Alatri

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Alatri
comune
Alatri – Stemma Alatri – Bandiera
Alatri – Veduta
Dati amministrativi
Stato Italia Italia
Regione Lazio Coat of Arms.svg Lazio
Provincia Provincia di Frosinone-Stemma.png Frosinone
Sindaco Giuseppe Morini (Partito Democratico) dal 30/05/2011
Territorio
Coordinate 41°43′35″N 13°20′32″E / 41.726389°N 13.342222°E41.726389; 13.342222 (Alatri)Coordinate: 41°43′35″N 13°20′32″E / 41.726389°N 13.342222°E41.726389; 13.342222 (Alatri)
Altitudine 502 m s.l.m.
Superficie 97,46 km²
Abitanti 29 642[1] (31/12/2012)
Densità 304,15 ab./km²
Frazioni Vedi elenco
Comuni confinanti Collepardo, Ferentino, Frosinone, Fumone, Guarcino, Morino (AQ), Trivigliano, Veroli, Vico nel Lazio
Altre informazioni
Cod. postale 03011
Prefisso 0775
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 060003
Cod. catastale A123
Targa FR
Cl. sismica zona 2B (sismicità media)
Cl. climatica zona D, 1 842 GG[2]
Nome abitanti alatresi, alatrensi o alatrini
Patrono san Sisto I Papa
Giorno festivo mercoledì dopo Pasqua - 11 gennaio
Localizzazione
Mappa di localizzazione: Italia
Alatri
Posizione del comune di Alatri nella provincia di Frosinone
Posizione del comune di Alatri nella provincia di Frosinone
Sito istituzionale

Alatri (IPA: [aˈlatri][3]) è un comune italiano di 29.642 abitanti della provincia di Frosinone nel Lazio.

È una delle città principali della Ciociaria e la terza della provincia per popolazione dopo Frosinone e Cassino. È l'antica Aletrium, che fu uno dei centri principali del popolo italico degli Ernici. Nota soprattutto per l'acropoli preromana cinta da mura megalitiche, tuttora ben conservata, della quale risalta per imponenza la Porta Maggiore, possiede inoltre un significativo patrimonio di monumenti di notevole interesse architettonico e artistico, quali la chiesa collegiata romanico-gotica di Santa Maria Maggiore, la basilica concattedrale di San Paolo, le chiese di San Francesco e San Silvestro, il protocenobio di San Sebastiano, le ottocentesche fontane monumentali, il Palazzo Gottifredo e il Palazzo Conti-Gentili ornato da una grande meridiana murale.

Gli abitanti di Alatri sono noti come alatresi, alatrensi o alatrini[4].

Indice

Geografia fisica[modifica | modifica sorgente]

Territorio[modifica | modifica sorgente]

La città di Alatri sorge su una collina bigemina nel cuore della Ciociaria, alle pendici dei Monti Ernici che costituiscono il confine naturale del Lazio con l'Abruzzo.

Il vasto territorio alatrense, pianeggiante a sud e montuoso o collinoso per la parte restante, comprende anche l'isola amministrativa di Pratelle, compresa tra il comune di Collepardo e quello abruzzese di Morino, dove si registra l'altitudine massima di 2.064 m s.l.m. (monte Passeggio); da qui degrada fino al minimo di 175 m della piana di Tecchiena[5], comprendendo nella sua estensione gran parte del bacino del fiume Cosa, affluente del Sacco che scorre ad est del centro cittadino in direzione nord-sud.

Secondo la Carta Geologica d'Italia redatta dal Servizio Geologico d'Italia[6] il territorio alatrense è composto in gran parte da suoli di "calcari granulari bianco-giallastri con grosse rudiste caratteristiche del Senoniano":[6] inoltre, alcune zone sono formate da calcari giallastri forse appartenenti al Miocene inferiore ed arenarie argillose o calcarifere e talora gessifere.[6] Le aree più basse del territorio, come la valle del torrente Cavariccio, sono formate da tufi vulcanici (pozzolana e peperino).[6] Parallelamente al corso del torrente Cavariccio passa una frattura visibile nel terreno.[6]

Clima[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Stazione meteorologica di Alatri.

Secondo i dati medi del trentennio 1961-1990, ad Alatri la temperatura media del mese più freddo, gennaio, si attesta a +5,6 °C, mentre quella del mese più caldo, agosto, è di +23,2 °C[7].

Alatri sotto la neve del febbraio 2012 (87 cm )
Alatri Mesi Stagioni Anno
Gen Feb Mar Apr Mag Giu Lug Ago Set Ott Nov Dic Inv Pri Est Aut
T. max. mediaC) 9,1 10,4 13,2 16,7 20,8 24,8 28,7 29,2 24,9 19,1 13,9 10,6 10,0 16,9 27,6 19,3 18,5
T. min. mediaC) 2,2 2,7 4,8 7,7 11,3 14,8 17,3 17,2 14,8 10,7 6,9 4,1 3,0 7,9 16,4 10,8 9,5

Storia[modifica | modifica sorgente]

Le origini del nome

L'attuale nome di Alatri (testimoniato in greco antico nella forma Αλέτριον) deriva dal nome latino Aletrium (talora italianizzato in Aletrio[8]), trasformato in Alatrium nella pronuncia popolare (Plauto e Liber coloniarum) e che, tramite il locativo, ha dato come esito il toponimo moderno[9]. Non si conosce la forma del toponimo in uso in epoca preromana e tantomeno un suo eventuale significato, ma le sue origini sono probabilmente erniche o ernico-etrusche.

Sono tuttavia state proposte anche altre teorie[10] che riferiscono il nome ad una matrice mediorientale:

  • L'orientalista del XIX secolo Cesare Antonio De Cara aveva ritenuto che il termine originario fosse Pal-ati-ri, divenuto quindi (P)al-at(I)-ri per la caduta della labiale aspirata e per la sincope della i di ati. De Cara attribuì il toponimo alle antiche lingue dell'Asia Minore ((P)al starebbe per "emigrante", (H)at sta per Hatti e ri indicherebbe possesso) e ne ricostruì il significato come: "(la città, o il luogo) che appartiene agli Hatti, venuti da lontano".
  • Sempre nell'Ottocento il cardinale Camillo Tarquini aveva invece supposto un collegamento al nome di El-Edrei, "la città il cui braccio è Dio", una città preisraelitica dell'antica Betanea in Palestina, l'odierna Der'a, al confine tra la Siria e la Giordania.
  • Esiste anche un'ipotesi secondo cui la radice Baalath, la principale figura del panteon fenicio avrebbe crasato con la desinenza -rum, propria delle nuove popolazioni, in Alatrum.
  • Nel 2002, gli studi di don Giuseppe Capone (vedi"Alatri. Il nome antico di una città più antica, ed. Tofani") ripropongono, su base di documentazione archeologia, l'origine del nome Alatri derivante dal mondo mesopotamico. In quel volume l'autore riporta due tavolette cuneiformi dell'antica città di Mari, risalenti al 1700 a.C. (siglate rispettivamente ARM I, 39 e ARM IV, 28), custodite nel museo archeologico di Damasco. In entrambe, si nomina una città, situata lungo la strada carovaniera, a nord - ovest della Mesopotamia, al confine col mondo Hittita. Questa città aveva il nome di "Alatri". Nello specifico, le tavolette indicano i nomi A-la-at-re-eki / A-la-at-ru-ùki, resi in “Alatrû” dal prof. J. M. Durand (traduttore in francese delle tavolette degli archivi reali di Mari - J. M. DURAND, Documents épistolaires du palais du Mari, T. II, pp. 48 – 49, Paris 1998). L'ipotesi di don Capone propone di approfondire la ricerca sul fatto che l'Alatri del mondo mesopotamico abbia potuto trovare corrispondenza nella Alatri moderna, forse attraverso una trasmigrazione di quella popolazione. Una tesi che deve valutarsi anche sulla base della descrizione dell'Alatri mesopotamica. Nella prima tavoletta, infatti, un informatore descrive la città al re Samsi - Adad in questi termini: "Alatri è forte; i suoi bastioni sono quelli antichi, e non ne sono stati costruiti altri. Io conosco bene questa città: ci sono passato tante volte. Posso dire con certezza che è costruita su di un’altura e che i suoi bastioni sono enormi".
La Torre alata nello stemma di Alatri

Un'etimologia popolare si richiama allo raffigurazione sullo stemma cittadino — che tuttavia è storicamente documentato solo dagli inizi del XII secolo (stemma del cardinal Ugone da Alatri) — della Torre alata o Alata Turris, che, per contrazione, sarebbe divenuta Ala(ta)t(ur)ri(s).

Ricostruzione del tempio di Alatri (Museo nazionale etrusco di Villa Giulia, Roma)
I resti del portico fatto costruire da Betilieno Varo
Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Storia di Alatri.

La presenza umana nel territorio di Alatri è accertata dal periodo calcolitico. L’archeologo francese Louis-Charles-François Petit-Radel (1756-1836) pose la datazione della fondazione di Alatri prima della Seconda Colonia Pelasgica, risalente al 1539 a.C.,[11]. In epoca storica la città è abitata dalla popolazione italica degli Ernici. Nel 380 e nel 362 a.C. gli Ernici entrano in conflitto con Roma. Nella successiva rivolta del 306 a.C. Alatri, rimasta fedele a Roma, ottiene di restare indipendente e conosce un periodo di benessere, che ha un culmine nel primo quarantennio del II secolo a.C. in coincidenza con la riorganizzazione urbanistica e amministrativa della città promossa dal censore Lucio Betilieno Varo. Tra il III e il II secolo a.C. si data il piccolo tempio di Alatri, di tipo etrusco-italico, i cui resti sono conservati nel Museo nazionale etrusco di Villa Giulia a Roma, che ne ospita anche una ricostruzione a grandezza naturale.

Nel 90 a.C. Alatri ottiene la piena cittadinanza romana. Si suppone che il Cristianesimo sia arrivato già nell'età apostolica, sebbene la presenza di cristiani nella città non sia documentata prima del 380.

Dopo la caduta di Roma la città subisce le invasioni barbariche e la sanguinosa guerra tra Odoacre e Teodorico. Nel 543 Alatri è saccheggiata da Totila e rimane completamente distrutta; l'anno successivo viene inclusa nel Ducato romano, soggetto all'autorità papale. Nel 1173 Alatri conquista l'autonomia comunale. Nel 1186 la città, durante le lotte del papato contro l'impero, è assediata dall'esercito di Enrico VI al quale riesce tuttavia a resistere. Nel Duecento il comune alatrense si espande a danno dei paesi limitrofi: sottomette Collepardo ed in seguito anche Trivigliano, e aggredisce Vico nel Lazio, che verrà assoggettata all'inizio del XIV secolo, quando anche Frosinone sarà costretta a partecipare al Parlamento di Alatri e fornire truppe al comune ernico. Un forte periodo di sviluppo economico, monumentale ed edilizio si ha con la nomina del cardinal Gottifredo di Raynaldo a podestà nel 1286.

La cattività avignonese del papato coincide con una fase di decadenza per Alatri, che nel 1324 viene conquistata da Francesco de Ceccano. Nel 1357 le Costituzioni egidiane obbligano la città a restituire la signoria su Trivigliano al papato e quella su Torre ai Caetani. Durante lo scisma d'occidente la città è occupata dalle milizie papali e rimane forzatamente fedele a Urbano VI. Tuttavia, a seguito dell'ingresso in città di Onorato Caetani, che cattura quaranta nobili, gli alatrensi per difendersi da ulteriori scorrerie nominano i Conti signori della città. Nel Quattrocento il dominio sulla città da parte di re Ladislao I di Napoli (1408-1414) divide la città in fazioni. In seguito, salvo la breve signoria di Filippo Maria Visconti nel 1434, Alatri deve sottostare al diretto potere pontificio, che si fa più soffocante. Nel XVI secolo il Sacco di Roma e la successiva occupazione spagnola lasciano la città impoverita e a dover fronteggiare la peste. La situazione economica si aggrava anche a causa di lunghe lotte con i comuni vicini e delle occupazioni da parte di Cesare di Caietani prima, e di Ferdinando Alvarez de Toledo poi.

Interno di Porta Maggiore (inizio Novecento)

Una riorganizzazione sociale e religiosa viene promossa da Egnazio Danti, vescovo della città dal 1583, che istituisce il Seminario Diocesano. Il XVII secolo per Alatri è segnato da due terremoti (1617 e 1654) e nuovamente dalla peste. Nel Settecento la città raggiunge gli ottomila abitanti; viene attuata una riforma delle istituzioni locali, e nel 1729 viene istituito il Collegio delle Scuole Pie.

Con la proclamazione della Repubblica Romana nel 1798 emerge in città un ceto dirigente filofrancese, abbattuto però, nel luglio 1798, da una ribellione che sfocia in un massacro. Nel riordino amministrativo della provincia pontificia di Campagna e Marittima (che cambia nome in Dipartimento del Circeo), Alatri diviene capo cantone di un vasto territorio. Dal 1809 al 1814 la città subisce il dominio dell'impero napoleonico, e la deportazione in Francia di molti dissidenti e del vescovo Giuseppe Della Casa.

La Restaurazione produce un periodo di incertezza politica; il fenomeno del brigantaggio testimonia l'arretratezza generale dello Stato pontificio, nonostante i tentativi di migliorare la situazione (come la realizzazione dell'acquedotto per volere di Pio IX). Con l'instaurazione della Seconda Repubblica romana, il patriota alatrense Sisto Vinciguerra viene eletto deputato alla Costituente.

In seguito all'unificazione della penisola, la popolazione raggiunge i tredicimila abitanti; vengono potenziati i servizi di assistenza ed ha inizio un vivace progresso. Fiorisce anche la vita letteraria e politica. Nello stesso tempo, con l'aumento della popolazione, l'area del centro abitato supera assai presto l'antica cerchia muraria. Nel 1917 l'inaugurazione di una ferrovia vicinale fa cadere l'isolamento in cui si trova la città.

Durante la seconda guerra mondiale la città subisce pesanti perdite umane e la rovina di molti monumenti e abitazioni. Nel 1941 nel territorio di Alatri viene istituito il campo di concentramento delle Fraschette, che rimarrà in funzione fino al 1944. Dopo la guerra Alatri diviene una città florida economicamente, con un potenziamento delle attività commerciali.

Simboli[modifica | modifica sorgente]

Nello stemma di Alatri è raffigurata, dagli inizi del XII secolo, una torre alata (ha preso il posto della scritta S.P.Q.A., che denotava lo stato di civitas in epoca romana). La torre, costituita da due piani sovrapposti, richiama l'impostazione difensiva della città con due cerchie di mura, quella dell'acropoli e quella esterna; le ali simboleggiano l'elevazione della città e rimandano all'interpretazione tradizionale del nome Ale-trium[8].

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica sorgente]

L'acropoli[modifica | modifica sorgente]

Il tratto sud delle mura dell'acropoli e la Porta Maggiore
Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Acropoli di Alatri.

L'acropoli di Alatri – detta Civita – è posta nel cuore del centro storico, sulla cima del colle.

È di notevole interesse per le sue mura in opera poligonale, costituite da diversi strati di megaliti polimorfici che spesso raggiungono la lunghezza di 3 metri, provenienti dalla stessa collina e fatti combaciare perfettamente ad incastro senza l'ausilio di calce o cementi. Il perimetro delle mura è di 2 km.

Su di una roccia affiorante, nella parte più alta dell'Acropoli, è stato rinvenuto nel 2008, un graffito rappresentante un templum (triplice cinta), perfettamente orientato astronomicamente.

L'acropoli, oltre alla rampa d'accesso, presenta due porte d'ingresso, la Porta Maggiore, di tipo sceo come quella di Troia, e la Porta Minore detta dei Falli o della Fertilità. Su di essa sorge la cattedrale (oggi concattedrale) dedicata a san Paolo e, successivamente, a san Sisto I. Le reliquie di san Sisto sono conservate all'interno di un'antichissima urna di piombo, sul cui coperchio è incisa la scritta: «HIC RECONDITUM EST CORPUS XYSTI PP. PRIMI ET MARTIRIS».

La Porta Maggiore è posizionata verso il tratto sudorientale dell'Acropoli, all'opposto della porta dei falli posizionata verso ovest dove c'è l'ombra.

Basilica concattedrale di San Paolo[modifica | modifica sorgente]

Basilica di San Paolo
Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Concattedrale di San Paolo.

Sulla sommità dell'acropoli, sul podio di un antico ierone (altare ernico) e sui resti di un tempio dedicato a Saturno sorgono rispettivamente la Basilica Cattedrale di San Paolo apostolo e l'attiguo Vescovado, risalenti al periodo altomedioevale: ne abbiamo notizie fin dal 930.

A seguito di un importante intervento di ristrutturazione effettuato nel corso del XVIII secolo, entrambi gli edifici si presentano al visitatore moderno con linee e forme settecentesche. La facciata della cattedrale, in pietra e laterizio, è stata realizzata assieme al campanile da Jacopo Subleyras tra il 1790 e il 1808 e mostra di ispirarsi al modello delle maggiori basiliche romane, per la presenza di un unico ordine di paraste a binati. Nel 1884 furono aggiunti l'attico e il timpano. La cattedrale venne dichiarata basilica minore da papa Pio IX nella sua prima visita in città nel 1850[12].

L'interno è a croce latina, a tre navate e con un lungo transetto sopraelevato in corrispondenza del presbiterio. In fondo alla navata destra, si conserva il corpo di S.Alessandro martire, estratto dal cimitero di S. Callisto, donato nel 1640 alla chiesa di Alatri. Tra il materiale artistico di pregio custodito nel luogo sacro vanno annoverati i reperti di un pergamo cosmatesco risalente al 1222.

Il miracolo dell'ostia incarnata[modifica | modifica sorgente]
Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Miracolo eucaristico di Alatri.

Nella chiesa è conservata una particola di carne umana: per i credenti si tratta di un'ostia trasformatasi miracolosamente in carne nel XIII secolo.

Tale avvenimento, la cui veridicità venne riconosciuta dalla Chiesa cattolica tramite un mandatum papale inviato da Gregorio IX al vescovo Giovanni V (13 marzo 1228), viene altresì ricordato dai recenti affreschi presenti nelle cappelle laterali della chiesa.

Le mura[modifica | modifica sorgente]

La porta San Benedetto e il torrione Brocchetti
Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Porte di Alatri.

Approssimativamente concentrica all'Acropoli, e costruttivamente analoga, è una seconda e più ampia cinta di mura, che costituisce lo sviluppo della città pre-romana, romana e medievale; lunga oltre due chilometri e ancora oggi quasi integralmente conservata, circonda il centro storico, caratterizzandosi per il perfetto innesto delle strutture murarie su un ambiente naturale impervio e caotico.

La datazione di queste mura è controversa. L’archeologo francese Louis Charles François Petit-Radel (1756-1836) pose la datazione della fondazione di Alatri prima della Seconda Colonia Pelasgica, risalente al 1539 a.C.,[11]., probabilmente ad opera di una colonia di Ittiti, fuggiti dalla loro patria, l'Anatolia, a causa dell'esplosione di Thera, il cratere centrale di Santorini, nel 1610 a.C.[11]. Secondo Filippo Coarelli[13], esse risalirebbero agli inizi del I secolo a.C., presumibilmente nel contesto delle lotte tra Gaio Mario e Silla, dopo la costituzione del municipio. La datazione è derivata da scavi condotti dallo studioso nell'originario terrapieno dietro la porta San Benedetto, e da un'iscrizione (CIL X 5806) in cui si commemora però, non la costruzione, come erroneamente ritenuto, bensì la ricostruzione delle mura curata dal quattuorviro Publio Betilieno Hapalo, magistrato municipale (il municipio fu istituito a seguito della guerra sociale), la datazione va anteposta a tale periodo, anche per la tipologia di costruzione a carattere megalitico delle porte di accesso.

Nel medioevo l'intero circuito, ad eccezione del tratto meridionale, già di per sé protetto da un duplice sbarramento megalitico, fu ulteriormente rinforzato con l'inserzione di alti torrioni quadrangolari, dai quali veniva esercitato il controllo sui territori circostanti.

Lungo la cerchia esterna delle mura, in corrispondenza dei tracciati viari più antichi ed importanti della città, si aprono cinque porte di accesso, in origine tutte concluse da architravi monolitici.

Architetture religiose[modifica | modifica sorgente]

Collegiata di Santa Maria Maggiore[modifica | modifica sorgente]

La chiesa di Santa Maria Maggiore
Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Collegiata di Santa Maria Maggiore (Alatri).

La chiesa collegiata di Santa Maria Maggiore risale al V secolo: fu edificata sulle rovine di un tempio pagano. L'attuale aspetto romanico-gotico si deve principalmente alle profonde modificazioni operate nel XIII secolo.

Dell'esterno va segnalato il grande rosone realizzato agli inizi del XIV secolo. Nella chiesa sono conservate pregevoli opere quali il gruppo ligneo della Madonna di Costantinopoli (XIII secolo), il Trittico del Redentore di Antonio da Alatri, la Vergine con il Bambino e san Salvatore (prima metà del XV secolo) e il fonte battesimale del XIII secolo.

Chiesa di San Francesco[modifica | modifica sorgente]

Particolare del rosone di San Francesco
Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Chiesa di San Francesco (Alatri) e Cristo nel labirinto.

Costruita tra la seconda metà del XIII secolo e la prima metà del XIV, si caratterizza per una struttura compatta, in stile gotico; la facciata presenta un portale archiacuto e un rosone a colonnine radiali. L'interno, in un'unica navata, venne ristrutturato in epoca barocca e conserva una nota Deposizione di scuola napoletana del Seicento, e un mantello risalente al XIII secolo attribuito a san Francesco d'Assisi.

La chiesa aveva annesso un contiguo convento, i cui ambienti sono attualmente adibiti a sala espositiva, e sono noti come il "Chiostro". In un'angusta intercapedine dell'ex-convento si trova un affresco di notevole interesse raffigurante un Cristo Pantocratore al centro di un labirinto.

Chiesa di Santo Stefano e monastero dell'Annunziata[modifica | modifica sorgente]

Santo Stefano: il portale trilobato

Costruita tra la fine del X e l'inizio dell'XI secolo con dimensioni limitate, la chiesa di Santo Stefano aveva inizialmente forme romaniche. Venne ristrutturata ed ingrandita nel 1284 per volontà del cardinal Gottifredo di Raynaldo secondo i caratteri dell'architettura gotica. Un'epigrafe resta a ricordare l'ampliamento: è scolpita in caratteri gotici su due lastre collocate sugli stipiti del portale; il testo è in versi leonini, ossia esametri e pentametri in rima ed è dedicata al cardinal Gottifredo.

Nel XVI secolo venne privata della navata di sinistra per la costruzione del Monastero dell'Annunziata, fortemente voluto dal vescovo Ignazio Danti e da lui stesso progettato nel 1586, ed ancora molto attivo (nel 1984 ha ricevuto la visita di papa Giovanni Paolo II). Successivi rimaneggiamenti nei due secoli seguenti hanno finito di snaturare il primitivo edificio medievale, lasciando intatto unicamente il portale trilobato, ricollocato tuttavia sul lato destro della chiesa così come il leone crocigero medievale posto sull'apice del timpano.

L'interno è tardobarocco e custodisce numerose opere d'arte tra le quali una pala del Seicento con i santi Stefano, Benedetto e Scolastica sull'altare maggiore, e sulla parete sinistra una tela raffigurante la Vocazione di Matteo dipinta nel 1739 da Filippo Palazzetti. Sul campanile della chiesa è installata una campana detta di San Benedetto risalente al VI secolo e che, secondo la tradizione, sarebbe stata donata da san Benedetto da Norcia al protocenobio di San Sebastiano, retto dal diacono Servando, durante la sua visita del 528.

Chiesa di San Silvestro[modifica | modifica sorgente]

La chiesa di San Silvestro

Ubicata nella zona delle Piagge, venne costruita tra il X e l'XI secolo in un'unica navata, alla quale nel 1331 vennero aggiunte la navata sinistra e la sagrestia. Mantiene ancora oggi le linee romaniche: l'austera semplicità della struttura esterna, la sobrietà dell'interno ed il soffitto a capriate lignee offrono al visitatore suggestioni dal sapore antico.

Notevole, per l'intensità di espressione e per la sua antica fattura, è l'affresco di San Silvestro con il drago del XII secolo, collocato sul lato destro dell'abside. Sul lato opposto immagini votive, rappresentazioni del Nuovo Testamento e successioni di santi, databili tra il XIII ed il XV secolo.

Dall'interno della Chiesa si può accedere alla cripta del IX secolo con volte a crociera e un affresco di Santo Benedicente, di fattura bizantineggiante.

Chiesa degli Scolopi[modifica | modifica sorgente]

La chiesa degli Scolopi

La Chiesa degli Scolopi fu realizzata tra il 1734 ed il 1745 su progetto del padre calasanziano Benedetto Margariti da Manduria ed è dedicata allo Sposalizio della Vergine.

La facciata, in travertino, è concepita come un organismo architettonico a sé stante, e reinterpreta motivi borrominiani; si dispone su due registri orizzontali attraverso un doppio ordine di lesene tuscaniche che inquadrano, al di sotto di un ampio timpano mistilineo, l'unico portale di ingresso con la sovrastante finestra centrale. La grande compostezza del prospetto si conclude con la sequenza verticale delle finestre incorniciate da larghe membrature aggettanti nelle sezioni laterali; queste, secondo l'originario progetto, non portato a compimento, dovevano terminare con due campanili gemelli.

L'interno, a croce greca, con terminazioni absidate, è dominato dalla tensione ascensionale delle lesene corinzie, raccordate fra loro da una trabeazione ininterrotta, su cui si impostano le grandi arcate a tutto sesto che sorreggono la cupola. Molto curata la monocroma decorazione a stucco delle superfici murarie, sulle quali risaltano per contrasto le grandi tele settecentesche, poste ad ornamento dei tre altari della chiesa: sull'altare maggiore troviamo lo Sposalizio della Vergine, dipinto nel 1731 da Carmine Spinetti, mentre sui due laterali trovano posto una Crocifissione del pittore veneto Benedetto Mora e un'opera non firmata raffigurante San Giuseppe Calasanzio, realizzata nella seconda metà del Settecento per celebrare il padre fondatore dell'Ordine degli Scolopi.

La chiesa, chiusa al culto, ospita esposizioni ed eventi di vario genere.

Architetture civili[modifica | modifica sorgente]

Palazzi storici[modifica | modifica sorgente]

Palazzo Conti-Gentili[modifica | modifica sorgente]
La meridiana, opera del M° Angelo Secchi

Il Palazzo Conti-Gentili, edificio gentilizio che risale al XIII secolo, compone uno dei lati della piazza Santa Maria Maggiore, ed è saldato su di un fianco alla chiesa degli Scolopi, con la quale condivide gran parte della sua storia recente: per oltre due secoli è infatti stato sede del Collegio delle Scuole Pie, retto dal 1729 ed il 1971 dalla comunità religiosa dei Padri Scolopi. Non conosciamo i primi proprietari del palazzo, sono noti però quelli successivi, i Tuzi e i Conti.

Della struttura duecentesca, e del profondo porticato terreno che la connotava, non rimane che il grande portale archiacuto d'ingresso. La veste attuale del prospetto si deve infatti ad un'opera di ammodernamento dei piani inferiori voluta dall'allora proprietario Giovanni di Francesco Tuzi, detto Turco, nel 1532, cui fece seguito la ristrutturazione degli ordini superiori intrapresa dall'erede Carlo di Francesco Conti, che tra il 1580 ed il 1583 trasformò lo stabile in un'elegante dimora rinascimentale.

Passato al Comune nel 1721 per volontà testamentaria del nobile Giuseppe Conti e della consorte Innocenza Gentili, subì ulteriori trasformazioni che adeguarono l'intero complesso al nuovo ruolo di Palazzo degli studi.

La storica Biblioteca del Palazzo conserva testi di storia locale ed antiche pergamene, tra cui una copia membranacea degli Statuti alatrini del 1582. Presso le antiche sale del Liceo-Ginnasio si trova inoltre un piccolo museo che vanta tra l'altro una pregiata sfera armillare priva di un sistema planetario interno firmata da Giacomo Lusverg a Roma nel 1669.

La grande meridiana presente sulla facciata del palazzo è opera di Angelo Secchi, ed è stata realizzata nel 1867. L'orologio permette di determinare, nei limiti compresi tra le ore dieci e le ore sedici, sia il "tempo vero", evidenziato dai segmenti rettilinei, sia il "tempo medio", individuato dalle figure a forma di otto[14].

Attualmente nel Palazzo hanno sede il Liceo Classico, erede del Collegio, il Liceo Linguistico e il Socio-psicopedagogico, e - al piano terreno - la biblioteca comunale Luigi Ceci, l'anagrafe, il centro studi Pietrobono e il cineauditorium. Nel 2005 vi è stata istituita una sede distaccata della Facoltà di Giurisprudenza dell'università di Roma La Sapienza, il seminario giuridico Riccardo Orestano[15].

Palazzo Gottifredo[modifica | modifica sorgente]
Palazzo Gottifredo, sezione

Concepito nella più totale autonomia dalle consuete forme tipologiche dell'architettura medioevale alatrina, questo edificio, imponente nella sua altezza, è stato costruito intorno alla metà del XIII secolo come residenza del cardinal Goffredo di Raynaldo, ricco feudatario alatrino e dotto diplomatico pontificio durante gli anni della lotta anti-imperiale.

Il disegno del palazzo è espresso dalla fusione tra due robuste case-torri, diverse per stile ed epoca di costruzione, collegate fra loro da un ampio corpo longitudinale, che si snoda con un profilo sfaccettato per gran parte del corso Vittorio Emanuele. Le notevoli difformità stilistiche sono rese evidenti, oltre che dalla diversa ornamentazione dei due ingressi principali, anche e soprattutto dalla diversa disposizione delle aperture superiori: assai irregolari e rade nella più antica torre angolare, alquanto ordinate e strutturalmente più organiche nei restanti corpi di fabbrica. L'interno è in parte compromesso dal crollo delle grandi arcate ogivali che sostenevano il settore centrale della copertura. Oggi è sede del museo civico archeologico.

Palazzo comunale[modifica | modifica sorgente]
Palazzo Comunale

L'edificio originario venne innalzato nella prima metà del XII secolo, e fu in seguito ristrutturato nel 1395 e poi nel 1558. Tra il 1863 e il 1870 ha assunto le attuali forme neoclassiche per opera dell'architetto Raffaele Boretti. L'orologio che ne coronava la facciata è andato distrutto sotto i bombardamenti della seconda guerra mondiale.

Palazzo Grappelli[modifica | modifica sorgente]

Si tratta di un possente edificio risalente al XIII secolo, munito di torre (Torre Grappelli). Noto anche come Palazzo Patrassi o Patrassi-Grappelli, dal nome dei primi proprietari, fu un importante punto di riferimento per la vita politica della città durante l'età comunale. Nel XVII secolo venne ampliato per volontà di Paolo Grappelli. Così lo descrisse il Gregorovius[16]: «Un'ampia corte interna, belle scale in pietra, un salone magnifico, dove era stato eretto un teatrino, molte stanze con soffitti dipinti e pareti adorne di affreschi, ed infine in mezzo ad alcune costruzioni laterali in pessimo stato, una torre in rovina rivelava che un tempo vi era una fortezza». Alla famiglia alatrense dei marchesi Grappelli appartiene il celebre jazzista Stéphane Grappelli.

Palazzo Amore e Stampa[modifica | modifica sorgente]

Risalente anch'esso al XIII secolo, il Palazzo Amore e Stampa deve l'attuale aspetto alla radicale ristrutturazione del 1855. L'aspetto originario dell'edificio ci è suggerito dalle bifore tamponate e dagli arcate ogivali al piano terreno.

Fontane monumentali[modifica | modifica sorgente]

Fontana Pia. Sullo sfondo la Collegiata
Fontana Pia[modifica | modifica sorgente]

La monumentale fonte, inaugurata nel 1870 e dedicata a papa Pio IX in segno di gratitudine per il cospicuo contributo in denaro elargito alla città nel 1863 per la realizzazione di un nuovo acquedotto, è opera dell'architetto Giuseppe Olivieri. La semplicità degli elementi linguistici, desunti dalla tradizione medievale, è posta al servizio di una più complessa struttura dichiaratamente scenografica, che pur nelle non grandi dimensioni appare deliziosa per finitezza tecnica ed elaborazione; intenso il dinamismo che dalla grande vasca quadrangolare della base raggiunge attraverso la struttura elicoidale dei delfini annodati i due catini con teste leonine, confezionando un leggiadro gioco d'acque.

Fontana Antonini
Fontana Antonini[modifica | modifica sorgente]

Collocata nel rione Spidini, proprio davanti la chiesa di San Gabriele, venne costruita nel 1869. Come riportato dall'iscrizione centrale le spese furono a carico del conte Filippo Antonini, gonfaloniere della città che ne affidò il progetto all'architetto Giuseppe Olivieri. La fontana ha un prospetto strutturalmente semplice e richiama i portoni dei palazzi circostanti: tutto è raccolto entro il motivo classico dell'arcata a sesto pieno, a cui obbedisce ogni altro elemento della posata composizione. Esplicita appena la costruzione allegorica, direttamente ispirata all'araldica degli Antonini, di cui si avverte il ricordo nella chiara allusione a draghi che gettano acqua e alle numerose stelle a otto punte che interrompono la ghiera ed i piedritti dell'arco.

Fontana di Porta San Pietro
Fontana di Porta San Pietro[modifica | modifica sorgente]

Contemporanea alle altre due fontane monumentali della città, fu anch'essa progettata dall'architetto Giuseppe Olivieri, dopo la costruzione dell'acquedotto di Trovalle, inaugurato il 27 dicembre 1866 in questo stesso luogo con una fonte provvisoria. Essa ha un tono semplice e dimesso con il rilievo smorzato dal telaio centrale, atto a raccordare la grande vasca antistante con le due volute che racchiudono la ricca decorazione dello stemma alatrino. La nitidezza del travertino dai toni caldi e preziosi, l'eleganza estrema di ogni particolare abilmente scalpellato, fanno di questa fonte un piccolo ma senza dubbio raffinato capolavoro.

Nel territorio[modifica | modifica sorgente]

Protocenobio, o badia, di San Sebastiano

Protocenobio di San Sebastiano[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Protocenobio di San Sebastiano.

Edificio di grande suggestione, la sua costruzione risale alla fine del V secolo per volere del prefetto delle Gallie Liberio, che l'affidò all'abate Servando; in origine il complesso ospitò una delle più antiche comunità cenobitiche d'Occidente, tanto che non è da escludersi che proprio in questo sito abbia avuto stesura la Regula Magistri, alla quale si ispirò san Benedetto da Norcia che qui soggiornò nel 528. Oggi il monastero appare come una suggestiva opera architettonica dalle linee medievali, con decorazioni duecentesche raffiguranti la vita di Cristo e della Madonna.

Grancia di Tecchiena[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Tecchiena.

Sorge alle pendici del piccolo colle Monticchio, sul quale, intorno all'XI secolo, sorsero per volontà del popolo di Alatri alcune fortificazioni. Continue contese con la vicina Ferentino, sfociate in autentiche azioni belliche, indussero nel 1245 papa Innocenzo IV a privare il comune alatrino di qualsiasi diritto su ciò che restava del castello, incamerando l'area di Tecchiena nei beni della Chiesa e rivendendola successivamente (nel 1395) ai Certosini di Trisulti. I monaci fondarono una vera azienda agricola che nella seconda metà del XVIII secolo fu trasformata nell'attuale complesso della Grancia (granaio), che gestirono fino agli inizi del Novecento. La struttura consta di più corpi riuniti da linee settecentesche che hanno saputo fondere edificio e paesaggio. Nei pressi del complesso sono visibili alcune rovine dell'antico castello.

Convento dei Padri Cappuccini[modifica | modifica sorgente]

Il convento dei Cappuccini visto dall'acropoli
Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Convento dei Cappuccini (Alatri).

Il Convento dei Cappuccini sorge sul colle San Pietro (nelle vicinanze del centro storico della città), dove nell'antichità si ergeva un tempio dedicato alla dea Bellona. Nei primi secoli del Cristianesimo vi fu eretta una chiesa dedicata a San Pietro da cui nel XIII secolo si sviluppò una comunità di monache benedettine alle quali nel 1566 si sostituirono i Cappuccini, che sottoposero il monastero ad ampi rifacimenti.

Nella chiesa di San Pietro, in stile tardorinascimentale ma totalmente ristrutturata nella seconda metà del Settecento, si trova un monumentale altare maggiore in legno di noce, costruito da padre Giovanni da Collepardo nel 1755, decorato dalla luminosa pala dell’Immacolata Concezione dipinta dal pittore alatrense Vincenzo Cerica.

Chiesa della Donna[modifica | modifica sorgente]

La chiesa della Donna si trova sulla Strada statale 155 di Fiuggi, nel punto dove da questa si diparte via Provinciale, che conduce al centro di Alatri. Fu costruita sul finire del XIII secolo ma il suo aspetto risente di interventi del XVIII secolo e poi del XIX, quando l'ingresso venne spostato dal lato che guarda verso Alatri a quello opposto, sulla Statale, e fu realizzata l'attuale facciata neogotica. All’interno vi è ancora traccia delle arcate gotiche presenti in origine, sebbene il soffitto, settecentesco, si presenti oggi costituito da una struttura cassettonata policroma con finte capriate. Il presbiterio è coperto da una volta a carena a cassettoni decorati da rosette. La cantoria, posta al di sopra dell'ingresso, è coperta da una volta a crociera affrescata con un cielo stellato. Degli antichi dipinti votivi della chiesa ci sono giunti una Madonna in trono con Bambino e quattro figure di Santi, e a destra dell'ingresso un affresco attribuito ad Antonio da Alatri raffigurante una Vergine, il Bambino e San Giovanni Battista[17].

Chiesa della Maddalena[modifica | modifica sorgente]

Dedicata dal 1196 alla Maddalena penitente, sorge nelle vicinanze del centro di Alatri, ai piedi del monte Sant'Angelo in Formis, nel luogo anticamente adibito a lebbrosario. La chiesa, sobria ed essenziale, fu costruita alla fine dell'XI secolo. Sulla facciata, preceduta da un portico, spicca il portale lunettato, sormontato da una stretta monofora ampiamente strombata.

L'interno, in un'unica navata, è costituito da tre grandi archi che sorreggono il tetto. Sulle pareti si conserva un'interessante serie di pitture ad affresco quattrocentesche, rappresentanti santi e sante, opera probabile del pittore locale Antonio da Alatri.

Il tema iconografico dominante è costituito dalla figura di Maria Maddalena, replicato più volte all'interno della chiesa. Sulla parete destra della chiesa, è invece, raffigurato il trecentesco affresco di un santo vescovo, seguito dalla figura di san Pietro della prima metà del Cinquecento e la quattrocentesca raffigurazione della Trinità vicino all'ingresso. Il ciclo pittorico viene concluso dalla figura panneggiata della Madonna col Bambino, dipinta nell'ambito del presbiterio. Sulla parete d'ingresso della chiesa si trova un grande quadro dipinto da Raffaele Zappelli nel 1877 raffigurante san Cristoforo e il Bambino Gesù.

Chiesa delle XII Marie[modifica | modifica sorgente]

È una tipica cappellania rurale, situata fuori dell'abitato, costruita nel tardo Trecento a partire da una primitiva piccola cona. La chiesa, ad unica navata, è particolarmente interessante per la teoria di Santi e Sante e per le dodici raffigurazioni mariane che ne adornano le pareti e danno il nome alla chiesa, attribuite alla mano del pittore tardo-gotico Antonio da Alatri.

Entrando, sulla parete sinistra, si può ammirare oltre ad una Madonna col Bambino e un Sant'Antonio Abate, un'altra immagine della Vergine affiancata da una duplice raffigurazione di san Leonardo dall'inconfondibile attributo dei ceppi; accanto, la figura inginocchiata del committente. Ad altra mano appartengono invece le figure di san Giovanni Battista, di Cristo nel Sepolcro e di san Floriano, poste sulla parete di fondo. Nella piccola icona, invece, nel riquadro che accoglie una Madonna col Bambino tra i santi Giovanni Evangelista e Sisto I papa e in quelli che accolgono la Vergine col bambino e una figura di santa orante, prevale decisamente lo stile senese. Sulla parete sinistra, ancora le raffigurazioni del pittore Antonio di Alatri con tre Vergini col Bambino insieme a santa Caterina d'Alessandria, santa Lucia e san Giovanni Battista. Infine, sulla parete d'ingresso trovano posto le ultime due immagini della Maternità di Maria.

Chiesa di Portadini[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Chiesa di Portadini.

La Chiesa di Portadini si trova immediatamente all'esterno del tratto meridionale della cinta muraria, in prossimità dell'omonima porta, in un antico luogo di sosta per i contadini in cammino tra la città e i campi. È costituita da un unico ambiente e ha una semplice facciata con porta principale, due finestre laterali e una finestra centrale.

L'interno conserva un'icona rinascimentale, di autore ignoto, raffigurante una Madonna nell'atto di allattare; riguardo a tale immagine gli archivi storici del comune di Alatri narrano di un evento miracoloso che sarebbe avvenuto nel maggio 1619: colpita da un sasso in corrispondenza della guancia, l'icona si sarebbe gonfiata sanguinando. L'evento è riportato anche tra gli atti pubblici dell'epoca. L'immagine viene venerata nel giorno della festa della Madonna della Risurrezione.

Chiesa della Madonna della Sanità[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Chiesa della Madonna della Sanità.

È una cappella situata nella zona di Colleprata. Conserva una Madonna idropica e altri tre affreschi: un Cristo, una Maddalena e un San Sebastiano, del Maestro della Madonna di Alvito.

Scavi archeologici presso Monte Lungo[modifica | modifica sorgente]

Negli anni settanta, presso la collina di Monte Lungo vennero segnalate da un contadino locale alcune pietre intagliate che ricordavano le costruzioni delle mura dell'Acropoli. Scavi successivi guidati dalla Soprintendenza della regione Lazio, in associazione con l'archeoclub locale, portarono alla luce resti di muraglie del tutto simili a quelle delle città saturnie, appartenenti al gruppo della "prima maniera". Varie sono state le ipotesi, pubblicate peraltro nel 1988[18], dal paese gemello all'avamposto militare: l'opzione che oggi si ritiene la più probabile è legata alla mancanza di organicità delle mura e sottolinea come in realtà possa trattarsi di alcune prove fatte dai costruttori prima di accingersi alla fondazione della città.

Campo di internamento delle Fraschette[modifica | modifica sorgente]

Il Campo delle Fraschette fu un campo di internamento istituito nel 1941 dalle autorità militari del regime fascista nel territorio di Alatri, in località Fraschette.

Società[modifica | modifica sorgente]

Un vicolo

Evoluzione demografica[modifica | modifica sorgente]

Abitanti censiti[19]


Etnie e minoranze straniere[modifica | modifica sorgente]

Al 31 dicembre 2009 ad Alatri risultano residenti 2.230 cittadini stranieri. Le nazionalità più numerose sono le seguenti:[20]:

Lingue e dialetti[modifica | modifica sorgente]

Carta linguistica del Lazio meridionale: l'area di interscambio linguistico tra i dialetti mediani e quelli meridionali è bordata in rosso[21].
Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Dialetto alatrense e Dialetto ciociaro.
« Drent'a chessa baracca agliuminatə,
tə vidə ssə mucchittə 'nculorə də rosa,
Tu, Juccia mè, chə stai tutta pənzosa
Forcia suspiri i penzi carch'a mì?...
O Juccia mè, sì 'n angigli la fata də stə corə.
Pu tti, bella, m'əntəsechə
Je mə strui d'amorə... »
(Gerardo Celebrini e Giovanni Ricciotti, Juccia (1900)[22])

Nella cittadina accanto alla lingua italiana resta vitale il dialetto alatrense, un dialetto ciociaro, parte quindi del più ampio gruppo dei dialetti mediani. Esso presenta tuttavia molte caratteristiche tipiche dei dialetti meridionali, come la presenza dello schwa: difatti il comune di Alatri ricade – insieme a quelli di Frosinone, Veroli, Sora – nella cosiddetta zona di interscambio linguistico tra i due gruppi[21].

Tradizioni e folklore[modifica | modifica sorgente]

Virgilio Ceci, più volte campione del Palio di Alatri
  • San Sisto "Ginnàr'" (11 gennaio): anniversario dell'arrivo ad Alatri delle reliquie del Santo Patrono;
  • Processione del Venerdì Santo: rievocazione storico-religiosa delle Sacre scritture, della via Crucis e del Golgota;
  • Festa di San Sisto (mercoledì dopo Pasqua): festeggiamenti in onore del Santo;
  • InfiorAlatri: infiorata del Corpus Domini; nel 2000 è entrata nel Guinness dei Primati come infiorata più lunga mai realizzata (1475,86 m);
  • Natale di Alatri (21 giugno): "Nascita di Alatri da un raggio di sole" (festa ispirata a una teoria sulla genesi della città ernica di don Giuseppe Capone);
  • Madonna della Libera (8 settembre): in occasione della ricorrenza della compatrona di Alatri si svolge la "Fiera delle cipolle"; ogni 50 anni è festa solenne.
  • Palio delle Quattro Porte (8 settembre): simile al classico gioco della ruzzola, in costume d'epoca: una forma di parmigiano di circa 30 kg viene fatta rotolare lungo un percorso che termina presso il Chiostro di San Francesco;
  • Presepe Vivente: si svolge nei caratteristici vicoli delle Piagge.

Istituzioni, enti e associazioni[modifica | modifica sorgente]

L'Ospedale San Benedetto
  • Ospedale Civile San Benedetto
  • Centro polifunzionale "Le Rondini"
  • Casa di riposo per anziani Giovan Battista Lisi
  • Centro Sociale Anziani

Associazioni[modifica | modifica sorgente]

  • Accademia di Musica Charlie Parker, associazione culturale non profit, sedi Alatri e Frosinone;
  • Acropolis: Associazione culturale[senza fonte];
  • ACTA - Arte, Cultura e Tradizioni Alatrensi: associazione culturale che organizza laboratori e concorsi di pittura, scultura, poesia, fotografia, artigianato, e si occupa inoltre della realizzazione dell'infiorata del Corpus Domini;
  • Associazione Culturale "Le Mura": Centro ricerca e divulgazione Storia delle Città con mura in opera poligonale;
  • Alatri Viva: associazione culturale e di volontariato che si propone di promuovere eventi culturali, valorizzare il patrimonio artistico, difendere l'ambiente e tutelare i diversamente abili e gli svantaggiati in genere, anche sensibilizzando l'opinione pubblica;
  • Coro Ernico, coro polifonico;
  • Gruppo folk Aria di Casa Nostra: fondato nel 1950 con l'intento di mantener vivi i canti, le danze e le tradizioni ciociare di Alatri: negli anni il gruppo ha partecipato a festival folk internazionali, a trasmissioni televisive italiane – Almanacco, L'ora dell'agricoltore, Non è mai troppo tardi – e straniere, ad alcuni documentari e anche ad un film, Straziami, ma di baci saziami (1968), con Nino Manfredi protagonista nel ruolo di un barbiere alatrense[23];
  • Gruppo folk Gli Paes' Mei, gruppo folkloristico, esegue balli, canti e attività teatrali, in linea con le tradizioni locali.
  • UNIETA' - L'Università per ogni Età e il Tempo Libero, www.unieta.it. Promuove la più ampia diffusione della cultura e dell'istruzione per il pieno sviluppo della personalità dei cittadini. Sedi Alatri e Frosinone.[senza fonte]

Cultura[modifica | modifica sorgente]

Istruzione[modifica | modifica sorgente]

Biblioteche[modifica | modifica sorgente]

  • Biblioteca comunale Luigi Ceci
  • Biblioteca del Liceo classico Conti-Gentili[24]
  • Biblioteca Molella[25]
  • Biblioteca del Convento dei Cappuccini[26]
  • Biblioteca del Seminario vescovile[27]

Museo civico[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Museo Civico di Alatri.

Negli ambienti di proprietà comunale di Palazzo Gottifredo, restaurati negli anni ottanta, è ospitato il Museo civico.

Media[modifica | modifica sorgente]

Radio[modifica | modifica sorgente]

Stampa[modifica | modifica sorgente]

Televisione[modifica | modifica sorgente]

  • Ernica TV
  • Alatri TV, web TV

Cucina[modifica | modifica sorgente]

La cucina popolare alatrese è caratterizzata da un forte legame con l'agricoltura di sussistenza, che sempre ha prevalso nella regione: non vi è quindi una netta tradizione legata ad animali di grossa taglia, né tanto meno al pesce. L'elemento centrale è quello cerealicolo, con ottime elaborazioni di pasta (per lo più all'uovo), pane e dolci secchi. La carne più consumata è quella bianca, con pollami e conigli, anche se la regina della tavola resta sempre di origine ovina, sia essa carne, che latte e derivati. Frutti e verdure sono quelli tipici dell'Italia centrale; famosi nella zona sono i broccoletti di Alatri, il cui consumo (curiosità) sembrerebbe legato all'alta incidenza, in passato, di gozzo, endogeno nella popolazione locale.

Di notevole qualità sono gli oli d'oliva locali: nel 2006 l'Olio Quattrociocchi, del Frantoio Quattrociocchi Amerigo di Alatri, ha vinto l'undicesima edizione del Biol ad Andria con un voto di 82,60 su 100: è risultato il migliore del 2006 tra gli oltre 250 oli in gara, meritandosi il titolo di "Miglior olio biologico del mondo"[28]. Nuovi riconoscimenti agli oli alatrensi sono giunti in occasione del concorso oleario internazionale Sol d'Oro, che nel 2010 ha visto premiato il fruttato intenso del frantoio Quattrociocchi[29].

Eventi[modifica | modifica sorgente]

Festival del Folklore 2006
  • Festival Internazionale del Folklore (12-16 agosto)
  • International chidren's folk festival (fine maggio)
  • Rievocazione storica della Passione di Cristo, venerdì santo
  • Saturno International Film Festival (prima settimana di novembre)[senza fonte];
  • Biennale d'Arte contemporanea: da ricordare le esposizioni di Joan Mirò, Salvador Dalí, Ugo Nespolo, Mario Giacomelli e molti altri; nel 2005 per la XXX edizione della Biennale, è stata allestita una mostra antologica dell'opera di Giacomo Manzù;
  • Alatri Jazz International Jazz Festival & Masterclass (agosto e dicembre): lezioni di jazz e concerti jazz itineranti per le strade e piazze della città, ideatore e Direttore Artistico maestro Mauro Bottini;
  • Alatri dal vivo: concerti di gruppi rock emergenti (luglio-agosto);
  • Teatro all'ombra dei Ciclopi: serie di rappresentazioni teatrali (durante la stagione estiva);
  • Premio Giornalistico Alberto Minnucci: concorso giornalistico nazionale riservato al corrispondente locale, la giuria è presieduta da Sergio Zavoli; tra i premiati alla carriera: Bruno Vespa, Enzo Biagi, Carmen Lasorella, Lilli Gruber, Giorgio Tosatti.
  • Palio delle Quattro Porte, prima domenica di settembre
  • Giornate del patrimonio culturale di Alatri (ottobre): manifestazione che ha l'obiettivo di far conoscere e valorizzare il patrimonio culturale della città. La prima edizione – "Passeggiate alatrensi" – è incentrata sull'opera di quegli artisti, storici e archeologi che nell'Ottocento visitarono Alatri.

Persone legate ad Alatri[modifica | modifica sorgente]

  • Pio IX: pontefice. Donò 2000 Scudi per la costruzione dell'Acquedotto di Alatri e la Fontana Pia in Piazza Santa Maria Maggiore
  • Giovanni XXII: pontefice (1316-1334), per un brevissimo periodo fu Podestà della Città di Alatri,
Egnazio Danti
Angelo Cerica
Tina Lattanzi

Geografia antropica[modifica | modifica sorgente]

Urbanistica[modifica | modifica sorgente]

Il centro storico di Alatri si sviluppa all'interno della cinta muraria e ricalca essenzialmente l'assetto urbanistico di epoca romana, sviluppatosi attorno all'acropoli. Nell'abitato si possono distinguere due aree:

  • la prima (rioni dal I al VI, vedi Rioni del centro), posta a nord dell'acropoli, si caratterizza per uno sviluppo regolare, con strade per lo più diritte e sufficientemente ampie, reso possibile dalla pendenza non eccessiva del colle su questo lato; è un'area da sempre destinata a funzioni monumentali e commerciali: qui, in epoca romana, era collocato il Foro, nello stesso luogo oggi occupato da piazza Santa Maria Maggiore che, contornata dai principali monumenti cittadini, mantiene a tutt'oggi la funzione di nodo urbanistico in cui si incrociano le principali vie del centro.
  • la seconda (rioni dal VII al IX), detta Piagge, si sviluppa sul versante meridionale del colle, più ripido: da tale conformazione deriva l'impianto urbanistico dall'area, con stretti vicoli in buona parte accessibili ai soli pedoni, e la sua funzione, di tipo quasi esclusivamente residenziale; il che ne fa una delle zone più caratteristiche del centro, apparendo quasi immutata dal medioevo.

L'abitato, in seguito allo sviluppo economico e sociale, si è esteso al di là delle mura lungo alcune direttrici predominanti: verso la vallata settentrionale (Bitta, Colleprata, XII Marie) e nella zona collinosa occidentale (Civette, San Francesco di Fuori). Inoltre, separatamente dal centro urbano, hanno assunto una significativa estensione le frazioni di Tecchiena, Chiappitto, Monte San Marino, La Fiura, Mole Bisleti.

Panorama Alatri.jpg

Rioni del centro[modifica | modifica sorgente]

Il centro storico, esclusa l'acropoli, si suddivide in nove rioni, risalenti al medioevo; un decimo rione, Civette, si è sviluppato grazie ad opere di edilizia residenziale pubblica nel secondo dopoguerra, su un colle ad ovest delle mura. Questo l'elenco dei rioni, come riportati nello Statuto del Comune di Alatri[30]:

  • Rione I: Scurano.
  • Rione II: Valle.
  • Rione III: Colle.
  • Rione IV: Fiorenza.
  • Rione V: Spidini.
  • Rione VI: Vineri.
  • Rione VII: Santa Lucia.
  • Rione VIII: Sant'Andrea.
  • Rione IX: San Simeone.
  • Rione X: Civette.

Ogni rione possiede un proprio stemma araldico.

Contrade[modifica | modifica sorgente]

Questo l'elenco delle contrade o frazioni in cui è suddiviso il territorio di Alatri, come individuate dallo Statuto Comunale[30]:

Chiappitto, Pacciano, Porpuro, Valle Santa Maria, Carvarola, Capranica, Fontana Vecchia, Maddalena, Piedimonte, Madonna delle Grazie, Melegranate, Montecapraro, Vignola, Valle Carchera (Valle Carcara), Montesantangelo, Montelarena, Pezza, Allegra, Basciano, Pignano, Castello, Collefreddo, Madonna del Pianto, Montelungo, Montereo, Monte San Marino, Pezzelle, Preturo, Sant'Antimo, San Valentino, Vallecupa, Vallefredda, Valle Pantano, Vallesacco, Valle San Matteo, Villa Magna, Cassiano, Castagneto, Fraschette, Seritico, Santa Caterina, Vicero, Aiello, Canarolo, Collelavena, Costa San Vincenzo, Maranillo, Cavariccio, Colletraiano, Imbratto, Piano, Santa Colomba, Scopigliette, Cucuruzzavolo, Le Grotte, Magione, Mole Santa Maria, San Pancrazio, Vallemiccina, Sant'Emidio, Canale, Prati Giuliani, Quarticciolo, Quarti di Tecchiena, Tecchiena, Campello, Mole Bisleti, Cuione, Fontana Santo Stefano, Fontana Sistiliana, Frittola, San Manno, Arillette, Collecuttrino, Colle del Papa, Laguccio, Montelena, Quercia d'Orlando, San Mattia, Carano, Fontana Scurano, Magliano, Cellerano, Fiume, Fiura, Fontana Santa, Riano, Abbadia, Case Paolone, Fontana Sambuco, Gaudo, Intignano, Colleprata.

Economia[modifica | modifica sorgente]

La vita economica della città di Alatri è abbastanza eterogenea senza dimostrare una vocazione univoca. Ampio spazio è dato nelle zone rurali alle coltivazioni di piccola e media estensione, con cereali e ortaggi nella pianura meridionale e oliveti e vigneti nella parte nord-orientale più collinosa: la produzione di olio d'oliva raggiunge alti livelli qualitativi, ed ha ottenuto importanti riconoscimenti. L'aree boschive sono poco sfruttate e utilizzate per la raccolta di castagne, funghi ed altri prodotti spontanei. Intensa è la pastorizia di ovini, anche se col passare degli anni ha sempre meno peso nell'economia alatrense.

Il settore industriale è sviluppato nella zona di Chiappitto ed in prossimità del Comune di Frosinone: qui sono presenti sia impianti di grandi multinazionali metalmeccaniche (Omron), che imprese locali di interesse nazionale (Solac, Mazzocchia), che piccole imprese di artigianato industriale dalle dimensioni più ridotte. L'artigianato in senso stretto occupa ormai solo una piccola percentuale della popolazione e propone piccole lavorazioni del legno e del cuoio. Risentendo favorevolmente della posizione strategica in cui è situata, molti lavoratori sono pendolari con le grandi città e con il Polo industriale di Frosinone-Ferentino oppure si dedicano all'attività di autotrasportatori.

Dopo gli anni della crisi economica italiana, il centro storico si sta valorizzando come "centro commerciale naturale" attirando all'interno delle mura visitatori e turisti che alla sera animano i bar ed i locali notturni. Il terziario è particolarmente sviluppato poiché Alatri si propone come erogatore di servizi privilegiato (scolastici, sanitari) per una vasta area della provincia.

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica sorgente]

Strade[modifica | modifica sorgente]

Il territorio di Alatri è attraversato da nord a sud dalla Strada statale 155 di Fiuggi, che collega la città con Fiuggi e Subiaco in direzione nord, e Frosinone in direzione sud, permettendo così di raggiungere il casello dell'Autostrada A1 del capoluogo.

Da marzo 2010 Alatri è servita anche dalla superstrada Ferentino-Sora, che attraversa la frazione di Tecchiena e collega la città da un lato al casello A1 di Ferentino (inaugurato a gennaio 2010) e alla vicina stazione ferroviaria, dall'altro alla Strada statale 690 Avezzano-Sora e quindi all'Abruzzo.

Per un breve tratto, ricade nel Comune anche la via Casilina, che attraversa l'estremo sud-occidentale del territorio (il Quarticciolo, in prossimità del confine con Frosinone).

Ferrovie[modifica | modifica sorgente]

La Stazione di Alatri

Dal 1917 al 1978, la Ferrovia Roma-Fiuggi-Alatri-Frosinone collegava Alatri con Roma, seguendo il tracciato della S.S. 155.

Mobilità urbana[modifica | modifica sorgente]

Il trasporto pubblico locale nell'ambito del territorio comunale è gestito dalla società Reali Tours; il servizio consta di 13 linee di autobus che collegano il centro urbano con l'ospedale San Benedetto e con le varie frazioni nel territorio. Un servizio navetta collega il centro con la zona dell'ex-stazione ferroviaria.

I collegamenti regionali, con il capoluogo e con gli altri centri della provincia sono gestiti dalla COTRAL.

Amministrazione[modifica | modifica sorgente]

Nel 1927, a seguito del riordino delle Circoscrizioni Provinciali stabilito dal regio decreto N°1 del 2 gennaio 1927, per volontà del governo fascista, quando venne istituita la provincia di Frosinone, Alatri passò dalla provincia di Roma a quella di Frosinone.

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Sindaci di Alatri.

Gemellaggi[modifica | modifica sorgente]

Alatri è gemellata con:[senza fonte]

Altre informazioni amministrative[modifica | modifica sorgente]

Sport[modifica | modifica sorgente]

Calcio[modifica | modifica sorgente]

  • A.S.D. Tecchiena: già Polisportiva, fondata nel 1964 partendo dalla terza categoria, da oltre 10 anni milita nel campionato di Promozione.[senza fonte]
  • Techna Calcio: già Real Tecchiena fino al 2010[31], disputa il campionato di Promozione.

Pallacanestro[modifica | modifica sorgente]

Ciclismo

Pallavolo[modifica | modifica sorgente]

Impianti sportivi[modifica | modifica sorgente]

Il nuovo stadio in costruzione
  • Stadio comunale di Chiappitto
  • Palazzetto dello sport di Chiappitto
  • Piscina comunale di Chiappitto
  • Palasport di Tecchiena
  • Campo polivalente del Girone
  • Campo Sportivo Comunale "Marco Saggio"
  • Stadio per il calcio e l'atletica leggera (in costruzione)

Galleria fotografica[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ ISTAT data warehouse
  2. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Ente per le Nuove Tecnologie, l'Energia e l'Ambiente, 1 marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012.
  3. ^ DiPI Online - Dizionario di Pronuncia Italiana. URL consultato il 1º aprile 2013.
  4. ^ La forma Alatrini, oggi sentita come desueta, è di origine tardo-latina («Vetustissima et fidelissima civitas Alatrina», motto dello stemma comunale). Nel latino classico troviamo Aletrinas, -atis (un esempio in Cicerone, Pro Cluentio: «municipio aletrinati»).
  5. ^ Comuni-italiani.it - Alatri: Clima e dati geografici. URL consultato il 09-09-2009.
  6. ^ a b c d e Servizio Geologico d'Italia - Carta Geologica d'Italia, foglio n° 151 (Alatri). URL consultato il 6 settembre 2009.
  7. ^ Tabella climatica. URL consultato il 15-09-2009.
  8. ^ a b Mario Ritarossi. Aletrium. Una visita al centro storico di Alatri. Tofani Editore, Alatri, 1999.
  9. ^ Comune di Alatri: informazioni storiche - Araldicacivica.it. URL consultato il 18 maggio 2011.
  10. ^ Alatri Città d'Arte - Storia. URL consultato il 18 maggio 2011.
  11. ^ a b c Recherches sur les Monuments Cyclopéens ou Pelasgiques, 1841.
  12. ^ Parrocchia San Paolo Apostolo - La storia URL consultato il 28-08-2009.
  13. ^ Filippo Coarelli, Guida archeologica del Lazio, Laterza.
  14. ^ Mario Ritarossi. Aletrium. Una visita al centro storico di Alatri. Tofani Editore, Alatri 1999.
  15. ^ Comune di Alatri - Palazzo Conti-Gentili URL consultato il 27 agosto 2009.
  16. ^ Ferdinand Gregorovius, I monti Ernici (1858) in Passeggiate per L'Italia - Volume I, Roma, Ulisse Carboni, 1906. URL consultato il 23 marzo 2011.
  17. ^ Provincia di Frosinone - Dispense Malanchini URL consultato il 31 agosto 2009.
  18. ^ I Seminario nazionale di studi sulle mura poligonali. Alatri, 2 ottobre 1988.
  19. ^ Statistiche I.Stat ISTAT  URL consultato in data 28-12-2012.
  20. ^ Statistiche demografiche ISTAT. URL consultato il 18 maggio 2011.
  21. ^ a b Merlo C., Fonologia del Dialetto di Sora. Romano N., L'area di interscambio fra i dialetti centrali e quelli meridionali in Ciociaria. ALI - Atlante Linguistico Italiano. Pellegrini G. B., Carta dei dialetti d'Italia
  22. ^ Gruppo Folk Aria di Casa Nostra – I Canti. URL consultato il 4 settembre 2011.
  23. ^ Gruppo Folk Aria di Casa Nostra - Si parla di noi. URL consultato l'11 agosto 2011.
  24. ^ Sistema Informativo Unificato per le Soprintendenze Archivistiche - Liceo classico Conti Gentili. Biblioteca. URL consultato il 16 settembre 2009.
  25. ^ Biblioteca Molella - CulturaItalia. URL consultato il 16 settembre 2009.
  26. ^ Biblioteca del Convento dei cappuccini - CulturaItalia. URL consultato il 16 settembre 2009.
  27. ^ Biblioteca del Seminario vescovile - CulturaItalia. URL consultato il 16 settembre 2009.
  28. ^ L'olio Quattrociocchi vince il Biol dal sito ufficiale del Premio Biol.
  29. ^ Ansa.it - Agroalimentare Lazio - Olio: Lazio sul podio Sol d'Oro insieme a Cile e Toscana
  30. ^ a b Statuto del Comune di Alatri
  31. ^ Techna Calcio: l'ex-Real Tecchiena sembra avere grandi ambizioni in Calciociociaro.com, 31 luglio 2010. URL consultato il 9 aprile 2011.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Ciociaria
Atlante · Geografia · Storia · Dialetto · Cinema· Gastronomia · Letteratura · Arte · Tradizioni popolari · Citazioni
Lazio Portale Lazio: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Lazio
Questa è una voce in vetrina. Clicca qui per maggiori informazioni
Wikimedaglia
Questa è una voce in vetrina, identificata come una delle migliori voci prodotte dalla comunità.
È stata riconosciuta come tale il giorno 21 febbraio 2007 — vai alla segnalazione.
Naturalmente sono ben accetti suggerimenti e modifiche che migliorino ulteriormente il lavoro svolto.

Segnalazioni  ·  Archivio  ·  Voci in vetrina in altre lingue   ·  Voci in vetrina in altre lingue senza equivalente su it.wiki