Castelliri

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Castelliri
comune
Castelliri – Stemma Castelliri – Bandiera
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Lazio Coat of Arms.svg Lazio
Provincia Provincia di Frosinone-Stemma.png Frosinone
Amministrazione
Sindaco Francesco Quadrini (lista civica) dal 9/06/2009
Territorio
Coordinate 41°41′00″N 13°33′00″E / 41.683333°N 13.55°E41.683333; 13.55 (Castelliri)Coordinate: 41°41′00″N 13°33′00″E / 41.683333°N 13.55°E41.683333; 13.55 (Castelliri)
Altitudine 261 m s.l.m.
Superficie 15,32 km²
Abitanti 3 539[1] (31-12-2010)
Densità 231,01 ab./km²
Comuni confinanti Arpino, Isola del Liri, Monte San Giovanni Campano, Sora, Veroli
Altre informazioni
Cod. postale 03030
Prefisso 0776
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 060020
Cod. catastale C177
Targa FR
Cl. sismica zona 2A (sismicità media)
Nome abitanti castellucciani
Patrono santa Maria Salome
Giorno festivo 22 ottobre
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Castelliri
Posizione del comune di Castelliri nella provincia di Frosinone
Posizione del comune di Castelliri nella provincia di Frosinone
Sito istituzionale

Castelliri è un comune italiano di 3.539 abitanti della provincia di Frosinone nel Lazio.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Territorio[modifica | modifica wikitesto]

Castelliri si trova sui 261 m s.l.m. su di un poggio, che sovrasta il fiume Liri, che da il nome all'omonima valle.

Il territorio comunale, disposto da nord a sud, presenta una grande varietà territoriale, passando dalla zona pianeggiante, posta lungo il Liri, ad un'altra più collinare fino ad arrivare alle propaggini meridionali dei monti Ernici, occupata dal Bosco di Castelliri, che toccano la parte settentrionale del comune.

Tra le cime più alte quella del Monte Castellone, al confine con Veroli, che tocca i 725 m, quella del Colle Lungo, 639 m, e quella del Colle Trauto, 593 m.[2]

Clima[modifica | modifica wikitesto]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il territorio, storicamente appartenuto agli Ernici, entrò definitivamente nell'orbita romana tra il IV e il III secolo a.C.

Dal 1443 fece parte del Ducato di Sora, prima di essere reintegrato nel 1776 nel Regno di Napoli per decisione di Ferdinando I delle Due Sicilie.

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Architetture religiose[modifica | modifica wikitesto]

  • Chiesa Santa Croce
  • Chiesa di S. Rocco
  • Chiesa di Santa Maria Salome
  • Chiesa della Madonna del Campo
  • Chiesa della Madonna di Loreto

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[3]


Cultura[modifica | modifica wikitesto]

Cucina[modifica | modifica wikitesto]

  • Aglio Rosso; è zona di produzione dell'Aglio Rosso, utilizzato in diverse ricette locali.[4]

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica wikitesto]

Strade[modifica | modifica wikitesto]

Tramite la strada regionale 214 Maria e Isola Casamari (SR 214), già strada statale, Castelliri è collegata ad Isola Liri.

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1862 cambiò denominazione da Castelluccio a Castelluccio di Sora, e nel 1878 la cambiò ancora in Castelliri.

Nel 1927, a seguito del riordino delle Circoscrizioni Provinciali stabilito dal regio decreto N°1 del 2 gennaio 1927, per volontà del governo fascista, quando venne istituita la provincia di Frosinone, Castelliri passò dalla provincia della Terra di Lavoro a quella di Frosinone.

Altre informazioni amministrative[modifica | modifica wikitesto]

Fa parte della Comunità montana Valle del Liri e del Consorzio di bonifica Conca di Sora.

Sport[modifica | modifica wikitesto]

  • L'ASD Castelliri 1971 è la locale squadra di calcio.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2010.
  2. ^ Sistema Informativo Territoriale Regione Lazio
  3. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  4. ^ Aglio Rosso su ProdottiTipici.com

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Isola del Liri, Sora, Castelliri, Arpino e Frosinone: storia, arte e cultura, Bruno di Vona, 1991

Galleria immagini[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]