Calcio Como

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Calcio Como
Calcio Football pictogram.svg
Comostemma.png
Lariani
Segni distintivi
Uniformi di gara
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Casa
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Trasferta
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Terza divisa
Colori sociali 600px Azzurro con croce Bianca e scudo rosso crociato.png Azzurro
Dati societari
Città Como
Paese Italia Italia
Confederazione UEFA
Federazione Flag of Italy.svg FIGC
Campionato Lega Pro
Fondazione 1907
Rifondazione 2005
Presidente Italia Pietro Porro
Italia Gianluca Zambrotta (onorario)
Allenatore Italia Giovanni Colella
Stadio Giuseppe Sinigaglia
(13 602[1] posti)
Sito web www.calciocomo1907.it
Palmarès
Coccarda Coppa Italia.svg
Titoli nazionali 3 Campionati di Serie B
3 Campionati di Prima Divisione/Serie C/Serie C1
1 Campionato di Serie D
Trofei nazionali 1 Coppe Italia Serie C/Lega Pro
1 Coppe Italia Serie D
Soccerball current event.svg Stagione in corso
Si invita a seguire il modello di voce

Il Calcio Como è una società calcistica italiana con sede nella città di Como, in Lombardia, che milita in Lega Pro. La squadra viene fondata nel 1907 con il nome di Como Foot-Ball Club.

Nel 1911 si fonde con il Club studentesco Minerva mantenendo la denominazione di Como F.B.C. Nel 1926, a seguito della fusione con l'Esperia, prende il nome di Associazione Calcio Comense; poi, nel 1936, quello di Associazione Sportiva Como.

Nel 1938 si fonde con l'A.S. Ardita di Rebbio e assume la denominazione Sportiva Como, diventata poi a fine anno Associazione Calcio Como. Successivamente trasformata in società per azioni, la Calcio Como S.p.A. viene dichiarata fallita il 22 dicembre 2004. Ad essa subentra nel 2005 l'attuale Calcio Como S.r.l.

Promosso per la prima volta in Serie A nel 1949, il Como ha disputato 13 campionati nella massima divisione, raggiungendo il miglior piazzamento (6º posto) nella stagione del debutto[2] (1949-1950). La sua ultima partecipazione alla Serie A è stata nel 2002-2003. Le stagioni disputate in Serie B sono 33.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Dalla fondazione agli anni trenta[modifica | modifica wikitesto]

La nascita del calcio a Como, avvenne ufficialmente nel 1907 con la società del Como Foot-Ball Club, fondata da un comitato di soci riunito presso il bar Taroni, sito nella centrale via Cinque Giornate, prima sede della società lariana.

Nei primi anni successivi alla sua fondazione, il Como disputò incontri amichevoli e tornei a carattere locale, battendosi con squadre milanesi (U.S. Milanese, Libertas, Juventus Italia) e svizzere (Chiasso, Lugano, Bellinzona).

Una delle prime formazioni del Como nel 1910

Nel 1912, dopo la fusione con il Club studentesco "Minerva", partecipò agli spareggi per l'ammissione al campionato di Prima Categoria, ma il 20 ottobre, al primo turno, giocato a Torino, venne sconfitto per 3-1 dal Savona. Il Como fu perciò iscritto al girone lombardo di Promozione giocando il suo primo incontro il 17 novembre del 1912 sull'allora campo di via dei Mile vincendo per 5-0.

Il primo livello del campionato fu comunque raggiunto l'anno seguente: la squadra fu ammessa alla Prima Categoria e vi restò fino al 1922, quando, il 2 luglio, il Como perse per 2-1 contro il Piacenza il turno preliminare degli spareggi per partecipare alla nuova Prima Divisione, istituita in seguito al compromesso Colombo che riunificò i campionati.

In quegli anni, poi, durante la militanza in Prima Categoria, i lariani nel girone Lombardo-Piemontese giocarono contro squadre blasonate come: Juventus contro la quale i comaschi persero 0-9 in trasferta, Novara, Milan, Inter, U.S. Milanese, Racing Libertas Milano, Nazionale Lombardia di Milano, Ass. Milanese Calcio e Juventus Italia di Milano.

Dagli anni '20, il Como organizzò sul campo anche manifestazioni proprie come la Coppa Gorio, in memoria del suo "ex" capitano deceduto in guerra e molte altre manifestazioni. L'anno seguente, l'Esperia, altra squadra comasca fondata nel 1919 vinse i campionati inferiori, portandosi alla pari del Como e militando anch'essa in Prima Categoria come i biancoazzurri. In quell'annata l'Esperia oltre ad aversi guadagnato sul campo la partecipazione alle semifinali, otterrà anche l'accesso alla Serie superiore, soprattutto in virtù della vittoria del primo derby comasco in cui il Como era incluso nel Gruppo A della Prima Categoria insieme a Chiasso, Varese e Saronno.

Con l'Esperia in Prima Divisione 1922-1923 e il Como in Seconda Divisione nello stesso anno, vi saranno alterne vicende in cui al termine dei rispettivi campionati, l'esperienza dell'Esperia nella massima serie si spegnerà come una meteora retrocedendo in Seconda Divisione, mentre il Como, arriverà a metà classifica nel girone C della Seconda Divisione.

Nel campionato di Seconda Divisione 1923-1924 col ritorno dell'Esperia si tornò a giocare la stracittadina in cui però prevarranno gli azzurri sia nel girone d'andata che in quello di ritorno, mentre nella stagione successiva, il F.C. Como arrivò a sfiorare anche la promozione in Prima Divisione, proprio sul campo amico perdendo per 3-2 contro l'Udinese ove in quell'anno il Como giocò anche i primi derby con i comprovinciali della Canottieri Lecco, oggi Calcio Lecco.

Il 1927, successivamente, sarà l'anno in cui le due società del Como F.B.C. e dell'Esperia si fonderanno assumendo denominazione di Associazione Calcio Comense che vinse nello stesso anno la Coppa Volta, eliminando per 3-0 in semifinale l'Inter (che in questo torneo fece esordire il diciassettenne Giuseppe Meazza) e battendo per 1-0 in finale il Genoa di De Prà, De Vecchi e Levratto. Con la nuova denominazione societaria seguì anche un cambio nei colori sociali passando dalle tradizionali casacche bianco-azzurre dell'A.C. Como ed a quelle bianco-stellate dell'Esperia, il colore rosso che resterà in auge per un decennio.

Nella stagione 1927-1928, poi, venne inaugurato l'attuale impianto Giuseppe Sinigaglia con la disputa della Coppa "Alessandro Volta" vinta dalla selezione austriaca per 3 a 1 sulla selezione lombarda, inoltre, nei due anni successivi, l'A.C. Comense conquistò prima la Coppa Turati riservata alle formazioni lombarde, sconfiggendo il Brescia per 2-0 nella ripetizione della finale (il primo incontro si era chiuso 3-3 dopo i tempi supplementari) e poi, nel 1929 la squadra dopo non essere stata subito ammessa alla nuova Serie B, fu brillantemente promossa nella stagione di Prima Divisione 1930-1931 senza subire alcuna sconfitta grazie a Guido Ara prima e Weiser e Airodi poi in panchina.

Dagli anni trenta ai primi anni cinquanta[modifica | modifica wikitesto]

L'annata in Prima Divisione 1930-1931 resterà negli annali per l'Associazione Calcio Comense, in quanto con Lukas in panchina iniziò una marcia trionfale verso la promozione in Serie B in cui la squadra concluse imbattuta sia nella regular season che nella fase per gli spareggi-promozione in Serie B segnando 90 reti in 32 incontri ed incassandone solamente 24. L'anno successivo, alla prima esperienza in Serie B i comaschi conquistarono una tranquilla salvezza concludendo al nono posto con il giovane Romano capocannoniere lariano.

Negli anni successivi, tra i cadetti, i lariani rimasero quasi sempre tra le prime posizioni in classifica arrivando sesti nel 1932-33 e quarti nel 1933-34 giocandosi all'ultimo col Bari l'ammissione al girone finale per la promozione in Serie A.

La seconda metà degli anni trenta fu segnata da un paio di retrocessioni consecutive partita dalla retrocessione in Serie C al termine della stagione 1934-35 conclusasi con vari avvicendamenti in panchina da Baloncieri a Ceverini III fino ad arrivare in Prima Divisione Lombarda nel 1936.

Dalla stagione di Prima Divisione 1936-1937, ci furono numerosi cambiamenti a partire dalla società in cui dopo un'assemblea dei soci si è tornato all'antica denominazione di Calcio Como e all'azzurro come colore sociale, poi, dal campionato successivo iniziò una parziale ripresa che porterà i comaschi dopo tre anni di assenza in Serie C fino all'avvento della Seconda Guerra Mondiale.

Durante gli anni della Serie C, il Como vide il lancio di giovani giocatori destinati ad entrare nella storia come Antonio Cetti e Armando Varini oltre a Moresi e Panzieri, poi, nella stagione di Serie C 1942-1943 il lariani si giocarono la promozione in Serie B fino all'ultima giornata contro il Lecco che alla fine del campionato verrà ammesso alla Serie B pur restandoci per una stagione appena.

Nel 1945 il Como conquistò il suo trofeo più prestigioso, vincendo il Torneo Benefico Lombardo che, in mancanza di un campionato a livello nazionale, vedeva partecipare Milano, Ambrosiana-Inter e, con altre formazioni lombarde, anche il Novara.

Dopo la guerra, la squadra fu ammessa alla Serie B dove vi rimase per tre anni lottando quasi sempre per posizioni di vertice fino alla promozione in Serie A nel 1949 con Mario Varglien allenatore, e con Ercole Rabitti e Mario Stua trascinatori insieme al giovane esordiente Cardani.

La prima esperienza per il Como nella massima serie durò quattro anni dove nel suo primo anno di militanza in Serie A, è coronata dal sesto posto in ex-aequo col Torino in cui giocò facendo qualche sporadica apparizione il cecoslovacco Chawko, peraltro già attivo in Italia con la maglia del Palermo, ma soprattutto giocando con una squadra "tutta Italia". Nelle successive stagioni, suscitando simpatie in tutti i campi della penisola per la scelta di schierare solo giocatori italiani nella sua terza annata in Serie A, il Como si trovò anche per l'unica volta della sua storia ad essere capolista solitaria della Serie A quando il 23 settembre 1951, dopo la terza giornata del campionato 1951-1952, fu l'unica squadra rimasta a punteggio pieno, precedendo di una lunghezza Inter, Juventus, Milan e Napoli.[3]

Dai primi anni cinquanta agli anni settanta[modifica | modifica wikitesto]

Nella stagione di Serie A 1951-1952, nonostante una crisi profonda che ha attanagliato la squadra dopo la partenza lanciata che l'ha vista solitaria capolista alla terza giornata, il porto della salvezza è stato felicemente raggiunto grazie ai gol di Giuliano Giovetti e a Mario Bergamaschi, che vestirà anche l'azzurro della nazionale, poi, nel campionato successivo, vi sarà l'anno della retrocessione in Serie B dopo quattro anni dovuta principalmente alla partenza dello stesso Giovetti e uno scarso rendimento in trasferta totalizzando 3 pareggi in 17 gare.

Il Como tornato in Serie B nel 1953, vi rimase per un decennio, disputando una serie di sette campionati di vertice con l'allenatore argentino Hugo Lamanna che nella stagione 1955-1956 arrivò al terzo posto finale a pari merito col Monza dopo un inizio non esaltante, successivamente, con la sua avventura in panchina si diede inizio ad una politica di valorizzazione dei giovani come per esempio il giovane talento Luigi Meroni oltre a Bruno Ballarini e a Candido Beretta.

Una formazione del Como nella stagione 1962-1963

Dal 1960 in poi, dopo l'addio di Hugo Lamanna sulla panchina comasca dopo sette anni, la squadra cominciò a disputare campionati sofferti per un quadriennio con Giuseppe Baldini in panchina nel 1961 fino ad arrivare a Pedersen il tutto sempre insieme al direttore sportivo Guido Cappelli, inoltre, durante quel periodo la squadra partecipò alla Coppa dell'Amicizia nel 1960 e nel 1961 vincendo entrambe le competizioni dando un contributo decisivo al successo del 1961, strappando alla squadra transalpina del Sochaux tre punti su quattro.

La permanenza nella serie cadetta si interruppe in seguito al cosiddetto "caso Bessi" ove all'inizio del campionato 1962-1963 la società azzurra aveva schierato per cinque partite il difensore Paolo Bessi, appena acquistato dalla squadra del Tau Altopascio, senza sapere che il giocatore non aveva terminato di scontare una squalifica inflittagli dal Comitato Regionale Toscana della Lega Nazionale Dilettanti. Salvatosi sul campo, il Como fu così punito con cinque sconfitte a tavolino che lo condannarono alla retrocessione in Serie C.

Il primo anno di Serie C nel campionato 1963-1964, vide la squadra ringiovanita e totalmente rinnovata, con Ballarini e Invernizzi rimaste bandiere della società lariana che concluse al terzo posto davanti a Savona e Reggiana con Vinicio Viani in panchina, poi, nella stagione successiva con l'acquisto di Albino Cella vincitore della classifica cannonieri, la squadra comasca si giocò il primato fino alla ventitreesima giornata quando col pareggio casalingo contro il Novara, iniziò un crollo che fece concludere il Como al quinto posto.

Nella stagione 1965-66 con vari cambiamenti nella squadra, i comaschi non andarono oltre il terzo posto, poi, nel 1967 la squadra, allenata da Mario Trezzi, chiuse il torneo di Serie C nel girone A al primo posto, ma a pari punti con il Monza: si rese perciò necessario uno spareggio che fu disputato a Bergamo il 4 giugno e vide i biancorossi brianzoli prevalere per 1-0. L'anno seguente un Como in buona parte rinnovato, ma ancora guidato dallo storico capitano Bruno Ballarini oggi recordman di presenze in campionato con la maglia azzurra, conquistò nuovamente il primo posto solitario e la conseguente promozione in Serie B con Franco Viviani in panchina.

Il ritorno tra i cadetti è stato onorato dal Como con un brillante sesto posto e con un trascinante Vannini, prelevato dall'Entella, e che ha dato alla squadra il rilancio tra i professionisti con fior di risultati, invece, nel campionato successivo vi sono state parecchie sofferenze dovute alla partenza di Viviani e al fallimento di Roberto Lerici sostituito in panchina, poi, da Maino Neri che porterà come rinforzi Claudio Correnti e De Nardi di cui il primo sarà una colonna nonché capitano del Como anche negli anni seguenti, mentre De Nardi rimarrà carneade ove al termine di questa turbolenta annata i comaschi arrivarono tredicesimi.

Dagli anni settanta agli anni novanta[modifica | modifica wikitesto]

Una formazione del Como nella stagione 1975-1976

Dopo alcuni buoni campionati nella serie cadetta, dal 1970 in poi, i lariani stazionarono nelle posizioni di media classifica con Eugenio Bersellini in panchina insieme al giovane Vallongo superstar e una poco felice partecipazione al Torneo Anglo-italiano del 1973.

Dalla stagione di Serie B 1973-1974 con l'avvento di Giuseppe Marchioro in panchina, la squadra azzurra tornò tra le grandi della cadetteria grazie alle parate del portiere Antonio Rigamonti e il lancio del giovane terzino Vito Callioni, poi, nel 1975, sempre sotto la guida tecnica di Marchioro, giunse la seconda promozione in Serie A, dove però, nonostante gli sforzi di giocatori come Alessandro Scanziani e il portiere-rigorista Antonio Rigamonti, la squadra rimase solo per una stagione per poi retrocedere in Serie B dove in quei due anni di militanza in cadetteria nel primo anno dopo un buon inizio, la squadra andò alla deriva concludendo al sesto posto al termine della stagione, poi, nel campionato di Serie B 1977-1978 ci fu un'annata disgraziata che terminò con la retrocessione in Serie C1 segnata da vari cambi in panchina partendo da Rambone rimasto in sella fino alla tredicesima giornata e poi con Luis Suarez e Narciso Pezzotti subentrato alla venticinquesima giornata fino al termine del campionato.

Scivolati in Serie C1 nel 1978, i lariani, nuovamente allenati da Marchioro affiancato dal d.s. Lamberti, ottennero subito due promozioni consecutive con Adriano Lombardi protagonista principale e restarono in Serie A per due stagioni (1980-1982) grazie ad una squadra profondamente rinnovata e ad alcuni giocatori destinati ad una grande carriera, tra i quali Pietro Vierchowod. Il club azzurro ha partecipato alla Coppa Mitropa nel 1980-1981, non riuscendo a conquistare il trofeo solo per la differenza reti, e al Torneo di Capodanno del 1981 (unica edizione fino ad oggi), finendo eliminato al primo turno, ma ottenendo con Ezio Cavagnetto (2 gol) il primato ex aequo in classifica cannonieri. L'anno successivo in Serie A sarà segnato dalla retrocessione in Serie B con l'ultimo posto in classifica.

Una formazione del Como nella stagione 1981-1982

Nel campionato di Serie B 1982-1983, i lariani partiti con programmi non ambiziosi, e confezionando una serie di pareggi si trovarono al termine del campionato a disputare gli spareggi per il ritorno in Serie A contro Catania e Cremonese perdendoli e sfumando il sogno dell'immediato ritorno nella massima serie, poi, nel 1984 il Como, sempre allenato da Tarcisio Burgnich, tornò nuovamente nella massima serie, dove rimase per cinque campionati: fu questo il periodo di maggior successo del club, che il primo anno raggiunse una sofferta salvezza stabilendo il record, tuttora imbattuto, di sole due reti subite nelle partite in casa. Nel 1986 il Como sfiorò la finale di Coppa Italia, dopo aver eliminato la Juventus negli ottavi e il Verona campione d'Italia nei quarti. Nella doppia semifinale contro la Sampdoria, dopo aver ottenuto un 1-1 a Genova, al Sinigaglia gli azzurri stavano conducendo per 2-1 nel corso dei tempi supplementari, quando un oggetto lanciato dagli spalti ferì l'arbitro Giancarlo Redini: la partita fu sospesa e la vittoria venne poi assegnata per 2-0 ai blucerchiati. Le ottime giocate di Dan Corneliusson e di Stefano Borgonovo portarono nel 1986 la squadra al nono posto in campionato, ripetuto anche l'anno successivo, ma con molti meno gol segnati, con una formazione che aveva il suo punto di forza nella difesa diretta dal roccioso Pasquale Bruno e che si dimostrò una delle migliori del campionato.

Dagli anni novanta agli anni duemila[modifica | modifica wikitesto]

Le due retrocessioni consecutive che portarono la squadra in C1 nel 1990 (nonostante la società avesse allestito per il 1989-1990 una rosa che sembrava poter puntare alla promozione in A) furono la causa di un decennio anonimo per il Como, che si trovò a galleggiare per quasi tutti gli anni novanta in Serie C1, con l'eccezione del campionato di Serie B 1994-1995. Nel 1997, inoltre, conquistò la Coppa Italia di Serie C, battendo nella doppia finale la Nocerina (2-0 per i campani all'andata e 4-0 per i lombardi al ritorno).

Dopo alcuni tentativi andati a vuoto, nel 2001 la società, guidata dal presidente Enrico Preziosi, ottenne la sospirata promozione in Serie B, che venne funestata da un drammatico episodio accaduto negli spogliatoi al termine della gara Como-Modena (1-0) del 19 novembre 2000 tra il capitano lariano Massimiliano Ferrigno e il giocatore modenese Francesco Bertolotti. Ferrigno colpì con un pugno il giocatore del Modena che cadde malamente a terra, ferendosi alla testa.[4] Bertolotti restò a lungo in pericolo di vita e fu costretto al ritiro mentre Ferrigno venne squalificato per tre anni da qualsiasi campionato.[5]

L'anno successivo il Como, benché neopromosso, ottenne la promozione in Serie A (ancora insieme con il Modena) con 74 punti (record per il campionato a venti squadre). Gran merito del doppio salto è da attribuirsi all'allenatore Loris Dominissini che guidò la squadra nei due campionati vincenti, ma che non riuscì a ripetersi l'anno successivo. L'avventura in Serie A durò, infatti, una sola stagione, nonostante l'acquisto di numerosi giocatori di categoria e di esperienza e l'arrivo a stagione in corso al posto di Dominissini dell'esperto tecnico Eugenio Fascetti. La crisi continuò l'anno dopo in Serie B con la cessione del club da parte del presidente Preziosi e una nuova retrocessione in Serie C1, seguita da un'ulteriore retrocessione in Serie C2 dopo aver perso i play-out con il Novara (1-2 e 0-0).

Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
La maglia indossata per celebrare il centenario

Questa tripla retrocessione causò una profondissima crisi finanziaria, culminata il 22 dicembre 2004 con il fallimento,[6][7] che obbligò la nuova società, il Calcio Como, a iscriversi, anziché alla Serie C2, alla Serie D (girone B). Per la prima volta dal 1938, i lariani si ritrovavano fuori dai campionati professionistici. Nei primi due campionati disputati in Serie D la squadra raggiunse i play-off promozione senza però riuscire a conquistare la C2, nonostante presentasse un organico con vari elementi di categoria superiore. Nel 2006, infatti, la gara di semifinale dei play-off contro la Tritium a Trezzo sull'Adda fu sospesa per lancio di oggetti in campo da parte dei tifosi lariani e al Como venne assegnata la sconfitta per 3-0 a tavolino;[8] nel 2007, invece, il Como perse la finale dei play-off contro l'U.S.O. Calcio per 4-2 dopo i tempi supplementari. Il 2007 è stato anche l'anno del centenario, celebrato con una festa di tre giorni, una mostra e un libro.

Il torneo 2007-2008 vide il Como protagonista di un lungo duello con la Tritium, che alla fine del girone di andata vedeva favoriti i rivali di Trezzo sull'Adda, in vantaggio di sette punti. Ma nel girone di ritorno la Tritium perse tutto il margine accumulato e venne raggiunta e superata dai lariani, che venivano promossi alla serie superiore, tornando così fra i professionisti. Inoltre, il 16 aprile 2008, pareggiando 1-1 con la Colligiana e grazie al 2-0 ottenuto il 9 aprile a Como, il Como conquistò la Coppa Italia Serie D.

Nella stagione 2008-2009, giocata in Lega Pro Seconda Divisione, il Como ha disputato un campionato sempre nella parte alta della classifica, ma mai al vertice. Con un rendimento in crescendo nelle ultime partite, raggiungeva il terzo posto finale e il diritto di giocare i play-off. Affrontava prima il Rodengo Saiano nella doppia semifinale (1-1 esterno e 0-0 in casa) e si qualificava per il migliore piazzamento in classifica; sconfiggeva poi l'Alessandria nella doppia finale (vittoria interna per 2-1 ed esterna per 2-0) e conquistava la seconda promozione consecutiva, salendo così in Lega Pro Prima Divisione.

Nel 2009-2010 il Como è sempre rimasto nelle retrovie della classifica, anche se in costante miglioramento nel girone di ritorno, tanto che nelle ultime giornate superava le dirette rivali e usciva dalla zona play-out. La certezza matematica della salvezza arrivava all'ultima partita, con la vittoria per 2-0 nel derby del Lario, risultato che nello stesso tempo condannava il Lecco alla retrocessione nella serie inferiore.

Dagli anni duemiladieci ai giorni nostri[modifica | modifica wikitesto]

Il campionato 2010-2011 ha visto un Como nelle ultime posizioni di classifica fino al termine del girone di andata. Nel ritorno, invece, la squadra infilava una serie di undici risultati utili consecutivi che la portava a un passo della zona play-off. Dopo un calo nelle ultime giornate, il Como chiudeva il campionato a metà classifica.

Nel torneo 2011-2012, al contrario, dopo un girone d'andata in cui era sempre stato in zona play-off, il Como riusciva a raggiungere la salvezza soltanto all'ultima giornata. Anche il successivo campionato 2012-2013 vedeva il Como uscire dalla zona play-out, e salvarsi, solo nell'ultima partita.

Migliore il cammino della squadra lariana nel torneo 2013-2014, durante il quale si è sempre trovata nella zona medio-alta della classifica. Con una sola vittoria nelle ultime sette partite, però, riusciva a qualificarsi per i playoff nella penultima posizione disponibile e veniva eliminata al primo turno dal Südtirol dopo i calci di rigore.

Cronistoria[modifica | modifica wikitesto]

Cronistoria del Calcio Como
  • 1907 – Fondazione del Como Foot-Ball Club.[9]
  • 1907-1912 – Attività a carattere locale: partite con squadre milanesi e del Canton Ticino.
  • 1910 – Affiliazione ufficiale alla FIGC.



Ritiratosi dal primo turno di Coppa Italia.
Primo turno di Coppa Italia.
Primo turno di Coppa Italia.

Primo turno di Coppa Italia.

4º nel girone eliminatorio di Coppa Italia.
Secondo turno di Coppa Italia.
Ottavi di finale di Coppa Italia.

Ottavi di finale di Coppa Italia.
Primo turno di Coppa Italia.
Primo turno di Coppa Italia.
2º nel girone eliminatorio di Coppa Italia.
4º nel girone eliminatorio di Coppa Italia.
  • 1970 – Cambia la denominazione in Como Calcio S.p.a.[10][11]

4º nel girone eliminatorio di Coppa Italia.
3º nel girone eliminatorio del primo turno di Coppa Italia.
4º nel girone eliminatorio del primo turno di Coppa Italia.
3º nel girone eliminatorio del primo turno di Coppa Italia.
2º nel girone eliminatorio del primo turno di Coppa Italia.
2º nel girone eliminatorio del primo turno di Coppa Italia.
2º nel girone eliminatorio del primo turno di Coppa Italia.
5º nel girone eliminatorio del primo turno di Coppa Italia.
4º nel girone eliminatorio di Coppa Italia.

5º nel girone eliminatorio di Coppa Italia.
4º nel girone eliminatorio del Torneo di Capodanno.
3º in Coppa Mitropa.
4º nel girone eliminatorio di Coppa Italia.
5º nel girone eliminatorio di Coppa Italia.
3º nel girone eliminatorio di Coppa Italia.
4º nel girone eliminatorio di Coppa Italia.
Semifinalista di Coppa Italia.
3º per sorteggio avverso nel girone eliminatorio di Coppa Italia.
3º nel girone eliminatorio di Coppa Italia.
2º nel girone eliminatorio del secondo turno di Coppa Italia.
Secondo turno di Coppa Italia.

Primo turno di Coppa Italia.
Ottavi di finale di Coppa Italia.
Primo turno di Coppa Italia.
Finalista di Coppa Italia Serie C, sconfitto dal Palermo.
Primo turno di Coppa Italia.
Secondo turno di Coppa Italia.
Primo turno di Coppa Italia.
Primo turno di Coppa Italia.
Vincitore della Coppa Italia Serie C (1º titolo).
Primo turno di Coppa Italia.
Sedicesimi di finale di Coppa Italia Serie C.
2º nel girone eliminatorio di Coppa Italia Serie C.
3º nel girone eliminatorio di Coppa Italia.
Ottavi di finale di Coppa Italia Serie C.

4º nel girone eliminatorio di Coppa Italia Serie C.
Ottavi di finale di Coppa Italia.
Secondo turno di Coppa Italia.
4º nel girone eliminatorio di Coppa Italia.
4º nel girone eliminatorio di Coppa Italia.
Ottavi di finale di Coppa Italia Serie C.
  • 2004 – 22 dicembre: la società fallisce e viene fondato il Calcio Como, che viene iscritto alla Serie D.
  • 2005-2006 – 4º nel girone B di Serie D. Eliminato al primo turno di play-off dalla Tritium.
Secondo turno di Coppa Italia Serie D.
Primo turno di Coppa Italia Serie D.
Coccarda Coppa Italia.svg Vincitore della Coppa Italia Serie D (1º titolo).
Primo turno della fase ad eliminazione diretta di Coppa Italia Lega Pro.
Primo turno di Coppa Italia.
Secondo turno della fase ad eliminazione diretta di Coppa Italia Lega Pro.

Secondo turno di Coppa Italia.
Primo turno della fase ad eliminazione diretta di Coppa Italia Lega Pro.
Primo turno di Coppa Italia.
Primo turno della fase ad eliminazione diretta di Coppa Italia Lega Pro.
Secondo turno della fase ad eliminazione diretta di Coppa Italia Lega Pro.
Fase a gironi di Coppa Italia Lega Pro.
Terzo turno di Coppa Italia.
Partecipa alla Coppa Italia Lega Pro.

Colori e simboli[modifica | modifica wikitesto]

Il colore del Calcio Como è l'azzurro. Nel 1926, quando la società si fuse con l'Esperia nell'Associazione Calcio Comense, si scelse il colore rosso granata,[12] che apparve però solo sporadicamente sulle maglie. Né miglior fortuna ebbe il verde adottato nel 1938 in seguito alla fusione con l'A.S. Ardita.[13]

Il simbolo della società è una croce bianca in campo rosso, stemma della città di Como, sormontata da un'onda azzurra; reca in alto la scritta "Como" in azzurro e in basso la scritta "1907", anno di fondazione della squadra, sempre in azzurro.

Stadio[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Stadio Giuseppe Sinigaglia.

Il Como gioca le partite casalinghe nello stadio Giuseppe Sinigaglia di Como, inaugurato nel 1927.[1]

  • Capienza: 13 602 posti.[1]
    • Tribuna coperta: 2 560 posti.
    • Distinti in cemento: 2 992 posti.
    • Distinti parterre: 1 472 posti.
    • Curva Ovest (Como): 4 948 posti.
    • Curva Est (ospiti): 1 600 posti.
  • Dimensione del campo:[1]
    • Lunghezza: 105,40 metri.
    • Larghezza: 68 metri.

Il Como nella cultura di massa[modifica | modifica wikitesto]

La vicenda del romanzo La dogana del vento di Folco Quilici (2011) ruota intorno ad un immaginario portiere del Como negli anni settanta, in Serie A. Il giocatore, di nome Jorghii Vallodi, è figlio di un'italiana e di un militare cosacco.

Allenatori e presidenti[modifica | modifica wikitesto]

Comostemma.png
Gli allenatori del Como
Comostemma.png
I presidenti del Como
  • 1907-1912 Mario Bazzi
  • 1912-1922 Carlo Verga
  • 1922-1926 Eugenio Rosasco
  • 1926-1930 Enrico Brambilla
  • 1930-1933 Gianni Binda
  • 1933-1935 Bruno Pessina
  • 1935 Agrippino Porlezza (commissario straordinario)
  • 1935-1936 Vittorio De Benedetti
  • 1936-1937 Faliero Frigerio
  • 1937-1938 Renzo Ferrero
  • 1938-1941 Antonio Maspero
  • 1941-1943 Luigi Ripamonti
  • 1943-1944 Giannetto Bianchi
  • 1944-1946 Gigi Colombo
  • 1946-1948 Luigi Ballerini
  • 1948-1955 Carlo Songia
  • 1955-1962 Francesco Ambrosoli
  • 1962-1963 Comitato di Presidenza
  • 1963-1967 Ercole Erba
  • 1967-1971 Romildo Roncoroni
  • 1971-1980 Alfredo Tragni
  • 1980-1983 Mario Beretta
  • 1983-1993 Benito Gattei
  • 1993-1997 Mario Beretta
  • 1997-2003 Enrico Preziosi
  • 2003-2005 Aleardo Dall'Oglio
  • 2005 Alessandro De Blasi
  • 2005-2006 Giangerolamo Barzaghi
  • 2006-2008 Vincenzo Angiuoni e Gianluca Zambrotta (onorario)
  • 2008-2011 Antonio Di Bari e Gianluca Zambrotta (onorario)
  • 2011-2012 Amilcare Rivetti e Gianluca Zambrotta (onorario)
  • dal 2012 Pietro Porro e Gianluca Zambrotta (onorario)

Giocatori[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Categoria:Calciatori del Calcio Como.
Marco Tardelli, giocatore dei lariani nei primi anni settanta e poi allenatore a metà dei novanta.

Giocatori che hanno giocato nella loro Nazionale maggiore durante il periodo di militanza nel Como:[14]

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Trofei nazionali[modifica | modifica wikitesto]

1948-1949, 1979-1980, 2001-2002
Prima Divisione: 1930-1931
Serie C: 1967-1968
Serie C1: 1978-1979
2007-2008
1996-1997
2007-2008

Trofei minori[modifica | modifica wikitesto]

1944-1945

Trofei giovanili[modifica | modifica wikitesto]

1962-1963
1967-1968
1978-1979

Statistiche e record[modifica | modifica wikitesto]

Partecipazione ai campionati[modifica | modifica wikitesto]

Campionati nazionali[modifica | modifica wikitesto]

Livello Categoria Partecipazioni Debutto Ultima stagione Totale
Prima Categoria 1 1914-1915 14
Serie A 13 1949-1950 2002-2003
Seconda Divisione 4 1922-1923 1925-1926 40
Prima Divisione 3 1926-1927 1928-1929
Serie B 33 1931-1932 2003-2004
Prima Divisione 2 1929-1930 1930-1931 32
Mista B-C Alta Italia 1 1945-1946
Serie C 11 1935-1936 1967-1968
Serie C1 17 1978-1979 2013-2014
Lega Pro 1 2014-2015
Lega Pro Seconda Divisione 1 2008-2009 1
Serie D 3 2005-2006 2007-2008 3

Nelle 90 stagioni sportive sono escluse quelle disputate a livello regionale fra il 1912 e il 1914, fra il 1919 e il 1922 e fra il 1936 e il 1938. Tra le partecipazioni alla Serie C è incluso anche il campionato di Serie B-C Alta Italia 1945-1946, in cui il Como partecipò come squadra di Serie C.

Comitato Regionale Lombardo[modifica | modifica wikitesto]

  • 4 campionati di Prima Categoria
più un'edizione in cui fu guadagnato l'accesso al torneo nazionale
  • 1 campionato di Promozione
  • 2 campionati di Prima Divisione Regionale

Partecipazioni alle coppe[modifica | modifica wikitesto]

Record di squadra[modifica | modifica wikitesto]

Comostemma.png
Record assoluti
Comostemma.png
Record in Serie A

Record individuali[modifica | modifica wikitesto]

Comostemma.png
Presenze in campionato
Comostemma.png
Marcatori in campionato
Comostemma.png
Gol

Tifoseria[modifica | modifica wikitesto]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Gemellaggi e rivalità[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Derby calcistici in Lombardia.

I tifosi del Como sono gemellati con le tifoserie di:[17]

In passato sono intercorsi gemellaggi con:

Le rivalità principali sono quelle con:[17][20]

Organico 2014-2015[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Calcio Como 2014-2015.

Rosa[modifica | modifica wikitesto]

Rosa e ruoli, tratti dal sito ufficiale della società, sono aggiornati al 9 settembre 2014.[24]

N. Ruolo Giocatore
Italia P Diamante Crispino
Italia P Wladimiro Falcone
Italia D Cesare Ambrosini (vice capitano)
Italia D Nicolò Curti
Italia D Simone Fautario
Italia D Antonio Giosa
Italia D Fabio Lebran
Italia D Paolo Marchi
Italia D Gabriele Rolando
Italia D Marco Russu
Italia C Andrea Ardito (capitano)
Italia C Giacomo Casoli
N. Ruolo Giocatore
Italia C Alessandro Comentale
Italia C Nicolò Corticchia
Italia C Alessio Cristiani
Italia C Giovanni Cristofari
Italia C Giovanni Fietta
Italia C Alessandro Rinaldi
Italia A Claudio De Sousa
Italia A Edoardo Defendi
Italia A Simone Andrea Ganz
Italia A Giuseppe Le Noci
Italia A Luca Scapuzzi

Staff tecnico[modifica | modifica wikitesto]

Dati tratti dal sito internet ufficiale della società.[24]

Allenatore: Italia Giovanni Colella
Allenatore in seconda: Italia Moreno Greco
Preparatore atletico: Gambia Simon Barjie
Preparatore dei portieri: Italia Fabrizio Paese
Mental trainer: Italia Samuele Robbioni
Medico sociale: Italia Alberto Giughello
Fisioterapista: Italia Marco Mascheroni
Italia Felisiano Villani
Team manager: Italia Claudio Maspero

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d Stadio G. Sinigaglia, calciocomo1907.it. URL consultato il 5 maggio 2014.
  2. ^ La nostra storia: Como, 11 settembre 1949..., calciocomo1907.it, 11 settembre 2013. URL consultato il 5 maggio 2014 (archiviato dall'url originale il 13 settembre 2013).
  3. ^ (DE) Die Tabelle am 3. Spieltag der italienischen Serie A 1951/1952, fussballdaten.de. URL consultato il 27 settembre 2012.
  4. ^ Como, botte negli spogliatoi. Bertolotti operato per 3 ore, repubblica.it, 19 novembre 2000. URL consultato il 17 maggio 2008.
  5. ^ Tre anni a Ferrigno: «È meglio se mi ritiro». Bertolotti: «Giustizia è fatta, sono soddisfatto anche se la sentenza non mi restituirà al calcio», corriere.it, 28 gennaio 2001. URL consultato il 17 maggio 2008.
  6. ^ Calcio, fallimento del Como; arresti domiciliari per Preziosi, la Repubblica, 20 settembre 2005. URL consultato il 10 maggio 2013.
  7. ^ Camera di Conciliazione e Arbitrato per lo Sport - Lodo nel procedimento di Arbitrato (PDF), coni.it, p. 2. URL consultato il 10 maggio 2013.
  8. ^ Play off Serie D: Tritium-Como sospesa al 17' della ripresa, lariosport.it, 15 maggio 2006. URL consultato il 17 maggio 2008.
  9. ^ Enrico Levrini, p. 50: statuto del Como Foot-Ball Club.
  10. ^ Enrico Levrini, p. 351: foto di squadra con il nuovo stemma contenente le scritte "Como" in basso e "Calcio" in verticale a destra.
  11. ^ Annuario F.I.G.C. 1970-71, p. 25: Como Calcio S.p.a.
  12. ^ La storia: 1907 - 1929, calciocomo1907.it. URL consultato il 5 maggio 2014.
  13. ^ Enrico Levrini, pp. 625-626
  14. ^ (ENRUCS) Football Club: Como Calcio, Como, eu-football.info. URL consultato il 29 marzo 2013.
  15. ^ (PTEN) Seleção Brasileira (Brazilian National Team) 1985-1987, rsssfbrasil.com. URL consultato il 29 marzo 2013.
  16. ^ (EN) Uruguay - International Matches 2001-2005, rsssf.com. URL consultato il 29 marzo 2013.
  17. ^ a b Como, tifonet.it. URL consultato il 2 novembre 2013.
  18. ^ Cinque feriti dopo Como-Inter. Gli ultras varesini negli scontri, La Provincia di Varese, 26 luglio 2012. URL consultato il 2 novembre 2013.
  19. ^ Terminato nel 2013: comunicato ufficiale Curva Ovest Como 1907 dell'agosto 2013.
  20. ^ Stefano Pozzoni, Dove sono gli ultrà?, Dalai editore, 2005, p. 129, ISBN 9788860180834. URL consultato il 2 novembre 2013.
  21. ^ Gemellaggi e rivalità degli ultras italiani, tuttocurve.com. URL consultato il 18 agosto 2014.
  22. ^ Cremonese-Como 0-1, La Provincia, 12 ottobre 2013. URL consultato il 2 novembre 2013.
  23. ^ Cinque feriti dopo Como-Inter. Gli ultras varesini negli scontri, La Provincia di Varese, 26 luglio 2012. URL consultato il 2 novembre 2013.
  24. ^ a b 1a squadra, calciocomo1907.it. URL consultato il 5 maggio 2014.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Enrico Levrini, Como 1907-2007. Cent'anni in azzurro, Como, Editoriale Corriere di Como, 2007.
  • Gianfranco Usuelli (a cura di), 80º Calcio Como. 1907-1987, Milano, Edistudio, 1987.
  • Massimo Moscardi (a cura di), Il trionfo, Como, Editoriale-Corriere di Como, 2002.
  • Luigi Saverio Bertazzoni (a cura di), Annuario Italiano del Giuoco del Calcio, Modena, F.I.G.C., dal 1926-1927 al 1931-1932.
  • Rinaldo Barlassina (a cura di), L'agendina del Calcio. Assicurazioni Generali Venezia, Milano, stampato dalla Gazzetta dello Sport, dal 1933-1934 al 1941-1942.
  • Almanacco illustrato del calcio, Milano, Rizzoli Editore, dal 1939 al 1963.
  • Almanacco illustrato del calcio, Milano, Edizioni Carcano, dal 1964 al 1970.
  • Almanacco illustrato del calcio, Modena, Edizioni Panini, dal 1971 al 2012.
  • Annuario F.I.G.C., Roma, F.I.G.C., dal 1951-1952 al 1957-1958 e dal 1962 al 2003.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]