Colfelice

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Colfelice
comune
Colfelice – Stemma
Dati amministrativi
Stato Italia Italia
Regione Lazio Coat of Arms.svg Lazio
Provincia Provincia di Frosinone-Stemma.png Frosinone
Sindaco Bernardo Donfrancesco (lista civica) dal 7/06/2009
Territorio
Coordinate 41°33′00″N 13°36′00″E / 41.55°N 13.6°E41.55; 13.6 (Colfelice)Coordinate: 41°33′00″N 13°36′00″E / 41.55°N 13.6°E41.55; 13.6 (Colfelice)
Altitudine 158 m s.l.m.
Superficie 14,21 km²
Abitanti 1 893[1] (31-12-2010)
Densità 133,22 ab./km²
Frazioni Coldragone, Villafelice
Comuni confinanti Arce, Rocca d'Arce, Roccasecca, San Giovanni Incarico
Altre informazioni
Cod. postale 03030
Prefisso 0776
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 060027
Cod. catastale C836
Targa FR
Cl. sismica zona 2A (sismicità media)
zona 2B (sismicità media)
Nome abitanti colfelicesi
Patrono san Gaetano di Thiene
Giorno festivo 7 agosto
Localizzazione
Mappa di localizzazione: Italia
Colfelice
Posizione del comune di Colfelice nella provincia di Frosinone
Posizione del comune di Colfelice nella provincia di Frosinone
Sito istituzionale

Colfelice è un comune italiano di 1.893 abitanti della provincia di Frosinone nel Lazio.

Geografia fisica[modifica | modifica sorgente]

Territorio[modifica | modifica sorgente]

Situato fra le colline fra il fiume Liri a ovest e il fiume Melfa a est, comprende una parte pianeggiante, solcata dal Rio Proibito e dal Rio Sottile, affluenti del Liri.
Il nome del comune è nato da una crasi fra i nomi delle 2 frazioni che lo compongono: Coldragone e Villafelice.

Clima[modifica | modifica sorgente]

Il clima di Colfelice è un clima di tipo mediterraneo di transizione al continentale, quindi con spiccate caratteristiche continentali, questo dovuto alla distanza dal mare separata da una modesta elevatura di una catena montuosa ben organizzata: i monti Aurunci. Chiusa in una vallata della media valle del liri ad ovest dal antiappennino ed a est l'appennino, facilita a differenza della costa un'elevata escursione termica sia nelle ore diurne che stagionali, con escursioni giornaliere di una giornata soleggiata anche oltre i 15 °C.

Un'altra caratteristica continentale è la formazione di nebbie anche persistenti con conseguente contenimento termico. In estate è facile assistere a fenomeni temporaleschi spesso brevi e con grandine dovuto allo sviluppo verticale termocomvettive delle nubi che si originano dai monti e si estendono verso la costa.

Frequenti sono le formazioni di gelate notturne specie nei mesi invernali le piogge sono più abbondanti nei mesi autunnali e invernali, scarsi i quelli estivi con in genere totale assenza a cavallo dei mesi tra luglio ed agosto l'accumulo si stima intorno i 1299mm annui con picco a novembre 202mm.

I venti seguono i regimi morfologici del territorio mai troppo forti le raffiche restano contenute intorno i 30/40km/h salvo eccezioni i venti più importanti sono la tramontana(N - NE) secca e gelida, il grecale(E - SE) secco e mite il libeccio(SW - O) umido e piovoso ed il maestrale(NO)tende a disciogliere le nubi.

I fenomeni nevosi sono i più incostanti ma dal rischio reale di manifestazioni anche con grossi accumuli, ultimo di recente nel mese di febbraio 2012 con oltre 50cm in genere si manifestano a distanza di due tre anni con accumuli superiori ai 5cm in genere l'accumulo è stimabile tra 1cm a 10cm annui.

Classificazione climatica: zona D, 1425 GR/G

Storia[modifica | modifica sorgente]

Il territorio rimase sempre legato a Rocca d'Arce, di cui seguì le vicende, prima sotto il dominio dei Della Rovere (1475) e poi dei Boncompagni (1579).

Il centro del paese, Coldragone, fu costruito per volontà del duca Giacomo Boncompagni e sostanzialmente ultimato nel 1583. Il nome si ispira allo stemma araldico dei Boncompagni, recante l'immagine di un drago, che è stato ripreso nello stemma comunale, raffigurante appunto "un drago verde, linguato, illuminato di rosso, che si erge sul tetto di una casa, anch'esso di colore rosso, fondata su una collina al naturale".

Nel 1654 si verificò un terremoto che provocò il quasi totale abbandono del centro abitato; verso il 1746, sotto il duca Gaetano, il borgo venne ricostruito e fu edificata la Chiesa di San Giuseppe e San Gaetano; da allora è abitato in maniera stabile.

Il Comune è stato costituito nel 1923. È dal 1927 in provincia di Frosinone.

Società[modifica | modifica sorgente]

Evoluzione demografica[modifica | modifica sorgente]

Abitanti censiti[2]

Cultura[modifica | modifica sorgente]

Eventi[modifica | modifica sorgente]

  • Festival Reggae Positive Vibration (Fine luglio)

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica sorgente]

Strade[modifica | modifica sorgente]

Ferrovia[modifica | modifica sorgente]

Autolinee[modifica | modifica sorgente]

I collegamenti con il capoluogo e con gli altri centri della provincia sono gestiti dalla COTRAL.

Amministrazione[modifica | modifica sorgente]

Nel 1927, a seguito del riordino delle Circoscrizioni Provinciali stabilito dal regio decreto N°1 del 2 gennaio 1927, per volontà del governo fascista, quando venne istituita la provincia di Frosinone, Colfelice passò dalla provincia di Caserta a quella di Frosinone.

Gemellaggi[modifica | modifica sorgente]

Altre informazioni amministrative[modifica | modifica sorgente]

Sport[modifica | modifica sorgente]

Calcio[modifica | modifica sorgente]

L'Associazione Sportiva Colfelice ha militato nel campionato di Promozione, avendo vinto nell'ultima giornata il campionato di Prima Categoria 2008/2009.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2010.
  2. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]