Massimiliano Ferrigno

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Massimiliano Ferrigno
Nazionalità Italia Italia
Altezza 177 cm
Peso 72 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Centrocampista
Ritirato 2005
Carriera
Squadre di club1
1992-1997 Como Como 81 (14)
1997 Brescello Brescello 9 (1)
1997-1998 Acireale Acireale 28 (3)
1998-2001 Como Como 64 (13)
2003-2004 Como Como 22 (0)
2004-2005 Perugia Perugia 16 (2)
1 Dati relativi al solo campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Massimiliano Ferrigno (Gela, 27 gennaio 1974) è un dirigente d'azienda ed ex calciatore italiano, di ruolo centrocampista.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Ferrigno ha iniziato a giocare nel Como nel 1992 in Serie C1. Nel 1994 ha conquistato coi lariani la promozione in Serie B retrocedendo nuovamente in Serie C1 l'anno seguente. È rimasto a Como fino al 1997, quando nel mercato di riparazione si è trasferito al Brescello e l'estate successiva all'Acireale, sempre in Serie C1.

Nel 1998 è tornato al Como, col quale ha disputato altre tre stagioni in Serie C1 e di cui è diventato capitano. Nella stagione 2000-2001 il Como è stato promosso in Serie B, ma Ferrigno non ha potuto festeggiare il successo, poiché il 19 novembre 2000, dopo un'espulsione rimediata al Sinigaglia contro il Modena (1-0 per i lariani il finale), ha aggredito negli spogliatoi il modenese Francesco Bertolotti, ex compagno ai tempi del Brescello, colpendolo con un pugno che lo ha fatto cadere a terra mandandolo in coma.[1] Il giocatore del Modena si è ripreso una settimana più tardi dopo un intervento di circa tre ore e Ferrigno è stato squalificato per tre anni, sino al 31 dicembre 2003, dalla disciplinare della Serie C[2] e in tribunale ha patteggiato una pena di 10 mesi di reclusione, con la sospensione condizionale, per lesioni gravissime.[3][4]

Passati i tre anni di squalifica Ferrigno è ritornato a giocare nel Como, che nel frattempo dopo una promozione in Serie A era nuovamente tornato in B, disputando 22 partite di campionato coi lombardi. La stagione seguente, dopo la retrocessione del Como in Serie C1, è passato al Perugia, e a gennaio ha rescisso il contratto con la società umbra ritirandosi dall'attività agonistica.[5]

In carriera ha totalizzato complessivamente 66 presenze e 4 reti in Serie B.

Nel 2011 fonda il gruppo HS Marketing che opera nel campo del marketing sportivo.[6]

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

Como: 1996-1997

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Como, botte negli spogliatoi. Bertolotti operato per 3 ore, la Repubblica, 19-11-2000. URL consultato l'11-08-2010.
  2. ^ Gaia Piccardi, Tre anni a Ferrigno: «È meglio se mi ritiro». Bertolotti: «Giustizia è fatta, sono soddisfatto anche se la sentenza non mi restituirà al calcio», Corriere della Sera, 28-01-2001. URL consultato l'11-08-2010.
  3. ^ Ferrigno patteggia, Rai Sport, 10-01-2002. URL consultato l'11-08-2010.
  4. ^ Caso Ferrigno, il Gup accoglie il patteggiamento, la Repubblica, 10-01-2002. URL consultato l'11-08-2010.
  5. ^ Roberto Perrone, Ferrigno, un addio a due sogni spezzati, Corriere della Sera, 27-01-2005. URL consultato l'11-08-2010.
  6. ^ HS Football: conosciamo meglio il nuovo sponsor tecnico dell'Unione Venezia, 16 luglio 2013. URL consultato il 4 novembre 2013.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]