festa in onore di S. Giovanni, organizzata dalla parrocchia di S. Giovanni;
  • 29 giugno: processione e festa in onore di S. Pietro, organizzata dalla parrocchia di S. Pietro nel quartiere Colosseo;
  • 15 agosto: processione e festa in onore della Madonna dell'Assunta, organizzata dalla parrocchia della Chiesa Madre;
  • 24 agosto: San Bartolomeo (quartiere S. Bartolomeo);
  • 2ª domenica di settembre: SS Maria della Valle;
  • 29 settembre: S. Michele Arcangelo Loc. S. Angelo;
  • Carnevale Cassinate.

Istituzioni, enti e associazioni[modifica | modifica sorgente]

Tribunale

Il Tribunale di Cassino fu istituito con legge il 17 febbraio 1861. È attualmente[da quando?] ubicato in tre sedi: quella principale si trova in Piazza Labriola, la seconda si trova nei locali dell'ex "Cinema Teatro Arcobaleno" in via Tasso e la terza, dal mese di settembre 2013, è ospitata nei locali della ex Scuola Media "G. Diamare", in Via S. Marco. Tutte le sedi si trovano nel pieno centro cittadino. La sede di Piazza Labriola ospita la Presidenza, l'Ufficio della Cancelleria Fallimentare, la Cancelleria Civile, la Cancelleria della volontaria giurisdizione, il Giudice tutelare, tutte le Cancellerie penali, il GIP, il Consiglio dell'Ordine Forense, le aule di udienza, la Corte di Assise nonché la Procura della Repubblica. La sede di Via Tasso ospita gli uffici della cancelleria Lavoro, cancelleria Esecuzioni mobiliari ed immobiliari, cancelleria Stralcio ed inoltre l'Ufficio del Giudice di Pace e gli Ufficiali giudiziari. Il Tribunale di Cassino comprende anche la sede distaccata di Sora istituita nel 1999. Dal 13 settembre 2013, in ottemperanza alla legge sul riordino dei tribunali, il Tribunale di Cassino ha accorpato il soppresso Tribunale di Gaeta e la sede staccata di Sora[7].

Ospedali
  • L'Ospedale civile "Santa Scolastica" si trova in località San Pasquale ed è raggiungibile dall'apposito svincolo sulla S.S.V. Sora-Cassino-Formia. È stato inaugurato nell'aprile del 2006, in sostituzione del vecchio ospedale "Gemma De Bosis". La struttura è composta da cinque piani, con volumetria complessiva di 147.000 metri cubi e una dotazione di otto sale operatorie, un reparto di diagnostica per immagini e una capacità ricettiva di circa 300 posti letto. È dotato, inoltre, di eliporto per il trasporto d'urgenza di pazienti in altre strutture ospedaliere.
  • L'Ospedale San Raffaele è una casa di cura accreditata con il servizio sanitario della Regione Lazio. Si trova in via Di Biasio nei pressi dell'anfiteatro romano. È specializzata in riabilitazione neuromotoria ed ha una capacità di circa 300 posti letto. Ospita inoltre il corso di laurea in Scienza infermieristiche in convenzione con l'Università degli Studi di Roma "Tor Vergata"[8].
80º R.A.V. "Roma"
Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi 80º Reggimento addestramento volontari "Roma".

L'80º Reggimento Addestramento Volontari "Roma" è un reggimento dell'Esercito Italiano specializzato nella formazione professionale degli Allievi Sergenti provenienti dal personale di truppa in servizio permanente (VSP). Dipende dalla Scuola Sottufficiali dell'Esercito di Viterbo ed è inquadrato nella Scuola di Applicazione. Si compone di un comando di reggimento, una compagnia di supporto logistico e un battaglione addestrativo[9].

Altro
  • Laziodisu;
  • Casa Circondariale "San Domenico";
  • Agenzia delle Entrate;
  • Genio Civile;
  • Consorzio di bonifica "Valle del Liri";
  • Cosilam;
  • INPS;
  • INAIL;
  • Comunità Exodus
  • Diocesi di Montecassino.

Cultura[modifica | modifica sorgente]

Dante Alighieri, Paradiso[10]

Quel monte a cui Cassino è ne la costa
fu frequentato già in su la cima
da la gente ingannata e mal disposta

e quel son io che sù vi portai prima
lo nome di colui che 'n terra addusse
la verità che tanto ci soblima.

Già florido centro in epoca romana, la fioritura culturale di Cassino si deve senz'altro alla spinta ricevuta dal monastero benedettino, che divenne un vero e proprio faro per la cultura europea in tutto il Medioevo. Tra le opere di maggior rilievo prodotte nel monastero, ricordiamo i "Placiti cassinesi" e "Chronica Monasterii Cassinensis" di Leone di Ostia e Amato di Monte Cassino, maggiore opera storica sui Normanni nel Sud Italia. Nel Novecento diversi furono gli intellettuali, scrittori e poeti cassinati, che si distinsero nel panorama nazionale. Nuovo impulso è stato dato dall'istituzione dell'Università, con lo scopo di proseguire la tradizione umanistica e culturale portata avanti nei secoli dall'abbazia di Montecassino.

Istruzione[modifica | modifica sorgente]

Scuole[modifica | modifica sorgente]

Oltre a numerose scuole elementari e medie, a Cassino hanno sede tutti i principali indirizzi di istruzione secondaria di II grado, che ricevono studenti da tutto il cassinate e, quindi, anche da Campania e Molise.

Negli ultimi anni, contingente al nascente campus Folcara, si è venuto a creare un vero e proprio Polo Didattico, che comprende l'Istituto Tecnico per Geometri, l'Istituto Alberghiero, l'ITIS ed il Liceo Scientifico.

Nel comune è attivo il progetto Piedibus, che ha lo scopo di promuovere l'esercizio fisico nei bambini.

Università[modifica | modifica sorgente]

L'edificio che ospita le facoltà di Economia, Giurisprudenza e Scienze Motorie

Dal 1979 a Cassino ha sede l'Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale. Rientra tra gli atenei di media dimensione con i suoi circa 12.000 iscritti provenienti, oltre che dal Lazio, anche da Campania e Molise. Conta 5 facoltà:

  • Facoltà di Lettere e Filosofia
  • Facoltà di Economia
  • Facoltà di Giurisprudenza
  • Facoltà di Ingegneria
  • Facoltà di Scienze Motorie

In località Folcara, poco distante dal centro, sta nascendo il Campus, che in futuro raggrupperà tutte le sedi universitarie e la Casa dello Studente, che attualmente sono dislocate in vari punti della città. Dal 2004 presso la Folcara hanno sede le facoltà di Giurisprudenza, Economia e Scienze Motorie. Sono in via di ultimazione gli alloggi che ospiteranno la Casa dello studente e l'edificio che ospiterà la facolta di Lettere e Filosofia.

Cassino ospita anche sedi distaccate della Sapienza di Roma e dell'Università di Tor Vergata.

Musei[modifica | modifica sorgente]

Museo Archeologico Nazionale "Gianfilippo Carrettoni"

Il Museo Archeologico Nazionale conserva al suo interno una serie di reperti che certificano il fatto che la zona del cassinate era abitata già nel periodo dell'età del ferro, ma anche oggetti appartenenti al periodo di espansione dell'Impero Romano. Tutti i reperti conservati sono stati ritrovati nel territorio cassinate. Il museo include anche una zona archeologica, in cui vi è la tomba di Ummidia Quadratilla e parte dell'antica via Latina e l'Anfiteatro Romano.

Historiale di Cassino

È un museo del tutto innovativo nato nel sessantennale della battaglia di Montecassino, con lo scopo di raccontare le vicende storiche che portarono Cassino a divenire centro cruciale della seconda guerra mondiale in Italia. È stato ideato e realizzato da Officina Rambaldi. Al suo interno, sollecitazioni uditive e visive negli spazi tematici specificamente allestiti, puntano ad un pieno coinvolgimento del visitatore, rendendo la visita un'esperienza unica, attraente ed adatta ad ogni età. Il percorso scenografico ed artistico, che viene inoltre adattato alla tipologia di visitatori, si snoda tra effetti speciali e multimediali, sistemi di proiezione su calchi, su schermi, teatri ottici ed aree internet per basi informative e di apprendimento, tanto da far apparire riduttiva la definizione dell'Historiale come semplice museo. Lo slogan dell'Historiale recita, infatti: «è un museo, è una mostra, è un film... è un racconto di storia».

Cassino Museo Arte Contemporanea

Inaugurato ad ottobre 2013, il CAMUSAC - Cassino Museo Arte Contemporanea è situato su via Casilina Nord, nei pressi della rotatoria su cui è presente la statua bronzea di San Benedetto. Al momento ospita oltre 250 opere d'arte contemporanea.

Biblioteche[modifica | modifica sorgente]

La biblioteca del monastero di Montecassino.
  • La Biblioteca Comunale "Pietro Malatesta", si trova in Via del Carmine, nei pressi del Corso della Repubblica. E situata nei locali dell'ex Cinema Teatro Arcobaleno. È molto frequentata dagli studenti cassinati.
  • La Biblioteca Monumento Nazionale di Montecassino, situata all'interno dell'abbazia, ospita un patrimonio immenso, per la maggior parte autoprodotto, costituito da 25.000 volumi antichi (di cui 198 Incunaboli e 3.000 Cinquecentine circa) ed 85.000 volumi moderni[11]. Sono conservati inoltre i Placiti cassinesi, primi documenti ufficiali in lingua volgare italiana.
  • Biblioteche universitarie:
    • Area Giuridico-Economica: si trova presso il Polo Folcara e contiene circa 30.000 volumi (monografie ed opere collettive) e oltre 350 abbonamenti a periodici italiani e stranieri. La biblioteca dispone di una sala di consultazione da 90 posti, dotata di postazioni di accesso ad Internet per la consultazione del catalogo on line e delle risorse elettroniche[12].
    • Area Ingegneristica: possiede oltre 6.000 volumi specifici per le discipline dell'ingegneria, oltre a quasi 200 abbonamenti a periodici e alla raccolta completa delle norme CEI e UNI. La biblioteca, che si trova al primo piano della Facoltà di Ingegneria, dispone di una sala di consultazione da 60 posti, dotata di postazioni di accesso ad Internet per la consultazione del catalogo on line e delle risorse elettroniche[13].
    • Area Umanistica: comprende attualmente circa 56.000 volumi e 600 riviste in abbonamento. La biblioteca (sita presso la sede di via Zamosch) dispone di una sala da 64 posti[14].
Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Lazio meridionale#Sistema Bibliotecario del Lazio Meridionale.

Media[modifica | modifica sorgente]

Radio[modifica | modifica sorgente]

  • Radio Cassino Stereo
  • Jolly FM

Stampa[modifica | modifica sorgente]

Televisione[modifica | modifica sorgente]

Internet[modifica | modifica sorgente]

  • Cassino24.it
  • IlpuntoaMezzogiorno.it
  • Dimmidipiu.it
  • Ultimissime.net

Teatro[modifica | modifica sorgente]

Fino al 1943, la città di Cassino disponeva del prestigioso Teatro Comunale Manzoni, che fu totalmente raso al suolo dai bombardamenti della seconda guerra mondiale, tanto che neanche le mura perimetrali sopravvissero. Nel dopoguerra fu realizzato, da parte di privati, il "Cinema Teatro Arcobaleno" (oggi sede della biblioteca comunale), attivo dal 1950 fino agli inizi degli anni ottanta. Per più di 30 anni il territorio del Cassinate ha subito la mancanza di un teatro comunale, inteso come luogo di crescita culturale e di aggregazione. Gli unici spettacoli teatrali, venivano svolti nella stagione estiva presso il Teatro Romano, che ancora oggi in estate ospita numerosi eventi. Nel 2008, finalmente, la città ha potuto riavere il suo teatro comunale che è stato chiamato, simbolicamente, Teatro Manzoni. Il Teatro Manzoni è una sala polivalente, inaugurata nel 2008. Sorge nella centralissima Piazza Diamare, attiguamente alla Chiesa di S. Antonio. Ha una capienza di 700 posti a sedere ed ospita numerosi eventi nel corso dell'anno, opere teatrali di prosa e liriche, commedie, concerti, saggi di danza, conferenze. Dal 2012 la sala polivalente funge anche da cinema.

A Cassino è presente inoltre la scuola di teatro del CUT (Centro Universitario Teatrale).

Eventi[modifica | modifica sorgente]

  • da giugno a settembre: Cassino Arte;
  • 3ª domenica di ogni mese: Fiera dell'Antiquariato;

Persone legate a Cassino[modifica | modifica sorgente]

Economia[modifica | modifica sorgente]

L'economia cittadina si basa prevalentemente sull'industria e sul terziario. Grande spinta all'industrializzazione del territorio fu data dallo Stabilimento Fiat di Cassino, situato nel territorio di Piedimonte San Germano, dallo stabilimento della svedese SKF, dalle cartiere di Cassino e di Villa Santa Lucia e da altri impianti concentrati maggiormente nell'Area Industriale di Cassino-Villa Santa Lucia-Piedimonte San Germano. Nell'area industriale si è insediato negli ultimi anni il Co.S.I.La.M. (Consorzio per lo sviluppo industriale del Lazio Meridionale) nato con lo scopo di favorire gli investimenti nel territorio del Cassinate. Di fondamentale importanza nell'economia cittadina sono il Tribunale di Cassino e l'Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale, che garantiscono l'afflusso in città di migliaia di persone. L'università in particolare, offre grandi potenzialità alle imprese locali e al territorio, sia per la possibilità di reclutamento di figure professionali specialistiche, ma anche per l'acquisizione di consulenze qualificate. Molto importante per l'economia cittadina è il mercato settimanale che si svolge il sabato mattina in Piazzale Miranda ed in alcune vie del centro e che richiama migliaia di persone da tutto il Cassinate.

Turismo[modifica | modifica sorgente]

Cassino è soggetta in prevalenza a turismo religioso e della memoria. Le mete più gettonate per i turisti che arrivano nella Città Martire risultano essere l'Abbazia, l'Historiale ed i cimiteri di guerra, luoghi dal forte potere attrattivo per il loro valore simbolico-sacrale. In particolare l'Abbazia di Montecassino nel periodo 1996-2010 è stata visitata in media da circa 570.000 visitatori all'anno,[18] confermandosi come uno dei luoghi di maggior afflusso turistico del Lazio al di fuori di Roma. Non mancano anche coloro che, sfruttando la posizione geografica della città, a meta strada tra Roma e Napoli e a poca distanza dal Mar Tirreno e dal Parco Nazionale d'Abruzzo Lazio e Molise, scelgono Cassino come base per le loro escursioni, soggiornando nei numerosi hotel o camping presenti in città. Nel complesso, tuttavia, nonostante le grandi potenzialità di Cassino e del territorio Cassinate, il turismo è una risorsa ancora poco sfruttata a livello economico. Cassino, infatti, è meta per lo più di flussi escursionistici giornalieri, che spesso non sono integrati con il sistema economico locale e, quindi, arrecano pochi benefici all'economia cittadina.

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica sorgente]

La città di Cassino è, geograficamente e storicamente, un importante snodo viario e ferroviario, crocevia tra le Regioni Lazio, Molise e Campania.

Strade[modifica | modifica sorgente]

È, inoltre, attraversata dalla S.S.6 Casilina e dalla S.S.V. SS509 Sora-Cassino-Formia, che collega la città con il litorale tirrenico e Avezzano in Abruzzo.

Ferrovie[modifica | modifica sorgente]

Il comune di Cassino si trova sulla tratta ferroviaria Roma-Cassino-Napoli ed è collegato alla Capitale da diversi treni diretti. È collegata, inoltre, all'Abruzzo tramite la tratta Roccasecca-Avezzano. Nel territorio cassinate passa anche la linea dell'Alta Velocità Roma-Napoli. Il Comune di Cassino è servito da due stazioni:

Mobilità urbana[modifica | modifica sorgente]

Nel territorio comunale i trasporti extraurbani sono gestiti da CO.TRA.L. e CLP, con lo scopo di collegare la città con i vari comuni limitrofi. Il servizio pubblico all'interno del comune è in concessione alle aziende Magni e Mastrantoni. Inoltre, Cassino è collegata con la Capitale, numerose località molisane, Perugia, Siena e Firenze grazie all'Autolinea Molise Trasporti.

Bike Sharing

Nel comune di Cassino è attivo Biciclare, un servizio di bike sharing che al momento conta quattro stazioni. Si possono infatti prelevare e riporre le biciclette in via Di Biasio (nel parcheggio multipiano), in piazza Garibaldi (nei pressi della stazione ferroviaria), in piazza De Gasperi (dinanzi al Municipio, nei pressi dell'ufficio postale centrale e della sede principale del Tribunale) ed all'interno del Campus universitario della Folcara in via Sant'Angelo.

Amministrazione[modifica | modifica sorgente]

Nel 1927, a seguito del riordino delle Circoscrizioni Provinciali stabilito dal regio decreto N°1 del 2 gennaio 1927, per volontà del governo fascista, quando venne istituita la provincia di Frosinone, Cassino passò dalla provincia di Terra di lavoro a quella di Frosinone.

Città gemellate[modifica | modifica sorgente]

Cassino è gemellata con:

Sport[modifica | modifica sorgente]

Calcio[modifica | modifica sorgente]

Il calcio a Cassino ha vissuto i momenti migliori tra fine anni settanta ed inizio ottanta e fine anni duemila, quando la principale squadra di calcio ha raggiunto la Serie C2, successivamente chiamata Seconda Divisione. Di seguito le principali società calcistiche:

  • La Nuova Cassino 1924 è la squadra principale della città. Milita attualmente nel campionato calcistico di Promozione dopo la mancata iscrizione per la stagione 2010/2011 alla Lega Pro Seconda Divisione, nella quale aveva militato per 4 anni. Ha ottenuto la promozione in Eccellenza laziale nel campionato 2013/14.
  • A.S.D. Caira Femminile, promossa in Serie A2 (seconda categoria a livello nazionale), dopo aver vinto il campionato di Serie C Girone A nella stagione 2011/2012. È la compagine più importante a livello provinciale ed una tra le maggiori nel Lazio.
  • A.S.D. Real Cassino Terra di Lavoro, milita in Prima Categoria.
  • A.S.D. Colosseo, club rappresentativo dell'omonimo quartiere, milita in Seconda Categoria.
  • A.S.D. Real Theodicea, club rappresentativo della frazione di Sant'Angelo in Theodice, è stata reiscritta nel campionato 2012/13 in Terza Categoria, dopo diversi anni di stop. Nella stagione 2014/15 militerà in Seconda Categoria
  • A.S. Caira, club rappresentativo dell'omonima frazione, milita in Terza Categoria.

Basket[modifica | modifica sorgente]

Il basket cassinate visse gli anni d'oro negli anni ottanta e novanta quando il Basket Cassino, sotto la presidenza di Sergio Longo, divenne la società faro della pallacanestro nella Provincia di Frosinone. La squadra, infatti, raggiunse la B2 (allora quarta categoria per ordine di importanza) e fu allenata, tra gli altri, dal grande cestista russo Sergej Belov, un mostro sacro nel panorama mondiale.

Attualmente sono due le squadra di pallacanestro cittadine:

  • La Virtus Terra di San Benedetto Cassino milita nel campionato di Divisione Nazionale C ed è stata promossa, nella stagione 2013/14, nella più prestigiosa Divisione Nazionale B.
  • L'A.D. Pallacanestro Cassino gioca nel campionato di Promozione.

Pallavolo[modifica | modifica sorgente]

  • A.S.D. Cassino Volley, rappresentativa di pallavolo maschile militante in Serie D.

Altri Sport[modifica | modifica sorgente]

Diverse le altre discipline sportive praticate a cassino: il CUS svolge attività di atletica, tennis, scherma, nuoto, kayak. Numerose le altre società che praticano l'atletica, il nuoto, il tennis, il rugby, la boxe e le arti marziali.

Molto forte la tradizione rallystica. Il rally di Cassino, organizzato per la prima volta nel 1976, è stato uno dei primi nel Lazio. Negli anni ottanta molto popolare fu la prova speciale Cassino-Monte Cassino. Dopo uno stop lungo 10 anni, la competizione tornò a Cassino nel 2001 raggiungendo il maggior prestigio con il "Rally Lirenas", tappa dell'International Rally Cup. Tra il 2006 e il 2011 nuovo lungo stop. La competizione è tornata, infine, all'ombra dell'Abbazia nel 2011 con il Rally "Città di Cassino".

Cassino è stata diverse volte luogo di passaggio del Giro d'Italia di ciclismo. Il 15 maggio 2014 ha ospitato l'arrivo della 6ª tappa del 97º Giro d'Italia, Sassano - Montecassino, la più lunga dell'edizione 2014 del Giro con i suoi 247 Km (divenuti 261 a causa di una deviazione del percorso a causa di una frana in provincia si Salerno[19]); la tappa verrà ricordata per una maxicaduta avvenuta alle porte di Cassino, in cui molti ciclisti riportarono ferite ed alcuni anche fratture[20].

Nel 2013 la città ha ospitato la 77ª edizione dei Campionati Nazionali Universitari, organizzati dal CUS Cassino.

Nel 2016 si terranno invece i Campionati Mondiali Universitari di Corsa Campestre, organizzati dal CUS Cassino.

Impianti sportivi[modifica | modifica sorgente]

In una Cassino in piena ricostruzione fu inaugurato, nel 1967, un centro sportivo che sorge su un'area di 5 ettari all'altezza dell'incrocio tra via Appia Nuova e via Casilina Sud. Il centro, in origine, comprendeva un campo sportivo con pista d'atletica ed un palazzetto dello sport. Successivamente si sono aggiunti, nell'area circostante, due campi da calcio regolamentari per le giovanili calcistiche, uno in erba ed uno in terra battuta, diversi campi da tennis di cui uno coperto ed un altro campo adibito alla pratica del tiro con l'arco. La piscina comunale, nei pressi dello stadio, non è mai stata completata. Nel complesso, la città di Cassino, soffre la mancanza di impianti sportivi comunali adeguati ai canoni odierni. Di seguito sono elencati i principali impianti sportivi comunali:

  • Stadio "Gino Salveti", situato nel centro sportivo, ha una capienza di 3700 posti a sedere.
  • Palazzetto dello Sport, situato nel centro sportivo, ha una capacità di circa 1000 spettatori.
  • Stadio quartiere Colosseo, ha una capacità di circa 800 posti a sedere.
  • Campo sportivo "Franco Nappa", situato nel quartiere San Bartolomeo.
  • Campo sportivo "San Basilio", nella frazione Caira.
  • Campo sportivo "Giampaolo Fazio", nella frazione Sant'Angelo in Theodice.

Altri complessi sportivi

  • Sporting Club Cassino, centro sportivo privato
  • Azzurra Sport Village, centro sportivo privato
  • Circuito internazionale "Lamberto Collari", miniautodromo di automodellismo

Personalità sportive legate a Cassino[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]